ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 27 settembre 2011

DISPLASIA CANINA. PENSATE SIA TUTTA GENETICA?

Ogni giorno ignari e ignoranti padroni condannano i propri cuccioli a una vita infernale, inconsapevoli responsabili di una "patologia" che colpisce moltissimi cani di media e grossa taglia, la displasia.
E i soliti dottoroni la affrontano come solo loro sanno fare, e cioè con l'intervento chirurgico, purtroppo indispensabile a volte quando ormai il dado è tratto e la situazione altrimenti irreparabile.
Ma vi siete mai soffermati sulla motivazione per cui un animale sviluppa tale anomalia che, in natura, scommetto è praticamente inesistente?
I veterinari saputelli la mettono sempre sulla "genetica", dimenticando che è sì vero che ogni essere vivente porta con sé punti deboli e forti sin dalla nascita in relazione al proprio bagaglio "di salute", ma è altrettanto vero che le situazioni ambientali influiscono spesse volte con una percentuale pari al 99%, facendo da veri e propri inneschi per una situazione che non si sarebbe altrimenti verificata.
Nella displasia canina questo esempio calza a pennello.
Infatti, i cani domestici sono alimentati con le famigerate crocchette da circa 60 anni, e sicuramente questo lasso di tempo che è un'unghia di un alluce rispetto ai milioni di anni di evoluzione della specie canina non ha minimamente scalfito la loro natura di carnivori, con qualche eccezione per bacche e frutti (che in natura il lupo saltuariamente mangia).
Invece noi lobotomizzati che cosa facciamo?
Li stacchiamo precocemente dalla madre per svezzarli a granaglie, sì proprio a granaglie, perché le crocchette altro non sono.
Sono mais OGM, frumento e altri cereali, con un pizzico di carne di ultimissima qualità (becchi, unghie, pelo, gozzi) cotte ad altissime temperature e riempite di additivi chimici e vitamine di sintesi.
Ma allora è la sagra dell'idiozia...
Pur di non dare la carne cruda di cui il cane ha disperatamente bisogno, gli si danno le crocchette per poi aggiungere vitamine di sintesi. Ma non si fa prima a dare qualcosa di naturale da cui l'animale possa assumere tutto quello di chi necessita?
No...perché noi in fila come marionette dobbiamo fare quello che la televisione ci dice.
E poi, quando il cane cresce storto, corriamo in lacrime dal veterinario per farci spillare altri soldi, per poi sottoporlo a un intervento chirurgico pesante e invasivo, che comunque non gli permetterà una vita al 100%.
E allora vai con gli allevatori che rilasciano il pedigree con "GENITORI ESENTI DA DISPLASIA".
Ma loro sono forse il Padre Eterno per sapere che il cucciolo non si ammalerà?
Eppure la soluzione è così semplice: crescere in fretta significa crescere male. Questa è l'equazione da non dimenticare mai.
Un bambino gonfio di latte artificiale NON è sano, come NON è sano un cucciolo di labrador che a 6 mesi pesa 30 Kg.
Avete mai pensato che proprio le crocchette possano essere la causa della displasia del vostro cane?
No? Male...
E la spiegazione è di una semplicità disarmante.
Le crocchette, ricche di carboidrati complessi, gonfiano il cane e lo fanno crescere molto più velocemente di quanto Madre Natura abbia progettato per lui.
La crescita esponenziale non permette un armonioso sviluppo di ossa e articolazioni che, disallineandosi, creano poi i vari tipi di displasia.
Madra Natura non mente mai.
Il corpo di un cane non impazzisce senza un motivo. E il motivo, 99 su 100, è l'ignorante mano dell'uomo.


giovedì 22 settembre 2011

CHI MI CONSIGLIA UN PEDIATRA PER IL MIO GORILLINO?

