ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE COMPILA IL MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

ORDINA IL LIBRO "ASSASSINI IN PILLOLE: LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE

Nome

Email *

Messaggio *

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

domenica 30 aprile 2017

"IL RIACUTIZZARSI DELLA MALATTIA": SMONTIAMO L'ENNESIMA BALLA DEGLI PSICHIATRI CON QUESTA TESTIMONIANZA SULLA FAMIGERATA CLOZAPINA

COMMENTO ALL'ARTICOLO DEL BLOG DI PIETRO BISANTI "SONO ASSUEFATTO A QUESTA MERDA DI CLOZAPINA": SI', MA LA COLPA È SOLTANTO TUA"

Salve, volevo rispondere al commento. Sono un ragazzo che va per i trenta, prendo clozapina dal 2012, anche io ho provato a scalare da solo il farmaco e per due giorni non avendolo preso ho avuto come hanno detto i dottori una riacutizzazione della malattia, da allora prendo il doppio del dosaggio, 300 mg e in aggiunta la quietapina, la mia vita è peggiorata, molto limitata, andare a dormire presto, dormire per forza 8 ore se no mi vengono attacchi di panico e irrealtà causati dall'aumento del dosaggio di clozapina secondo me, comunque ci tengo a precisare che un minimo di impegno ce lo sto mettendo (non fumo più, non bevo più e per quanto riguarda l'alimentazione ci sto provando), vorrei riuscire a togliere gli zuccheri raffinati e semplici perché so che facendolo in quanto ne sono dipendente, un giorno riuscirò a scalare quei maledetti mg 25 che mi limitano moltissimo, non ho intenzione di sospendere il trattamento perché i dottori hanno detto che alla terza sono KO.



RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Può una malattia inesistente riacutizzarsi?

Certo che può, solo quando riempiamo la testa della gente di cazzate, e chiamiamo "malattia" tutta una serie di sintomi.

E somministriamo delle potentissime sostanze psicotrope per spegnerli, senza aver minimamente scandagliato alla base le possibili cause organiche/fisiche/psicologiche/spirituali alla base della loro insorgenza.

E quando il malcapitato di turno, sotto queste sostanze, sta peggio di prima e cerca di eliminarle, e ne consegue una scontata (certo non per gli psichiatri) crisi di astinenza, ecco che immediatamente questi scienziati "corrono ai ripari", mica tornando alla vecchia "terapia", ma raddoppiandola e per non farci mancare proprio niente, aggiungiamo un altro antipsicotico.

C'è veramente da chiedersi se il "pazzo" sia il "poveraccio" che ha scritto questo commento o chi lo sta "curando", sordo alle richieste di chi continua a dire di stare sempre peggio.

Se tutto questo accadesse con la cocaina, l'eroina o qualunque altra droga illegale, nessuno si meraviglierebbe delle crisi di astinenza né si SOGNEREBBE di reintrodurre una sostanza stupefacente, raddoppiandola, e aggiungendone un'altra...

Cari psichiatri, potete avere tutte le lauree che volete, ma la logica è e rimane la prima scienza.

Ci sarebbe da riderci sopra se non fosse che centinaia di milioni di esseri umani come noi, nel mondo, continuano a vivere vite di merde a causa di chi non ha capito una benemerita mazza di cosa sia il corpo umano e come funzioni.

Il popolo è bue, ma il risveglio è partito. Di questo dovete starne certi.

Siamo tanti, sempre di più, e useremo ogni metodo consentito dalla Legge per non tornare al Medioevo.

È in atto una deriva pericolosissima: chiunque la pensi diversamente, è additato quasi come un eretico o un untore di manzoniana memoria.

Ricordate che senza libertà, e libertà significa essere LIBERI di assumere o non assumere un farmaco, non siamo nulla.

Non giratevi dall'altra parte, i prossimi potreste essere voi, basta avere un attacco di panico in strada e incontrare il dottore sbagliato...

Ieri ho avuto notizia che una persona che conosco, di 80 ANNI, si è recata dal proprio medico di base per un "po' di ansia" e ne è uscita con una ricetta per l'antidepressivo più difficile da dismettere esistente in commercio: la Paroxetina.

Siamo alla follia, una follia purtroppo legalizzata.

