ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Igienista e consulente legale specializzato in ambito giuridico-psichiatrico, ricercatore indipendente sul disagio umano con particolare attenzione a quello giovanile e sui danni da psicofarmaci (NOTA BENE: L'Igienismo è uno stile e filosofia di vita e NON una specializzazione in ambito medico), già maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 23 agosto 2017

DISACCORDI FAMILIARI E PSICOFARMACI A 91ENNE: QUANTO VALE LA VITA DI UN ANZIANO?

LETTERA

Gent.mo Pietro Bisanti

                                                        Solo poco fa ho avuto modo di conoscerla su internet e mi ha fatto un enorme piacere. Stavo cercando informazioni su come disintossicare mia madre di quasi 94 anni da antipsicotici e antidepressivi che le sono stati somministrati da mio fratello su prescrizione medica del primario di Geriatria dell’Ospedale di ******* dott. *******.

                                                        Mamma è stata colpita all’età di 91 anni da un inizio di demenza senile e da quell’età è assistita da una “Assistente Familiare” ogni giorno dalle 18 di sera al giorno dopo dalle 10 alle 12 a seconda l’ora del risveglio. Il resto del tempo e il sabato dal mattino alle 20 di sera mamma sta con la mia famiglia. Solo la domenica dalle 12.30 alle 18 circa con mio fratello che collabora con mia madre nel pagare l’assistente Familiare.

                                                        Il problema maggiore di mia madre era quello di non dormire molto la notte per cui le “Assistenti familiari” si sono spesso lamentate con mio fratello.

                                                      Già prima del 20 dicembre 2015 mi sono accorto che le venivano somministrati psicofarmaci a mia insaputa. Infatti MAMMA si reggeva a malapena sulle gambe o le incrociava rischiando di cadere e parlava farfugliando. Ma il 20.12.15 vi è stato un gravissimo episodio: mia madre si è addormentata alle 20 del 20 dic 15 e l’indomani non riuscivo a svegliarla; alle 17 circa finalmente si è svegliata. La signora che stava con mia madre mi ha scritto che le erano state somministrate 35 gocce di Talofen su indicazione di mio fratello.

                                                       Ho portato mia madre  (15-3  e 13-9-16) dalla dott.ssa ***** Neurologa e Psichiatra che somministrando a mia madre cure di norma omeopatiche, dichiarava che mamma  non avrebbe dovuto essere sottoposta a cura con uso di psicofarmaci.
       
                                                        Da qualche mese (aprile 2017) notavo mia madre peggiorare visibilmente le condizioni di salute e diventare sempre più apatica.
Non aveva più voglia di andare al supermercato, non sapeva più firmare, dormiva in continuo durante il giorno e aveva perso l’appetito, non riusciva a tenere le posate in mano; nel maggio scorso ha avuto un blocco intestinale con rimozione fecaloma al pronto soccorso dell’Ospedale di ***** (a cui ho detto che mamma non prendeva farmaci), parlava pochissimo e l’attività prevalente durante il giorno era ed è il sonno.

L’Assistente Familiare a seguito di mie ripetute richieste ha sempre negato di somministrare psicofarmaci a mia madre; il giorno 7 agosto ho incontrato mio fratello e mia cognata nella loro abitazione per affrontare il problema della sostituzione della Assistente Familiare dimessasi alcuni giorni prima. All’inizio del colloquio ho chiesto a mio fratello se avessero somministrato psicofarmaci a  mia madre e lui ha confermato che aveva somministrato TRITTICO E QUIETAPINA su indicazione del primario di Geriatria dell’Ospedale di ******.

Mi sono irritato per non essere ancora una volta stato informato (mia madre è invalida al 100%) e ho immediatamente presentato un esposto alla Direzione Generale dell’ASL ****. Ho invitato mio fratello a sospendere immediatamente la terapia (12 giorni fa); l’Assistente familiare in risposta alle mie insistenti domande ha affermato che da un mese e mezzo non dava più TRITTICO a mamma e dava la metà di quanto prescritto della Quietapina.

Volevo sapere se è possibile fare qualcosa per disintossicare mia madre facendole recuperare le capacità perse negli ultimi mesi.

Volevo inoltre chiederle se è disposto a partecipare agli INCONTRI ****** a ****** per parlare di PSICOFARMACI o anche del VACCINI.

