ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 18 settembre 2017

"TI RINGRAZIO MOLTO PER IL FANTASTICO LAVORO DI INFORMAZIONE CHE STAI FACENDO": DEPAKIN DISMESSO E ORA TUTTO ALLA GRANDE CON UN'ALIMENTAZIONE PERFETTA

LETTERA

Pietro buongiorno,

mi chiamo Matteo e ti seguo tramite il blog ormai da un bel po' di tempo. Ti ringrazio molto per il fantastico lavoro di informazione che stai facendo.
E' ormai da parecchio tempo invece che ho conosciuto il nostro comune amico Valdo Vaccaro e che quindi ho cominciato ad applicare i principi igienisti alla mia vita.

Prima di questa data ho avuto qualche piccolo problemuccio con la medicina. Una reazione immunitaria agli antibiotici ha fatto credere ai medici che avessi l'epilessia e quindi all'età di 13 anni e per i successivi 8 sono stato riempito di Depakin. Dismesso a 21, sono passati 2 anni in cui il mio sistema immunitario si è risollevato (malgrado alimentazione allora onnivora) e ha generato una seconda crisi eliminatoria, chiaramente mal interpretata dai medici, e da lì altro depakin. 

La fortuna ha voluto che questo continuo affidarsi a farmaci abbia invece generato in me la voglia di riprendere in mano la mia salute e responsabilizzarmi per ciò che mi riguarda e quindi, contro il parere di medici e familiari, ho sospeso la cura. 

Da questo punto di vista ringrazio quanto mi è successo perché se sono a questo punto ora lo devo principalmente a ciò. Ho perdonato i miei genitori per ciò che, in buona fede, hanno commesso a suo tempo quando mi hanno affidato alle cure mediche. Anzi, sempre per il fatto che ciò che è successo mi ha reso quello che sono ora, li ringrazio anche per questo.

A 10 anni dalla seconda dismissione di depakin e dopo 5 di Igienismo (con tendenza fruttariana), mi sento fantasticamente in ottima salute e pieno di energia e voglia di vivere. Amo e Ringrazio.

Le battaglie però, come si suol dire, non sono mai finite, da poco è nata la mia primogenita e adesso ci sarà da risolvere la questione Vaccini che non faremo. Vedremo come si metterà.

Ad ogni modo, oltre la mia testimonianza che spero ti abbia fatto piacere, ti ho scritto principalmente per chiederti le modalità per l'acquisto del tuo libro in formato cartaceo.

Ti ringrazio ancora e ti abbraccio forte.

Un caro saluto
Matteo

(Autorizzo eventuale tua pubblicazione sul tuo sito - Solo nome e non cognome)


RISPOSTA

Buongiorno Matteo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Grazie di cuore per aver voluto condividere questa meravigliosa testimonianza, da cui possiamo imparare due principali concetti:

1) Gli antibiotici, come scrivo a caratteri cubitali anche nel mio libro, sono come una bomba atomica che distruggendo la flora intestinale (luogo ove si formano gran parte dei nostri neurotrasmettitori cerebrali) sono causa scatenante di una marea di disturbi mentali.

2) La costanza è l'alimentazione corretta (e per corretta intendo crudista fruttariana ad altissimi livelli di frutta e a bassissimi di grassi) sono una ricetta VINCENTE.

Avanti così

Pietro Eupremio Maria Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.


Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com


Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.


Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.



Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti



ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO



ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.


Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.


In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.


SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.


Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.




venerdì 15 settembre 2017

35 ANNI DI LITIO: A NESSUNO PSICHIATRA VIENE IN MENTE DI STARE COMBINANDO UN DISASTRO?

DAL SERVIZIO "CHATTA ORA" DEL BLOG DI PIETRO BISANTI

My Live Chat
LiveChat Offline Message Received
Dear pietro eupremio maria bisanti,
You have received an offline message, sent from mylivechat.com with the following details:
Name: Alberto ************
Email: ****************
Time: 2017-05-21 19:49:17
Page Title: ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI: QUANDO IL "MALATO" E' CONVINTO DI STARE "GUARENDO"
Page Url: http://pietrobisanti.blogspot.it/2011/10/quando-il-malato-e-convinto-di-stare.html
Referrer: http://pietrobisanti.blogspot.it/2011/10/quando-il-malato-e-convinto-di-stare.html
IP: 79.54.168.173
Location: Torino, Piemonte, Italy
Client: Win7/ Chrome58/ it-IT
Subject: mia dismissione da psicofarmaci
Message: Caro Pietro,
ho ora 48 anni da 35 anni prendo 900 mg di litio al giorno alternati in passato da in aggiunga 700 mg di paroxetina (sereupin 40 mg al gg antidepressivo). Da un mese non prendo più niente ma ho un senso di vuoto fisico alla testa , incapcita' di ragionare etc puoi aiutarmi. Posso ritornare quello che ero prima di tutta questa assunzione di psicofarmaci? Grazie
Alberto
****************

Thank you for using mylivechat.com for your Live Chat services.

