ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 27 novembre 2012

XANAX, CLOZAPINA, ABILIFY, DEPAKIN CRONO E LAMICTAL E NESSUNA GUARIGIONE

LETTERA

Ciao Pietro mi chiamo Daniele ed ho 26 anni, ho trovato la tua mail su un blog, ti volevo dire che è da circa 2 anni che assumo psicofarmaci (xanax e clozapina) che non riesco proprio a eliminare. Insieme a questi prendevo anche abilify, depakin crono e lamictal che grazie a Dio sono riusciuto ad eliminare.
Da quando li assumo sono diventato completamente un altra persona, non sono più la persona solare e socievole che ero, ma anzi sono il contrario ed inoltre sono anche aumentato di peso e questo non lo accetto proprio.
Ho provato ad eliminare anche la clozapina ma sono durato solo 3 giorni, non ce l'ho proprio fatta.
Ti volevo chiedere se anche tu in passato prendevi psicofarmaci e se mi potevi aiutare in qualsiasi modo a smettere di prendere queste porcherire.
Grazie.

RISPOSTA

Ciao Daniele,
cercherò di darti tutti i consigli che ritengo possano esserti utili, ma prima devo fare una piccola premessa.
Non sono un dottore, non curo nessuno, no, psicofarmaci non ne ho mai presi ma ritengo ormai di aver acquisito una grande esperienza a riguardo dopo anni di studi e di esperienze personali anche sul campo, che mi hanno portato a considerarli forse la sostanza più demoniaca inventata dall'essere umano.
Sono infatti un operatore delle forze dell'ordine, e i contatti con la moderna psichiatria sono ormai all'ordine del giorno. A metà del prossimo anno sarà pronto un libro che sto scrivendo a riguardo.
Veniamo a noi.
Ti hanno appioppato:
Xanax: nessuno lo dice, ma una, se non la benzodiazepina più potente e la più difficile da scalare e da eliminare.
Clozapina: antipsicotico utilizzato per pazienti schizofrenici resistenti al trattamento.
Abilify: farmaco utilizzato per curare gli episodi maniacali e il disturbo bipolare di tipo I.
Depakin crono: indicato sia per l'epilessia che per gli episodi maniacali nel disturbo bipolare di tipo I, allorquando il litio sia controindicato.
Lamictal: farmaco utilizzato per l'epilessia e per la prevenzione degli episodi depressivi nel disturbo bipolare.

