ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 11 gennaio 2017

22 ANNI DI FARMACI DISMESSI IN CINQUE MESI. PIANTATELA DI FARE MINCHIATE PER POI CORRERE A PIANGERE DA ME

Ciao Pietro non so se ti ricordi di me sono ****** da *****, ci siamo sentiti i primi di dicembre, ho dismesso psicofarmaci dopo 22 anni, ero a 50 mg di anafranil, li ho dismessi di fatto in cinque mesi. Ho dovuto farlo da solo perché la psichiatria si rifiuta, con l’aiuto del mio medico.
 
Non ho avuto problemi durante lo scalaggio, ad ogni scalaggio accusavo una piccola crisi che durava due o tre giorni e poi passava così ho continuato a scalare. Fino a luglio. Luglio e agosto sono stati gestibili poi a settembre sono iniziati problemi con una crisi devastante che dura ancora adesso.
 
Sono al quinto mese ed anche se la situazione è leggermente migliorata sto molto male e so benissimo che non è una ricaduta ma una crisi da dismissione. Ora seguendo il tuo blog ed altri sono passato da circa un mese ad un’alimentazione 90% vegetariana, ho eliminato gli zuccheri, le bevande gassate, il sale, mangio pasta integrale, ho acquistato il pane primus fatto a Carpi, secondo le indicazioni del dot Mainardi, quello del Serplus, che però ancora non sto assumendo.
 
Ho comprato una centrifuga e bevo molti succhi di frutta e verdura. Al posto dello zucchero uso la stevia e l’unico dolce che mi sto concedendo anche sotto le feste è il miele. Tutto questo ha avuto intanto un risultato, le mie feci non sono mai state così belle, ho scaricato una scala indicata dal prof Mainardi e sono assolutamente perfette secondo quei parametri, vado anche tre volte al giorno e questo è un segno importante per me perché non è mai stato così in tutta la mia vita.
 
Ma sul fronte della crisi da dismissione non ho notato molti cambiamenti e sono  spaventato. Ho paura di aver subito danni irreversibili, leggo tante cose su Internet ed alcune sono inquietanti.
 
Ti chiedo: ho chiesto consigli a quelli di ansia.it e secondo loro lo scalaggio andava fatto in cinque anni e adesso per loro devo curare la crisi con sertralina anafranil e una benzodiazepina per circa un anno e mezzo poi ricominciare a scalare in cinque anni.
 
Io non so di chi fidarmi a questo punto, ho chiesto un consulto pure al gemelli ma loro non so se per lavarsene le mani o cosa mi hanno detto di insistere. Cosa che sta facendo anche il mio medico. Dalla telefonata che ebbi con te tu mi parve di capire che non eri del parere io dovessi tornare sui farmaci, ti chiedo hai seguito molti casi come il mio? Cosa devo aspettarmi? Devo fare come dicono quelli di ansia.it? Che tra l’altro mi hanno indicato uno psichiatra di loro fiducia.
 
Mi pare che anche scalaggi così lunghi non garantiscono che non ci saranno crisi di astinenza e poi il rischio di rimanere attaccato a piccole dosi è alto. Non so cosa fare. Puoi darmi un consiglio? La situazione è leggermente migliorata ma il disagio è ancora grandissimo, alcuni giorni insopportabile.
 
Quanti casi hai seguito del genere? E come sono andati? Ti prego di dirmi cosa pensi. Sto continuando a ripulire sempre più l’alimentazione, ho riempito la dispensa di legumi e roba vegetale, ho scoperto la quinoa e mi piace molto, ormai veramente la mia alimentazione in un mese è stata ampiamente ripulita vegetariana al 90% ti ripeto anche più considerando che nell’ultimo mese la carne l’avrò mangiata un paio di volte e bianca.
 
Mangio broccoli, insalata condita solo con limone e aceto ed un po' di olio che ho preso da un produttore privato. Insomma in un mese ho cambiato completamente abitudini alimentari, forse troppo in fretta pure questo. Ti prego se pubblichi qualcosa sul tuo blog di mantenere l’anonimato. Ti prego di dirmi cosa ne pensi in base ai casi che hai seguito. Grazie
 
Inviato da Posta per Windows 10
 
Lettera firmata
 
RISPOSTA
 
Buongiorno Anonimo,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Perdonami se potrò sembrarti duro, ma penso che dirsi le cose "in faccia" sia la più grande forma di rispetto reciproca.

Sei saltato da un parere all'altro, arrivando persino a chiedere un consulto al Gemelli.

Sei seguito da uno psichiatra, ma alla fine sei ritornato a chiedere aiuto a me.

E questo, perdonami, non lo ritengo giusto.

Se una persona intraprende una strada, è giusto che la segua.

Quanto scrivo da più di cinque anni sul blog non è certo informazione di serie "B" a cui si accede quando "tutto il resto non ha funzionato".

Anzi...

E' informazione, per chi ha voglia di approfondirla, di altissima qualità, e come tale bisogna dare rispetto al lavoro che, gratuitamente, questo piccolo Uomo porta avanti, mettendoci la faccia e assumendosene tutte le responsabilità.

Se tu, infatti, ti fossi preso la briga di ascoltarmi, non avresti, da un lato, scalato i farmaci così velocemente e, dall'altro, avresti migliorato la tua alimentazione in maniera molto più incisiva.

Concordo con te che anche scalaggi lunghissimi non sono garanzia di assenza di crisi da dismissione, ma è assolutamente verosimile che andarci piano può metterti al riparo da crisi importanti.

A questo punto, ormai, il mio consiglio è di NON riprendere farmaci nel modo più assoluto: manderesti ancora più in tilt il tuo sistema nervoso.

L'alimentazione deve essere assolutamente migliorata.

Bisogna essere RIGIDI con se stessi, specialmente nel momento in cui si sta male e il corpo ha bisogno di essere aiutato.

Quindi, ecco il piano di battaglia:

1) Acquistare immediatamente il mio libro "Assassini in pillole: la Psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere". Non divento certo ricco vendendoti un libro, ma a te permetterà di capire finalmente in chiave igienista come funziona il corpo umano e come lo si mantiene in salute.

2) Leggere ATTENTAMENTE questo vademecum che spiega ESATTAMENTE come ripristinare la salute quando si è in terapia psichiatrica http://pietrobisanti.blogspot.it/2015/12/come-ci-si-disintossica-dagli.html, e potrai seguire il piano alimentare ivi esposto.

Purtroppo le crisi da dismissione sono un prezzo che VA PAGATO. Passeranno, su questo non ho dubbi, ma bisogna tenere duro, anzi durissimo.

Infine, non vedo citare la parola FRUTTA.

Piantatela tutti di abbuffarvi di cereali, legumi e verdure pensando che un'alimentazione vegetale risolva i problemi.

Il cibo di elezione dell'Uomo è la FRUTTA e se non farete girare tutta la vostra alimentazione intorno ad essa, i risultati saranno sempre temporanei e mediocri.

Io ci sono
Pietro Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.