ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

domenica 23 febbraio 2014

PSICOSI DA CANNABIS E SUBITO L'ABILIFY. GRAZIE A DIO HO SCOPERTO IL SUO BLOG

LETTERA

Salve! Ringraziando Dio mi sono imbattuto nel suo blog dopo essere entrato da poco nel mondo della psichiatria. Ho avuto un episodio di psicosi da cannabis, con percezioni fortemente alterate, un principio di delirio e allucinazioni che probabilmente sarebbero rientrate dopo qualche ora di astinenza dall'uso, che era frequente, cronico e che non intendo ripetere! Sono stato portato prima in pronto soccorso, dal quale sono "fuggito" e poi in un Csm, dove mi è stato prescritto l'uso di Abilify per almeno sei mesi. Gli stati alterati della percezione sono totalmente rientrati dopo qualche giorno di uso del medicinale e attualmente ho ancora l'obbligo di assumere la medicina tutte le mattina presso il centro, almeno fino al 28 febbraio, finché non dovrò prenderla da solo appunto per sei mesi. Ho letto ciò che ha scritto sulla psichiatria e sull'uso degli psicofarmaci e mi trovo totalmente d'accordo. Ho alternato momenti di rifiuto a momenti di accettazione, anzi quasi contentezza, della terapia prescrittami. Gli stati di contentezza probabilmente sono dovuti all'effetto del farmaco, ma ho anche la consapevolezza di provare una finta calma, dovuta solo ed esclusivamente al farmaco e non al mio stato psicologico ne dovuta da fattori esterni. Lei cosa mi consiglia di fare? Ne sto parlando con mio padre ma ho già l'intenzione di sospendere da me la cura,anche perché ho ventidue anni, sono maggiorenne e non sono mai stato arrestato (per cui non devo seguire percorsi psichiatrici per "legge" o altro). MI FIDO MOLTO DI PIU' DI UN TUTORE DELLA LEGGE CHE DI UNO PSICHIATRA, per cui, lei cosa mi consiglia di fare?

Firmato A.V.

RISPOSTA

Buongiorno sig. A. e grazie della sua mail.

Mi scuso anzitutto se ho latitato per diversi giorni. Purtroppo moltissimi impegni lavorativi mi hanno tenuto lontano dal blog, che da oggi riprende più forte che mai.

Veniamo a noi...

Come dico sempre, non sono un medico, non curo nessuno, non faccio diagnosi, non prescrivo alcunché e ben me ne guardo dal farlo.

Sono semplicemente consapevole delle incredibili doti autoguaritive del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità, e metto gratuitamente a disposizione di tutti la mia ventennale esperienza quale operatore delle Forze di Polizia, con particolare riguardo alla mia specifica autodidattica conoscenza del mondo degli psicofarmaci.

Partiamo con una domanda: fanno più male le droghe cosiddette "leggere" o quelle "pesanti"?

Lungi da me equiparare la potenza dell'eroina a quella della cannabis, ma l'errore più grave che si può fare è altresì considerare quest'ultima come un innocuo passatempo.

La cannabis è e rimane una sostanza molto potente, il cui principio attivo è al giorno d'oggi geneticamente modificato per essere ancora più devastante.

La cannabis viene poi conservata con l'aggiunta di sostanze chimiche che ne alterano ulteriormente l'effetto.

Questo non significa che la cannabis cresciuta spontaneamente in un bosco non faccia male, anzi...

Questo significa invece che la cannabis di oggi è mille volte più dannosa di quella che fumavano i "figli dei fiori" negli anni Settanta del secolo scorso.

La cannabis rincoglionisce, trasforma persone tranquille in insoddisfatti cronici, sempre incazzati con tutto e con tutti, senza memoria a breve termine, con capacità ridotta di ragionare e di fare operazioni complesse.

Arriviamo ora al suo caso, e cioè alla "psicosi da cannabis", di cui ho scritto alcuni articoli, che possono essere trovati attraverso l'apposito motore di ricerca del blog in alto a destra.

