ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

sabato 4 febbraio 2017

SI TAGLIA LA GOLA AL SUPERMERCATO: A CHI MI DAVA DEL CIARLATANO, SI PREPARI, PERCHE' QUESTO E' SOLO L'INIZIO

Torino, si taglia la gola al supermercato con il coperchio di una scatoletta: ragazza muore dissanguata


Tragedia al centro commerciale Carrefour di Burolo (Torino) dove questa mattina, poco dopo le dieci, una ragazza si è tolta la vita tagliandosi la gola con il coperchio di una scatoletta metallica. È avvenuto nei pressi delle casse, di fronte a centinaia di persone. La giovane, che si trovava in coda insieme alla madre alla cassa 17, ha preso improvvisamente la scatoletta e dopo aver tolto il coperchio si è inferta le ferite letali alla gola. Due medici che si trovavano all'interno del supermercato le hanno immediatamente prestato soccorso, tamponando la ferita. Ma nel giro di pochi minuti, la giovane è deceduta.

La ragazza, una 25enne residente a Bollengo (Torino), era in cura per una grave depressione. Il centro commerciale è rimasto aperto. All'interno, con dei teli neri, i carabinieri della compagnia di Ivrea hanno transennato l'area delle casse dove è avvenuto l'episodio. Il corpo della 25enne verrà portato alla medicina legale di Strambino a disposizione della Procura di Ivrea.




COMMENTO

Prepariamoci tutti. Questo è il futuro che ci attende.

Sempre più suicidi/omicidi "inspiegabili".

Inspiegabili, sì, solo per chi continua a tenere le fette di salame sugli occhi.

Gli psicofarmaci stanno trasformando la nostra società in un mondo di zombie senz'anima.

Nessuna persona depressa si uccide con una scatoletta di metallo in un supermercato.

NESSUNA

Pietro Bisanti

 

7 commenti:

  1. E che dire dell'omicidio di Vasto, in cui un uomo rimasto vedovo per un incidente d'auto, ha ucciso il ragazzo di ventidue anni che era alla guida della vettura che gli ha portato via la moglie.

    Da un'intervista alla madre dell'omicida, psicologa.

    "Due giorni prima del delitto sono andata dallo specialista, uno dei tre da cui Fabio era in cura. Gli ho detto: mio figlio sta male, sta davvero molto male, ricoveratelo".
    Cosa vi ha risposto lo specialista?
    "Che non era possibile ricoverarlo, se non era lui a chiederlo".
    Quante ore trascorreva al cimitero?
    Lina: "Dopo la morte di Roberta saltava il muro del cimitero per restare con lei anche la notte. La mattina entrava prestissimo, coi muratori, e spesso ci restava tutto il giorno. Adesso si alzava alle 9 perché i farmaci lo facevano dormire, e si arrabbiava per il tempo perso. Ormai avevamo paura di lui, delle sue reazioni: non gli potevi dire nulla, si infuriava subito. Aveva smesso di lavorare, non faceva più nulla, diceva che i soldi non servono, pensava solo al cimitero."

    http://www.repubblica.it/cronaca/2017/02/05/news/vasto_genitori_fabio_di_lello-157598080/

    Tre specialisti sono riusciti ad ottenere questi risultati.

    RispondiElimina
  2. Come mai riporti il numero della cassa? Non era rilevante..

    RispondiElimina
  3. manco sapete che sono ste malattie e date contro agli psicofarmaci

    RispondiElimina
  4. ti vorrei far sperimentare un attacco di panico poi ne riparleremo

    RispondiElimina
  5. Secondo me hai bisogno di un bel po' di serenase.

    RispondiElimina
  6. Secondo me hai bisogno di un bel po' di serenase.

    RispondiElimina
  7. il problema è che anche gli addetti ai lavori non hanno idea di come si formi e come si curi la malattia mentale. A Roma c'è la scuola si Massimo Fagioli che si basa su una teoria sperimentata , è mai contraddetta, che funziona, ma ha contro le lobby dei farmaci e degli psicoanalisti che , senza teoria, non curano

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.