ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Igienista alimentare specializzato in ambito giuridico-psichiatrico (NOTA BENE: L'Igienismo è uno stile e filosofia di vita e NON una specializzazione in ambito medico), già maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 18 ottobre 2017

OMICIDI/SUICIDI PSICOFARMACO-INDOTTI: VE NE ROVESCIO ADDOSSO QUANTI NE VOLETE. QUESTA E' LA MIA IDEA

FONTE WWW.DIRETTANEWS24.COM

Suicidio a Milano, funzionaria di Banca Intesa si lancia dalla sede dell’istituto
ottobre 13, 2017

Suicidio in pieno centro a Milano. La tragedia è avvenuta nella tarda mattinata di giovedì 12 ottobre: intorno alle 11.30, secondo quanto riportato dall’azienda regionale di emergenza urgenza.

Una donna di 49 anni si è lanciata nel vuoto dalla sede della Banca Intesa che si trova in via Hoepli, all’angolo tra piazza Meda e via San Paolo. La donna, secondo le prime informazioni, era una funzionaria dello stesso istituto di credito.


La donna si sarebbe lanciata dal quarto piano del palazzo che ospita gli uffici dell’istituto bancario.

Le condizioni della 49enne sono subito apparse disperate, tanto che la centrale operativa del 118 ha inviato sul posto un’ambulanza e un’automedica in codice rosso.

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 con un’ambulanza e un’automedica, ma per la donna non c’era purtroppo più niente da fare: il personale medico ne ha potuto solo constatare il decesso.

Non sono ancora chiare le motivazioni del gesto. Per i rilievi sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Milano, sul posto con gli agenti della polizia locale.


FONTE WWW.ILRESTODELCARLINO.IT

Cupramontana, epilogo tragico per Mariya. Trovata morta
Ancona, il corpo della 19enne scomparsa è stata trovato in un bosco non lontano da casa

Cupramontana (Ancona), 14 ottobre 2017 - Il sorriso dolce di Mariya si è spento, così come le speranze della madre e delle amiche, che da giorni sognavano di riabbracciarla. Il mistero della scomparsa della ragazza si è concluso nel peggiore dei modi. Il corpo della giovane, 19 anni, di origini ucraine ma che da 9 anni viveva a Cupramontana, nell’Anconetano, è stato ritrovato in un bosco non lontano da casa.

Secondo gli investigatori non ci sono dubbi sulla sua morte: la ragazza si è impiccata con un foulard probabilmente il giorno stesso della scomparsa. Il corpo è stato individuato ieri intorno alle 16.30 da una squadra della protezione civile in contrada Romita, in una zona impervia all’interno di un uliveto che dista solo tre chilometri dalla casa in cui la giovane viveva con la madre.

Un epilogo amaro per una vicenda che ha sconvolto la comunità. Mariya era una studentessa modello: si era da poco diplomata all’istituto Cuppari di Jesi, ma negli ultimi tempi sembra soffrisse di depressione, e per questo era in cura. Un male interiore che al momento sembra essere la causa più probabile del suicidio e per il quale Mariya era stata sottoposta ad alcuni accertamenti in una clinica di Fermo. Proprio lì aveva conosciuto un ragazzo, affetto da disturbi psichici, lo stesso che mercoledì durante la diretta Rai di ‘Chi l’ha visto?’ avrebbe inviato foto inquietanti via Whatsapp al cellulare della migliore amica di lei. Le foto ritraevano un coltello e un braccio con la lettera ‘M’ incisa con un taglierino, una ragazza sdraiata a pancia in giù a letto accanto a quello che sembrava il cappottino beige che indossava Mariya al momento della scomparsa e una sagoma con un cappio in mano e alcune parole come cifrate. Mariya aveva parlato di quel ragazzo che le aveva prestato un libro anche col suo fidanzato, Francesco Guerra, che ieri pomeriggio a ‘La Vita in Diretta’ dopo il ritrovamento del corpo della giovane ha detto: «Mi aveva detto che era simpatico».

