ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Igienista e consulente legale specializzato in ambito giuridico-psichiatrico, ricercatore indipendente sul disagio umano con particolare attenzione a quello giovanile e sui danni da psicofarmaci (NOTA BENE: L'Igienismo è uno stile e filosofia di vita e NON una specializzazione in ambito medico), già maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 3 agosto 2020

SESSUALITA' DISTRUTTA DAGLI PSICOFARMARCI: E I MERDICUCOLI CONTINUANO A NEGARE

LETTERA

Buona sera signor Bisanti, 
Spero che riuscirà a leggere questa e-mail e a rispondermi al più presto
Ho letto il suo blog e parto col ringraziarla per il suo lavoro e per il suo schietto ottimismo con cui dona speranza alle persone che le chiedono aiuto tenendo però i piedi ben saldi a terra.
Vorrei raccontarle la mia storia e spero in un suo prezioso consiglio.
Mi presento, mi chiamo Andrea, ho 36 anni.
Per alcuni disagi in passato ho avuto la stupidissima e ignorante idea di rivolgermi allo psichiatra della mia zona il quale dopo 10 min di colloquio mi prescrisse il primo antidepressivo, da quel giorno sono passati quasi tre anni in cui mi prescrisse Seropram, Daparox, Zoloft e Fluoxerene tutti senza nessun beneficio (se non un senso di placida, surreale calma all'inizio che dopo poche settimane spariva e mi ritrovato con una forte nausea, insonnia, mal di testa e un senso di torpore genitale..allora le dosi venivano aumentate e cambiava il farmaco) assunsi questi farmaci per un totale di 3 anni circa.
Un giorni decisi di smettere ormai stremato, scalai totalmente l'ultimo farmaco nel giro di un anno circa e da gennaio 2020 sono ufficialmente pulito...
ORA!
ECCO IL PUNTO DELLA QUESTIONE!
Durante il periodo in cui  pian piano toglievo i farmaci pian piano il mio apparato sessuale si "addormentava" finché tolta l'ultima pastiglia si "addormentò" del tutto e così è rimasto finora!
In pratica è più di un anno che non ho un'erezione e non ho sensibilità genitale, inoltre non provo più desiderio per l'altro sesso.
Insomma sono diventato asessuale, non provo più nulla.
E anche le mie emozioni è come se avessero perso "brillantezza" diciamo.
Quindi cercai informazioni sul web e scoprii che le mie sintomatiche corrispondevano a una sindrome chiamata "SSPD".
Ho letto di molte persone che purtroppo ne soffrono e che hanno i miei stessi problemi e tutti dopo aver assunto antidepressivi 
A quanto pare questa sindrome è irreversibile...
Signor Bisanti io personalmente non mi aspetto che lei abbia la bacchetta magica e sinceramente non credo molto nel potere di un'alimentazione che "rimetta a posto" il mio cervello, però lei è l'unica persona sincera e disposta comunque ad aiutare nel limite delle sue possibilità..quindi perché non tentare? 
Ah già! Ho provato a chiedere aiuto a vari psichiatri e anche sul forum di "*****" ai loro "professionisti" e questi "inutili laureati" (per usare un eufemismo) NEGANO addirittura che esista questa sindrome, dicendomi cose del tipo "non è dimostrabile" o "sono più convinto che sia un fattore ansiogeno legato a stress di base psicologica".
TUTTE CAZZATE!
e si arrabbiano pure se li contraddici e non ti rispondono più o addirittura ti cancellano dal forum...ci crede?! Pazzesco!
Quindi signor Bisanti ripeto..so che lei non è Gesù che passa e guarisce e che sei fai stronzate come quella di assumere merda chimica per anni la natura non ha pietà..e che non ho trovato ancora nessuno che è guarito da questa SSPD..ma secondo lei..col tempo..si può guarire davvero?
Grazie e buona serata
PS: se volesse pubblicare questa mail sul blog ha il mio permesso.

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Lo sport preferito dei merdicucoli in camice bianco è quello di NEGARE ad oltranza gli effetti della merda chimica che spacciano con totale disinvoltura, spesso senza sapere (ma a volte perfettamente conosci) di quanto danneggino gli esseri umani.