Ora, dopo cotanta farmacologia dovresti essere diventato un superuomo, mentre in realtà ti sei semplicemente aggiunto a tutta la lista delle persone che mi scrivono dicendomi di essersi rovinate a causa degli psicofarmaci.
Non so la tua storia pregressa, non so le tue abitudini di vita, non so nulla di te, ma proverò lo stesso a farti capire alcuni concetti.
Gli psicofarmaci, come la maggior parte dei farmaci, bloccano una sintomatologia. La sparizione di quella determinata sintomatologia è l'unico obiettivo dello psichiatra.
Prendo il farmaco, non ho allucinazioni, sono guarito.
Smetto il farmaco, riprendono le allucinazioni, significa che ho bisogno del farmaco tutta la vita.
Ecco perché chi inizia a prendere psicofarmaci sarà obbligato quasi sempre a prenderli o continuamente tutta la vita o a cicli.
Il motivo? Perché la vera causa del disturbo non è mai stata né individuata né quindi sradicata.
Mi sembra un concetto così semplice che anche un bambino senza lauree o master riuscirebbe a comprendere.
E la tua mail punta il dito anche contro un altro aspetto: la dismissione.
Ti hanno sicuramente "calmato", ti hanno permesso di sopravvivere...ma dove è la tua vera vita?
Hai barattato la tua forma fisica, il tuo vigore sessuale, la tua voglia di vivere, di imparare, di incuriosirti, di sperimentare, di viaggiare con un falso, illusorio senso di apparente calma.
E su questa strada stai sicuro che la vera guarigione mai la raggiungerai.
Bisogna armarsi di grande pazienza e mettersi nelle mani dell'unico medico al mondo che ti conosce bene: il tuo sistema immunitario.
Ora sei una pentola a pressione che sta per scoppiare, a cui hanno messo un coperchio farmacologico.
Bisogna quindi disinnescare lo scoppio, in modo tale da poter togliere senza problemi il coperchio che ti hanno messo.
Questo significa capire le cause, siano esse di origine psicologica, organica o entrambe che stanno facendo funzionare male il tuo corpo.
Quando i "malati psichiatrici" capiranno che il sistema nervoso è fatto anch'esso di sangue, e che quindi un sangue marcio fa venire tanto un tumore quanto la depressione riusciremo finalmente a entrare in un'altra era.
Nessuno nega che le avversità della vita possano abbattere anche il più forte essere umano, ma gli psicofarmaci non sono mai e poi mai un rimedio, ma solo un pericoloso tampone che porta illusorio benessere, quando va bene, nel corto periodo, per poi portare un enorme conto da pagare nel lungo.
Quindi, Daniele, l'unico che può prendersi le responsabilità anche legali su te stesso sei tu.
Gli psicofarmaci vanno scalati, e sei già stato bravo.
Ti consiglio sempre di scalarne assolutamente uno per volta.
E comincerei con lo Xanax.
Prenditi il tempo che ti serve, scalalo con tutta la calma del mondo, trova uno psichiatra alternativo che ti assista e ti conforti in questo scalaggio.
Non spaventarti delle crisi da dismissione che arriveranno e tieni duro, che anche se forti passano, passano sempre.
Continua la strada del cambiamento totale: la dieta onnivora è alla base del decadimento anche mentale della nostra società.
Via tutto quello che può interferire con il tuo corpo e con la delicata biochimica celebrale: sigarette, droghe, caffé, thè. zuccheri artificiali. Via tutto.
Devi arrivare ad alimentarti come Madra Natura ha deciso, con una alimentazione vegana il più crudista possibile.
Leggiti bene i quasi 100 articoli del blog e fatti un'idea a riguardo.
Parti dal concetto che i problemi mentali non sono tutti nella testa, ma possono essere, e molto spesso lo sono, conseguenza di problemi di origine organica.
Una tiroide che funziona male è causa di depressione.
Una presenza forte di metalli pesanti è causa persino di psicosi (e quindi bisogna investigare la presenza di amalgame al mercurio o altre esposizioni).
La presenza di denti morti, devitalizzati, può influire sul sistema nervoso.
L'intolleranza al glutine è da valutare con attenzione, in quanto è alla base di una miriade di disturbi mentali.
Quindi, rivoltati come un calzino, sfiamma il tuo intestino con la giusta alimentazione e dai tempo al tuo corpo di ristabilirsi.
Credici, o salterai, per tutta la vita, da un farmaco all'altro, e gli anni persi mai nessuno psichiatra te li restituirà.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore


Pietro Bisanti





13 commenti:

  1. Posso confermare che, dopo quasi 5 anni di assunzione di xanax, erano più i momenti in cui stavo male che quelli in cui stavo bene, ,i spiego meglio.
    L'alprazolam, principio attivo dello xanax, è un ottimo ansiolitico e sonnifero, ma, ha il forte svantaggio di avere una brevissima "emivita", in parole povere, il suo effetto è molto breve nel sangue e quindi a livello cerebrale; ne consegue che , si è costretti a ripetute assunzioni durante il giorno per mantenere uno stato costante di "non ansia".
    A questo punto, la "disintossicazione" dallo xanax dovrebbe avvenire passando a un ansiolitico magari meno potente ma che ti consenta una sola assunzione al dì. Ve ne sono svariati, basta chiedere al medico o al farmacista. Una volta stabilizzatosi con il "nuovo" ansiolitico, si potrebbe cominciare una riduzione lenta e progressiva, non inferiore a 8-10 mesi. Se alla fine dello scalaggio i sintomi ansiogeni ricompaiono, le cose sono due: o si è innestata una "dipendenza", il che avviene nel 60-70% dei casi in generale, o, la sintomatologia ansioso-depressiva non è passta ancora, ma ahimè perdura. Questo è un problema delicato, e di non facile individuazione perchè la non guarigione è quasi simile ai sintomi di astinenza. Io sto cercando ancora di eliminare del tutto l'ansiolitco, e, sono arrivato a mezza pasticca di Delorazepam da 2mg. ogni 2-3 gg. massimo. Il cammino è ancora lungo ma vorrei farcela davvero.
    In bocca al lupo Daniele!