Sincerely,
My Live Chat Team
Copyright 2017 mylivechat.com All rights reserved.



RISPOSTA

Buongiorno Alberto,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Io sono giornalmente strabiliato dalle capacità di ripresa di un corpo umano trattato fisicamente ed emozionalmente in maniera impeccabile ma nel tuo caso specifico, pur senza scoraggiarti o che venga interpretata come una "dichiarazione di resa", non posso che consigliarti MASSIMA PRUDENZA.

E' "normalissimo" che tu si senta così, essendo questi sintomi parte di un processo di disintossicazione, ma hai dimenticato di dirmi se tu abbia dismesso o meno DI COLPO i farmaci.

E' assolutamente indispensabile che l'eliminazione di tali molecole, soprattutto assunte per un periodo così lungo, venga fatto assolutamente in modo lento e graduale, assieme ad un netto cambio di alimentazione/stile di vita complessivo.

Non puoi permetterti una crisi che tu il tuo corpo non possa gestire, per questo bisogna essere prudenti ed intelligenti.

Ricorda, infine, che 35 anni di psicofarmaci hanno letteralmente TRASFORMATO la tua biochimica cerebrale. Questo significa che il tuo corpo, per poter tornare a funzionare autonomamente e correttamente, dovrà fare uno sforzo sovrumano e avrà quindi bisogno di essere trattato con i guanti bianchi a cominciare dalla merda che hai messo in bocca come "cibo" fino ad adesso.

Io ho raccolto testimonianze che mi portano a pensare che anche il tuo caso sia risolvibile e io sono sempre ottimista. Non posso però non ripeterti che hai bisogno sia di fare le cose per bene che di avere una rete assistenziale di persone attorno a te che possano comprendere ed arginare le crisi CHE ARRIVERANNO.


Questo è il piano di dismissione che da igienista e NON medico seguirei se fossi nella tua stessa situazione 

1) Acquistare immediatamente il mio libro "Assassini in pillole: la Psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere". Non divento certo ricco vendendoti un libro, ma a lei permetterà di capire finalmente in chiave igienista come funziona il corpo umano e come lo si mantiene in salute.

2) Leggere ATTENTAMENTE questo vademecum che spiega ESATTAMENTE come ripristinare la salute quando si è in terapia psichiatrica http://pietrobisanti.blogspot.it/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html, e potrai seguire il piano alimentare ivi esposto.

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.

giovedì 14 settembre 2017

"E I BAMBINI COMINCERANNO AD UCCIDERE": QUESTO DICEVO IN UNA MIA INTERVISTA IN TEMPI NON SOSPETTI

IL CUGINO DI NOEMI: "IGNORATE LE DENUNCE DELLA FAMIGLIA. NOEMI PICCHIATA PIÙ VOLTE, LUI UN VIOLENTO CON DIVERSI TSO"

Mercoledì 13 Settembre 2017 |  Cosimo Carulli |  CRONACA
CASTRIGNANO DEL CAPO - Secondo la testimonianza ai giornalisti di Davidecugino di Noemi Durini, la ragazza trovata morta nelle campagne di Castrignano del Capo (CLICCA QUI LA NOTIZIA E IL RITROVAMENTO DEL CORPO), il fidanzatino 17enne più volte aveva picchiato la ragazza e i genitori della giovane avevano fatto denuncia per maltrattamenti e violenza privata. Le denunce dei familiari di Noemi, secondo il parente della vittima, non hanno mai dato corso a indagini della Magistratura, che ha sempre archiviato la posizione del ragazzo.
"Sappiamo già che non ci sarà giustizia per Noemi", è il grido d'allarme del cugino Davide, "questo ragazzo prendeva degli psicofarmaci, aveva fatto due o tre trattamenti sanitari obbligatori: lo passeranno per pazzo e se ne tornerà in giro per il paese".