Quando si assumono sostanze, come nel suo caso, che attraversano la barriera ematoencefalica, andando ad interagire con 100 miliardi di neuroni deputati a MIGLIAIA e MIGLIAIA di operazioni diverse, ecco che si gioca alla roulette russa. Può accadere di TUTTO.

Quello che è accaduto a lei è molto, molto più comune di quanto lei non possa pensare.

La sessualità è l'insieme di una serie di reazioni chimiche ben precise, che il cervello porta in atto allorquando si trovi in una condizione di perfetto equilibrio.

Tutti i sintomi che lei adesso prova sono "semplicemente" il risultato di una biochimica cerebrale completamente disequilibrata a causa della merda che ha assunto.

Ora, il nostro corpo non è una macchina statica ma un complesso funzionale in continua autoriparazione.

In assenza della merda assunta, il cervello può finalmente porre in essere tutte le azioni di ripristino per tornare a uno stato di piena efficienza.

Nessuno può dirle se le sostanze assunte possano o meno averle causato danni di natura permanente ma è d'OBBLIGO tentare il tutto per tutto per vedere se sia possibile recuperare al 100% o comunque tutto quello che è ancora possibile.

Lei è scettico riguardo all'alimentazione, mentre io gli do un valore inestimabile.

Le abitudini di vita sono alla base del recupero psicofisico del nostro corpo.

Senza se e senza ma.

Se lo vorrà, io ci sono.

Forza e coraggio
Pietro Bisanti
Consulente legale a tutela dell'utente psichiatrizzato

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.








giovedì 20 febbraio 2020

A FURIA DI CERCARE, I MERDICUCOLI QUALCOSA TROVANO SEMPRE

LETTERA


Caro e grande Pietro,
è da poco che ti ho scoperto e ti posso apprezzare (non ho molta familiarità con il pc).
Ho fatto una vita molto sregolata sul piano alimentare e da 5/6 anni provo a cambiare leggendo Vaccaro e Paladino. Non sono stato però  molto costante.  In seguito ad uno sbalzo di pressione e fatti gli accertamenti mi hanno trovato 2 noduli di 5 e 6 cm al rene destro, tolto il rene a malincuore il 19 settembre 2019. 

Contemporaneamente c'erano pure dei nodulini ai polmoni, in generale sto bene ho 72 anni portati bene, fisico prestante, faccio ginnastica amatoriale, ma come tu dici ho paura. 

La seconda tac dopo 6 mesi è  risultata come la prima, anzi lievemente ridotta. In questi sei mesi ho fatto uno stile di vita crudista ma non perfetto. Ora decideranno perché la tac non specifica la natura, se è  dipesa da una cosa vecchia, o infiammatoria, o se sequenziali del rene. Dopodiché  immagini la cura che faranno. Io non vorrei.
Mi farebbe piacere il tuo consiglio in merito e guardando i tuo video potrei immaginare ma detto da te è  un'altra cosa.
I casi a te presentati saranno tutti urgenti ma ti prego di rispondermi perché i tempi stringono e prima di decidere vorrei  il tuo parere. Dopo le tue parole questa volta cambierò veramente. Quello che stai facendo con i tuoi video è una cosa grandiosa, ti rispetto è  ti seguo. 

Con simpatia 

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

"Decideranno....Vedranno...Io non vorrei...".
Il corpo è TUO, la decisione è TUA, la vita è TUA.

La mia idea è e rimane la stessa: MAI SVEGLIARE IL CANE CHE DORME.

Il corpo ha sapientemente isolato qualcosa che DOVEVA e DEVE rimanere isolato, ed esame dopo esame non si andrà a fare altro se non a toccare ciò che non va toccato.

Alla ricerca di cosa? Dell'ennesima diagnosi farlocca per poter avere la solita giustificazione per riempire di veleni un essere umano.

E anche se fosse un tumore? La soluzione non è certo bombardarsi di veleni.

I sintomi non vanno mai toccati.

Io, nella tua medesima situazione, smetterei di fare analisi su analisi, me ne tornerei a casa, smetterei di avere paura ed adotterei uno stile di vita alimentare/emozionale IMPECCABILE, dando al corpo la possibilità di fare quello che sa fare meglio, e cioè AUTOGUARIRE.

