ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Igienista e consulente legale specializzato in ambito giuridico-psichiatrico, ricercatore indipendente sul disagio umano con particolare attenzione a quello giovanile e sui danni da psicofarmaci (NOTA BENE: L'Igienismo è uno stile e filosofia di vita e NON una specializzazione in ambito medico), già maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 25 gennaio 2018

TONNELLATE DI FARMACI E RICOVERI: UNA TESTIMONIANZA CHE RACCHIUDE TUTTO IL FALLIMENTO DELLA PSICHIATRIA

LETTERA

Buongiorno mi chiamo ****, ho 27 anni e scrivo per un mio problema. Da circa 6 anni soffro di attacchi di panico violenti, 1 anno fa mi hanno diagnosticato disturbo borderline di personalità (in quanto mi taglio e cose simili).

La terapia che mi hanno assegnato è la seguente:
-sertralina 50 mg
-en 20 gg per 2 (le sto scalando)
-una fiala mensile da 100 di xeplion
-20 gocce di talofen
-1 compressa da 30 di felison.

Io vorrei uscire da questo giro di medicinali perché non mi sento più la stessa persona.

Sono apatica, non ho voglia di fare nulla, sono appiattita emotivamente, non ho più stimoli.

La mia paura più grande è che interrompendo i farmaci si possano ripresentare quei mostri di attacchi di panico, di cui ho una gran paura. 

Per il disturbo borderline, potrei seguire una psicoterapia? Mi aiuterebbe? In un anno ho fatto un innumerevole corso di ricoveri (mai in tso), per cui chiedo consiglio su come interrompere gradualmente queste medicine e nel caso, come prevenire gli attacchi di panico.

Spero in un aiuto, mi sto sentendo sprofondare in un abisso! Grazie di cuore!

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonima,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi...

E' tutto, TUTTO profondamente sbagliato.

In primo luogo: i cialtroni in camice bianco che continuano ciclicamente a "seguirla", oltre ad averla caricata di una terapia farmacologica DISUMANA (io sono contro ogni psicofarmaco, ma somministrarne cinque, tra cui un depot, è veramente criminale), continuano imperterriti - volontariamente, per ignoranza o menefreghismo - a NON SRADICARE LE MOTIVAZIONI organiche/alimentari/emozionali/psicologiche/ambientali alla base della sintomatologia in atto.

Continuano, per fare un esempio, a spruzzare insetticida per uccidere le mosche evitando invece di portare, in maniera risolutiva, LA SPAZZATURA FUORI DI CASA.

L'Igienismo, a differenza della medicina allopatica, considera il corpo umano una reliquia da toccare solo in casi emergenziali.

Una macchina autoreferenziale che è capace di sbrigarsela da sola, senza l'intromissione della distruttiva mano dell'uomo.

A maggior ragione, quando si ha la pretesa di far interagire delle sostanze chimiche create in laboratorio con 100 miliardi di neuroni il cui funzionamento è ancora pressoché sconosciuto. 

Lei NON è PAZZA. Lei NON è MALATA.

E' "semplicemente" intossicata marcia. 

Il suo corpo, capace di autoregolarsi, deve invece, ogni santo giorno, contrastare una marea di sostanze estranee che vanno a colpire direttamente le connessioni neuronali, superando la barriera ematoencefalica.

I "luminari" che la seguono hanno sacrificato la SUA VITA, la sua capacità di emozionarsi, di ridere, di scherzare, di arrabbiarsi, insomma di essere UMANA, con una parvenza di devastante tranquillità.

E tutto questo mi fa ancor di più incazzare, perché uscire da TUTTE le problematiche di natura fisica e mentale (che sono sempre interconnesse) è molto più semplice di quanto non si pensi.

Risulta certo molto più difficile mettere in discussione il proprio stile di vita, a cominciare da quello che si mangia, si inala o ci si inietta, fino ad arrivare alle persone che si frequentano, con cui si convive, con cui si hanno veri e propri scambi energetici ed emozionali.

Io, se fossi in lei, provvederei ad uno scalaggio graduale dei farmaci, uno alla volta, in ragione del 10% al mese, così come da linee guida internazionali, applicate in tutte le cliniche SERIE che aiutano all'estero a dismettere gli psicofarmaci.

Unito a questo, provvederei, sempre gradualmente ma inesorabilmente, ad un cambio alimentare che si sposti nettamente verso il vegancrudismo ad altissimo livello di frutta e a bassissimo livello di grassi.

Lei non ha bisogno dell'ennesima psicoterapia che scavi nel suo passato. A che diamine serve fare psicoterapia sotto l'influenza di cinque psicofarmaci? Se non ripulisce il suo corpo, certo non potrà lavorare correttamente con i suoi pensieri.

Tornare indietro dopo anni di una tale quantità di farmaci NON è una passeggiata, è uno TSUNAMI, che questo le sia chiaro.

Tutte le altre strade sono solo, a mio giudizio, scorciatoie, che porteranno, quando va bene, a finti periodi di benessere, che lei, paradossalmente, NON HA NEMMENO, nonostante quintalate di psicofarmaci.

Le basta questo per riflettere?

Pietro Eupremio Maria Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.













2 commenti:

  1. Non ce bisogno proprio di tutti questi farmaci ...fai quello che vuoi parla da sola urla ridi circondati di qualcuno...mangia fai sport ...al Max tieni sempre vicino a te un tavor da prendere non tutti i giorni solo in caso estremo...in tutti gli altri casi resisti e vedrai che scomparirà tutto.Pensa Carlo Magno lui affrontava la guerra ,quanti attacchi doveva avere?

    RispondiElimina
  2. mettono nel corpo diversi farmaci che poi aumentano sia gli effetti collaterali e poi nemmeno poi gli psichiatri sanno come gestire uno zombie..un giorno li tolgono uno ne mettono un altro , poi li levano tutti e li rimettono e cosi' via..tutto un miscuglio che non sanno nemmeno loro quale togliere e rimettere in caso di crisi...allora se pieno di farmaci stai male lo stesso non e' meglio stare lo stesso male ma senza farmaci ?? Almeno non prendi gli effetti collaterali

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.