ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 19 giugno 2013

QUATTRO RICOVERI, DUE TSO E UNA VAGONATA DI FARMACI

LETTERA



TANTI RICOVERI E UN MARE DI FARMACI

Buongiorno, scrivo da Bologna. Ho quasi 46 anni e 2 figli. In tutta la mia vita, a partire dai 23 anni, ho avuto 4 ricoveri di cui 2 tso. Le diagnosi fatte non si contano, dalla depressione al disturbo di personalità e altra roba. Vi lascio immaginare i tipi e le quantità di farmaci che ho dovuto “subire”. 

UN SACCO DI PESO IN PIU' E DEPOT UNA VOLTA AL MESE

Un anno e mezzo fa, dopo qualche mese dall’ultima dimissione da 2 mesi di ricovero a villa baruzziana, ho smesso di pacca di prender tutto perché io, alta 1,60 e tendenzialmente magra ero diventata 69 kg e un farmaco depot che mi iniettavano al consultorio 1 volta al mese mi aveva fatto cominciare a tremare come una foglia. 

MESI DI TREMORI E POI IL MINIAS

Ho tremato per oltre tre mesi. L’estate autunno scorsi ho cominciato a non dormire e su consiglio di mio zio psicologo ho ricominciato con qualche goccia di minias e poi, in seguito a una visita da una dott.ssa un po’ omeopata un po’ tradizionale, assumo da marzo 8 gocce di elopram oltre a cura omeopatica con triptofano, vitamine, ecc. 

TUTTO NASCE DA INCOMPRESIONI IN FAMIGLIA E BAMBINA CHE NON MI FA DORMIRE

Il mio calvario è iniziato 6 anni fa a 6 mesi dalla nascita della mia seconda bambina, cercata, desiderata, voluta. Dopo 6 mesi di allattamento, stress, fatica fisica e mentale, accudimento del resto della famiglia, poca comprensione in casa, ho cominciato a non dormire di notte. La piccola, dopo 2-3 mesi di sonno regolare notturno, aveva ricominciato a svegliarsi anche 3-4 volte x notte chiedendo il latte. 

MEDICO DI BASE CHE MI PRESCRIVE SEREUPIN E MINIAS AL TELEFONO
A volte ciò non succedeva ma io ero talmente suggestionata e andavo a letto ripetendomi “ecco, adesso si sveglia adesso si sveglia” e non dormivo lo stesso. Ho chiesto aiuto a mio marito, ai nonni, alla pediatra, dicendo che non dormivo ma nessuno ha preso sul serio questo mio problema. Beh che sarà mai, hai una bambina piccola non dormi e ti lamenti? Finché, non sapendo dove sbattere la testa e in preda alla confusione più assoluta, mi sono rivolta al mio medico di base che, senza nemmeno volermi parlare di persona per CAPIRE la natura del mio problema, mi ha prescritto subito PER TELEFONO minias e sereupin. 

VIGILI CHE MI CARICANO SU DI UNA AMBULANZA CHIAMATI DA MIO MARITO

Da allora non sono più riuscita a liberarmi di farmaci, psichiatri, consultori e ospedali. Da poco ho iniziato un percorso con una psicologa ma sarà dura colmare questa voragine, togliermi dalla testa i vigili che a forza mi prelevano da casa mia e mi caricano su un’ambulanza e a dimenticare che è stato mio marito a chiamarli.

NON STO ANCORA BENE E ABUSO DI MINIAS

Io purtroppo non sto ancora bene, ho ansia costante, la mia qualità di vita è infima, questi sei anni purtroppo hanno devastato la mia famiglia, i miei figli e messo a repentaglio il mio lavoro.
Il mio problema attuale è che, oltre a non stare per niente bene, abuso del minias, raddoppio le dosi massime, lo prendo anche di giorno per calmare l’ansia. Io, da sempre contraria e costretta ai farmaci, sono diventata drogata, di una droga legalizzata. E chiaramente, questo farmaco non funziona più.

CLINICA DEL SONNO CHE MI PRESCRIVE ALTRI TRE PSICOFARMACI

Ho anche consultato la clinica del sonno del s.orsola di Bologna dove mi son sentita dire da una simpatica neurologa che il mio caso non era di sua competenza e mi dovevo rivolgere di nuovo allo psichiatra, persona che non frequento da tanto tempo. E, per tamponare, ha detto, solo per tamponare, mi ha prescritto altri 3 psicofarmaci. Il referto è stato immediatamente cestinato.
 
VOGLIO TORNARE A VIVERE E SONO MOLTO SOTTOPESO

Sarebbe mio grande desiderio ricominciare a dormire in modo naturale senza gocce, come ho fatto fino a 40 anni e ricominciare a vivere una vita serena, con meno ansia, riuscire a giocare con mia figlia divertendomi pure io. Ricordo bene cosa vuol dire dormire e svegliarsi tonici e riposati, ora non so più cosa vuol dire.
 