FONTE SOLOLECCE.IT




COMMENTO
Questo è solo l'umile parere di un piccolo uomo che si è fatto una sua idea personale sull'intera vicenda.
Educazioni inesistenti - abitudini alimentari nocive - cannabinoidi e altri stupefacenti portano i ragazzi/e a non riuscire più a controllare le proprie emozioni.
La società risponde, attraverso la Psichiatria, dando il colpo di grazia: gli psicofarmaci.
Gli psicofarmaci SONO e RIMANGONO se non la causa principale, una CONCAUSA preponderante nella commissione di atti di natura violenta finanche, come in questo caso, l'omicidio.
Ascoltate quello che dicevo anni fa nell'intervista di cui sopra: piano piano, vaccino dopo vaccino, merda alimentare dopo merda alimentare, genitori inesistenti dopo genitori inesistenti, psicofarmaco dopo psicofarmaco i nostri figli diventeranno il primo essere vivente di CUI AVERE PAURA.
Pietro Eupremio Maria Bisanti


mercoledì 13 settembre 2017

"NON BEVO, NON FUMO, NON USO ZUCCHERI MA UNA BELLA CANNETTA DI SOLA ERBA ME LA FUMO IN COMPAGNIA"

LETTERA

Ciao Pietro, ci siamo incontrati all'open day di Imola il 26 nov ed io ero quello che a fine discorso ti ha chiesto chiarimenti su una dieta fruttariana.

Partendo dal fatto che di colpo nel settembre 2015 sono diventato vegano grazie alla scoperta del blog di Valdo e che stimo un sacco come te... ora il punto è che so le tue tesine e di Valdo a memoria nonché i libri di Schelton, Tilden e compagnia bella (per farti capire la mia preparazione a riguardo) ma non riesco a risolvere alcuni miei problemi che sono:

Flatulenze, però non puzzano perché evacuo regolarmente almeno 3 volte al giorno,

Gonfiore addominale, soprattutto questo gonfiore mi arreca fastidio estetico. Al mattino sono perfetto poi il mio ventre si distende ma gli addominali si vedono se li contraggo, quindi è gonfiore

La mia alimentazione è almeno 70/80 % frutta non ho schemi fissi in quando cambio in base allo sport, tempo ecc

Il fatto è che quando provo a mangiare solo frutta, e la mangio perché il mio corpo chiede quella, arrivo a casa la sera che dopo 1 ora dalla mia cena di meloni o angurie o comunque quello che è frutta (Anche mix di mandorle e uvetta, frutta secca ecc) non solo mi ritorna fame, ma il mio corpo inizia a chiedere cereali, verdure, insomma "mi abbuffo" per qui, quali consigli hai da darmi? Una dieta fruttariana crudista può soddisfare a pieno il bilancio calorico?

Dipendenza da carboidrati cotti o solo deficit calorico? 

Questione di abitudine quando il mio corpo vuole pane, focaccia, cereali, legumi, minestroni ecc o solo gola? Oppure ne ho davvero bisogno? (Io non credo)

In natura concordo che si dovrebbe mangiare solo crudo, ma una dieta sana come quella dei romani come ai tempi di Marco Aurelio basata anche su olive e cereali, voglio dire in estate un buon pane integrale con pomodori e verdure del mio orto a mo di bruschetta dopo una bella insalata come pranzo? 

Spero di essere stato chiaro...A e comunque ogni tanto, siccome non bevo, non mangio zucchero in ogni sua forma, non uso dentifricio shampo o bagno schiuma, profumi ecc, e non aggiungo mai sale di mio, quando sono in compagnia mi fumo una cannetta di sola erba (niente tabacco aggiunto) naturale e ora la sto coltivando, anche un po' per questioni sociali e comunque mi diverto.

Grazie per tutto quello che fate, io ci sono, collaboro a diffondere la verità non me ne sto con le mano in mano, spero che il mio messaggio sia chiaro a presto!!!


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Rispondo prima alle tue domande:

1) Non finirò mai di ripeterlo: cereali (soprattutto contenenti glutine) e legumi sono cibi INCOMPATIBILI con la conformazione umana: devono essere lavorati e cotti per poter essere consumati e sono pieni zeppi di ANTINUTRIENTI. Non sono buoni neanche al palato, infatti sono immangiabili se non conditi. Quella che sperimenti è semplice crisi di astinenza. Se vuoi liberartene definitivamente, dovrai impegnarti ed eliminarli SUL SERIO, senza ricaderci nemmeno sporadicamente. In alternativa, potrai eliminare totalmente i cereali con glutine e concederti saltuariamente quelli senza e i legumi, ASCOLTANDO i sensori del tuo corpo per capire quanto tu li possa tollerare solo ed esclusivamente in qualità di supporto calorico e/o per tuo semplice gusto e voglia. Io, dal canto mio, li ho eliminati quasi totalmente perché SENZA sto mille volte meglio.