Quante volte, signore neo mamme, una volta in coda alla ASL per scegliere il pediatra di fiducia del vostro bambino, vi siete imbattuti in un gorilla di montagna, anche lei per scegliere il pediatra per il proprio cucciolo?
Direi mai...strano, considerato il fatto che condividiamo il 98% del patrimonio genetico con i gorilla di montagna.
Loro per esprimersi fanno pressapoco così: "Uh-uh-uh-uh".
Noi invece ci arroghiamo di essere la specie più evoluta, di essere andati sullo spazio, di avere il mondo in mano, e quindi gli animali devono servire solo a sfamarci, intrattenerci, coprirci, e, in campo medico e affettivo, siamo invece ancora al Medio Evo.
Infatti quando un animale sta male, non fa altro che riposarsi e attendere che la Natura "Medicatrice di tutti i mali" come diceva Ippocrate, faccia il suo corso.
Noi invece ricorriamo oggi al veleno del cobra reale, domani alla cartilagine di squalo, e dopodomani a un corallo che cresce solo a 20.000 leghe sotto i mari. Ma perfavore!
Gli animali anche in campo affettivo hanno da insegnarci: quando hanno la pancia piena e non si sentono minacciati riposano o giocano...non stanno lì a pensare: "Ora a quello gliela faccio pagare", sentimento tutto umano.
Ma torniamo al nostro caro gorilla in fila alla ASL.
Questo per parlare e smontare una delle figure più dannose e inutili che la medicina potesse mai partorire: IL PEDIATRA.
Tutti uguali, tutti standardizzati, con le dovute, striminzite eccezioni.
Tutti con il latte artificiale, con le vaccinazioni, con gli antibiotici, con la suppostina di tachipirina, con i germi e i batteri e i virus ovunque, con le pappette di riso, con il brodo di pollo che altro non è che "essudazione di succhi cadaverici". Lo dareste al vostro bambino se si chiamasse così? No...perà si chiama "brodino di pollo", "brodino della nonna", quindi fa meno paura.
Via la lobotomizzazione e vediamo le cose per quello che sono.
Un bambino nasce pronto ad affrontare tutte le sfide che il mondo gli presenterà, a patto di essere alimentato correttamente  e spiritualmente amato.
Fino a cinque, sei mesi un bambino non mostra dentini, quindi non potrà sicuramente addentare una bistecca (che peraltro non dovrà mai addentare), ma deve nutrirsi del latte della propria madre. Punto.
Nessun surrogato, nessuna altra cosa.  La gorilla ha sempre la tetta piena di latte, ma noi, con i nostri parti cesarei, con le nostre interferenze, riusciamo sempre a sconquassare Madre Natura.
Quando arrivano i primi dentini significa che il bambino è pronto ANCHE alla masticazione, e quindi gli si darà il latte alternato a frutta e verdura rigorosamente crude, magari premasticate un po' come farebbe Mamma Gorilla, o Mamma Urangutangu, ma loro sono solo animali stupidi, no?
È intelligente l'uomo che corre dal pediatra, che va infilare un ago dentro il proprio figlio senza pensare che le vaccinanzioni e l'esavalente in generale siano uno degli attentati peggiori che si possa fare al proprio figlio.
"Ma me lo ha detto il pediatra", ripetono le mamme lobotomizzate. Ma svegliatevi!
Lo sapete che Mamma Urangutangu passa anni della propria vita nella foresta, insegnando al proprio piccolo come scegliere i frutti a seconda della stagione e della maturazione?
Mentre noi scegliamo tra i Fonzies, le Pringles e la bistecchina.
Guardate vostro figlio diamine, e capirete quanto ha ragione il gorilla e quanto il vostro pediatra sia un incompetente.
Avete capito ora perché il Gorilla, con la G maiuscola, non è in fila con voi alla ASL?

mercoledì 14 settembre 2011

I PIDOCCHI ALL'ARREMBAGGIO

LETTERA


Ciao
ti scrivo per vedere se magari ci riesci tu a dare una spiegazione: i pidocchi.
Non che ce li abbia io, ma lavorando a contatto con madri e bambini in farmacia, ogni giorno sento che nelle scuole ci sono vere e proprie epidemie.
Da bambino, ricordo, ci insegnavano le regole per evitare di prendercele ma, sinceramente, pensavo che fosse uno spauracchio miticizzato, visto che tra elementari, medie, superiori frequentate in diverse città e in istituti pure belli grossi mai un caso nemmeno lontanamente giunto all'orecchio.
Ora anche in scuole elementari di paese, senza magari la scusa di presenza di figli immigrati che magari possono vivere in situazioni di sporcizia e indigenza, si presentano casi su casi.
E mamme disperate a comprare shampoo mom e affini.
Nonostante ci sia una attenzione maniacale al pulito oggigiorno, è una flagello.
Che ne pensi?
Federico


