ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Igienista e consulente legale specializzato in ambito giuridico-psichiatrico, ricercatore indipendente sul disagio umano con particolare attenzione a quello giovanile e sui danni da psicofarmaci (NOTA BENE: L'Igienismo è uno stile e filosofia di vita e NON una specializzazione in ambito medico), già maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 19 marzo 2019

LO RIPETERO' FINO ALLA NAUSEA: SCALARE I FARMACI NON BASTA!

LETTERA

Salve mi chiamo ****, abito a ***** e adesso le racconto un po' la mia storia e vedo se lei mi può dare qualche consiglio utile. 

Sono seguito dal lontano 2001 dal servizio salute mentale. Ho usato tutti i tipi di droghe nella mia vita e ho smesso circa 5 anni fa. Sono una persona nuova ma non completamente perché faccio il depot di Risperdal 25mg ogni 14 giorni. Nonostante i miei innumerevoli tentativi di manifestare il mio benessere al dottore del centro che mi segue e all'infermiera correlata non sono ancora riuscito a convincerli del tutto ad abbassarmi la terapia cioè passare alla compressa giornaliera, però ne stiamo parlando e il dottore dice che presto me la abbasserà.

Signor Pietro vorrei saperne di più su come sganciarsi perché appena me la passeranno oralmente incomincerò a farmi seguire da un'altra psichiatra privata e vorrei provare a lasciare il centro salute mentale. Mi potrebbe dire come mi devo comportare. Mi potrebbe descrivere bene come fare la lettera di abbandono. Mi potrebbe anche dire come mi devo comportare se non mi mollano. Devo andare anche dall'avvocato?

Grazie per il tempo a me dedicato.

Cordiali saluti


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Sarò schietto e sincero con lei, come da mio solito.

Lei NON è una persona nuova. Sicuramente è una persona "migliorata", in quanto non distrugge più il suo corpo con tutta la merda che ha assunto in questi anni, ma vi è ancora un ostacolo ENORME, e cioè il depot che lei sta facendo, e che sta "sottovalutando".

Sì, sottovalutando, perché lei è convinto che smettendo di assumere droghe (e mi gioco le palle che lei fuma ancora sigarette) e scalando il farmaco, magicamente lei tornerà in salute.

Mi dispiace dirlo ma NON è così.

Se non si attua, parallelamente allo scalaggio, uno stile di vita IMPECCABILE, anche e soprattutto dal punto di vista alimentare, NON si va da nessuna parte.

Perché le crisi da dismissione arrivano, e arrivano ECCOME, e se non vi è un corpo pronto a gestirle lei farà la fine che fa un sacco di gente, e cioè tornerà a prendere il doppio dei farmaci di prima, con la pernacchia dei medici che le diranno che lei è MALATO ed ha avuto una RICADUTA.

Sganciarsi dal CSM è più facile di quel che si pensa, e sono pronto a fornirle assistenza legale, ma vi devono essere i PRESUPPOSTI per una guarigione a lungo termine, altrimenti è solo una grande perdita di tempo.

Legga IMMEDIATAMENTE il libro che ho scritto e quanto trova a questo link http://pietrobisanti.blogspot.com/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.











giovedì 14 marzo 2019

ECCOVI SERVITA LA VOSTRA "FINTA GIOIA" DA ANTIDEPRESSIVO: TESTIMONIANZA DA INCORNICIARE

LETTERA

Buongiorno Pietro,

mi chiamo Sara e volevo chiederti un consiglio e riportare la mia esperienza. Anni fa mi è stato prescritto un antidepressivo, lo Zoloft. Ero molto restia ad assumere psicofarmaci. Eppure, in un certo senso, prima ero chiusa  nel mio mondo, il farmaco mi ha "estrovertito", svegliato, come direbbero molti. 