2) Sicuramente esageri con i grassi: non smetterò mai di ripetere quanto un'alimentazione ricca di frutta DEBBA andare di pari passo con una riduzione drastica dei grassi, altrimenti tutto il "sistema" si blocca. Via gli oli di qualunque tipo e limita tantissimo la frutta secca.

3) La frutta va RIGOROSAMENTE mangiata da sola, senza troppe mescole (nessuna per angurie e meloni).

4) Il tuo gonfiore mi fa pensare sia ad un intestino non pronto ad assimilare tutta la frutta che mangi che ad un errato modo di consumarla (troppi grassi e troppe mescole).

Il mio consiglio è un piccolo digiuno di tre giorni, poi frutta sempre da sola, pochissimi grassi e un utilizzo consapevole dei cereali senza glutine e dei legumi, ripeto, ASCOLTANDOTI.

E infine, permettimi, ma come diamine si fa a farsi le canne (seppur sia "legale" tra virgolette, perché rimane una violazione di tipo amministrativo, senza contare le ripercussioni in caso di incidente stradale nel caso tu sia titolare di patente di guida, coltivarsi la propria piantina per uso personale) portando avanti uno stile di vita alimentare che punta dritto verso la purezza del corpo e dello spirito.

Nessuna pianta nasce per essere fumata: la marijuana rimane la causa principale degli accessi ai reparti di Psichiatria della maggior parte dei nostri ragazzi.

Rincoglionisce, distrugge la memoria a breve termine, porta demenza, nervosismo e certo non esalta le capacità cerebrali.

Buttiamola nel cesso, che un vegano quasi crudista che si fuma le canne mi fa venire voglia di fare il macellaio...

Pietro Eupremio Maria Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.












lunedì 11 settembre 2017

"GRAZIE PER IL PREZIOSO SERVIZIO CHE SVOGLI PER L'UMANITA' INTERA E ANCHE PER TUTTE LE CREATURE"

LETTERA

Buongiorno Pietro, ti mando un breve scritto relativo ai vaccini e al cibo, volevo anche ringraziarti per il prezioso servizio che svolgi per l'umanità intera e anche per tutte le creature, un abbraccio, 

Roberto


RISPOSTA

Ciao Roberto,
pubblico la tua email certo non per uno sfoggio personale: non ne ho bisogno e tanto meno mi interessa.

Lo faccio perché ancora una volta voglio far capire quanto lavoro e impegno ci siano dietro quello che sto, che stiamo facendo.

Siamo l'avanguardia di un'evoluzione che ne ho la certezza caratterizzerà il nostro futuro.

E' finito il tempo di "a posto io a posto tutti".

Si vince solo uniti.

Avanti così

Pietro Eupremio Maria Bisanti











NELLA VITA NON SI PRENDE SOLAMENTE. BISOGNA ANCHE DARE

Il blog di Pietro Bisanti ha superato i setti anni di vita e più di 1000 articoli scritti.

Ho personalmente aiutato un numero così alto di persone che mi è impossibile ricordarlo, facendo letteralmente uscire dal baratro situazioni che erano ormai giudicate irrecuperabili.

Tutto questo è il risultato di IMPEGNO, PERSEVERANZA, AMORE.

Tutti hanno un aiuto e una risposta senza dover per questo sborsare una lira.

Il denaro rimane per me un mezzo per fare sempre di più. Sono in corso progetti importanti e ho bisogno dell'aiuto di tutti.

Qui non si tratta di una onlus farlocca ma di una persona che assieme ad altre sta cercando di riportare quella dignità e autodeterminazione che sono diritti inalienabili in campo sanitario, soprattutto psichiatrico.

Queste sono le coordinate, come causale: DONAZIONE

Avanti così

Pietro Eupremio Maria Bisanti



Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO
  • Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti
  • Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721
  • Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA
Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY
  • Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti
  • Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O
  • Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513



BRUSCA INTERRUZIONE DI ABILIFY: MIGLIORAMENTI EVIDENTI MA PERMANGONO PERICOLOSE CRISI DI RABBIA

LETTERA

Salve Signor Pietro!

Le sto scrivendo perché sento che potrebbe aiutarmi.

