ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 6 marzo 2017

MIO FIGLIO SOTTO PSICOFARMACI E' ORMAI "UN ARREDO DI CASA". PIETRO, AIUTAMI

LETTERA

Buongiorno Pietro, ho conosciuto il tuo blog grazie ad un caro amico che me l'ha segnalato, leggendo le varie lettere che sono arrivate e le risposte che dai, non ho potuto fare a meno di pensare alla situazione di mio figlio che, ormai diciottenne, ha un passato e un presente di chiusura sociale ed emotiva.

Il ragazzo in età adolescenziale (periodo della scuola media), ha cominciato ad assumere un atteggiamento di chiusura verso il mondo esterno alla famiglia, sino a quando questa chiusura, si è manifestata in un assoluto desiderio di non uscire quasi più da casa e interrompere ogni contatto con amicizie e parentela, eccezione fatta per i nonni.

Di fronte a tale situazione io e mia moglie ci siamo allarmati e vista la chiusura del ragazzo di fronte alla richiesta di motivazioni per questo suo atteggiamento che, giorno dopo giorno, si faceva sempre più estremo, ci siamo rivolti ad un centro di aiuto per adolescenti della nostra città.

Parlato con gli psicologi del centro, decidiamo di portare il ragazzo, per una serie di sedute, che si sono protratte senza risultati evidenti per alcuni anni, anzi il ragazzo si è anche ritirato da scuola.
Visto il protrarsi della situazione, su consiglio dello psicologo del centro, ci rivolgiamo ad il servizio di psichiatria minorile di ****** che dopo una veloce valutazione del ragazzo, partono immediatamente con una cura che consiste nell'assunzione di psicofarmaci fluoxetina 20 mg, carbolitium 300mg e aripripazolo 15mg al giorno.

Dopo quasi un anno che assume questa porcheria, oltre ad non avere avuto nessun risultato per quanto riguarda i contatti sociali, il ragazzo è ancora chiuso nelle mura domestiche e rifiuta quasi in toto ogni contatto esterno e dopo presentata la situazione alla psichiatra, che ormai essendo diventato maggiorenne e avendo dovuto passare dal centro minorile a quello per maggiorenni, è cambiata, l'unica cosa che ci consiglia è di aumentare la dose del farmaco!!

Ora io ho notato in mio figlio, in modo particolare negli ultimi mesi, un cambiamento negli atteggiamenti, è molto meno motivato, al mattino si alza con difficoltà e il suo sguardo spesso è assente e pensieroso.

Immagina il mio dolore e quello di mia moglie nel vedere nostro figlio che, ormai fa parte di un arredo domestico e mi fa male scriverlo, e non vedere nessun sviluppo positivo, ed immaginiamo il suo futuro senza studio e senza esperienze di lavoro, come triste e di dipendenza dalla famiglia e dai farmaci.

Forse ho sbagliato ad affidarmi ai medici in totale fiducia, forse avrei dovuto cercare altre strade per mio figlio, ma in totale buona fede ero convinto che tramite il servizio sanitario, avremmo, quantomeno, avuto un aiuto dal punto di vista di un sostegno al ragazzo diverso da quello solo ed esclusivo del farmaco.

Chiedo il tuo parere e ti espongo il mio timore che, facendo presente questi miei dubbi alla psichiatra, possa comunque imporre al ragazzo l'uso del farmaco per " il suo bene ".
Ti ringrazio, complimenti per quello che fai e il coraggio di metterti contro un sistema bloccato e con una visione unilaterale di affrontare il problema della psichiatria.
Lettera firmata



RISPOSTA


Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Se prima di cominciare una maratona, ti mettessero nel bicchiere 20 gocce di tranquillante, ti meraviglieresti del fatto di non riuscire a correre?

Alla stessa maniera, il fatto che tuo figlio, come dici, sia diventato "un pezzo di arredo" e non più un essere umano è semplicemente la "normale" conseguenza dell'utilizzo dei farmaci che tu ora chiami "porcheria", proprio perché ti sei accorto di come distruggano completamente corpo e mente di chi li assume.

E davanti all'evidenza della loro sconfitta, che cosa fanno questi "luminari", che hanno studiato per anni e anni? Ti rimandano a casa, dicendoti che il problema non esiste, e che, anzi, devi ancora aumentare i dosaggi.

Ti basta per capire con chi hai a che fare?

Tornando indietro, NESSUN medico, dico NESSUNO si è minimamente preoccupato di "aggredire" il problema di tuo figlio anche dal punto di vista fisico/organico, cioè capire se ci fosse qualcosa che NON FUNZIONAVA, non nella sua testa, ma nel suo corpo.

In Italia, a livello psichiatrico, siamo al Medioevo, mentre in altri Paesi finalmente si approccia la persona in maniera multidisciplinare e multifattoriale.

E' PIENO ZEPPO di studi scientifici che collegano l'alimentazione, le amalgame al mercurio, i denti devitalizzati, le cure antibiotiche etc... a problemi di natura psichiatrica anche severi.

Il mio approccio igienista e quindi da NON medico è di una semplicità disarmante: si prende in mano la propria salute, si scalano i farmaci in maniera lenta e costante secondo un protocollo stabilito e al tempo stesso si ricercano TUTTE le cause tossiche/metaboliche che possono influire con il delicato complesso delle reazioni biochimiche cerebrali.

Si parte quindi virando decisamente verso un'alimentazione vegana, crudista quanto basta, a ZERO glutine e a BASSISSIMO livello di grassi, in pratica l'alimentazione specifica per l'essere umano, che non è un leone, una mucca o un uccello, ma rimane un primate. Difficile da capire?

NESSUNO psichiatra può imporre NESSUN farmaco se non in regime di TSO. E i TSO NON si fanno perché uno non vuole prendere i farmaci, ma solo se sussistono GRAVI e IMMEDIATI pericoli per se stessi e/o per gli altri.

Bisogna essere INFORMATI dei propri diritti e FARSI VALERE.

Non siamo nel Medioevo o in un Paese dove ti impiccano se sei omosessuale.

Siamo in Italia. Nel 2017. E non si china la testa quando si è nella ragione.

Ci sentiamo in privato.

Avanti così

Pietro Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.