Mariya era scomparsa da casa domenica pomeriggio: «Dovevamo andare a fare una passeggiata programmata insieme, io l’avrei raggiunta ma lei andava più veloce. Non l’ho più trovata: l’ho cercata ovunque, anche con l’auto» ha raccontato in seguito la madre. Quel giorno anche il suo ragazzo l’aveva sentita ‘strana’ e le aveva chiesto di vedersi, ma lei aveva glissato dicendogli di non preoccuparsi. A destare preoccupazione e a escludere una fuga programmata fin da subito anche il fatto che la ragazza fosse uscita di casa senza documenti, cellulare, soldi e occhiali da vista, ma con le lenti a contatto giornaliere e una grave miopia. Fin dal giorno successivo vigili del fuoco, carabinieri in congedo e protezione civile si sono messi in moto con le ricerche, con tanto di cane molecolare: tra le ipotesi anche quella che la giovane potesse essere salita a bordo di un’auto, visto che le tracce sembravano terminare in fondo al paese. Ma purtroppo le ipotesi si sono risolte nel peggiore dei modi.

Ora tra Cupramontana, dove la giovane viveva con la madre a casa del datore di lavoro di lei, e Jesi, dove si trovava la cerchia di amici della ragazza, resta solo tanto dolore per quel momento di sconforto terminato nella più amara delle tragedie. E per Mariya, dagli occhi chiari e il sorriso dolce, studentessa modello che avrebbe dovuto scegliere a quale università iscriversi proprio in questi giorni, il futuro radioso si è trasformato in tragedia.

FONTE WWW.RAVENNANOTIZIE.IT

La tragica scomparsa di Mayo, noto dj della riviera.

La tragica scomparsa di Mayo, noto dj della riviera
Dj Mayo
Il 1° agosto è morto all'ospedale di Ravenna Mario Cannillo, 46 anni, in arte dj Mayo, personaggio noto presso i giovani e nei locali della riviera, come il Rock Planet di Pinarella di Cervia. Il dj è arrivato in ospedale a Ravenna già in condizioni disperate, con diverse ferite da arma da taglio che - secondo le prime ricostruzioni - si sarebbe procurato da solo, in un tentativo di suicidio. Inutili i tentativi dei sanitari di salvarlo. 

Mayo aveva accennato a problemi di salute negli ultimi tempi sul suo profilo Facebook, mentre i suoi conoscenti parlano del fatto che il dj stesse attraversando una fase di forte depressione, il che potrebbe spiegare l'eventuale tentativo di suicidio.


FONTE WWW.UNIONESARDA.IT


"Ho ammazzato la mamma": Quartu, fermato un 56enne
Domenica 30 Luglio alle 18:21 - ultimo aggiornamento Lunedì 31 Luglio alle 08:19

La polizia sul posto
Ha ucciso la madre a coltellate preso da un raptus. Poi ha atteso l'arrivo del 118 e della Polizia.
Omicidio nel pomeriggio a Quartu.
Il responsabile, Angelo Dessì, 56 anni, è stato trovato a casa, in via Nenni, in stato di choc: sembra soffra di problemi psichici, ma prima d'ora non ci sarebbero mai state denunce di comportamenti violenti.
La vittima Paola Schiffino, 86 anni.
Inutili i soccorsi.

Il carro funebre si allontana da via Nenni con il corpo dell'anziana
Sul posto gli agenti del commissariato, gli investigatori della Squadra mobile e gli esperti della Scientifica per tutti gli accertamenti, raggiunti poi dal pm Alessandro Pili e dal medico legale Roberto Demontis.
A dare l'allarme è stato il fratello.
Secondo quanto trapelato, quest'ultimo avrebbe telefonato a casa della madre per sapere come stesse.
A rispondere è stato Angelo Dessì, che viveva con la donna.
"Tutto bene?", gli avrebbe chiesto il fratello. E quello, candidamente, avrebbe replicato: "No, ho appena ucciso la mamma".
Dopo l'intervento delle forze dell'ordine e i rilievi nell'abitazione, Dessì - che avrebbe infierito sulla madre con due coltelli, colpendola con diversi fendenti - è stato portato via da un'ambulanza e si trova ora piantonato in ospedale nel reparto di Psichiatria del Santissima Trinità.

