ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 17 giugno 2014

CARBOLITIO, ELOPRAM, SEROQUEL: MILLE DIAGNOSI DIVERSE, DISMISSIONE INFERNALE E ORA STO PEGGIO DI PRIMA

LETTERA


Mi scusi volevo chiederle un parere. È da quando avevo 16 anni che prendo psicofarmaci, ora ne ho 25. All’inizio ho cambiato tante terapie, sono stata sempre peggio, poi ospedali. Adesso prendo la sera carbolitio 300mg, 150mg, elopram 2 compresse da 20mg, sono riuscita a sospendere il  400 mg seroquel  2 anni fa ed è stato un inferno, ma ora un po' meglio. L’idea sarebbe scalare ancora ma ho litigato con il mio dottore appunto perché volevo provare a scalare i farmaci e lui non era d'accordo. In tutti questi anni non ho mai saputo esattamente cosa avessi, non mi è mai stata data una diagnosi, mi dissero bipolare poi disforica, poi disturbo dell’umore, insomma non ci capiscono un cavolo. So che scalare vuol dire soffrire ma quello che mi fa più paura è scoprire di non poter fare a meno dei farmaci o di finire male , vorrei una tutela perché le volte che ho tolto una pillola mi sono ritrovata in brutte situazioni perché fuori non riuscivo più a contenere le emozioni. Non mi fido più dei dottori, ma con la terapia che faccio devo essere comunque seguita da qualcuno e ora sono alla ricerca di neuropsichiatri zona ****. Sono andata da uno ma mi fa discorsi di cambi di terapia e mi sento morire. Secondo lei cosa potrei fare? Grazie

F.to Teresa F.


RISPOSTA

Buongiorno sig.ra Teresa,
e grazie di aver voluto condividere la sua esperienza con la moderna psichiatria.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non prescrivo nulla né tantomeno curo nessuno, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi. Via anzitutto la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.

Quello che mi accingo a scriverle, non glielo dirà mai nessuno, tantomeno uno psichiatra.

Gli psicofarmaci non guariscono niente e nessuno. Se così fosse, dopo ben  nove anni di "cure miracolose" e con tutti i farmaci assunti, ora lei dovrebbe essere come minimo Wonder Woman.

Quando va bene, donano un illusorio e temporaneo senso di benessere, facendo vedere però molto presto la loro demoniaca natura. Quando va male, chi li assume si impicca o stermina la propria famiglia senza nemmeno chiedersi perché.

Non so per quale motivo lei abbia cominciato ad assumere farmaci, ma sono sicuro del fatto che nessuno psichiatra abbia perso cinque minuti del proprio tempo per scandagliare tutte le possibili cause ambientali ed/od organiche che potessero esserci dietro le sue manifestazioni psichiatriche.

Ed è quindi cominciato il valzer delle diagnosi e delle relative prescrizioni: non ci capiscono una benemerita mazza e, nonostante tutto, appioppano etichette indelebili e somministrano farmaci dei quali, loro stessi, sconoscono la potenza (in negativo, naturalmente).

Nei miei 20 anni quale operatore delle Forze di Polizia (e ben 14 passati a studiare, come ricercatore indipendente, tutto il mondo della psichiatria-psicofarmaci), sono arrivato a una conclusione: la moderna psichiatria è totalmente fallimentare, e ogni secondo migliaia di persone nel mondo vengono rovinate per sempre da questa pratica barbara, inumana, campata per aria e senza nessun fondamento non dico scientifico (a me questo poco interessa), ma logico.

Ora, lei è ben incatenata ai farmaci, e non troverà nessun dottore disposto ad aiutarla nello scalaggio, e lo sa perché?

Primo, perché scalare è un'esperienza infernale, e lei romperebbe così tanto le scatole al suo dottore, che questi non avrebbe certo la voglia di rispondere a tutte le sue telefonate.

Secondo, perché se lei combina qualche cazzata mentre non è "sotto farmaci", la Legge li punisce senza pietà. "Quindi, meglio sacrificare il paziente a vita, così se commette qualche cazzata sotto psicofarmaci, almeno la Legge mi tutela", così penserebbe uno psichiatra.

Intanto, lei continua a soffrire, tra cambi di terapia e un corpo sicuramente disfatto da anni di chimica, con il peso lievitato, zero emozioni e zero libido.

Cosa bisogna fare quindi per non buttare la propria vita?

L'art. 32 della nostra Costituzione ci permette l'autodeterminazione nelle cure. Quindi, se non sono in regime di TSO, posso decidere cosa assumere e se assumerlo.

Nove anni di farmaci significano un corpo intossicato all'inverosimile e da sola lei non sarebbe assolutamente in grado di gestire uno scalaggio, seppur lentissimo.

Infatti, al primo riaffioramento dei sintomi (che non è la ricomparsa della malattia, come le farebbero credere, bensì lo sforzo immane di disintossicazione del corpo umano, per tornare a una situazione di equilibrio), la ricatapulterebbero immediatamente al più vicino Pronto Soccorso, "sgridandola" per aver interrotto la terapia e riempiendola ancora di più di farmaci.

Noi non vogliamo questo, giusto?

No. Quindi, si prende in mano la propria vita legalmente e moralmente. Nessuno può prendersi, se non noi stessi, la responsabilità di eliminare una terapia in atto.

Si deve circondare di persone che siano con lei. Che la comprendano. Che capiscano che le crisi da dismissione sono tanto potenti quanto passeggere, e che sono il segnale che il corpo sta reagendo e si sta disintossicando.

Si scala in maniera assolutamente lentissima, dato il lungo periodo di assunzione, e si comincia dal farmaco "meno potente", nel suo caso manterrei il litio, scalando l'antidepressivo.

A questo, va affrontato il vero motivo alla base della manifestazione psichiatrica. 

E va quindi fortificato il corpo attraverso uno stile di vita corretto, soprattutto in ambito alimentare.

Non smetterò mai di ripetere quanto l'alimentazione sia fondamentale per prevenire e far regredire situazioni psichiatriche anche severissime.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti.
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

"Cibi puliti-pensieri puliti": questo è il binomio che ho coniato.

Ora prenda in mano la sua vita.

Si fiondi ad acquistare il mio libro "Assassini in pillole: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere", non perché abbia bisogno dei vostri soldi (come dico sempre, do agli stessi un valore nullo), ma perché ci sono dietro anni di studi ed esperienze personali.

Lo faccia leggere a chi non le crede. E vediamo se sono capaci di dire a un Carabiniere con ben 20 anni di esperienza che sono tutte fandonie...
NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO

ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



1 commento:

  1. La risposta a questa persona è giusta ma incompleta. Potrebbe non star bene e ritornare a credere nei farmaci. Studia ancora.
    Rina

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.