ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 27 agosto 2015

PSICOSI POST-CANNABIS. MIO FIGLIO MIGLIORA CON I FARMACI. MA HO DAVANTI VERAMENTE MIO FIGLIO?

LETTERA
Buonasera,

seguo da un po' il suo "coraggioso" blog... e sto valutando di proporre a mio figlio di iniziare lo scalaggio..Ha 23 anni, intorno ai 20 ha avuto una depressione (sospeso cannabis)..poi ripreso ad assumere cannabis..e altre sostanze psicostimolanti..quindi un primo episodio psicotico (tso)...uscito dal reparto con zyprexa e abilify...poi ha ripreso la cannabis / altre sostanze ...e dopo un anno..di nuovo episodio psicotico più forte...(2 tso)...Ora da un anno prende litio e depakin.

Ha smesso di drogarsi..fa molto sport. Ha trovato un lavoro part time e cerca di dare ancora qualche esame all'università. Mangia molta frutta e verdura...e ha smesso di fumare sigarette. Grandissimi passi.
Vorrebbe iniziare lo scalaggio..ma la psichiatra gli ha detto forse fra un anno...

Se volesse iniziare a farlo da solo..come fare quando poi la psichiatra prescrive i controlli ematici del range del litio e del depakin....che inevitabilmente andranno "sotto.."?

Grazie per il tempo e l'impegno che dedica a tutti noi...


Lettera firmata

RISPOSTA

Buongiorno Anonima,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Voglio essere propositivo come è nel mio stile e nel mio "credo", ma voglio anche essere chiaro e intellettualmente onesto con lei.

Ribadisco prima un concetto ormai noto a chi frequenta questo blog: la cannabis odierna NON è quella fumata dai "figli dei fiori" negli anni Settanta del secolo scorso.

La cannabis fa sempre male, ma quella che gira per le strade oggi è una porcheria geneticamente modificata, tagliata e potenziata.

Complice il messaggio fuorviante e delinquenziale che la "cannabis curerebbe tutti i mali del mondo", ecco che milioni di giovani in tutto il mondo continuano a finire in Psichiatria a causa di questa foglia verde, il cui unico posto è attaccata alla pianta che la crea.

E la moderna Psichiatria, spesso con dolo, a volte per mostruosa ignoranza, bombarda il malcapitato di turno di sostanze fondamentalmente ancora più tossiche, quali gli antipsicotici.

Invece di aspettare la fine di un attacco psicotico post-cannabis (ogni crisi è infatti destinata a rientrare, sempre), monitorando e contenendo il "malcapitato" di turno (e qui, come dico sempre, se esistessero le camere imbottite presenti in molte carceri americane, ecco che si eviterebbero le odiose e pericolose cinghie di contenzione), si preferisce provare a "scacciare" la tossicità della cannabis o delle altre droghe illegali con sostanze altrettanto tossiche ma legali: il classico dalla padella alla brace.

Ora, lei dice che suo figlio è migliorato. Ha trovato un lavoro part-time, qualche esame all'università, tanto sport e tanta frutta e verdura.

Ma mi sorge spontanea una domanda...

Quello che lei ha davanti è suo figlio? Il VERO suo figlio?

Gli stabilizzatori dell'umore come il Depakin e il Litio non fanno altro che agire appiattendo l'umore, evitando quindi che vi siano sbalzi, sia in "positivo" che in "negativo".

L'essere felici, tristi, delusi, spaventati, grintosi sono tutti aspetti dell'animo umano. E quando non "patologici" sono semplicemente l'espressione del nostro essere.

La risposta quindi gliela do io.

La moderna Psichiatria, in questo caso, ha rimediato agli abusi di sostanze di suo figlio, e fondamentalmente, in tutta onestà, qualcosa di buono lo ha fatto.

Lo ha fondamentalmente rincretinito in modo tale da evitare un successivo utilizzo di stupefacenti.

Ma la soluzione non è questa.

Non si tramutano le persone in "soldatini modello" imbottendole di stabilizzatori dell'umore.

Guarire significa tornare alla vita, emozionarsi, arrabbiarsi, prendere decisioni, sbagliare.

Questa è la vita.

Quindi, quello che lei ha davanti non è suo figlio. È né più né meno un tossicodipendente legalizzato, e se ne accorgerà quando proverà a scalare i farmaci, soprattutto il litio.

I nostri pensieri e il nostro umore NON devono dipendere dall'assunzione giornaliera di una sostanza tossica, che altro non fa se non soffocare il nostro IO interiore.

Un po' come l'enorme fesseria che psichiatri e psicologi continuano a proporre: la psicoterapia quale adiuvante della terapia farmacologica... A che caspita serve scavare dentro i propri problemi se i pensieri sono modificati da una pastiglia...

Premesso questo, si può e si DEVE guarire. Ma nel senso più profondo del termine.

La psichiatra non vi scalerà i farmaci, almeno non nel breve periodo.

E più si va avanti, più il sistema nervoso di suo figlio farà fatica a dismetterli.

Inevitabili, quindi, saranno le crisi eliminative che arriveranno, che altro non sono che la conseguenza dello sforzo del corpo di tornare a uno stato di omeostasi, cioè di quiete, di normalità.

Lo scalaggio, secondo linee guida internazionali, deve essere in questo caso lento, cominciando con il Depakin e tenendo il litio per ultimo, e del non più del 10% al mese.

Al tempo stesso, non basta mangiare una mela o una banana in più.

Qui va considerato anche e soprattutto quello che NON va mangiato.



Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

Vale, anche in queso caso, un saggio approccio lento e costante, per evitare crisi eliminative troppo forti.

L'"elisir di lunga vita" è quindi l'alimentazione vegana, crudista quanto basta, a zero glutine e con pochissimi cereali che non lo contengono e legumi (sarebbe meglio eliminarli del tutto), a basso tenore di grassi, per non ingolfare il corpo rendendo viscoso il sangue.

"Cibi puliti-pensieri puliti": l'affetto, la comprensione, i pensieri positivi sono un meraviglioso sistema di guarigione, ma che DEVE sempre posare su un'alimentazione corretta.

Sono stanco di vedere persone sotto psicofarmaci ingrassare decine di chili, camminando con lo sguardo zombizzato, dicendo che "va tutto bene"... Anche il tossico mentre si fa una pera di eroina dirà che la vita è bella.

Stare bene significa vivere lucidi senza sostanze. Tutto il resto sono bugie.

Quindi, ai sensi dell'art. 32 della Costituzione, siete gli unici a poter prendere in mano la vostra salute.
Suo figlio non deve spiegazioni alla psichiatra, e non è obbligato a fare esami o prendere farmaci.

Bisogna però agire d'astuzia, per evitare Accertamenti Sanitari Obbligatori.

Il mio consiglio è quindi di trovare uno psichiatra privato che concordi con voi nello scalaggio e che vi segua formalmente. Poi, come detto, in assenza di obblighi di Legge, nessuno è obbligato a "farsi curare".

Bisogna farsi rispettare, o si sarà sempre schiavi di questi aguzzini in camice bianco che, con dolo o con colpa, distruggono comunque la vita delle persone.

Io ci sono.

Ci sentiamo in privato.

Forza e coraggio
Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.





Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.