ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 16 maggio 2014

SEREUPIN: EMOZIONI AZZERATE, PROLATTINA A MILLE, MESTRUAZIONI ALTERATE E SINTOMI DA MENOPAUSA PRECOCE

LETTERA

Ciao Pietro,

innanzitutto grazie dell'immane lavoro che stai facendo per tutti noi, vittime di queste maledette pillole.

Il mio problema? Il più classico, ansia ed attacchi di panico fortissimi dall'età di 23/24 anni (ora ho 41 anni), curati da una decina d'anni, con periodi di tentativo di dismissione, con sereupin.

Quando lo prendo sto bene.. ma quanti e quali effetti collaterali: l'asse ormonale sballatissimo, con mestruazioni alterate, sintomi da menopausa precoce, galattonorrea e prolattina alta.
Il carattere completamente modificato, le emozioni azzerate, ed anche lo stimolo sessuale. Una lobotomizzata.

Ora, stanca di tutto questo e motivata dal tuo blog e da quello di Valdo Vaccaro, ho deciso di smettere con questa porcheria. Sono vegetariana da parecchi anni, vegana da 5/6 mesi, cerco di mangiare molta frutta e verdura cruda, anche attraverso centrifugati.
Sono passati 10 giorni dalla mia ultima pastiglia.. un disastro, oltre ai sintomi fisici da astinenza, mi sta tornando un ansia fortissima, con i soliti pensieri negativi, la solita paura di stare male, di non respirare, di paralizzarmi.
HO PAURA di tutto. Come posso fare? Sono oramai destinata a prenderla a vita? Per avere una vita decente devo tornare a buttare giù la maledetta?.. Troppe volte ho provato.. troppe volte ho fallito.


Oltre all'alimentazione curo anche il mio spirito, con meditazione etc, e il mio fisico, con passeggiate nel parco, bellissimo, vicino a casa mia. Che posso fare ulteriormente?

Ti prego, dammi una speranza, dimmi che se tengo duro ce la farò.. perché oggi non lo credo!!

scusami lo sfogo.. ma non sapevo davvero dove sbattere la testa..


Con infinita stima

Barbara

RISPOSTA

Buongiorno Barbara,
e grazie di aver deciso di scrivere a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno, non prescrivo alcunché e ben me ne guardo dal farlo.

Sono un piccolo uomo di fronte alle vostre enormi sofferenze, ma sono qui per cercare di far comprendere a tutte le persone che hanno voglia di ascoltare, quanto siano dannosi gli psicofarmaci e quanto invece sia potente la capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi, e come dico sempre: via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.

Sereupin: antidepressivo appartenente alla famigerata classe degli SSRI (selettori della ricaptazione della serotonina), il cui principio attivo, la paroxetina, è la molecola, tra i suddetti SSRI, più difficile da dismettere.

Alla faccia degli psichiatri e dei medici di base che, oltre a prescriverla come se fosse acqua fresca, non avvertono quasi mai adeguatamente lo sventurato di turno di quale inferno dovrà sopportare una volta deciso di tentarne la dismissione.

Se solo facessero un salto sui forum americani che studio regolarmente data la mia perfetta conoscenza della lingua inglese, scoprirebbero un mondo a loro sconosciuto.

Il Paxil infatti, nome commerciale dell'antidepressivo a base di paroxetina più diffuso negli States, viene maledetto in continuazione da milioni di americani.

Anzi, tornando un attimo al discorso di prima, gli psichiatri, con una faccia tosta da primato, ne negano categoricamente l'effetto assuefante.

Come negare che il sole sia giallo e le foglie siano verdi...

In questi anni nessuno ti ha curata. Nessuna pastiglia infatti potrà mai interagire con una macchina complessa come il corpo umano, oltretutto avendo l'ardire di insinuarsi nelle milioni (e ancora sconosciute) sinapsi cerebrali.

