ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Igienista e consulente legale specializzato in ambito giuridico-psichiatrico, ricercatore indipendente sul disagio umano con particolare attenzione a quello giovanile e sui danni da psicofarmaci (NOTA BENE: L'Igienismo è uno stile e filosofia di vita e NON una specializzazione in ambito medico), già maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 16 luglio 2018

NON CE NE FREGA UN CAZZO DELL'UNIVERSITA', QUI BISOGNA LAUREARSI "ALLA VITA": SONO PRONTO A DARVI ASSISTENZA LEGALE

LETTERA

Buongiorno sig. Pietro Bisanti, 


Le scrivo per conto di una mia carissima amica, la quale nel 2012 ha subito un ricovero coatto ed è stata dimessa dall’ospedale con la diagnosi di psicosi, lei si è sempre rifiutata di assumere la terapia dopo il ricovero , in quanto le procurava non pochi effetti collaterali.

In seguito, più precisamente nel 2015 ha dovuto far ricorso alle cure ospedaliere per una grave carenza di sodio e potassio (sostanze fondamentali per la vita stessa delle cellule e quindi per la vita  della persona).

La situazione era questa, le riporto quanto scritto nella lettera di dimissioni della mia amica dall’ospedale.

Motivo del ricovero: "assunzione accidentale di bicarbonato di sodio, subito dopo il ricovero la paziente presenta una grave  carenza di sodio e potassio, diagnosi psicosi".

A detta dello psichiatra il motivo della carenza di questi minerali era dovuto all’ingestione, specifico accidentale, del bicarbonato di sodio (faccio presente che lei lo usa talvolta per “sbiancare” leggermente i denti, sostanza la quale viene utilizzata anche dagli odontoiatri  per fare l’ablazione del tartaro e togliere eventuali macchiette sui denti, quindi non in grado di causare una tale carenza).

Secondo la mia amica la carenza dei sopra citati minerali era prodotta dai farmaci che lei stava assumendo in quel periodo per curare una sinusite, gli antibiotici, ai quali risultava intollerante cagionandole continua diarrea e quindi debilitando il suo fisico, riscontro avuto anche da una ricerca fatta in Internet.

La situazione attualmente è la seguente, la mia amica tornata dall’ospedale si è rifiutata di assumere farmaci, si prede cura di stessa e di ciò che è necessario per il vivere quotidiano, inoltre come gli altri fratelli presta assistenza alla madre una domenica al mese dalle otto del mattino alle 8 di sera.

Faccio presente che ella si è iscritta all’università, facoltà di Psicologia e sta portando avanti  i suoi studi con successo, l’ultimo esame dato di neurofisiologia ha ottenuto 28/ 30, mi sembra un buon risultato.

Io le scrivo perché la mia amica a volte è un po’ preoccupata e spesso mi dice “spero di non aver mai bisogno delle cure ospedaliere perché ho compreso che una volta che sei stata ricoverata lì quello diventa il tuo reparto per il resto dei tuoi giorni, ed io ho fatto una dannata fatica per scrollarmi di  dosso tutti gli abusi subiti, cercando di  recuperare la fiducia e l’autostima che un tempo mi apparteneva”.

La mia domanda è semplicemente questa: nella sciagurata ipotesi che tale situazione si ripresentasse Lei come potrebbe aiutare la mia amica? Mi potrebbe dire in cosa consiste il suo aiuto? Intendo dire cosa potrebbe fare concretamente?

La mia amica non è a conoscenza di questo mio scritto, mi sono riservata di informarla in seguito ad una Sua risposta, preciso che ella ha una figlia adulta, una sorella e ben quattro fratelli (nessuno a parte io è a conoscenza del fatto che lei è iscritta all’università, lei desidera dirlo al termine del percorso di laurea), ma purtroppo non ha il supporto di nessuno di loro, anzi secondo loro lo psichiatra ha ragione, questo è il motivo per cui io mi sono assunta la responsabilità di chiederle un eventuale supporto o aiuto nel  caso di effettiva necessita o meglio di un eventuale ricovero nel medesimo reparto.

Spero che Lei cortesemente mi possa darmi  una risposta nel più breve tempo possibile 

La ringrazio per la Sua attenzione 

Le porgo cordiali saluti 

Lettera firmata

RISPOSTA

Buongiorno Anonima,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Ribadisco, per evitare qualunque equivoco (certo non da parte mia), che quanto mi accingo ad esporre è e rimane IL MIO PERSONALE PENSIERO: non sono un medico e non ragiono come tale. L'Igienismo Naturale, che ha millenni di storia, è ciò che io ritengo sia la strada giusta da seguire e che applico in primis, ogni giorno, su me stesso.