Non so se se ricorda che a metà gennaio ho smesso bruscamente di prendere l'Aripiprazolo e sono riuscita a non riprenderlo più.
"Purtroppo" non sto ancora trovando il coraggio di parlarne con lo psichiatra ma forse è perché, sempre da gennaio circa per una mia decisione, ci vediamo molto molto meno di prima: ora ci incontriamo tipo una volta ogni 2/3 mesi.

Ho detto "purtroppo" nel senso che mi dispiace di non essere sincera con lui dopo tutto il nostro percorso ma credo sia per due motivi:
uno è che forse, non razionalmente però, sono arrabbiata dalla cura infinita che vorrebbe propinarmi e l'altro è che mi sgridi e mi obblighi a riprenderlo (anche se è ovvio che non potrebbe perché ora sto bene!)

Il fatto è questo: 
mio marito (nel frattempo ci siamo sposati! 😊) mi dice spessissimo che mi vede veramente meglio di quando ero sotto farmaco, dice che i miei occhi brillano e che prima sembravo veramente un misto tra intossicata e avvelenata.
E io anche, per certe cose specialmente, mi vedo veramente molto meglio, quindi sia chiaro che non tornerò mai indietro sulla mia decisione!

L'unica cosa che sento essere peggiorata è il fatto che mi "infiammo" molto velocemente.
C'è da dire che prima di prendere i farmaci, intendo nella mia vita, sono sempre stata una persona abbastanza polemica e "focosa" nelle discussioni.

Sicuramente i farmaci questi 10 anni mi hanno sedato e adesso che non li ho più in circolo ho come la sensazione che questi miei lati caratteriali siano diventati più marcati.
Può essere?
Eventualmente cosa mi consiglia??
Pensa che posso migliorare questa cosa o se ci fosse un danno, ormai è permanente?

Mangio frutta e verdura frequentemente come non mai ma non mi cibo solo di queste cose. 
Ho smesso di fumare da un anno e bevo solo un caffè al giorno e praticamente è come se fossi quasi astemia, talmente bevo raramente e poco di quantità.

Mi consiglia qualche pratica di rilassamento che possa servire!?

O dice di ricorrere al vecchio metodo di contare fino a 10?!? 😊

A parte gli scherzi... a volte discutere serve e mi è servito molto per carità (soprattutto al lavoro dove ho anche "vinto" delle questioni importanti) ma parlo proprio che sento un fuoco che si accende improvvisamente dentro di me... ho un po' paura.

Spero di non averla infastidita.
Grazie per l'attenzione come sempre e buona giornata!

T.


RISPOSTA

Buongiorno T.,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Come lei ben sa, avrei consigliato uno scalaggio lento e costante, ma ormai è inutile "piangere sul latte versato".

Le crisi di rabbia sono assolutamente "normali" quando si scala uno psicofarmaco, specialmente in modo istantaneo come nel suo caso.

Piano piano il suo cervello si riporterà in una situazione di riposo ma da quanto lei mi scrive sta a mio parere facendo un GRANDE errore.

In pratica, sta dando all'alimentazione un peso troppo basso, quando è a mio giudizio INDISPENSABILE che in casi come il suo essa sia assolutamente perfetta.

Il cibo stesso, soprattutto i cereali contenenti glutine (ma anche quelli senza e i legumi), è CAUSA PRIMARIA di problematiche di natura mentale anche severissime.

Quindi, è sicuramente presto per tirare le somme sull'interruzione del farmaco (io vedo che la zona "comfort" per essere sicuri di non avere più ricadute è di circa due anni dall'eliminazione totale) ma mi sento di metterla in guardia: sistemi l'alimentazione al più presto perché è troppo, troppo importante per il mantenimento di una salute fisica e mentale ottimale, specialmente quando si è passati attraverso l'uso di psicofarmaci.

Via subito il caffè e non tocchi mai più una sigaretta in vita sua.

Comprende che trattando il corpo come una pattumiera le cose non possono andare bene?

Ora sterzi con vigore verso uno stile di vita veramente salutista, altrimenti le vie di mezzo presto o tardi porteranno mezzi risultati... e mezzi disastri.

Io ci sono

Pietro Eupremio Maria Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.