Lo psichiatra che ti ha visto per la prima volta, al posto di mettere un coperchio sulla pentola a pressione che stava per esplodere, avrebbe dovuto invece abbassare la fiamma, andando quindi a scardinare il vero motivo alla base della tua sintomatologia psichiatria, senza sopprimerla a suon di bombe chimiche che adesso ti hanno lasciato con due problemi.

Il primo, che non sei guarita affatto; il secondo, che dovrai anche affrontare la dismissione e tutta la tossicità pregressa dei suddetti farmaci.

Tutta la sintomatologia che stai sperimentando non è quindi nient'altro che lo sforzo mostruoso che il corpo umano sta ponendo in essere per tornare a uno stato di equilibrio, detto "omeostasi".

In pratica, gli psicofarmaci vengono visti dal corpo umano per quello che in realtà sono, e cioè una sostanza estranea, un veleno, e quindi ne tenta l'espulsione immediata.

Essendo però queste molecole altamente infiltranti, il corpo le "subisce", andando però a modificare le proprie reazioni biochimiche a livello cerebrale in modo tale da "adattarsi" a questa intrusione.

Ora che non stai assumendo più nulla (o comunque quando si comincia ad assumere una dose inferiore), il corpo può finalmente ritrovare il suo equilibrio perduto, e lo fa riprogrammandosi come il più sofisticato computer, ma questo comporta, come detto testé, tutta la sintomatologia che stai sperimentando.

Ma attenzione...

Il dottorone di turno non farà altro che dirti che la tua "malattia" sta riaffiorando.

Balle, e pure cosmiche.

Non fatevi prendere per i fondelli con la storia della malattia che ritorna.

Ora, quali sono le contromisure?

Dieci anni di farmaci sono molti, moltissimi, e sei già stata bravissima a scalare, arrivando a zero.

Nei miei 14 anni di esperienza ho visto persone scalare con facilità, altre con enorme difficoltà.

Ho visto persone eliminare farmaci senza problemi, anche presi da anni, mentre altre patire le pene dell'inferno nonostante li avessero presi per pochi mesi.

Cosa significa questo? Significa che ognuno è diverso, ma, di norma, più tempo li si prende e più sarà difficile e pesante dismetterli.

Ma non ho dubbi che tu ce la farai.

Ora hai come alleato il sottoscritto e questo blog. Hai come alleata la tua alimentazione vegana, che ti consiglio di spingere ad un buon 80% di crudo, con eliminazione totale del glutine. Hai come alleata la tua voglia di informarti e di conoscere la verità vera (e ti consiglio vivamente di leggere il mio libro "Assassini in pillole: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere"). Hai infine come alleata la consapevolezza che è il miglior medico del mondo, e cioè il tuo sistema immunitario, ad aver preso in mano le redini della tua salute.

Stai facendo tutto per bene.

Sole a più non posso, frutta e verdura crude, accettazione della sintomatologia con la certezza che passerà.

Cibi puliti-pensieri puliti: questo è il binomio vincente.

Io sono con te.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO

ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


7 commenti:

  1. Ciao Barbara, premetto che senza questo meraviglioso blog, che apre le menti e le coscienze, non avrei mai avuto la forza di liberarmi da una delle molecole più potenti che impestano la sfera psichiatrica: le benzodiazepine. Cinque anni di assunzione più o meno ripetuta con picchi di 60 gocce al giorno (unitamente a vari farmaci antidepressivi che non hanno anti-depresso proprio un tubo, pertanto puoi immaginare quale discarica di tossine era ed è ancora in minima parte, il mio corpo). So perfettamente come ti senti: sono esattamente un mese e 5 giorni che ho dismesso lo Xanax e ti garantisco che ciò che ho passato nelle prime fasi di sospensione non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico: tremori, freddo, dolori alle ossa, ai muscoli, confusione, stato febbrile, ansia a mille, contrazioni epigastriche, gambe "inconsistenti" senza forza ed un dimagrimento repentino di circa sei chili per non parlare della depressione indotta. Ma non mollo e non lo devi fare nemmeno tu! Come Pietro scrive vivrai momenti infernali ma è importante la determinazione e sapere che abbracciare nuovamente la psichiatria sarà come finire in pasto ai leoni di nuovo, con il risultato che nulla riuscirai a guarire ma solo a peggiorare il tuo status già compromesso dall'uso reiterato del Sereupin. Per quanto mi riguarda so che la strada è ancora in salita ma giorno per giorno sento che non solo il mio corpo ma anche la mia anima stanno acquistando nuova consapevolezza. Sto abbracciando con fermezza i principi alimentari che sono alla base del benessere psico - fisico, ho bistrattato per anni il mio corpo ingurgitando chili e chili di carne unitamente agli zuccheri, per non parlare del glutine, perciò, via tutto questo schifo ed ogni giorno mi "inondo" letteralmente di centrifugati per coadiuvare il mio metabolismo nel processo di disintossicazione, oltre ad avere incrementato l'ingestione di verdura e frutta.

    Non sei sola Barbara e non voglio raccontarti cazzate: passerai momenti che, definire difficili, è un eufemismo, ma ciò che ne trarrai appena tutto questo sarà passato, sarà un senso di enorme liberazione e soprattutto di immensa libertà. Libertà si, poichè gli psicofarmaci ti incatenano, lobotomizzano, ti fanno perdere il senso reale della vita. Letteralmente.

    Non mollare e tienici informati.
    E Grazie Pietro, sei UNICO.

    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pietro, grazie Beatrice,
      oltre alle pastiglie ho sempre cercato di curare la mia mente con vari tipi di psicoterapia.. ho fatto di tutto..(anche ipnosi regressiva) perchè dentro di me sapevo che dovevo e volevo andare oltre..non è servito niente (tranne che a farmi sperperare un sacco di soldi).
      Ma mai nessuno che mi abbia chiesto: "cosa mangi?"... pazzesco..

      Ora so che ho la possibilità di farcela.. perchè adesso ho la chiave in mano per aprire alla porta della mia salute!
      non sarà facile, lo so.. evito pure di parlarne in famiglia (mia madre).. perchè si spaventerebbe e tenterebbe di convincermi a fare diversamente, ed io non voglio avere condizionamenti di nessun tipo. Il mio compagno è con me in questa cosa.. ciò basta.

      Da quando ho eliminato certi alimenti, soprattutto latte e formaggi, che consumavo tantissimo un po' per compensazione dell'essere diventata vegetariana, la mia vita è cambiata.
      Ora l'osso duro sarà il glutine, io adoro il carboidrato, anche se ho molto, molto diminuito le dosi. Il caso vuole che mia suocera sia celiaca.. quindi approfitterò della sua conoscenza per passare a sostitutivi per celiaci, per poi dispettere tutto con farine e cereali vari, devo disintossicarmi anche dal carbo ;-)

      Nella vita ho superato molte, moltissime prove difficili, sono determinatissima a riuscirci anche in questo caso.

      Vi terrò aggiornati, promesso
      Barbara (la Fenice)

      Elimina
    2. Ciao Beatrice.. sono tre mesi che sono senza sereupin... un po' di inferno.. senza dubbio si è presentato.
      Vivo di alti e bassi.. ma almeno vivo, e senza lobotomizzazione.

      Non è facile, perchè ho paura che siano i sintomi della depressione/panico che ho sempre avuto.

      Tu come stai andando?

      Quanto tempo passerà perchè sia tutto finito? riusciremo ad avere una vita normale?
      Oggi sono un po' così..

      ti abbraccio..
      Barbara

      Elimina
  2. Non dimenticare i denti. Denti con otturazioni di amalgama o devitalizzati sono causa di molti problemi anche psichici. Leggete del dott. Antonio Miclavez "odontoiatria tossica odontoiatria vitale" o andate sul sito di Matteo Dall osso o di Cristiana Di Stefano per maggiori informazioni. Oppure leggete Toxic Dentistry Explorer Del dott Greaeme Munro Hall in inglese. Presto verrà diffusa la traduzione in italiano che ho fatto io. Gratis. .nel libro sono riportati numerosi casi di malattia nervosa dovuta a denti.