Questa doverosa precisazione è la diretta conseguenza del comportamento delle (poche) persone che hanno provato a riversare sul sottoscritto i propri fallimenti personali: quando non si sa a chi dare la colpa della propria vita di merda, si punta il dito contro chi tenta, nel rispetto delle Leggi e dell'autodeterminazione sanitaria, di darti una mano.

Veniamo a noi.

Mi perdoni se potrò apparirle brusco ma quello che deve arrivare FORTE e CHIARO è il mio messaggio, in quanto qui c'è di mezzo la vita di un essere umano.

Ho personalmente assistito a talmente tante storie che ormai ritengo di avere una esperienza granitica in merito...

Quindi, la prima cosa che mi viene da chiedere è: "Ma come diamine sta vivendo questa donna la propria vita OGNI GIORNO?".

Vivere non significa SOPRAVVIVERE. Vivere significa GODERE della vita, anche delle sue difficoltà, PADRONI del PROPRIO CORPO e della PROPRIA MENTE.

Siamo sicuri che questa donna lo sia? Io dico di NO, altrimenti non avrebbe bisogno di "cure", non avrebbe bisogno di farsi di antibiotici, non avrebbe carenze di alcun tipo... insomma...come vive questa persona? Come mangia? Come respira? Che relazioni ha con il mondo esterno? Quanti psicofarmaci ha assunto?

Non "me ne faccio niente" di un esame universitario magari passato ripetendo a mo' di pappagallo delle nozioni lette su di un libro.

Qui bisogna prima di tutto laurearsi all'"università della vita", che significa avere un CORPO e una MENTE in perfetta salute ed efficienza.

Io non so nulla di questa donna ma non ci vuole niente per capire quanto ci si trovi di fronte a una persona che, volente o nolente, ha maltrattato da sempre il proprio corpo... e continua a farlo.

Rispondendo alle sue domande, le preciso che NESSUNO può imporre la somministrazione di farmaci al di fuori di un atto di trattamento sanitario obbligatorio.

Bisogna però anche capire quale sia la "posizione" di questa donna: è in carico a un Centro di Salute Mentale?

Se sì, come detto poc'anzi, può rifiutarsi di assumere i farmaci ma questo va comunque fatto con cautela ed intelligenza: nella pratica, i CSM si sentono responsabili delle persone a loro assegnate dopo un ricovero ospedaliero e quindi si allarmano quando le medesime rifiutano le terapie e/o risultano "sfuggenti". Il mio consiglio è quindi di sganciarsi dal CSM con intelligenza e per questo è necessario farsi affiancare da una figura competente in materia, come il sottoscritto.

Potrò quindi fissare un appuntamento con il CSM di zona e accompagnare la signora a un colloquio in qualità di "persona di fiducia sanitaria", che è un figura espressamente prevista dalla Legge, facendo valere le sue ragioni.

Perché, se ci si limita a "sparire" i CSM hanno comunque l'arma dell'accertamento sanitario obbligatorio, con cui, in pratica, possono coattivamente sottoporre a visita una persona di cui si sospetti uno stato di sofferenza mentale... e da questo il passo al trattamento sanitario obbligatorio è spesso molto veloce e automatico, specialmente quando si è SOLI.

Detto questo, nel caso invece non fosse assegnata ad alcun CSM (ma la vedo dura), e comunque a prescindere da tutto, se fosse emesso un accertamento sanitario obbligatorio e/o un trattamento sanitario obbligatorio posso in prima persona intervenire presenziando agli stessi e fornendovi assistenza legale.

Ma tutto ciò NON PUO' PRESCINDERE dal fatto che la cosa principale per evitare tutto questo sia TORNARE IN SALUTE.

Che significa trattare il proprio corpo alimentarmente/emozionalmente/ambientalmente come una reliquia...

E su questo, sia lei che questa donna, siete a DIGIUNO COMPLETO.

Quindi, lettura IMMEDIATA del mio libro "Assassini in pillole: la Psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cominciate a informarvi. 

Questa è l'arma vincente.

Pietro Eupremio Maria Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pietrobisantiblog@gmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.