"SONO QUI A DIRTI DI NUOVO GRAZIE PER IL LAVORO CHE FAI, NON HA PREZZO. MI HAI RIDATO FIDUCIA": SCALAGGIO PAROXETINA E PROBLEMI ORMONALI

LETTERA

Gentilissimo Pietro,

ti avevo scritto un po' di tempo fa raccontandoti la mia storia con la paroxetina e alcune tristi vicende con medici dell'ospedale. Fortunatamente quel periodo è lontano ormai. Ci sono stati momenti molto duri ma con l'aiuto di persone care, di tanta determinazione e di un corretto stile di vita, le cose si sono piano piano sistemate e ho ritrovato il mio equilibrio. 
La strada è ancora lunga, sono solo a metà del percorso, ma sono sicura di potercela fare. 

Sto scalando ancora la paroxetina; in un anno e mezzo circa sono passata da 20 mg agli attuali 9 senza problemi. Sto facendo uno scalaggio molto lento dato che la mia dipendenza dura da moltissimi anni e seguo ciò che il mio corpo suggerisce. 

Sono molto fiduciosa nel poterla togliere definitivamente anche se ci vorrà ancora tempo. Per fortuna ho anche un nuovo medico di base a sostenermi, una dottoressa giovane e molto disponibile, che appoggia in pieno la mia scelta e il mio scalaggio. 

Sono qui a dirti di nuovo grazie per il lavoro che fai, non ha prezzo. Mi hai ridato fiducia; ora credo profondamente nel potere che il mio corpo ha di rigenerarsi al meglio, se gliene do la possibilità. 

Ti scrivo anche per esporti l'unico problema che sto riscontrando negli ultimi mesi. Da un po' di tempo, infatti, sto avendo problemi con il ciclo mestruale, con cicli sempre diversi, o troppo corti o troppo lunghi. 

Ho 36 anni e un cambiamento ormonale ci può stare ma adesso cominciano ad essere molto evidenti. Ho fatto una visita ginecologica completa ed esami del sangue per i dosaggi ormonali al 12° e 21° giorno del ciclo che hanno evidenziato sì squilibri negli ormoni ma senza una causa organica. 

Il parere sia del ginecologo che della dottoressa è che tra le varie cause potrebbe esserci proprio lo scalaggio della paroxetina. Ti risulta? Possono verificarsi questo genere di problemi con lo scalaggio degli SSRI? Che fare? Spero che una volta scalato definitivamente l'antidepressivo i miei ormoni tornino a posto, anche perché non avrei intenzione di prendere la pillola o altre medicine.

Grazie ancora infinite e continua per la tua strada!
Un abbraccio sincero,
G.


RISPOSTA

Buongiorno G.,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Intanto: bravissima, così si fa.

Rispondo alla tua domanda con un SI' grosso come una casa.

La Paroxetina, ma in generale tutti gli psicofarmaci, hanno un impatto enorme su tutto il sistema endocrino.

Posso quindi dirti di tirare le somme solo ed esclusivamente passati un paio di anni dalla eliminazione TOTALE della Paroxetina.

Dai fiducia al tuo corpo ma continua ad alimentarti al meglio.

Altri consigli IMPORTANTI:

1) stai lontano come la morte dalla soia, che influisce pesantemente sulla produzione di estrogeni

2) In generale i cereali e legumi TUTTI, non essendo cibo umano ma cibo per granivori e contenendo un sacco di antinutrienti, hanno un'azione di interferenza endocrina. Se non migliori dopo la dismissione, oltre a continuare a NON mangiare i cereali con il glutine, ti consiglio di provare un periodo di eliminazione totale.

3) Plastiche, alluminio per cucinare, profumi, trucchi: moltissimi prodotti commerciali contengono quelli che vengono definiti "ftalati", cioè composti chimici derivati dalla plastica, che hanno una conclamata azione di interferenza endocrina. Senza che mi dilunghi, fai una ricerca su Internet e vedrai quanto sia importante eliminarli dalla tua vita. Ne parlerò bene nel mio prossimo libro in uscita.

DIMENTICA PILLOLE E PILLOLINE. Abbraccia finalmente uno stile igienista a 360 gradi.

Avanti così

Pietro Eupremio Maria Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.









"SO CHE NON SEI MEDICO MA SO CHE A DIFFERENZA DEGLI PSICHIATRI MI PUOI AIUTARE": DISMISSONE EFEXOR ED EN

LETTERA

Ciao Pietro, 
Voglio smettere di prendere Efexor 150 mg al giorno e 1 EN 1 mg la sera! So che non sei un medico ma so che a differenza degli psichiatri mi puoi aiutare. 