FONTE WWW.NAPOLITODAY.IT

Suicidio Lucia Caruso

Lucia Caruso
APPROFONDIMENTI

Si lancia nel vuoto da un balcone, addio a Lucia Caruso
Si lancia nel vuoto da un balcone, addio a Lucia Caruso
18 maggio 2017
Emergono novità importanti sulla morte di Lucia Caruso, la 35enne cantante neomelodica di Torre Annunziata, che si è tolta la vita questa mattina lanciandosi dal balcone di un edificio di via Mazzini, nel centro storico della città vesuviana.

Secondo le prime testimonianze raccolte dalla polizia intervenuta sul posto, alcune persone avrebbero tentato di dissuadere Lucia Caruso dal compiere il folle gesto, invano. I conoscenti hanno riferito che l'artista soffriva di depressione. 

Molto nota in città e non solo, Lucia Caruso aveva duettato, tra gli altri, anche con Leo Ferrucci (in "Si cchiù giovane 'e me") e Ciro Rigione (in "E ppe sempe"). Nel corso della sua carriera aveva anche dedicato una canzone al Calcio Napoli, dal titolo "La squadra del cuore".

FONTE WWW.ILMESSAGGERO.IT

Udine, delusa per amore si lancia da quarto piano: ragazza 23enne in fin di vita
I soccorsi alla ragazza che si è buttata dal quarto piano 
di Paola Treppo
Una ragazza di 23 anni di Udine si è lanciata dal quarto piano di una palazzina in piazzale Cella e versa in gravissime condizioni all'ospedale di Udine. La giovane, in profondo stato di prostrazione a causa di una terribile delusione d'amore, aveva tentato già di togliersi la vita per due volte nei giorni scorsi, in un caso ingerendo dei farmaci e poi cercando di farla finita inalando del gas di scarico dentro a una macchina.

Oggi, martedì 16 maggio, intorno alle 15, il lancio dal quarto piano, in centro città (nelle foto i soccorsi). La vita della 23enne è appesa a un filo. Sul posto il 118 e i carabinieri della Compagnia di Udine.


FONTE WWW.MACERATANOTIZIE.IT

Fiastra: si impicca un allevatore
Il corpo è stato ritrovato dalla madre in un capannone


Lo ha trovato la madre qualche ora dopo. Protagonista di questa drammatica vicenda, un allevatore di 58 anni di Fiastra, che si è tolto la vita nella mattinata di venerdì 19 maggio, orientativamente intorno alle 11:30. La madre ha trovato il corpo nel primo pomeriggio in un capannone vicino casa.

Secondo le prime ipotesi portate avanti dai Carabinieri di Fiastra, il gesto è stato dettato dalla depressione. L’uomo non era sposato, viveva con la madre in un modulo dal momento che la sua abitazione è stata danneggiata dal sisma. Si occupava dei suoi animali e coltivava i suoi terreni.


In questi giorni sarebbe dovuta arrivare la stalla per i suoi animali e chi lo aveva visto recentemente lo ha definito sereno, non c’era nulla che avrebbe fatto presagire la tragedia. Sul posto sono arrivati i Carabinieri e il 118, ma non c’era più nulla da fare.



COMMENTO

"Delusioni amorose", "raptus di follia", "abbandonato dallo Stato": apparenti giustificazioni per fornire all'opinione pubblica una "tranquillizante" motivazione per chi si autoaccoltella, chi si impicca, chi si butta nel vuoto, chi uccide la propria madre senza apparente motivo.

Invece, come ormai troppo spesso accade, è verosimile che tutte queste tragiche storie abbiano il "solito" denominatore comune: gli psicofarmaci.

Come ripeto sempre, ognuno si faccia la propria idea. Io la mia già ce l'ho.

Pietro Eupremio Maria Bisanti










1 commento:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=K-frAmzLuW8

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.