Ora sono 46 kg, direi sottopeso, ma lo shock subito mi fa vivere anche in modo patologico il mio rapporto con il cibo. Mangiare mangio ma quasi sempre con l’ansia addosso, peso, regolo, controllo mangio molte verdure. Oggettivamente capisco che ora il problema del soprappeso non c’è ma ho subito un tale trauma che ora sono in questa penosa condizione. Quella di non riuscire a mangiare una pizza in allegria.
 
Non so più nemmeno che persona sono, tutte queste cure mi hanno cambiata radicalmente. Non  ho quasi più interesse per niente. Il clima in casa è duro e pesante, ho perso i primi sei anni della mia bambina e il mio figlio grande l’ho “lasciato” che era un bambino di 10 anni, ora ne ha 17 e non mi parla nemmeno più. Ho perso quasi tutti i miei amici e faccio fatica a trovarne, perché le persone tristi non le vuole intorno nessuno.
 
Ora ho contattato un centro di relazioni umane antipsichiatrico di Bologna perché vorrei dismettere la roba che ancora mi tiene legata. Non sono solo i legacci degli ospedali a bloccarti.
Grazie per l’attenzione prestatami. Sapere che c’è qualcuno che ti ascolta con orecchi diversi dal resto della gente comunque aiuta.
Cordiali saluti.

Lucia



RISPOSTA

Buongiorno Lucia,
mail come le sue me ne stanno arrivando a catinelle, e invito chiunque abbia una storia a scrivermi a pbisant@hotmail.com.

Pur con il profondo ed enorme rispetto che provo per la sua situazione, non voglio usare mezze misure, né nei suoi confronti né tantomeno nei confronti dei medici e dei suoi familiari.
Partiamo da una considerazione: se lei si fosse suicidata, pensa che avrebbero dato la colpa a qualcuno?

No, l'avrebbero seppellita etichettandola come l'ennesima infelice e squilibrata che si è tolta la vita.
Nessuno nega che un bambino che piange (e la conseguente insonnia) possano mettere a dura prova anche il genitore più tenace, e grida vendetta al cospetto dell'Universo il fatto che i suoi familiari più stretti non si siano "stretti" intorno a lei per aiutarla in un momento così delicato.

L'Umanità fa schifo, ma non tutta per fortuna.

Ma la soluzione non è mai imbottire la gente, trasformandola in zombie che perdono il contatto vero con la realtà e la vita.
La soluzione è fornire aiuto pratico e concreto, e al contempo rafforzare il fisico con un'alimentazione consona al nostro disegno divino.
Avrà avuto modo di vedere che questo blog fonda la sua stessa esistenza sull'alimentazione vegana, il più crudista possibile.

Mangiare bene non previene solo i tumori.
Mangiare bene significa avere un corpo sano e una mente lucida, capace anche di rispondere ai colpi della vita senza farsi da essi abbattere.
Se sono disequilibrato, e rimango bloccato in un ingorgo stradale, magari sbroccherò, ma non sarà colpa dell'ingorgo, ma bensì della mia debolezza mentale a cui lo stesso ingorgo ha dato il colpo di grazia.

Quindi, nel suo caso specifico, il non riposare bene a causa di un bambino che piange, e la conseguente perdità di lucidità, è anche direttamente connesso al fatto che il corpo stesso abbia affrontato tale prova già debole e depauperato.

Quindi, nessun riequilibrio può prescindere dal cominiciare a mangiare correttamente, e quindi, come sempre ribadito, in maniera vegana, il più crudista possibile.

Legga per bene questo blog, e capirà qual è il messaggio che voglio dare.

Veniamo al suo medico di base: da denuncia, senza se e senza ma.
Da rispedire sui banchi di scuola, per imparare di nuovo prima di tutto cosa significhi dialogare con un paziente, e per comprendere quanto potenti siano le molecole che le ha con così tanta disinvoltura telefonicamente prescritto.

Veniamo al centro del sonno: da evitare come la peste.
Non si cura l'insonnia attaccando elettrodi alla gente, e non si prescrivono tre psicofarmaci come rimedio tampone. Ormai non mi stupisco più di quanto in basso sia caduta la medicina allopatica.

Tutto sta ora a riappropriarsi della propria vita e del proprio corpo.
Non sono un medico, non prescrivo nulla, non faccio diagnosi né tantomeno ricevo pazienti.
Dico quello che farei io se mi trovassi in questa situazione.

Via tutti gli alimenti industriali.
Via i caffè, via i thè, via tutti gli zuccheri artificiali in tutte le forme.
Via carne, via pesce, via latticini, via i cereali contenenti glutine.
Questo da subito.