Lo prendo dal 2014 ero riuscita a scalarlo e poi dopo tre mesi ho dovuto ricominciare e adesso lo riprendo da nove mesi. Ora mi voglio veramente disintossicare, domani chiederò al mio psichiatra un piano di riduzione ma non so se sarà d'accordo sicuramente perché se non mi vede stare bene di sicuro non me li vorrà scalare. 

Quindi anche se so che non sei un medico mi potresti dire come iniziare a scalarlo? E oltre alla diminuzione del farmaco in generale cosa mi consigli di fare? 
Grazie

Elisa


RISPOSTA

Buongiorno Elisa,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.


Veniamo a noi...

Io dubbi non ne ho: la vita sotto psicofarmaci, siano "solo" le "goccine per dormire", è una vita limitata, con il freno a mano tirato, spenta, vuota... insomma una merda.

Non so perché tu sia finita "sotto farmaci" ma so che, dal mio punto di vista NON medico, limitarsi a scalarli NON significa risolvere il problema.

La prima cosa da sistemare è l'alimentazione, che ha un impatto BRUTALE su come ci sentiamo anche e soprattutto a livello mentale.

Sistemata questa, potrai affrontare finalmente da lucida qualsiasi altro problema sul lato emozionale/spirituale.


Questo è il piano di dismissione che da igienista e NON medico seguirei se fossi nella tua stessa situazione.

1) Acquistare immediatamente il mio libro "Assassini in pillole: la Psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere". Non divento certo ricco vendendoti un libro, ma a te permetterà di capire finalmente in chiave igienista come funziona il corpo umano e come lo si mantiene in salute.

2) Leggere ATTENTAMENTE questo vademecum che spiega ESATTAMENTE come ripristinare la salute quando si è in terapia psichiatrica http://pietrobisanti.blogspot.it/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html, e potrai seguire il piano alimentare ivi esposto.

Io ci sono

Pietro Bisanti



LAROXYL DEVASTANTE ED AUMENTO DI PESO CHE NON SE NE VA NEMMENO DOPO LA SOSPENSIONE

LETTERA

Buongiorno signor Pietro, mi perdoni se le scrivo nuovamente dopo alcuni giorni. 

So che ha molti impegni cui fare fronte, e non mi permetterò più di disturbarla. Mi sono imbattuta così per puro caso sul suo blog mentre digitavo "effetti collaterali degli antidepressivi" e ho compreso grazie a lei e alle esperienze di tante persone raggirate e fatte cadere nella rete della maggior parte degli  psichiatri...  i danni tremendi provocati dagli psicofarmaci.

Purtroppo a causa della mia ignoranza in materia di antidepressivi ci sono caduta anch'io..Data la sua grande competenza nonché esperienza, io avrei bisogno di un suo sincero parere sull'amitriptilina e sui suoi effetti. 

Tra l'altro non pensavo venisse prescritto per emicrania e disturbi  d'ansia. Io provengo già da un'esperienza legata ad un altro farmaco, lo Xanax, fortunatamente ero riuscita da sola ad eliminarlo (con enorme difficoltà...).

Invece il Laroxyl mi ha devastata, l'ho dismesso ormai da un anno ma non sono più come prima.Ho sviluppato problemi di aritmie, brividi, orticaria, alopecia e malgrado io praticamente digiuni non dimagrisco più.

Tra l'altro  l'aumento ponderale  si e' verificato  non subito, tempo di capire e l'ho tolto...Leggevo di altre esperienze, di persone che lo hanno assunto, tutte dicevano che sono dimagrite, appena lo hanno tolto.

Io no...Purtroppo. Ero magra, da sempre vegetariana, ora vegana da poco  (4 mesi). Maledico quel farmaco che ho preso per 6 mesi ma ho paura mi abbia rovinata per sempre. E pensi che la psichiatra non voleva neanche aiutarmi a scalarlo.

Non riesco più neanche ad uscire di casa, mi vergogno del mio aspetto, pesavo 46 kg per 160 cm. Ora ne peso 60 e sembro un'altra persona..Non mi guardo neanche allo specchio. Eppure mangio solo una volta al giorno...Non so come fare, se potesse lei darmi qualche indicazione. 

Io mangio verdura cruda, e non tocco glutine, mangio frutta e le uniche cose che ancora non riesco ad eliminare sono il riso integrale e il sabato sera mezza pizza senza glutine con sole verdure.

Mi chiedo se perderò mai questo peso che mi da grossi problemi data la mia struttura fisica che è comunque esile, sono molto demoralizzata. Ho paura che tutto ciò sia irreversibile.