Tutto il resto è, ahimè, aria FRITTA.

Avanti così
Pietro Eupremio Maria Bisanti
Consulente legale a tutela dell'utente psichiatrizzato

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.













domenica 29 settembre 2019

TONNELLATE E TONNELLATE DI PSICOFARMACI: IL SUO CANALE YOUTUBE MI HA SALVATO LA VITA


LETTERA

Buongiorno Signor Pietro Bisanti,

Circa 11 anni fa il medico di base mi ha detto che se non volevo rischiare un infarto o un ictus per la pressione troppo alta in particolare la minima sarebbe stato meglio prendere la pastiglia. (a 39 anni ). Non riuscivo ad accettare l’idea di dover prendere quella pastiglia, ma non volevo fare la fine di mia madre dopo due ictus.

Un paio di anni dopo ho cominciato a provare tanta ansia e tristezza quel senso fortissimo di peso allo stomaco che fa stare malissimo ti toglie la voglia di mangiare e  piangere senza riuscire a smettere, non ho avuto una vita facile sin da piccola.

Lo psichiatra dopo aver ascoltato il mio vissuto mi ha prescritto lo Xanax e ho iniziato la psicoterapia ogni settimana, per anni.

Nel corso di questi anni  ho provato tre volte a dismettere i farmaci (sotto controllo medico) ero certa che con la mia forza di volontà ci sarei riuscita ma dopo un po’ stavo di nuovo malissimo e tornavo a riprendere i farmaci (sempre diversi: Xanax, Temesta, Cipralex gocce, Remeron,  Saroten).

Circa quattro/cinque anni fa ho iniziato a non riuscire a dormire......E vai con le pastiglie per dormire.  Temesta,  Somnium e adesso Rivotril.   

Da quattro anni non ho più voluto continuare con la psicoterapia ero stufa di ripetere le stesse cose!

Una delle cose più debilitanti di questi dieci anni per me è stata ed è ancora una stanchezza smisurata anormale, di cui ho sempre chiesto conto al medico psichiatrico, come risposte le cose più assurde quando facevo notare che era scritto anche nel bugiardino hanno sempre sminuito, con la nuova terapia continuo a ribadire la stanchezza per me debilitante ma anche nei confronti della mia famiglia (sono sposata e ho tre ragazze tra i 18 e 13 anni) all’ultima visita circa un mese fa la dottoressa mi ha proposto di aumentare la Duloxetina di 30 mg....... ho pensato dentro di me col cavolo!!!  Ho detto no!  È veramente assurdo. Adesso finalmente tutto mi è chiaro, capisco il perché di tante cose grazie al suo canale YouTube che per me è stato ILLUMINANTE, in questo mese ho guardato tutti i suoi video anche quelli nella playlist. 

Mi hanno ridato la speranza che dopo la terza volta di dismissione avevo perso. (Anzi la speranza che mi avevano tolto.)

Adesso capisco che erano crisi di astinenza....certo nel tempo di un mese mi facevano dismettere il farmaco.....

Non fumo, non bevo alcolici o caffè ho sempre amato la frutta e la verdura sin da bambina mi facevo delle scorpacciate nella nostra campagna in Sicilia (le mie figlie mi prendono in giro scherzando mi dicono che mangio troppo sano).  Ho un debole per la pasta (integrale) 

Attualmente prendo:

Sevikar hct  per l’ipertensione da diversi anni.

Duloxsetina  mepha 1 da 60 mg  (da 3 mesi).

Rivotril  1 da 0,5 mg                       (da 3 mesi).

Da due settimane ho iniziato a dismettere il Rivotril togliendone 1/4 di pastiglia. Ho avuto 4 giorni di seguito mal di testa (di cui non soffro mai) ma io ho tirato dritta. Mi può consigliare lei come procedere al meglio? Grazie 

Ho anche iniziato a seguire i suoi consigli sul cibo in particolare sul mangiare tanta frutta ....da 64.400 kg adesso sono 60.800 kg 😊 e mi sento meglio.

La ringrazio per la sua attenzione e aspetto di ricevere il suo libro e il PDF già ordinato, non vedo l’ora di leggerlo.  Avanti così 

Lettera firmata

RISPOSTA


Buongiorno Anonima,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

La sua storia è simile a MIGLIAIA che ho avuto modo di ascoltare in questi anni.