                                            Se è possibile vorrei spiegarle a voce la vicenda, telefonandole.   

                                                                                                                                IN FEDE
                                                                                                                                ******
cell. *******



RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.


Veniamo a noi.

Viviamo in un mondo ormai ipermedicalizzato: a volte, è orribile da dirsi, è molto meglio morire piuttosto che raggiungere un'età avanzata completamente distrutti nel corpo e nella mente.

Fa anche più rabbia alla luce del fatto che invecchiare, in natura, NON significa certo diventare dei ruderi ambulanti bensì si identifica in un normale processo che porta l'organismo a spegnersi dolcemente mantenendo comunque le sue corrette funzioni basilari.

Infatti, quando in natura un animale sta per morire di vecchiaia, semplicemente alcuni giorni prima smette di mangiare, si riposa e aspetta di andarsene dolcemente nel sonno, avendo vissuto fino all'ultimo una vita degna di questo nome.

Il dolore cronico è invece un'invenzione tutta umana, il più grande abominio medico frutto delle orripilanti terapie convenzionali come la chemio.

Si invecchia male e si muore in modo ancora peggiore...

Nel caso della demenza senile di sua madre, sicuramente è il risultato di anni e anni di insulti alimentari e farmacologici, assolutamente NON compresi da chi a livello medico avrebbe dovuto aiutarla e che ha invece preferito sopprimere i sintomi a suon di bombe chimiche che hanno ridotto sua madre nella pietosa condizione in cui si trova ora e che lei ha ben descritto.

A questo si aggiunge la diatriba familiare tra le due fazioni "cura" e "non cura".

La mia idea sugli psicofarmaci l'ha perfettamente capita.

Ora, se fossi in lei, agirei su due fronti:

1) A livello giuridico, se sua madre è incapace di provvedere a se stessa è possibile far partire un provvedimento di amministrazione di sostegno facendosi nominare, così da potersi occupare personalmente di lei con tutte le garanzie di Legge (evitando così i contrasti di natura familiare nel limite del possibile).

2) Se sua madre ha mantenuto un barlume di lucidità HA IL SACROSANTO DIRITTO di scegliere se assumere o meno un farmaco. Nessuno può obbligarla se non in virtù di un trattamento sanitario obbligatorio ed in assenza di questo se l'assunzione non è volontaria si commette un grave reato (a maggior ragione in relazione al fatto che lei scrive che sua madre è invalida al 100%).

Detto questo, la mia idea su come si ripristini e/o mantenga la salute è sempre la stessa.

Zero chimica e virata verso un'alimentazione vegana, crudista quanto basta, a bassissimo livello di grassi e a ZERO glutine.

Ogni giorno di vita di un essere umano è SACRO, ma davanti a una persona di 94 anni già invalida al 100% non posso fare altro che avvertirla di essere cauto e attento perché la sospensione dei farmaci e una virata verso un'alimentazione virtuosa potrebbero scatenare crisi da dismissione magari non sopportabili da parte della diretta interessata (senza contare che non specifica se stia assumendo altri farmaci di natura non psichiatrica).

Risulta quindi difficilissimo darle un parere anche se non medico. Se si trattasse di mia madre, procederei ad uno scalaggio lento e costante e un miglioramento altrettanto lento e costante dell'alimentazione. Piccoli accorgimenti giornalieri per non scombussolare troppo il suo organismo e per permetterle di vivere la vita nella migliore qualità possibile.

Da quanto sto personalmente verificando in base a tutte le storie che mi giungono, la psicomedicalizzazione degli anziani sta raggiungendo livelli veramente allarmanti: NON conosco UN SOLO 70ENNE che non sia pieno zeppo di farmaci...

Questo è quanto mi sento di dirle.

La cosa più corretta sarebbe una bella riunione familiare, una decisione verso la salute collettiva ascoltando il parere di vostra madre che, non scordatevelo mai, è e rimane libera di scegliere per se stessa.

Infine, se mi spiegherà bene di cosa si tratta, sarò lieto di valutare se presenziare alle vostre iniziative.

Ultimo piccolo consiglio: acquisti il mio libro e lo legga assieme all'interessata ed ai suoi familiari. Potrete trovare moltissimi spunti per prendere una decisione vostra e CONSAPEVOLE.

Forza e coraggio

Pietro Eupremio Maria Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.













              

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.