Un caro saluto e complimenti per il grande lavoro l'impegno e la passione  che sinceramente mette a disposizione di chi soffre pesantemente e sulla propria pelle tutti gli effetti terribili provocati dagli psicofarmaci. Grazie di cuore se potrà rispondermi.

Roberta


RISPOSTA

Buongiorno sig.ra Roberta,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Sicuramente moltissimi psichiatri che arrivano su questo blog possono pensare che venga portata avanti una "battaglia contro di loro, contro la loro categoria".

La verità è anni luce lontana da questo.

Qui si spendono energie per aiutare le persone a vivere bene e questo significa, "purtroppo per chi ha speso 12 anni della propria vita a studiare una scienza sbagliata", NON assumere psicofarmaci.

Qualunque psichiatra approdi qui a mente lucida e con voglia di capire non potrà che ammettere a se stesso di aver letteralmente buttato via anni della propria vita per assumere nozioni che sono ANNI LUCE LONTANE dalla verità.

Lontane dalla salute, da cosa siano il corpo e la mente umana, di come siano interconnessi e di come la salute non si ottenga o riacquisti a suon di pillole, compresse, punture o flebo di quello che io non ho mai avuto problemi a chiamare, senza eufemismi, "merda chimica" a tutti gli effetti.

In 14 anni di studi, sette di blog, un libro di successo, altri due in arrivo e 1000 tra articoli e testimonianze raccolte NON HO MAI AVUTO CONTEZZA DI UNA SOLA PERSONA DEFINITA GUARITA NEL MEDIO-LUNGO PERIODO DA UNA TERAPIA PSICOFARMACOLOGICA.

Anzi, tutto il contrario.

Come nel suo caso.

Per una emicrania che se ne sarebbe sicuramente andata via per sempre sradicando LE CAUSE ORGANICHE/EMOZIONALI/FISICHE/SPIRITUALI alla base del SINTOMO in atto, ecco che invece lo si è dovuto soffocare con una vera e propria bomba chimica chiamata "Laroxyl" che ha dato veramente un duro colpo alla sua salute generale.

Sei mesi per distruggere un corpo umano.

Ora, la notizia positiva è che il corpo umano ha delle risorse interne incredibili se trattato correttamente.

L'aumento di peso psicofarmaco-indotto NON è solo la diretta conseguenza di un aumentato appetito farmaco-indotto e quindi di un incremento calorico (anzi, questo è l'aspetto meno incisivo).

L'aumento di peso psicofarmaco-indotto è invece la diretta conseguenza di un importante disequilibrio metabolico che queste porcherie causano nel corpo di chi le assume.

Si metta bene in testa che NESSUNO se non il suo sistema immunitario sarà in grado di riparare ciò che è stato danneggiato.

Che ci vogliano sei mesi, un anno, due o più non ce ne frega nulla, l'importante è percorrere la strada giusta.

Quindi, per ora si scordi di digiunare: il digiuno è un'arma potente ma deve essere usata con cautela e certo non immediatamente dopo la sospensione di una "cura" come la sua.

Il mio consiglio è di svoltare nettamente ma GRADUALMENTE, come sta facendo, verso un'alimentazione vegana, molto crudista, ad alti livelli di frutta ma a BASSISSIMI livelli di grasso.

Sarà questa la chiave di tutto: bassissimi livelli di grasso, in modo che il suo sangue torni fluido e tutti gli ormoni, insulina compresa, possano ricominciare a lavorare bene e quindi che il glucosio prodotto dalla digestione arrivi alle cellule senza trasformarsi in grasso, oltre al ripristino della flora batterica intestinale sicuramente anch'essa danneggiata.

Questo è il piano di battaglia.

1) Acquistare immediatamente il mio libro "Assassini in pillole: la Psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere". Non divento certo ricco vendendole un libro, ma a lei permetterà di capire finalmente in chiave igienista come funziona il corpo umano e come lo si mantiene in salute.

2) Leggere ATTENTAMENTE questo vademecum che spiega ESATTAMENTE come ripristinare la salute quando si è in terapia psichiatrica http://pietrobisanti.blogspot.it/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html, e potrà seguire il piano alimentare ivi esposto.

Ci vorrà tempo ma non ho ALCUN DUBBIO che la situazione tornerà a posto.

Il corpo NON VA MAI CONTRO SE STESSO.

Noi abbiamo solo il dovere di aiutarlo.

Forza e coraggio

Pietro Eupremio Maria Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.