Avanti così
Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.










sabato 29 aprile 2017

PRIMA LO PSICHIATRA VI CASTRA CON IL SEROXAT, POI L'ANDROLOGO VI PROPINA IL CIALIS. MA VOI CREDETE ANCORA A QUESTA GENTE?

COMMENTO ALL'ARTICOLO DEL BLOG "ANTIDEPRESSIVI E TOTALE IMPOTENZA E ANORGASMIA: DISFUNZIONE SESSUALE POST SSRI"

Purtroppo anche io sto combattendo con questo problema. Dal 2005 assumo mezza compressa di seroxat a pranzo e ho praticamente mancanza di libido, disfunzione erettile che non mi permette di avere un rapporto. Il mo andrologo mi ha consigliato di poter compensare con il cialis once day da prendere tutti i giorni, ma la spesa è tanta a livello economico.

F.to Anonimo



RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Le disfunzioni sessuali a seguito di assunzione di psicofarmaci (e soprattutto di antidepressivi SSRI-SNRI) non possono continuare a essere definite "effetti collaterali": sono la NORMA.

In pratica...

Una persona ha un problema depressivo e va dallo psichiatra; lo psichiatra, al posto di scandagliare le cause organiche/fisiche/psicologiche/spirituali alla base del disturbo, lo soffoca con un intruglio chimico che causa, tra tutti i disastri, anche quello di distruggere la vita sessuale del malcapitato di turno...

Un grande aiuto per uscire dalla depressione, non trovate?

Poi, per trovare sollievo, la persona si rivolge a un andrologo, perché continua ad avere fiducia in "chi ha studiato"; l'andrologo, al posto di ammettere con onestà che andrebbe eliminato l'antidepressivo e ricercate le VERE cause della depressione per sradicarle alla base, ecco che propina un altro sintomatico, che servirà, se va bene, a permettere al malcapitato di turno di avere qualche scadente, robotico ed artificiale rapporto sessuale a tempo, distruggendogli nel frattempo il sistema cardiocircolatorio.

Tutto questo, per non dire alla gente: SMETTETE DI MANGIARE MERDA, SMETTETE DI FUMARE, ALZATEVI E CAMMINATE, PRENDETE IL SOLE E SMETTETE DI SUBIRE SITUAZIONI CHE NON VOLETE.

Ah, dimenticavo, la "formula magica" di Pietro Bisanti è gratuita...

Avanti così
Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.




venerdì 28 aprile 2017

CONVEGNO A IMOLA SULLA MODERNA PSICHIATRIA: PIETRO BISANTI E LO PSICHIATRA MARIANO LOIACONO A CONFRONTO


ESEMPIO EMBLEMATICO DI UN RAGAZZO DISTRUTTO DA INDIVIDUI "INFIMI, SUBDOLI, SACCENTI E PERICOLOSI": GLI PSICHIATRI

LETTERA

Sono un ragazzo sardo e nel 2000 è iniziato il mio calvario. Ho subito un devastante trattamento a base di neurolettici che mi ha letteralmente compromesso la salute: nausea, vomiti, bava alla bocca, rigidità muscolare, senso totale di appiattimento delle emozioni e sensazioni. 

I medici dopo che palesemente hanno constatato il mio stato mi hanno sospeso la cura x darmi antidepressivi, antipsicotici, e benzodiazepine ma il mio stato fisico e mentale non è per niente migliorato e si sono aggiunti tutti gli effetti dei farmaci fra i quali un drastico calo della libido, fotofobia, ipotermia, stipsi, aggressività e paranoia, rush cutanei e un perenne stato di depressione che aumentava simultaneamente dalla somministrazione dell'antidepressivo, come allo stesso modo aumentavano le psicosi in concomitanza con l'uso della quietapina. Dopo svariati anni di pura sofferenza ho deciso di reagire e di documentarmi. 

Ho incominciato a eseguire ricerche che mi hanno portato a dismettere i veleni: muovermi, allenarmi, fare l'amore, avere una discussione, appassionarmi di qualsiasi evento della vita prima erano solo utopie.. Ero diventato un automa perennemente offuscato dai veleni che avevano la falsa pretesa di curarmi ma che in realtà mi stavano annullando.

Premetto che sono nato sanissimo e con un sistema cerebrale perfettamente funzionante, per via di una crisi familiare e dell'avvento di problemi miei personali sono stato risucchiato nelle grinfie di una psichiatria spietata e inumana. Sono sempre stato un bel ragazzo forte e in forma ma durante la terapia mi sentivo costantemente affaticato e privo di forze, lobotomizato da devastanti farmaci che annullavano ogni emozione e reazione umana. 