    RispondiElimina
  2. p.s. x il dott.Bisanti.
    Ho letto che in risposta a daniele lei ha scritto che "...un sangue marcio fa venire tanto un tumore quanto la depressione" .
    Mi chiedo da ignorante, se non sia controproducente convivere con essa?
    Il dott. R.Morelli dice che l' accettazione della depressione come disagio di fronte agli eventi esterni è condizione essenziale per convivere con essa.
    Così facendo non si morirà sicuramente di farmaci anti-depressivi, ma si innescherà un altro processo che ci porterà al tumore (e forse alla morte). Non condivido le tesi di Morelli, a mio modesto avviso le trovo piuttosto contraddittorie.

    RispondiElimina
  3. Cari amici, non sarei così estremista nella discussione. Gli psicofarmaci possono aiutare persone sofferenti di depressione, mania, schizofrenia, ansia etc. e nella mia esperienza non conosco ancora alcuna persona che sia "guarita" da una di questi stati di profonda sofferenza cambiando alimentazione. Gli psicofarmaci più pericolosi in assoluto non sono né gli antidepressivi, né gli ansiolitici ma gli ANTIPSICOTICI. E' un po' come distinguere tra "droghe leggere" e "droghe pesanti". Gli antipsicotici distruggono le sinapsi cerebrali al fine di eliminare i deliri o le visioni e vengono impropriamente utilizzati come stabilizzatori dell'umore Gli Psichiatri dovrebbero prestare attenzione alla prescrizione di tali farmaci ma spesso NON LO FANNO e si disinteressano dello stato di salute complessivo del paziente. Sarebbe interessante poter condurre delle azioni legali per i danni causati dalla somministrazione impropria di tali farmaci nei confronti dei Professionisti che ne abusano quotidianamente nei Centri di Salute Mentale. Vi saluto con simpatia. Marco

    RispondiElimina
  4. Ciao Pietro, mi chiamo Erica ho 18 anni e ti scrivo per raccontarti la mia storia legata agli psicofarmaci: tutto ha inizio quando a circa 4 anni mi si presentarono delle piccole crisi isteriche che i miei genitori credevano normali pensandomi solo una bambina un po' troppo agitata ed irrequieta. Col passare del tempo queste crisi non smettevano, anzi aumentavano progressivamente, erano crisi di rabbia e pianto, il più delle volte per motivi futili. Urlavo e i miei genitori per farmi smettere dovevano tenermi di peso ferma se no rischiavo di farmi male involontariamente. Così pensarono bene di portarmi da una psicologa e poi da una neuropsichiatra che consigliò ai miei genitori uno psicofarmaco. Inizialmente mia madre e mio padre erano contrari al farmaco, ma visto che la situazione non cambiava ma peggiorava, all'età di 8 anni decisero di provare e Iniziai così ad assumere il RISPERDAL. La neuropsichiatra diceva che il RISPERDAL non era un calmante ma che mi poteva aiutare a ragionare. Dopo un periodo di miglioramento la situazione è ritornata come prima, anzi peggiorata dall'aumentare dell'età. Sono passata quindi all'assunzione dell'ALDOL e successivamente alla CLOZAPINA. Questo farmaco è stato più efficace degli altri e ha migliorato la mia vita, togliendomi le psicosi. Per contro mi provocava molta sonnolenza, ipersalivazione e abbassamento dei globuli bianchi. Dopo 4 anni di CLOZAPINA essendo migliorata, la neuropsichiatra mi scala la dose, da 200mg in 4 mesi mi porta a 75mg. Siccome gli effetti collaterali continuavano a presentarsi pensai di scalarlo da sola e, togliendo 25mg ogni mese lo portai in breve a 25 mg. Essendo sotto dosaggio si sono ripresentate le psicosi e una serie di disturbi fisici: tremore, problema alla motilità degli occhi, pianto e riso alternati, senza motivo, irrigidimento dei muscoli della schiena. Ti chiedo un consiglio siccome immagino che essendo sotto dosaggio la mia neuropsichiatra mi aumenterà nuovamente la CLOZAPINA vorrei sapere se si può affiancare un altro farmaco non neurolettico. Sono d'accordo con te. perché per mia esperienza diretta gli psicofarmaci non risolvono i problemi ma li attutiscono momentaneamente. Ciao e grazie dell'attenzione! Erica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Erica,
      sono il papa' di un ragazzo di 21 anni che prende clozapina da 2 mesi.
      mi puoi dire a te come sta andando?