RISPOSTA

Ciao Federico,
scusami il ritardo con cui ti rispondo.
Bella domanda la tua.
Io penso che, come per la malaria, molto dipenda non tanto dall'aggressore ma dall'ospite.
Questo significa che se l'ospite è "forte", l'aggressore non riuscirà a infilarsi così facilmente.
Infatti corrisponde a verità che al giorno d'oggi ci sia un'epidemia di persone con i pidocchi e sono sicuro che la sporcizia non sia assolutamente la causa primaria.
Sono invece convinto che i pidocchi attecchiscano facilmente proprio perché trovano un terreno fertile, in un ospite debole, super vaccinato, super medicalizzato, super nutrito con cibi cotti, tossici, che vanno in putrefazione come la carne, il pesce, i latticini.
Quindi, al posto di combattere come al solito la causa sbagliata, e quindi inondando la propria testa di prodotti chimici che non fanno altro che rendere i pidocchi super resistenti, cerchiamo di ripulirci all'interno, creando un ambiente sfavorevole ai parassiti che, ricordiamolo, sono stati, sono e saranno sempre ovunque.




giovedì 8 settembre 2011

PSICOMEDICALIZZAZIONE DI MASSA

Chi non prende psicofarmaci alzi la mano?
Io posso alzarla, ma più di 100 milioni di persone al mondo prendono un qualche tipo di psicofarmaco, 17 milioni delle quali sono bambini o poco più.
Grazie a cotanta chimica dovremmo essere tutti iper felici, scattanti e mentalmente sanissimi...
Come mai invece i depressi cronici sono in vertiginoso aumento, gli attacchi di panico rovinano la vita di milioni di persone e le stragi in famiglia crescono esponenzialmente?
La risposta è molto semplice: gli psicofarmaci, oltre a non curare niente mascherando, quando va bene, una sintomatologia che ha una causa che deve essere trovata ed esaminata, sono essi stessi la causa del decadimento della salute mentale del mondo intero.
I giornalisti si guardano bene dal dire: "Lo psicofarmaco ha portato il sig. X ad uccidere la madre e poi ad uccidersi". In realtà scrivono che "il malcapitato era in cura", e che significa prendeva psicofarmaci, che significa ancora che gli psicofarmaci lo hanno portato a commettere determinati atti.
La Food and Drug Administration si è vista recentemente costretta a scrivere nei bugiardini degli antidepressivi che "possono causare ideazione suicidiarie". Come, come, come? Un antidepressivo che ti istiga al suicidio??
Ebbene sì, è proprio così.
Gli psicofarmaci funzionano essenzialmente come le droghe, ma sono legali.
E sono alla base di moltissimi omicidi, suicidi e omicidi/suicidi che mai si sarebbero verificati se non fossero stati presi.
Ma ormai stiamo diventando talmente assuefatti alle stragi nelle università americane, al fidanzato che ammazza la fidanzata, al padre che ammazza al figlio etc... senza riuscire a capire che moltissime persone si suicidano NON perché hanno subito un qualche trauma, ma perché a A SEGUITO di quel trauma HANNO ASSUNTO PSICOFARMACI.
È ormai risaputo e consolidato, anche grazie alle migliaia di class action americane contro le case farmaceutiche, che Prozac et company, cioè gli antidepressivi della famigerata categoria SSRI causano istinti suicidiari e omicidiari.
E molto spesso la soluzione sarebbe di una semplicità disarmante: nessuno toglie il fatto che eventi anche gravi possano mettere a dura prova la nostra psiche, ma non per questo si arriva ad ammazzarsi o ad ammazzare.
Quando sul giornale si legge di qualcuno che si è impiccato, casualmente, quasi sempre gli psicofarmaci sono implicati, proprio per la loro funzione "anestetizzante". Potete ben immaginare che uccidersi sparandosi non è la stessa cosa che impiccarsi...
Quindi, oltre ad analizzare il lato psicologico, bisognerebbe capire che siamo anche fatti di carne, e che il nostro cervello, quando malnutrito con cibi avvelenanti e maltrattato con sostanze tossiche come le sigarette, i caffè, le droghe leggerine, leggere, pesanti e pesantissime risponde dandoci tutta una serie di disturbi mentali.
Un evento infausto su un corpo sano non è demolitivo quanto un evento infausto su di un corpo già debilitato, questa è la chiave per superare le cosiddette "malattie mentali" senza cadere nel tranello degli ammalianti psicofarmaci che, come le droghe, ti fanno sentire bene, ma ti portano, alla fine, il loro conto da pagare. Salatissimo.