Ci si tratta di merda > si prendono farmaci > si sta ancora peggio > si prendono altri farmaci > si peggiora ancora, e non si capisce più un cazzo.

Una continua soppressione della sintomatologia che causa una intossicazione mostruosa che gli spocchiosi dottoroni in camice bianco continuano a chiamare come "ricaduta", quando non sanno nemmeno come scalare uno psicofarmaco.

Ora, prenda in mano la sua vita, e cominci da qui http://pietrobisanti.blogspot.com/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html

L'unico cambiamento da quanto lì scritto è un'aggiunta di proteine animali ma solo quando starà finalmente BENE.

Io ci sono
Pietro Eupremio Maria Bisanti
Consulente legale a tutela dell'utente psichiatrizzato

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.












mercoledì 18 settembre 2019

COUMADIN, DENTI DEL GIUDIZIO E RESPONSABILITA' DIRETTA DELLA PROPRIA SALUTE

LETTERA

Buonasera,
Volevo chiedere cosa ne pensa del Coumadin che purtroppo in seguito ad operazioni chirurgiche obbligano a prendere e non e' facile da gestire perche' bisogna fare dei prelievi del sangue x avere un programma di dosaggio giornaliero, rifare il prelievo ogni settimana o ogni 2 -3 settimane per poi avere la terapia per settimane successive e cosi via, chissa' x quanti anni  o magari x tutta la vita. 

A volte viene sostituito da altro farmaco simile sempre per non coagulare il sangue, sommandosi alla Cardioaspirina ed altri farmaci per la pressione, colesterolo ecc. Vai a spiegare ad un anziano di regolare la dieta e modificare mentalita' quando c'e' gia' inizio di demenza. Come fai a prenderti la responsabilita' di non prendere quei farmaci ? Perche' se poi succede una altra trombosi, un infarto o altro ti accusano di non aver seguito la terapia...se poi riguarda un tuo genitore (io della mia vita posso decidere ma x i ns cari?).

Altro argomento sono i denti del giudizio che ormai tolgono gia' in giovinezza e ti dicono di toglierli quando ancora sani o non dolenti, ma questi denti se crescono ci sara' un motivo!...ti fanno venire i sensi di colpa perche' se aspetti poi si cariano si rompono ed e' peggio poi lavorarci su, perche' non li  riparano in quanto non servono alla masticazione.

Sono pienamente d'accordo con Lei per gli argomenti di vita, di salute e di alimentazione che ho potuto seguire su youtube (non tutti perche' l'ho appena scoperto), io sono pero' un po' titubante sul fatto di mangiare prevalentemente frutta (la quantita' che lei cita e' elevata). Puo' magari fare un esempio di sua giornata tipo?

Grazie per l'attenzione
Saluti

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonima,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Parliamoci CHIARO, siamo al 99 per cento responsabili del nostro attuale stato di salute psicofisica.

Siamo NOI, attraverso il nostro stile di vita, a plasmare il nostro corpo e la nostra mente, e la medicina allopatica (e i relativi farmaci) dovrebbero avere una loro funzione solo in modalità emergenziale.

Questo comprende il NON porre in essere attività ludiche che possano portare ad un infortunio: nessun animale in natura rischia di farsi male per il gusto di buttarsi col paracadute, tanto per fare un esempio.

Quando, purtroppo, si arriva ad una certa età completamente "rincoglioniti" da uno stile di vita obbrobrioso, e si perde conseguentemente la lucidità, si diventa PREDA di un sistema medico malato e perverso, che non ha altra risposta se non FARMACI, farmaci e farmaci...

E si è chiusi anche da una morsa giuridica, che punisce senza pietà chiunque indirizzi chi è sotto la propria responsabilità verso "terapie alternative".

Quindi, come dico sempre, si salva il salvabile, e si sceglie, volta per volta, il meno peggio.

Ognuno deve RESPONSABILIZZARE se stesso e prendere, per SE STESSO, le decisioni che ritiene più opportune; quando questo non è possibile, non ha senso andare in galera senza risolvere nulla. Si fa quel che si può.