    RispondiElimina
  3. Buonasera, sono psicologo e medico.
    Mia madre è depressa da anni, e l'unico sistema buono che riesce a placare la sua depressione è la fluoxetina, o prozac.
    Non l'ho mai vista così serena.
    Mi sembrava corretto aggiungere quest'esperienza al blog, dato che non è un blog scientifico, e dunque evito di commentare in modo scientifico.
    Mi pare di aver letto che i vaccini sono una porcheria..Voi siete esenti dai vaccini x la poliomelite? Fatemi sapere

    RispondiElimina
  4. Buonasera Anonimo, medico e psicologo,
    per mia curiosità personale, posso sapere se sua madre ha mia tentato la via dell'alimentazione per spazzare via questo "male di vivere" che affligge milioni di persone? Glielo chiedo poichè io stessa so perfettamente che lo psicofarmaco ci rende sereni, il problema è il rovescio della medaglia: effetti collaterali inenarrabili, perdita di libido ( e se permette a 36 anni gradirei avere una vita sessuale come tutti gli esseri umani ), perdita della memoria anterograda, DISBIOSI INTESTINALE. Potrei andare avanti ancora ad elencare i disturbi che l'uso reiterato degli antidepressivi ed ansiolitici provocano al corpo, pertanto mi chiedo: per quale razza di motivo, prima di prescrivere farmaci su farmaci non si informa il paziente che può ESSERE contemplata la guarigione tramite l'alimentazione o quantomeno attenuare considerevolmente questi sintomi devastanti per mente e corpo?

    Le racconto un piccolo anedotto: per tre settimane circa ho cercato - e non con poca fatica - di essere estremamente rigorosa con l'alimentazione; ho ceduto per gola domenica ingugitando stinco di vitello, lunedì due uova, ieri sera una bella orata. Appena ho finito di mangiare è salita l'ansia alle stelle, l'ho sentita partire dallo stomaco e le garantisco che con l'alimentazione controllata era pressochè scomparsa.

    Ora, che cosa mi risponde?
    Gradirei sinceramente da lei una risposta, con tutto il cuore.

    Inoltre, non ho capito la sua domanda sul vaccino per la poliomelite, cosa intende?

    A proposito di vaccini: feci un ciclo di vaccini per allergia alle Graminacee, al terzo ciclo il mio corpo è andato in shock anafilattico e si fidi che nemmeno il cortisone mi ha sgonfiato la gola nell'immediatezza. Tuttavia sono viva. Ma se per immunizzarmi devo rischiare di morire allora no, non ci sto.

    Mi faccia sapere lei.

    Cordialmente,
    Beatrice

    p.s.: - è vergognoso che si continui a minimizzare l'effetto dipendenza che danno gli ansiolitici. Avrei voluto che lei fosse stato in camera con la sottoscritta quando ho tolto definitivamente lo xanax dopo cinque anni. L'inferno in terra ed ancora non ne sono uscita del tutto dopo quasi due mesi di sospensione. Eppure ricordo che il mio psichiatra mi disse che NON DAVA ALCUN EFFETTO DI DIPENDENZA.

    RispondiElimina
  5. proprio il prozac, certo che vuole proprio bene a sua mamma..prima di bloccare il problema è andato alla radice? alimentazione e comprensione..i malati non vanno trasformati in lobotomizzati perchè danno fastidio..vorrei vedere se quando era piccolo sua mamma le avesse dato un sonnifero per non farla svegliare durante la notte..cmq i vaccini sono monnezza eccome, legga gli studi del Dottor Montanari e di sua moglie (visto che vuole commenti scientifici) o del Dottor Gava o di tanti altri, o gli studi effettuati dalla asl di Verona in merito.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.