Ho incominciato a parlare con tutti. Per un certo periodo credevo che la risposta fosse nei farmaci e ne chiedevo sempre di più ai medici. Eppure, nonostante ciò, a lungo andare...sentivo di non essere io...come viene citato nel film Prozac Nation "Adesso sono diventata la ragazza che dice le cose giuste, che fa le cose giuste, ma non sono io". Ero diventata "efficiente", estroversa, e ciò ai medici bastava per dire che stavo meglio.

Poi una cosa: in teoria quando sei guarito, gli antidepressivi dovresti poterli smettere, invece nella stragrande maggioranza dei casi lo psichiatra ti dice che la depressione è una malattia cronica e che dovrai prenderli a vita. Una bella stangata per il tuo fegato e i reni.

Ho conosciuto psichiatri terribili come capò, duri, freddi, insensibili, che testualmente mi dicevano "non si permetta di leggere il bugiardino, quello è lì solo per motivi legali". Sono letteralmente scappata  da simili individui..

Ora sto facendo una cura omeopatica. E' ovvio che i farmaci non li posso sospendere di colpo. Ma, con l'aiuto del medico ho cominciato a scalarli. Non ho avuto reazioni particolarmente negative. Sono un po' di insonnia. Eppure è come se mi fossi riappropriata di  pezzi di me stessa che prima erano rimasti sopiti.  La sensibilità, il senso dell'unione con la natura, scorgere la bellezza in un quadro, in una canzone, in tante cose. I farmaci questo non potranno mai dartelo.

Nonostante non abbia avuto nessuna reazione "strana", non abbia fatto del male a nessuno, i miei familiari vorrebbero che tornassi dallo psichiatra, il quale, ovviamente, mi imbottirebbe di più e più farmaci. Antidepressivi, stabilizzatori dell'umore e antipsicotici.

Bella, sedata e rincoglionita e soli trent'anni. Mi chiedo perché la mia famiglia mi vuole così. Perché sarebbe più comodo non vedere le mie crisi emotive?

Non tornerei mai indietro. Al momento mi sento un po' "mentalmente sballottata". So che tu non sei un medico, ma volevo sapere se mi potevi dare qualche dritta,.

Ribadisco che non è mia intenzione sospendere tutti i farmaci di colpo, ma gradualmente, con un vero medico, laureato in medicina.

Non cambierei la profondità dei sentimenti che avverto ora con nulla al mondo. Neanche con una apparente carica, felicità fasulla che sì, ti rende produttivo, simpatico ed efficiente per questa società, ma non ti dà la possibilità di vedere e sentire oltre.

ps: per essere informata ho cercato su Internet i sintomi di sospensione da Zoloft...ma sono come dire...oscurati...Tu che cosa pensi?

Con tanta stima
Sara


RISPOSTA

Buongiorno Sara,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Come posso anzitutto non ringraziarti per questa STRATOSFERICA testimonianza?

Incornicia SARTORIALMENTE quello che dico da anni, e cioè, che "anche quando va bene", la felicità data dagli antidepressivi è IRREALE, FINTA, DI PLASTICA: questa è la VERA motivazione per cui le persone, sotto tali molecole demoniache, si suicidano soprattutto IMPICCANDOSI.

Perché l'incoscienza ha preso chimicamente il sopravvento.

Ora, pur non conoscendo appieno il tuo trascorso, la mia idea è GRANITICAMENTE la stessa:

1) scalaggio lento e costante del 10% al mese, un farmaco alla volta;

2) osservazione TOTALE dei principi dell'Igienismo, a cominciare dall'alimentazione, che è di VITALE importanza per permettere al corpo di riacquistare la salute perduta e di rimettersi in stato di equilibrio.

Qui non conta chi ti scalerà i farmaci (gli stessi "laureati in Medicina" che ti hanno ridotto così?) ma come sarà fatto e quanta importanza darai al cambiamento dello stile di vita.

Ti consiglio la lettura IMMEDIATA del mio libro e di questo link http://pietrobisanti.blogspot.com/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.










martedì 5 marzo 2019

PROSTATA COME UN PALLONE: UOMINI, DIVENTERETE TUTTI UNA MANICA DI IMPOTENTI

LETTERA

Gentile Pietro,

le scrivo questa mail perché ho bisogno di ricevere un suo consiglio.