Denti del giudizio: certo che la Natura li ha fatti per un motivo, e se si rovinano è sempre colpa delle nostre obbrobriose abitudini di vita. Il dentista gli animali NON lo hanno.

Argomento alimentazione: c'è molto da dire, a breve sarà pronto un libro meraviglioso a riguardo, ove troverà, spiegata per bene, tutta la mia idea a riguardo.

Avanti così

Pietro Eupremio Maria Bisanti
Consulente legale a tutela dell'utente psichiatrizzato

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.












TUTTO COMINCIO' DALLA PAROXETINA....

LETTERA

Sig. Bisanti o Pietro, come preferisce.

Non so se riuscirà a leggere questa mia mail, ci provo. Sono finito nell'oblio del tunnel psichiatrico nel 2005 quando avevo 33 anni.
La mia ragazza di allora, una psicologa con cui avevo un rapporto tossico, mi aveva fatto prendere la Paroxetina datale da un amico psichiatra.

Stavo attraversando un periodo depressivo, in buona parte legato a quella relazione, e da coglione ho preso queste pillole che non sapevo neanche cosa fossero.

Ne presi in tutto per sei giorni e a peggiorare il tutto, vedendo che i miei sintomi peggioravano, anziché collegarli alle pillole mi misi a bere.

A una settimana dall'assunzione mi ritrovai come uno zombie. Smisi le pillole e troncai la relazione ma a distanza di un mese non mi ero ripreso e dovevo per di più andare a lavorare (maledetto lavoro).

Così andai da uno psichiatra che mi diede il Lexotan. Dopo un mese mi sentivo completamente ripreso (certo non per il Lexotan ma perché il tempo mi aveva guarito) così chiesi allo psichiatra di togliermi la benzodiazepine ma lui mi lasciò 10 gocce la sera "così siamo più tranquilli e le togliamo quando vogliamo" queste furono le sue parole, maledetto.

Dopo sei mesi, finito di lavorare, cercai di togliere queste gocce ma non ci riuscii e stetti malissimo.

Conseguenza: un'altra benzodiazepina, l'En e uno psicofarmaco la Mirtazapina, che mi fece aumentare enormemente di peso.

Spaventato da quello che era successo non toccai più i farmaci. Delle due medicine l'unica che riesco a scalare e togliere è la Mirtazapina.

L'En quando l'ho sospeso mi sono venuti dei brutti acufeni che per essere calmati ho dovuto riprenderlo in dosi maggiori insieme ad una medicina data dall'otorino (ho poi scoperto che gli acufeni sono un sintomo tipico da sospensione di benzodiazepine).

Ti seguo da quando sei su YouTube e mi considero un caso tipico di persona finita nel gioco perverso degli psicofarmaci.

Ora sto cercando di togliere almeno la mirtazapina. Per l'En sarà molto più dura.

Continua così

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Quello che hai descritto è ESATTAMENTE quello che accade a tonnellate di persone ogni giorno: si comincia un'assunzione psicofarmacologica, spacciata per qualcosa di "leggerino", ignari di stare assumendo delle sostanze psicotrope potentissime e devastanti, e si finisce a doversi imbottire per poter contrastare gli effetti a catena di tale merda, con tutti gli effetti fisici e mentali da te ben descritti, senza contare che la Paroxetina è IN ASSOLUTO l'antidepressivo più devastante da scalare. E' "potente", ben studiato per dare quel finto senso di benessere, che si pagherà poi a caro prezzo.

Ora, senza perdersi in tante parole, esiste solo UNA guarigione, che si chiama AUTOGUARIGIONE.

Solo il tuo sistema immunitario sa ESATTAMENTE quanto danneggiata sia la tua biochimica cerebrale e come risistemarla.

Scalaggio LENTISSIMO di un farmaco alla volta, con LENTO ma RADICALE cambiamento dello stile di vita in chiave igienista: sole, aria pulita, esercizio fisico moderato, acqua pulita, alimentazione compatibile e fuori dai coglioni chiunque venga nella nostra vita per romperci le palle.

Questo, assieme al tempo e alla PERSEVERANZA porteranno i risultati sperati.

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti
Consulente legale a tutela dell'utente psichiatrizzato

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.