ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 6 ottobre 2014

LA PSICHIATRIA HA TENTACOLI OVUNQUE: DISPERATA RICHIESTA DI AIUTO DALLA FRANCIA

Buongiorno Pietro, 

mi chiamo Gemma, ho 29 anni, sono originaria della provincia d'Ancona e ti scrivo perché disperatamente in cerca d'aiuto per un caro amico che si trova ricoverato presso l'ospedale psichiatrico di Lione "Vinatier". 

Il mio amico, di nome Clément, ha in passato trascorso ben due anni all'interno della struttura in questione, uscendone con una diagnosi di "schizofrenia" e con una  massiccia terapia a base di farmaci neurolettici (principalmente Seroquel). 

Nello scorso mese di aprile Clément ha intrapreso l'autonoma iniziativa di diminuire i farmaci, a causa degli invasivi effetti collaterali generati dagli stessi, e curando lo stile di vita e l'alimentazione (vegana e senza glutine), arrivando tuttavia ad una situazione liminale nel mese di settembre, dove sia la famiglia che noi amici ci rendevamo conto di come non si potesse più procedere su tale linea senza ricorrere alla concreta assistenza da parte di una struttura competente, struttura che, purtroppo, sembra non esistere in Francia, allo stato attuale delle cose. 

Come dunque era in un certo senso possibile prevedere, Clément ha avuto una ricaduta precipitosa, trovandosi preda di un "delirio mistico" che, nella sua fase più acuta, lo ha purtroppo riportato all'ospedale, dove ha subito i classici interventi da TSO (è stato legato, poi privato dei suoi effetti personali, rinchiuso quattro ore al giorno nella cosiddetta "sala di acquietamento" e sedato con dosi massicce di Xeroquel, Xanax e Loxapac).

Trascorse due settimane, sta a mano a mano recuperando il diritto ad avere vestiti propri, alle uscite (accompagnato dalla famiglia) e alle chiamate, e speriamo che nell'arco di qualche settimana possa essere dimesso dalla struttura che porta indegnamente il nome di "ospedale", dove si fa di tutto fuorché agevolare il reale recupero dell'equilibrio psicofisico dell'individuo. 

L'interrogativa che ora assilla noi tutti concerne in ogni caso il seguito di questa vicenda... Qualora Clément volesse di nuovo scalare i farmaci, a chi potrebbe rivolgersi? E' chiaro che non potrà tornare a vivere solo in un monolocale nel centro della città, come ha fatto sino ad oggi, ma purtroppo qui in Francia le iniziative antipsichiatriche si contano sulle dita della mano e non siamo ancora riusciti ad individuare una singola comunità o struttura ad indirizzo psicoterapeutico che possa sostenere l'iniziativa individuale di emancipazione dagli psicofarmaci... 

Ti scrivo dunque giustappunto perché disperatamente alla ricerca, in Francia o in Italia, d'una struttura, in cui, presumibilmente, il nostro amico possa trasferirsi per tutto il tempo necessario a rieducarsi e rendersi indipendente dalla chimica farmaceutica, sapendo di poter contare, in caso di crisi acute, sull'assistenza umana di chi rifiuta l'idea repressiva della camicia di forza (fisica o chimica che sia), e di chi sa affrontare la follia senza paura e senza tabù, considerandola come manifestazione contingente e patologica della psiche, ma non come condizione irreversibile dell'individuo. 

Ti ringrazio anticipatamente per qualsiasi commento o consiglio tu possa fornirci e un grazie a nome di tutti i sofferenti per la cui dignità tanto ti adoperi,


Gemma 


RISPOSTA

Buongiorno Gemma,
sono io che ringrazio te per la fiducia che mi stai dando.

Veniamo a noi.

La Psichiatria è la stessa dappertutto: farmaci, farmaci e solo farmaci.

Non posso quindi consigliarti, non esistendo (almeno, per mia conoscenza, qui in Italia) una struttura in grado di affrontare un'emergenza psichiatrica senza farmaci.

Voi siete stati bravissimi, e quell'ultima crisi avuta da Clément altro non era, a mio parere, che un fatto ultrabenefico: purtroppo, come sempre, non è stata capita.

Sarebbe infatti rientrata da sola, aggiungendo un tassello verso la guarigione definitiva.

Ora, ecco i miei consigli per il futuro, ribadendo, ancora una volta, quanto io non sia un medico, essendo un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Scalaggio ancora più graduale.

Un farmaco alla volta (non ho capito esattamente quale sia la sua terapia ora).

Benissimo l'alimentazione vegana senza glutine, ma non avvicinatevi troppo a un crudismo esagerato, in modo da non costringere  il corpo a una detox troppo forte (almeno per ora).

Mantenere il livello totale di calorie provenienti dai grassi al di sotto del 10% di quelle giornalmente introdotte, in modo da aiutare notevolmente il lavoro dell'insulina nel trasporto del glucosio dal sangue alle cellule.

Se anche così dovessero arrivare delle crisi inarrestabili, bisogna formare un gruppo di aiuto che impedisca a tutti i costi l'ennesimo, disastroso TSO.

Ci sentiamo in privato.

Avanti così

Pietro Bisanti

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.







Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.