Premetto che raccontarvi questi eventi fa sanguinare delle ferite ancora aperte, ma lo faccio con estrema gioia perché sono convinto che può essere un valido aiuto per tutti coloro che hanno passato o vivono l'inferno che ho dovuto patire.. Ricordo gli psichiatri infimi, subdoli, saccenti, pericolosi proprio come i farmaci che somministrano alle loro cavie. 

Uno psichiatria un giorno mi disse che gli trasmettevo molta ansia (affermazione veramente infelice da dire a un inerme e spaventato paziente). Forse il dottore trascurava il fatto che la mia ansia era dovuta proprio alla sua presenza dato che anni prima ho subito un violento t.s.o. e di conseguenza ogni volta che ho a che fare con un medico provo assoluto terrore. 

Continuate a nascondervi dietro le vostre lauree e dietro la saccienza dei vostri altisonanti termini medici. Chiedetevi il perché ora sono rinato senza le droghe da voi prescritte. Smettetela di coccolarvi dietro i vostri lindi camici bianchi sporcati di dolore e incominciate a scendere fra i comuni mortali e ascoltate sul serio i vostri pazienti invece di annullarli a suon di droghe. 

VIVA LA VITA 

Firmato "Un ragazzo sardo"



RISPOSTA

Carissimo "Ragazzo Sardo",

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Grazie anche per avere condiviso la sua storia, che rispecchia al 100% la reale situazione psichiatrica italiana.

Non sono qui per generalizzare, ho conosciuto (pochi) psichiatri che tentavano in buona fede di fare qualcosa per fronteggiare comunque un enorme deterioramento della salute mentale, dovuto all'uso di droghe, di cibi scadenti e incompatibili, di alcol, di sigarette e di uno stile di vita assolutamente contronatura; non posso però negare che la maggior parte di quelli che ho avuto modo di incontrare pensano di avere la verità assoluta, non possono essere contraddetti, utilizzano farmaci potentissimi come caramelle, non mostrano un briciolo di umanità e/o empatia e non si rendono conto di avere davanti un essere umano e non un involucro ove buttare dentro senza criterio sostanze chimiche devastanti.

La strada è ancora lunga, mai è stata così forte la lotta fra imposizione e autodeterminazione sanitaria in tutti i campi; segno, questo, che la gente si sta svegliando e ne ha piene le palle di farsi dire come "curarsi".

Ognuno di noi DEVE essere libero; libero di morire se lo vuole e se questa è una scelta consapevole e fondata su inequivocabili situazioni oggettive, libero di non assumere farmaci, libero di cercare alternative, libero di non cercarle, libero anche di imbottirsi di psicofarmaci se questa è considerata la strada giusta...insomma LIBERO.

Avanti così

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.








SEMPRE PIU' PERSONE COMINCIANO A CHIAMARE GLI PSICOFARMACI CON IL LORO VERO NOME: DROGHE

LETTERA

Concordo su ciò che sta scritto e desidererei leggere l'articolo sulla dipendenza di ste droghe come gli antipsicotici che ne fa uso una mia parente grazie al sistema manipolato dell'asl di zona. Voglio avere delucidazioni e come avere il libro.

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonima,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Il solo pensare che una pillola formata da un composto totalmente chimico creato in laboratorio possa "guarire" i mali dell'animo umano "infilandosi" perfettamente in un cervello con trilioni e trilioni di cellule cerebrali il cui comportamento è ancora quasi totalmente sconosciuto è già di per se stesso UTOPICO.

A questo punto, che differenza c'è tra uno psicofarmaco e uno droga illegale da strada, se alla fine in entrambi i casi vi è una mera soppressione del sintomo e non uno sradicamento delle motivazioni psicologiche/organiche/fisiche/spirituali alla base del malessere in corso?

14 anni di studi, sei anni di blog e migliaia e migliaia di storie e di contatti hanno all'attivo ZERO guarigioni con psicofarmaci e tantissime invece eliminandoli e dando la possibilità al corpo di autoguarirsi attraverso il cambio radicale dello stile di vita, soprattutto alimentare.

Torniamo padroni della nostra salute. Ognuno legga, valuti e SCELGA.

Avanti così

Pietro Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.