Ho 34 anni e a gennaio scorso mi è stata riscontrata una infezione alla prostata con relativo ingrossamento della stessa.
Durante la minzione, l'urina esce lentamente all'inizio (troppo lentamente, quasi a gocce) per poi avere un getto "quasi normale" ma non come prima.
Non sento alcun dolore e non mi alzo la notte per andare in bagno ma comunque la differenza rispetto qualche tempo fa è netta e la cosa comincia a preoccuparmi.

Al momento non ho un partner, quindi la mia vita sessuale non è costante/quotidiana ma negli ultimi mesi ho notato che la mia erezione non è vigorosa come qualche tempo fa. Ho comunque il rapporto normalmente ma sento meno la mia "potenza" sessuale.
Anche questo credo possa essere un effetto della prostata ingrossata.

Il medico mi ha prescritto i soliti antibiotici. 
Ho fatto una cura di due settimane e, durante la cura, ho visto dei miglioramenti ma ora che ho chiuso il ciclo sembra tutto come prima, se non peggio.

Volevo sapere se poteva esprimere la sua idea riguardo ciò e, magari, avere qualche consiglio soprattutto sull'alimentazione.

La ringrazio per il suo tempo.

Un saluto

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Ora vado ad esprimere una serie enorme di BANALITA' ma che in una società così profondamente addormentata sono vere e proprie PILLOLE DI SAGGEZZA.

1) Il corpo non va mai contro se stesso
2) Il corpo è una entità autoreferenziale ed autoguarente, allorquando gliene venga data la possibilità
3) Ogni sintomo ha una sua spiegazione

Detto questo, di che cosa ci si potrebbe meravigliare nel suo caso specifico?

Lei è in buona, anzi buonissima compagnia, con milioni di italiani ormai sessualmente castrati a causa, in primis, delle loro abominevoli abitudini di vita e, in secundis, dalle "meravigliose" terapie mediche portate avanti solo cercando INUTILMENTE di contrastare la sintomatologia in atto SENZA sradicarne le cause.

Io, invece, vado dritto al cuore del problema.

Il suo pisello funziona male perché la sua prostata è gonfia come un pallone; la sua prostata è gonfia come un pallone perché lei tratta il suo corpo come una LATRINA e non come una RELIQUIA.

Quindi, BOMBARDARE la NATURALE proliferazione batterica con gli antibiotici è come inondare la casa di insetticida perché le mosche arrivano sulla merda lasciata sul tappeto.

Qui bisogna tirare via la MERDA e non continuare a "spruzzarci" sopra.

Il punto di arrivo è e rimane un'alimentazione ad altissimi livelli di frutta e bassissimi livelli di grasso, in perfetto stile "vegancrudista".

Dirle "mangi questo, non mangi questo" è una CRETINATA galattica.

Se lei è pronto a mettersi in discussione, io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.









venerdì 15 febbraio 2019

"UN CONSIGLIO DA UN GUERRIERO CAZZUTO COME TE": VARICOCELE E SAFENA CHE NON SI SISTEMANO NONOSTANTE ALIMENTAZIONE VEGANA (DI MERDA)

LETTERA

Ciao Pietro. 
Volevo intanto ringraziarti di cuore per ciò che fai per la salute delle persone, per l'ambiente e soprattutto per i nostri fratelli animali. 
Mi chiamo Simone, 33 anni di Roma. 

Nel 2011 divento vegetariano all'istante dopo aver visto video allucinanti sui mattatoi, un anno dopo arrivo al veganismo. 

Non ti nascondo che avendolo fatto esclusivamente per etica fino a circa un annetto fa la mia alimentazione era sì vegana senza sgarri di derivazione animale, ma per il resto... Che te lo dico a fare! 

