ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 8 dicembre 2016

UCCIDE LA MOGLIE, SOFFOCA IL FIGLIO E SI IMPICCA: LA MAGRA CONSOLAZIONE DI AVERE SEMPRE RAGIONE

DAL CORRIEREMEZZOGIORNO.IT

Strage familiare: uccide la moglie,
poi soffoca il figlio e si impicca
Napoli, il piccolo aveva tre anni. La coppia si stava separando. Un vicino ha trovato 
il cadavere dell’uomo nell’androne del palazzo, gli altri due corpi invece in casa


Strage familiare a Frattaminore, in provincia di Napoli: dove in un’abitazione di via Liguori 51 le forze dell’ordine hanno trovato i cadaveri di un uomo, di sua moglie e del loro bambino. L’uomo si era tolto la vita impiccandosi. Poi ha soffocato il bambino di tre anni prima di ammazzarsi. Le persone decedute sono Gennaro Iovinella, di 50 anni, Caterina Perotta, 40 anni, e il figlio di tre anni. Pare che la coppia stesse attraversando un periodo di crisi, costellato da molti litigi, e si stesse separando. L’uomo è stato trovato impiccato nell’androne del palazzo dove la famiglia abitava. Il corpo senza vita della moglie era invece in casa, con una profonda ferita alla testa, mentre il bimbo sarebbe stato soffocato. Il suo corpo è stato trovato nel letto matrimoniale. Gli investigatori hanno sequestrato un oggetto, un corpo contundente che potrebbe essere stato utilizzato dall’uomo.

Lui era disoccupato
L’ipotesi è che Gennaro Iovinella abbia ucciso moglie e figlio e poi si sia tolto la vita. L’uomo non ha lasciato alcun biglietto. A trovare il suo cadavere è stato un vicino di casa. Iovinella era disoccupato e lavorava saltuariamente. Questa circostanza, secondo quanto si apprende, era all’origine dei litigi all’interno della coppia. Secondo quanto riferiscono alcuni conoscenti, pare che la donna si fosse anche rivolta alle forze dell’ordine, per presentare una denuncia sulle liti con il marito, che però non sarebbe mai stata formalizzata. Il gesto è avvenuto in una palazzina signorile di due piani nel centro di Frattaminore, nei pressi della chiesa di San Maurizio. Il bambino era arrivato dopo che la coppia da anni cercava di avere un figlio.

Aveva interrotto la terapia medica
La donna in passato era andata dai carabinieri per parlare di una convivenza difficile con il marito, per sfogarsi. Lui, invece, era stato in cura da un terapeuta e assumeva dei farmaci. Poi, aveva deciso di interrompere il trattamento. Secondo quanto si è appreso, Caterina sarebbe stata colpita alla testa con una statuetta, che la polizia ha sequestrato. Avrebbe cercato di difendersi, come dimostrano i segni di colluttazione. Il suo corpo è stato trovano nella piccola cucina dell’appartamento, piccolo e curato. I due coniugi, ormai, conducevano una vita da separati in casa: ad aprile era prevista la prima udienza della causa di separazione.

I fratelli dell’omicida-suicida
«Non si era rassegnato alla separazione, voleva che il rapporto andasse avanti, almeno fino a quando Luigi non fosse stato più grande. Non ci sono parole per descrivere quello che è accaduto». Così Agostino e Sofia, fratelli di Gennaro Iovinella, hanno commentato quanto accaduto. Stamattina molti parenti della coppia, sorelle e cognati di lei e di lui, si sono recati nell’abitazione dove è avvenuta la tragedia. Quasi nessuno ha voglia di parlare. Chi li conosceva era a conoscenza dei loro problemi sentimentali e di lavoro.


COMMENTO

Questo piccolo Uomo, senza laurea in medicina e alcuna specializzazione psichiatrica, continua a urlare a gran voce quello che tutti non vedono o fanno finta di non vedere.

Non mi fermerò mai.

MAI!

Pietro Bisanti




Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.