ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 20 ottobre 2015

LE GIUSTE RIFLESSIONI DI UN OPERATORE SOCIO-SANITARIO

LETTERA

Buonasera Maresciallo

Mi chiamo *******, e abito in un comune dell'hinterland ******, ho ascoltato con grande interesse il suo intervento nella puntata 167 di Border Nights. in poche parole volevo farle conoscere la mia esperienza in materia. 

Sono un operatore socio-sanitario e animatore presso una cooperativa sociale del mio paese che ha in appalto servizi sociali quali l'assistenza domiciliare, il servizio di accompagnamento disabili, l'educativa minori, l'educativa scolastica etc. Dal 2009, seguo un ragazzo di circa ******, quindi praticamente un mio coetaneo, affetto da schizofrenia paranoica (295.3/F20.0 criterio ICD-10), attraverso il finanziamento della Legge n°162/98. 

Nell'arco ormai di quasi sette anni sento di poter fare le seguenti considerazioni:
1) l'alternarsi di almeno 4 medici psichiatri del CSM dei quali tre indirizzati verso una terapia fortemente farmacologica, soltanto uno di questi ha predisposto una terapia volta alla graduale riduzione dei farmaci, in particolare del RISPERDAL, valorizzando invece l'attività sportiva e ludico-ricreativa e favorendo il lavoro d'equipe tra personale del CSM, operatori dei servizi sociali e famiglia.
2) negli ultimi tre anni, in presenza di una terapia farmacologica "carica", l'utente ha subito due TSO; gli episodi caratterizzanti sono passati dall'autolesionismo alla violenza contro familiari e contro gli operatori, tutto sommato senza gravi conseguenze, (in due occasioni io stesso sono stato l'oggetto dello sfogo violento dell'utente ma in entrambi i casi grazie all'aiuto di un collega siamo stati in grado di contenere l'utente senza che si facesse male né lui né noi e senza la necessità di scomodare il personale del CSM e riportandolo ad una situazione di calma in cui siamo riusciti a ragionare insieme a lui su cosa potesse essere stato il fattore scatenante della crisi);       
3) nel corso degli anni, una costante riduzione dei fondi destinati all'utente dalla Legge n°162/98 ha determinato la drastica scelta di dover dare priorità a certe prestazioni rispetto ad altre, per esempio l'igiene personale e l'alleggerimento sul carico familiare rispetto alla supervisione nelle faccende domestiche o nell'interazione con i familiari durante le visite al CSM, col rischio di non fornire all'utente un aiuto univoco e condiviso dall'intera equipe.

In conclusione posso dire, per la mia esperienza, che il sofferente mentale è un utente con cui ci vuole molta forza di volontà, non è facile amarlo ed essergli amico, ha bisogno che gli si dedichi del tempo, tanto tempo; spero di agire sempre con coscienza e professionalità e di imparare dagli errori che commetto. 
La cosa che mi preoccupa di più è che, nei momenti di lucidità, l'utente mi dica che vivere così non è più possibile, non ce la fa più. Ciò mi spaventa più di una crisi. Vorrei dargli almeno una speranza.
Grazie per l'attenzione.

cordiali saluti
Lettera firmata

p.s. può darmi indicazioni per acquistare il suo libro Assassini in pillole? Grazie.  


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Il concetto principale è uno solo: NON ESISTONO MALATI MENTALI.

La cosiddetta "malattia mentale" è e rimane un sintomo, che va capito, affrontato e sradicato alla base.

NESSUN MALATO MENTALE È INGUARIBILE: si diventa cronici solo ed esclusivamente "grazie" agli psicofarmaci, che distruggono corpo e mente, rendendo incapace il malcapitato di turno di qualsiasi reazione.

L'ALIMENTAZIONE è IL PRIMO ASPETTO CHE VA CONSIDERATO per ristabilire un corretto equilibrio psicofisico.

Ci sono nel mondo MILIONI di persone etichettate come malati mentali, quando in realtà sono semplicemente cronicamente intossicate.

L'unica maniera, a mio umile parere, per far tornare alla vita un "malato mentale" è questa: scalaggio graduale dei farmaci, alimentazione vegana, crudista quanto basta, a ZERO glutine e bassissimo tenore di grassi.

Amore, comprensione e capire che abbiamo di fronte a noi UN ESSERE UMANO e non una latrina dove svuotare pillole e siringoni.

Grazie per la sua sensibilità. Ce ne vorrebbero di operatori come lei.

Ci sentiamo in privato.

Avanti così
Pietro Bisanti

2 commenti:

  1. ciao Caro Collega sono un tecnico di servizi sociali che per colpa della crudeltà dei medici psichiatri trovo agghiacciante collaborare con le cooperative sociali che detengono al momento le strutture ...La risposta di Pietro è chiara in termini poveri la malattia mentale inizia dove comincia l esistenza dello psicofarmaco e la psicosi ha sviluppo in seguito alla sofferenza del corpo che deve combattere questa realtà
    non è umanamente possibile proseguire i percorsi offerti dagli psichiatri che sono finalizzati solo a costruire invalidi psichici ; adesso che sai dell esistenza di tale truffa diventa un bel problema continuare a somministrare psicofarmaci ....qui chi ci guadagna sono solo le case farmaceutiche e chi regge il gioco . NON c e nulla di igiene mentale in un programma simile !!!!! Ora tocca a te ....scegliere ....il tuo utente l ha gia' manifestato più volte che quella vita è un inferno

    RispondiElimina
  2. Un parente di una mia parente si è ucciso per impiccaggione il 7 settembre 2015. Aveva 24 anni, era laureato, stava facendo un interessante stage, era bello, fine, sensibile, famiglia più che benestante ed unita. Nessun sintomo precedente. Solo un immotivato timore che la fidanzata, lontana per lavoro, potesse tradirlo. Anche se a distanza ho provato un desolante dolore anch'io e penso alla sua famiglia che sarà segnata per sempre da questo dolore immeritato. Cercando di capire quello che forse non si può capire ho cercato sul WEB ed ho trovato questo blog, della stessa fattura del mio blog, solo che io mi occupo di altro: cronaca, politica, letture. Ammiro questo operatore socio-sanitario per il lavoro che svolge e per quel che scrive. Penso anch'io che imbottire di psicofarmaci sia l'ultima delle strade possibili e credo nelle doti della mente umana che può, con stimoli diversi, autocurarsi. Però di fronte a certe malattie che dipendono dal malfunzionamento biochimico del cervello e non certo dalla "volontà" della persona considerata malata, cosa è giusto fare? Davvero non lo so. Sulla malattia mentale penso che Basaglia abbia fatto cose grandissime.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.