Pasta e pizza soprattutto, burger di soia a più non posso, gelati di soia o riso, legumi etc etc. 
Non ti nascondo che da onnivoro prendevo antistaminici da marzo a giugno per allergia a graminacee, parietarie etc.

Diventando vegetariano ma soprattutto vegano i sintomi negli anni si sono attenuati, infatti sono diversi anni che non prendo antistaminici, né farmaci di alcun altro tipo. 

Sono astemio, non fumo, non bevo caffè e da oltre un anno ho tolto di mezzo anche l'orzo che mi concedevo comunque spontaneamente. 
In passato ho fumato sigarette e preso per un paio d anni psicofarmaci, poi da solo, ne sono uscito. 
Per dirti insomma che da anni piano piano ho tolto cose fino a trovarmi ora a mangiare molto crudo. 

Colazione spremuta
Metà mattina altra frutta
Pranzo insalatona, carote pomodori finocchi  etc mele e qualche noce
Merenda frutta
Cena insalatona e un piatto cotto di secondo (verdure cotte per lo più). 
Pasta solo senza glutine non più di una volta ogni 2 settimane
Riso integrale o quinoa una volta ogni 2 settimane.
Zero pane, una pizza ahimè al mese (col glutine). 
Questo è tutto. 

Il problema che purtroppo al momento ancora non riesco a risolvere è un varicocele che ho da anni, e una safena ingrossata da 7/8 anni. 

Ho letto tanti libri illuminati tra i quali Erhet, Shelton, Valdo Vaccaro etc etc. 
A volte faccio piccoli digiuni idrici o secchi (3 giorni al max). 

Tutto ciò per dirti e chiederti cosa si può fare? Si sgonfiano veramente come letto da varie testimonianze? Gli assassini in camice bianco tagliano e cuciono e ciò non mi stupisce. La gente malata porta soldi non i sani. 

Come ti dicevo questa vera sferzata è arrivata da un annetto scarso... Forse anche un po' meno... Risultati non ne vedo ancora anche se immagino, dopo 25 anni da onnivoro e altri da vegano con glutine e legumi a go go, non ci sia da stupirsi. 
Se sto in piedi la gamba da fastidio. 

Non intendo andare dai medici, né prendere medicine x i motivi che sappiamo ormai tutti (un cieco non può e non deve andare con altri ciechi).

Lette tante tesine del grande Valdo Vaccaro. Non ti nascondo mi sento un po' solo, sapendo che nn esistono centri di Igienismo dove magari farsi seguire per bene. Tutto qua. Spero potrai rispondermi. 

Ti ringrazio comunque già solo se leggerai questo poema. Ti stimo e ti ammiro. 
Non mollare mai per noi tutti e per i nostri fratelli animali. 

Simone da Roma


RISPOSTA

Buongiorno Simone,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

"Fino a quando la strada percorsa sarà quella sbagliata, i risultati VERI e DURATURI non arriveranno MAI".

Mettiti in testa per bene questo concetto: in Natura, gli animali NON sgarrano MAI: si alimentano e vivono SEMPRE in accordo alla loro specie se nessuno gli rompe i coglioni portandoli, magari, in uno zoo con un clima completamente diverso da quello in cui dovrebbero vivere.

La tua alimentazione è stata oscena e finalmente ti sei svegliato...ma ancora non troppo.

I VERI risultati arrivano quando si abbraccia un crudismo fatto PER BENE, ad altissimi livelli di frutta e BASSISSIMI livelli di grasso.

Questa è a mio avviso l'alimentazione umana. Se poi in Natura riusciremmo ad infilarci in bocca qualche cavalletta, lucertola, larva succosa...bhé sei libero di fare anche questo.

Ma in Natura non toccheremmo neanche con un bastone i cibi in assoluto più distruttivi per l'essere umano: cereali, legumi, semi e OLI di ogni tipo.

Qui devi assolutamente migliorare, perché un cucchiaio di olio in ogni tua "insalatona" è sufficiente a rendere vano ogni tuo tentativo di rinascita: se non ci credi, prova a metterti dell'olio sulle dita e a sciacquarlo via con SOLA acqua senza sapone...Non ci riesci...

