ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 10 agosto 2012

INCATENATA AL SEROXAT

LETTERA

Salve,

Sono Alessandra, ci siamo sentiti telefonicamente giorni fa e, come d'accordo, ti scrivo la mia triste esperienza con il famigerato "Seroxat".

All'inizio del 1999 ero in piena crisi depressiva, causata dalla fine di una relazione alla quale tenevo molto e su cui avevo investito tanto.
Mi rivolsi ad uno psichiatra perchè sentivo che non ce l'avrei fatta da sola ad uscire da quel tunnel. Mi prescrisse infatti il "Seroxat" (paroxetina). A sentire lui non mi avrebbe causato nessun effetto collaterale e mi assicurò che sarei stata meglio, dopo qualche mese.
Dovevo continuare questa cura per anni, a suo parere. Lo pagai profumatamente e cominciai questa maledetta "cura".a gennaio 99.
Ho smesso definitivamente nel giugno 2003 e ho avuto delle vere e proprie crisi di astinenza da farmaco; (nausee, vertigini, ecc.). Quello psicofarmaco mi aveva fatto ingrassare di una decina di kg, mi aveva causato perdita di capelli, acufeni alle orecchie, sbalzi di umore e addirittura attacchi di panico tremendi, (che non avevo mai avuto) !
Ovviamente, la depressione e l'ansia erano rimaste.
Ho imparato purtroppo sulla mia pelle che gli psicofarmaci sono dannosi e che sono vere e proprie droghe legalizzate !

Spero vivamente che la mia testimonianza possa essere di aiuto.


RISPOSTA

Ciao Alessandra,
grazie per aver deciso di rendere pubblica la tua vicenda personale.
Anzitutto vediamo cosa è il Seroxat.
È uno psicofarmaco della categoria degli antidepressivi SSRI di seconda generazione.
In pratica, blocca la ricaptazione a livello neuronale della serotonina, facendo sì che ne venga "distrutta" di meno e che quindi il cervello ne abbia sempre in generose quantità.
Quello che il tuo scienziato di psichiatra non  ha considerato è un meccanismo semplicissimo, che chiunque prenda psicofarmaci deve sempre tenere in mente.
Nello specifico, quando una determinata sostanza prodotta da un determinato organo viene somministrata forzosamente, quel determinato organo piano piano, per un processo di compensazione, si atrofizza.
Quindi, stesso discorso per insulina, ormoni tiroidei etc...
Ecco quindi che solo un folle può farti iniziare una "cura" (che di cura certo non si tratta andando, quando va bene, ad attaccare i sintomi, senza considerare la vera causa a monte) immediatamente avvertendoti che durerà anni.
Solo un folle non ti avverte che la paroxetina, che è il principio attivo del Seroxat e di altri antidepressivi similari, è una delle sostanze più ostiche da dismettere, con crisi di astinenza di una forza pari a quelle dell'eroina.
Solo un folle non ti avverte che la paroxetina distrugge oltre che la mente anche il corpo, azzerando la tua vita sessuale, facendoti ingrassare o dimagrire notevolmente, innescando a volte attacchi di panico che la persona non aveva mai sperimentato prima.
Tornando al discorso iniziale, le crisi di astinenza sono semplicemente il meccanismo che il corpo mette in atto per tornare ad uno stato di normalità dopo anni di somministrazioni.
Quando si dismette un antidepressivo, la biochimica celebrale che gioco forza si era "abituata" a ricevere una determinata sostanza ogni giorno, deve fare uno sforzo enorme per ristabilirsi, ed ecco quindi tutta la pesante sintomatologia da dismissione che la gente prova.
Siamo alla follia ormai: l'altro giorno, al supermercato, ho fatto due chiacchiere con una cassiera che mi ha detto che, andando dal proprio medico di base dicendo di sentirtsi giù di morale, ne è uscita con una ricetta proprio del farmaco a te prescritto.
Il delirio, siamo ormai allo spaccio di sostanze stupefacenti come se si trattasse di caramelle Zigulì.
La depressione è una brutta bestia, ma non ci sono mezze misure per contrastarla.
Quindi, rafforziamo il corpo e lo spirito.
Come scritto nei miei articoli, via tutta la spazzatura, via tutto ciò che può influire sulla delicata flora intestinale che è direttamente connessa con la produzione dei neurotrasmettitori celebrali.
Quindi scordiamoci la dieta onnivora, e partiamo con l'unico modo corretto di alimentarci: la dieta vegana tendenzialmente crudista.
La gente pensa che le sintomatologie di natura psichiatrica siano connesse solo ed esclusivamente a motivazioni di carattere psicologico: tutte palle.
Un intestino intasato porta cattivo umore; una tiroide ballerina porta stati ansiosi e depressivi anche gravi.
Siamo un tutt'uno, e quindi se per vivere meglio dobbiamo dare un calcio nel culo al marito o alla moglie, diamoglielo.
Ma non dimentichiamo mai e poi mai la nostra parte fisica.
Per chi legge questo articolo senza conoscere il mio blog, l'invito è di riguardarsi tutti i numerosi articoli a riguardo, molti dei quali inerenti proprio gli psicofarmaci.


1 commento:

  1. Buongiorno,ho 66 anni e da quattro anni soffro di depressione maggiore, ho provato tantissimi farmaci ma non facevo altro che peggiorare. Da due anni uso la Sertalina in dose di 50 mg die e posso solo dire che adesso non riesco più ad uscire di casa perché vengo sistematicamente colpito da crisi di panico. La depressione è al punto di partenza ma provare a togliere questo farmaco è cosa impossibile per gli effetti deleteri da astinenza. Sono prigioniero! Spero che questa mia esperienza serva a qualche persona a non cascarci nel tranello degli antidepressivi con questa molecola. Buona vita.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.