ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 13 ottobre 2014

ECCO COME SI COMPORTA UNO SPREGEVOLE PSICHIATRA

LETTERA

Buongiorno Pietro, 

e grazie di cuore per aver preso in esame il caso del nostro amico. Come te, sono anch'io ovviamente dell'idea che la crisi (crisis = mutamento) non rappresenti che il tentativo di superamento di un equilibrio fittizio, sia esso fisico o psichico, e che si debba imparare a gestirla, anziché reprimerla. 
Tristemente, l'insensata vulgata medica al riguardo diffonde la voce che all'avvento di una crisi psicotica l'organo cerebrale, già in partenza compromesso (a detta della casta in camice bianco), vada incontro ad un'irrimediabile "perdita di neuroni", con il conseguente aggravarsi della "malattia".
Tutto ciò, ovviamente, senza alcuna prova empirica e con una manovra palesemente tesa a scoraggiare qualsiasi tentativo di diminuzione dei farmaci (non sia mai che si incorra in una "crisi"), con buona pace delle industrie farmaceutiche, che si assicurano un numero crescente di "psico-ergastolani".
Quanto alle ragioni che presiedono alla crisi stessa, esse includono sicuramente l'equilibro fisiologico dell'individuo, ma lo trascendono allorché sia possibile rilevare i traumi e i conflitti che hanno condotto la psiche ad uno stato di fragilità parossistica, per non parlare di potenziali interferenze "sottili". 
Per essere più espliciti, la "crisi psicotica" manifestata dal nostro amico in seguito ad una sessione di canto e preghiera aveva in tutto e per tutto l'aspetto di un'autentica "possessione". 
Per non sbagliarci, stiamo comunque lavorando su tutti i piani, a partire, come ti dicevo, da quello alimentare... Ma non mancheremo di consultare psichiatri anti-psichiatria, psicoterapeuti, specialisti della terapia neurofocale, esorcisti, guaritori e chiunque possa apportare un aiuto, a modo suo... 
Grazie di cuore, dunque, per gli utili consigli sotto il punto di vista alimentare, ovviamente imprescindibile... 

Per il resto, Clément è uscito dall'ospedale sabato scorso in seguito all'intervento del padre (che aveva originariamente ordinato il ricovero, per evitare l'intervento del prefetto), che ha immediatamente provveduto a rimuovere l'obbligo di permanenza, allorché ha appreso che il figlio era stato trasferito, venerdì scorso, nel reparto in cui aveva già trascorso un anno e mezzo in passato. Qui lo psichiatra responsabile, con cui Clément e la famiglia avevano più d'un conto in sospeso, non ha mancato di far valere la sua vendetta: quando ha appreso che Clément soffriva terribilmente a causa degli effetti collaterali del Loxapac (insonnia, contratture muscolari e crisi di panico) gli ha prescritto una dose improponibile di Tertian, altro farmaco che, notoriamente, ha degli effetti nefasti sul nostro amico (crisi allucinatorie e di panico, ovvero proprio i sintomi che lo hanno condotto all'ospedale). Quando Clément, tremante e piangente lo ha pregato di modificare almeno la dose della prescrizione, lo psichiatra ha risposto che, poiché faceva resistenza, la dose sarebbe aumentata, passando da 300 mg a 450 al giorno. 
A questo punto Clément, in preda al terrore, ha telefonato all'intera famiglia minacciando di suicidarsi, se qualcuno non l'avesse tirato fuori di lì. 
Ringraziamo Dio che, nel suo caso, il padre abbia avuto in qualche modo il potere di farlo, ma non possiamo non pensare alle centinaia di "reclusi" nelle carceri psichiatriche i cui diritti nessun padre e nessuna madre verranno mai a far valere... 
Sono dell'idea che si dovrebbe avviare una denuncia immediata contro un tale mostro abominevole, ma purtroppo la famiglia non vuole al momento far nulla, nel timore di avere a che fare con lo stesso in futuro e di dover subire nuovi e peggiori abusi. 
Tu che cosa consigli? Non sarebbe almeno possibile effettuare una segnalazione anonima presso un qualche organo competente perché l'operato del medico in questione sia quantomeno in qualche modo controllato?

Infine, per il momento stiamo cercando una clinica che possa ospitare il nostro Clément almeno per la durata di un mese, arco di tempo che ci servirà per individuare un percorso di recupero potenziale, in un "lieu de vie" o una "maison d'accueil" francese o una fantomatica struttura italiana, se mai ne emergesse qualcuna. 
Per il momento, purtroppo, Clément dovrà tornare alle dosi originarie del farmaco di base (Seroquel) che avevamo scalato da 700 mg a 200 mg al giorno, aggiungendo a questo delle basse dosi di Tertian in casi particolari. 
Inoltre, a meno di non trovare la casa di accoglienza di cui sopra, ci sarà impossibile riprendere questo cammino di assistenza, perché, com'era prevedibile, tra i familiari non sono mancati quelli che ci hanno additate responsabili della "ricaduta" del nostro amico (senza nulla comprendere delle dinamiche complesse che ci hanno condotte a ciò che noi, personalmente, non riteniamo neppure un vero male, in sé). 

Ti ringrazio di cuore ancora per il tuo contributo e se per caso venissi a conoscenza di qualcosa che possa fare al caso nostro, ti prego di non esitare a segnalarmelo... Qualcuno mi ha accennato alla Fraternità Cenacolo di suor Elvira, ma non so se sia il tipo di ambiente più adatto al nostro amico (che è di orientamento spiritualista e detesta il settarismo cattolico)... Staremo a vedere, mantenendoci sempre speranzosi e fiduciosi.

Ancora grazie e infiniti complimenti per la tua opera umanitaria, 


Gemma


RISPOSTA

Buongiorno Gemma,
concordo pienamente con quello che dici.

Gli psichiatri non capiscono una benemerita mazza di cosa sia una "crisi" e del fatto che essa avvenga per portare il corpo verso una guarigione, e non per distruggerlo.

Un episodio di psoriasi serve per buttare fuori dal corpo quello che dentro farebbe ancora più danni, ma anche in questo caso i medici devono sempre stroncare il sintomo, continuando a dare plateali lezioni di totale ignoranza su che cosa sia il corpo umano e su come funzioni.

Tra tutti i medici, gli psichiatri sono la categoria peggiore.

Quasi tutti quelli che ho incontrato sono soggetti dispotici, direi quasi fondamentalisti: o fate come dico io (e prendete i farmaci) oppure usiamo le maniere forti.

Niente amore, niente comprensione, niente empatia...niente di niente.

Nel tuo caso specifico, prima pensa a riportare Clément a uno stato di guarigione, poi, anche consultandoti con me se lo vorrai, potremo vedere se ci sono gli estremi per delle azioni legali.

Se serve, potete, con il suo consenso, portarlo in qualche sperduto chalet di montagna, con i genitori e voi amici a fargli da cordone di sicurezza, e con uno psichiatria di ampie vedute che lo aiuti nello scalaggio, migliorando nel contempo l'alimentazione così come descritto in questo blog.

Quando c'è di mezzo una vita umana, bisogna giocarsi il tutto per tutto.

Forza, forza, forza: niente è perduto.

Tenetemi informato.
Pietro Bisanti

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.












Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.