Cosa accade?

Può accadere al primo tiro della prima canna in assoluto, oppure, come nel suo caso, dopo anni di uso ormai cronico.

Può dipendere dallo stato d'animo del momento o dalla particolare qualità della sostanza che si assume.

Indipendentemente da tutto, è il miglior modo per farsi fottere dalla psichiatria moderna, totalmente impreparata a gestire qualunque tematica riguardante la salute mentale.

Il suo è un caso fotocopia: si arriva in Pronto Soccorso e si viene immediatamente sottoposti a terapia antipsicotica, che funziona...

Funziona eccome, dato che il suo scopo è praticamente quello di spegnere un'area del cervello, agendo sul neurotrasmettitore denominato "dopamina".

Risultato? Via le allucinazioni, ma via anche molto di più, e quindi la voglia di emozionarsi, la capacità di arrabbiarsi, di ridere, di scherzare.

Come ha detto lei stesso, una "finta calma", destinata molto presto a lasciare il posto a un decadimento fisico e mentale che solo gli antipsicotici possono dare.

Sostanze demoniache che nel giro di pochi mesi possono sconquassarla fisicamente e mentalmente, facendola ingrassare a dismisura, dormire a dismisura, sviluppare il diabete e un sacco di altre complicanze, oltre a distruggere totalmente la sua vita sessuale.

Un flaccido zombie, che dorme 18 ore al giorno.

Questo vuole? Questo è il destino che si aspetta?

Ripeto ancora di non essere medico e quindi di non poterle dire cosa fare.

Quello che posso dirle è che in 20 anni di carriera, a contatto con malati psichiatrici, non ne ho visto guarire nemmeno uno.

E per guarigione non intendo il sorriso ebete tipico degli antidepressivi.

Per guarigione, intendo tornare a essere uomini e donne pronti ad affrontare la vita, a cadere e rialzarsi, ove la felicità e la tristezza siano normali sentimenti che si alternano in relazione a eventi concreti e non ricollegati al mero uso di ciò che rimane una sostanza di sintesi chimica, seppur legale.

Quindi, cosa farei io?

Prima si disfa di quelle pastiglie, e meglio è.

Più tempo passa, più sarà difficile abbandonare delle sostanze che creano assuefazione, dipendenza e tolleranza in molto meno tempo di quel che si creda.

Può provare a eliminare i farmaci senza scalaggio, considerato il breve periodo di utilizzo, ma stia molto attento agli effetti di rimbalzo, e quindi si ascolti molto bene, dato che ha a che fare con molecole molto subdole.

Prenda poi finalmente la palla al balzo per stare lontano da qualunque tipo di droga (legale o illegale che sia), e si avvicini al mondo dell'unica alimentazione confacente al suo disegno divino, e quindi quella vegana, il più crudista possibile.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.

Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti




2 commenti:

  1. Salve. Condivido in pieno con il signor Bisanti. Prima smette di assumere antipsicotici meglio è. Ho sentito con le mie orecchie una psichiatra parlare del fatto che queste sostanze alterano in maniera permanente il cervello causando dei veri e propri danni irreparabili con conseguente deterioramento della funzionalità cognitiva. Se ne può accertare personalmente leggendo qualcuno dei tanti studi in cui si nota la morte di cellule nervose. Normalmente gli psichiatri mentono per mantenere la compliance del paziente. Si documenti e smetta di prendere tutto. Chiuda anche con la cannabis. Mi raccomando scali i farmaci. Pure smettere di botto può provocare danni gravi e irreparabili.

    RispondiElimina
  2. Ho un fratello ricoverato in psichiatria che per questo problema non riconosce neanche piu i genitori pensa di essere stato adottato e vuole andare alla ricerca dei suoi veri genitorie' in delirio totale minacciando dottori e familiari. E voi mi venite a dire della dieta vegana. Ma per favore. Sicuramente i medicinali non fanno bene ma in questi casi non e' di certo la dieta vegana che aiuta.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.