STESSA COSA avviene nel tuo torrente sanguigno, che è l'autostrada ove si muovono tutte le sostanze nutritive, riparatorie, ormonali: un intasamento TOTALE.

Rifletti.

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti

PS: Nessuno AFFERMA che l'alimentazione sia TUTTO. Ma da qui si DEVE partire, per poi analizzare tutto il tuo modo di vivere, perché la salute DEVE essere la NORMA.

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.









mercoledì 13 febbraio 2019

COSI' AVETE ROVINATO UN VENTENNE: ZERO SESSO, ZERO RABBIA, ZERO TUTTO

LETTERA

Ciao Pietro,
sono un ragazzo ventenne che ha sofferto sin dalla pubertà di depressione, disturbo del sonno e paranoia. La mia vita era già difficile prima di assumere psicofarmaci, ora è un inferno senza speranza. Sono stato praticamente costretto ad assumere antidepressivi, antipsicotici e benzodiazepine.

Inutile dire che non hanno risolto nulla e, anzi, hanno permanentemente aggravato la situazione. Assunsi diversi SSRI, che mi fecero subito ingrassare e avere disfunzioni sessuali (problemi che MAI avevo avuto in vita mia, avevo un peso assolutamente nella norma e una sessualità eccellente, perché anche se ero ancora vergine, il desiderio era fortissimo). 

Già il fatto che ci sian questi problemi, è molto grave. Gli psichiatri non capiscono che nessuno vorrebbe e dovrebbe vivere senza sesso per tutta la vita, e che se una persona depressa ingrassa, rischia seriamente di stare molto male. Il mio fisico non mi era mai piaciuto, essendo depresso, ed era molto meglio di quello che è adesso. 

Non mi feci nessuna domanda sulla pericolosità degli psicofarmaci e mi rendo conto di aver commesso un errore colossale. Li presi senza fiatare, ritenendo che non ci fosse nessun pericolo. Quando scoprii i pericoli dell'antipsicotico, qualcosa come tre anni dopo (chi va a pensare che siano così pericolosi?), seppi anche a cosa servisse e che l'avevo preso alla massima dose. 

Non ho mai avuto allucinazioni visive, mai sentito voci e mai avuto deliri gravi. Solo una fobia del giudizio altrui, una paranoia che con lo psicofarmaco non era stata minimamente intaccata e un ritiro sociale. Le benzodiazepine non funzionarono minimamente, ma fortunatamente le tolsi dopo poco tempo.

Adesso ho tremendi effetti collaterali, e ne basterebbe uno per distruggere una vita. Ho sviluppato la PSSD, non riesco più a provare emozioni positive ma quelle negative sono restate. Non riesco a piangere e a provare empatia per le persone, ho capito l'importanza della rabbia, che adesso è quasi scomparsa, se in giuste dosi. 

Senza, non puoi ribellati alle ingiustizie. Una persona mi insultò e io non reagii per nulla, non sentendone la necessità. La mia sessualità è stata distrutta per sempre, non avrò mai una ragazza e una famiglia. Non provo più interesse in film, videogiochi e musica, i primi due li ho completamente abbandonati mentre l'ultima la ascolto ancora, senza trarne la minima emozione.

Il neurolettico mi ha fatto venire un mal di testa che mi impedisce di vivere quando mi colpisce, e spesso lo fa in situazioni di stress, mi fece vomitare almeno una volta al giorno per diversi mesi con il risultato che persi più di 10 chili di massa muscolare, mentre quella grassa non è stata minimamente intaccata. 

Il mio metabolismo è completamente distrutto, ed è solo questione di tempo prima che diventi una persona gravemente obesa e col diabete, visto che glicemia, trigliceridi e colesterolo sono aumentati, ma siccome sono sotto la norma, i medici non credono sia un problema. 