      Elimina
    2. ciao erica io sono d'accordo con te pero' non fare di testa tua scalalo sempre con il tuo psichiatra senno' farai la fine mia che per scalare l'haldol mi hanno ricoverata in psichiatria per fare di testa mia sono stata malissimo... ambra

      Elimina
    3. Ciao Erica. Io ho un fratello malato di schizofrenia da circa 5 anni. Ne ha provate di tutte, dall'Abilify, Depakin al Risperidone. Con l'ultima crisi che ha avuto è stato ricoverato in ospedale e i dottori hanno deciso di somministrargli la Clozapina. Io devo baciare le scarpe all'inventore di questa sostanza!!! Ha avuto un miglioramento pazzesco, sembra veramente guarito anche se io so che dentro di me non lo sarà mai. Anche io soffro di pressione alta e senza medicinali non posso stare. Quindi ritengo che anche lui, nella sua casistica, sia un pò come me, anche se la mia patologia ovviamente è meno grave.
      Ritengo che le medicine siano una manna dal cielo e NON TOLLERO che ci siano libri, testi, teorie bizzarre di gente che dice che le medicine fanno male! Lo so anche io che fanno bene da una parte e male dall'altra ma rendiamoci conto di una cosa: meglio avere un malato schizofrenico che fa del male agli altri e si fa del male oppure un tremore, un senso di stanchezza? Con la clozapina mio fratello e tutta la mia famiglia siamo rinati! Se si è ammalati le medicine vanno prese. Io sono di quest'idea. In bocca al lupo a tutti!

      Elimina
  5. salve a tutti sono una ragazza di 29 anni che prende abilify, ora vorrei scalarlo ma ho paura di sentirmi male oppure che io non riesca a toglierlo e dovro' tenerlo a vita sempre perché una persona per scalare un farmaco si potrebbe sentire male e non riuscirci, qualcuno conosce questo farmaco e sa come sono gli effetti collaterali della sospensione come posso fare chi puo' aiutarmi????? ambra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra.
      Affidati immediatamente ad uno psichiatra che sicuramente ti può aiutare. Prova a telefonare al CPS a te più vicino e vedrai che sicuramente qualcuno in gamba c'è. Mai scalare la dose senza essere sotto osservazione.
      In bocca al lupo. CC

      Elimina
  6. Ciao!anche io sono una ragazza di 29 anni,e prendo abilità da un Po.Ora sono a 5 mg e tra poco lo sospendo,nn credo dia effetti collaterali di sospensione,tranquilla.Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. vorrei un consiglio, siccome sono circa 7 anni che la sera per dormire prendo una mezza compressa di xanax da 0,50mg quindi praticamente sono 0,25mg al giorno. qualcuno mi puo' dire se posso tranquillamente continuare oppure interrompere per evitare eventuali effetti collaterali o conseguenze varie? ringrazio anticipatamente ed in bocca al lupo a tutti

    RispondiElimina
  8. Psicofarmaci: meno se ne prendono meglio è.

    RispondiElimina
  9. Ciao pietro mi chiamo teresa,scrivo a nome della mia compagna perché dopo tre anni di convivenza sto facendo di tutto per aiutarla e farla uscire da una situazione davvero grave....Psicofarmaci,psicotici,ansiolitici,antidepressivi lei li ha prese quasi tutti e da ben 20anni che assume questi farmaci....Ha solo 40anni e non ha più voglia di vivere,ne di niente e la.situazione sta solo peggiorando...al momento la sta seguendo un psichiatra ed una psicologa ma nessun miglioramento....allora io mi chiedo una cosa questa voglia di nn voler più vivere,questa apatia che ha,questo pessimismo su di se e sulla vita in generale e causato dai farmaci?al momento lei assume:eutirox da 50a digiuno....depakin chrono500 ,1la mattina,1la sera e clozapina da 25mezza la mattina,mezza a pranzo e una intera la sera....quest'ultima il psichiatra gliela prescritta xke ultimamente soffre di stati d'ansia e panico internamente ma nessun miglioramento anzi mi scrive spesso nei messaggi ke vorrebbe morire e nn vivere piu....ha solo40anni.......mi aiuti per favore per un consiglio grazie....

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.