Non pensano che tra 10 anni il risultato sarà sicuramente peggiore. Probabilmente ho sviluppato insulino-resistenza, ed è per quello che la glicemia è più alta. Una volta scalato il veleno antipsicotico, ho cominciato a soffrire di un'insonnia peggiore di quella che avevo prima (me ne sono accorto benissimo), che assieme alla perdita di muscoli, mi ha reso debolissimo e anche solo alzarsi dal letto è durissima. 

Spesso devono letteralmente tirarmi giù dal letto i miei genitori, perché anche se sono sveglio, non ho la forza di alzarmi. Ho anche dei sintomi di una sorta di acatisia (ammetto di non essere sicuro che sia quella), in quanto quando sono a letto, di notte o di giorno, devo continuamente muovere qualche parte del corpo, sennò sto male. Al momento durante il giorno non succede, ma potrebbe benissimo peggiorare.

Sono sicuro di avere un danno cerebrale, dato che ho difficoltà che prima non avevo, ho iniziato un corso di inglese ma l'ho dovuto abbandonare perché non imparavo nulla. Magari ti può sembrare che scriva bene, ma è solo per il correttore automatico e perché controllo molte volte il testo per migliorarlo. Faccio diversi errori di battitura, dovuti ad un cervello che pensa ad una lettera ma me ne fa digitare un'altra. 

Ho insultato il medico che mi ha fatto tutto ciò (riesco a farlo solamente scrivendo una mail, di persona non ho la minima volontà di farlo) e lui pensò che fosse un delirio e disse ai miei familiari di farmi riprendere il veleno.

Questi criminali mi hanno rovinato la vita per sempre, e io sono destinato ad una tortura di chissà quanti anni. Non ho mai assunto nessuna droga pesante (qualche bicchiere raro di birra) ma la salute mi è stata distrutta con quelle pilloline magiche.

E se hai letto bene quello che ti ho scritto, non ho nemmeno la rabbia che mi porti la determinazione per avere giustizia. È andato tutto come peggio non poteva! Inoltre, gli altri psichiatri privati da cui sono andato, hanno negato che io avessi danni permanenti da psicofarmaci, senza aver minimamente la possibilità di rilevarli (che ne sanno se ho mal di testa, se la mia insonnia è peggiorata, se non sento più alcune emozioni?), e quasi tutti non sono rilevabili. 

Forse con una tac potrei dimostrare i danni cerebrali, ma in realtà spesso non si vedono nemmeno in chi assume cocaina, quindi non mi faccio illusioni. Per me un processo sarebbe una grande sofferenza, quasi sicuramente non lo reggerei per lo stress e sicuramente non da solo. 

Ma ripeto, non ho nemmeno la volontà di farlo perché non provo rabbia. Mi hanno distrutto completamente e per giunta mi hanno tolto la voglia di rivincita. Però la tac potrei farla sul serio, non si sa mai. Se avessi dei danni cerebrali oggettivi, avrei buone chance di vincere la causa, sempre che si possa fare, considerando che gli psichiatri mi dipingeranno come uno psicotico in pieno delirio? Teoricamente un dato di fatto così non dovrebbe essere contestabile. 

Non condivido tutto quello che sostieni, ma sugli psicofarmaci hai pienamente ragione. Ti consiglio di ampliare i video su YouTube, riusciresti a raggiungere più gente. 

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Devo ammetterlo: ho per te un ENORME rispetto.

Sì, un enorme rispetto per la tua ENORME consapevolezza alla tua giovane età.

Un ENORME rispetto per tutta la merda che hai dovuto ingoiare e per cui sei ancora in piedi.

Solo UNA cosa non hai contemplato, e cioè che PUOI e DEVI tornare come e MEGLIO di prima.

Ed è assolutamente possibile.

Mettiti nelle mani del tuo medico migliore e personale, cioè il tuo sistema immunitario.

Muoviti a cambiare stile di vita, alimentazione in primis, e vedrai che i miracoli accadono veramente.

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.