Farsi aiutare da un professionista a scalare, con attenzione massima, i farmaci che sta prendendo, avendo cura di massimizzare, nel contempo, l'assunzione di frutta e verdura, il più crude possibile.

L'obiettivo che ho in mente è di fondare un centro che permetta, in tutta tranquillità, in un ambiente protetto, di poter eliminare gli psicofarmaci dalla propria vita, senza il rischio di dover subire TSO su TSO.

La società è ottusa, ipocrita, egoista e ignorante.
Perdoni suo marito: se non si ha una preparazione igienista come quella che ho maturato io in anni e anni di studi e di esperienze su strada come operatore di polizia, è facile pensare che il ricovero sia l'unica soluzione per chi manifesta disturbi psichiatrici.

Non sono qui per lodarmi, ma in questo blog ci metto faccia, nome e cognome.

Ricordi solo che qui, in attesa che si possa fare realmente di più, può trovare il conforto che le serve, con una veduta della medicina e della psichiatria fatta senza le fette di salame sugli occhi.


5 commenti:

  1. Per me sta storia è pura invenzione. I farmaci salvano la gente.... questo blog è ridicolo. Che schifo.

    RispondiElimina
  2. Buonasera, sono Lucia l'autrice della lettera di cui sopra. Vorrei rispondere alla sig.ra Rossella dicendo che tante volte ho sperato che la mia storia fosse "pura invenzione" come dice lei, un brutto incubo da cui svegliarsi. Affermazioni come la sua, date dall'ignoranza, sono offensive non solo nei confronti di chi ha sofferto e soffre come me a causa degli accanimenti terapeutici psichiatrici, ma, nel mio caso, soprattutto nei confronti dei miei figli ai quali per oltre sei anni è stata "rubata" la mamma e che hanno rischiato seriamente di finire nelle grinfie degli assistenti sociali. Le consiglio di farsi un giro negli SPDC o negli ospedali psichiatrici delle grandi città per vedere in cosa consiste la cosiddetta "cura". Persone vittime di tre tipi di contenzione, fisica con i legacci, chimica con i farmaci e psicologica con le minacce. Questo stride fortemente con la frase "prendersi cura di una persona, di un malato". Al sig. Pietro invece vorrei dire che da questo nostro primo contatto sto notevolmente meglio, ho dismesso completamente i farmaci, a parte poco valium al bisogno, supportata ovviamente da una psicologa e da un medico di base, una donna, finalmente umana che non mi dispensa solo farmaci ma umanità, tatto e comprensione oltre che consigli per una corretta alimentazione. Come ultimo grosso problema mi è rimasto il sonno ma col tempo spero di ottenere risultati apprezzabili anche su questo fronte. A ben pensarci, è difficile chiudere gli occhi e rilassarsi senza che mi si ripresenti davanti l’infermiere-poliziotto che mi fa aprire la bocca per controllare l’assunzione della terapia o la compagna di stanza che si dimena perché rifiuta la terapia e viene quindi legata al letto. La ringrazio pertanto perchè da questo nostro primo contatto di giugno è iniziata la mia risalita e spero possa ricevere tante mail di speranza come la mia. Buon proseguimento di questo lavoro di informazione importante e necessario, cordiali saluti. Lucia

    RispondiElimina
  3. Sig.ra Rossella.
    Quello che è veramente ridicolo non è questo blog. Ridicola, anzi pericolosa è' la sua maniera di liquidare con due righe e un insulto la storia drammatica di Lucia. Dire che è inventata senza avere alcuna prova è sciocco ed offensivo.
    Mi chiamo Elisa, sono amica e collega di lavoro di Lucia. La sua storia è, purtroppo, vera, ed anzi, Lucia l'ha raccontata proprio per sommi capi, e anche con un certo pudore. Ci sarebbe tanto altro da dire, e da approfondire. Sono stata vicina a Lucia durante questi ultimi anni, spesso l'ho anche sgridata e scrollata perché non sempre sono stata d'accordo con ciò che lei pensa o fa, ma faccio del mio meglio per aiutarla. Io credo che spesso le medicine salvino davvero la vita alle persone, e comunque non fa parte del mio carattere fare di ogni erba un fascio. Bisogna vedere innanzitutto come sono utilizzate e sicuramente nel caso di Lucia, sono state utilizzate MALISSIMO. Ricordi inoltre che buona parte delle medicine sono inutili e create solo ed esclusivamente per il guadagno delle multinazionali del farmaco. Credo dunque che un sano scetticismo nel confronti dei farmaci sia quanto meno d'obbligo. Non demonizzo i medicinali ma anche nel mio piccolo, cerco di farne un uso limitatissimo e comunque consapevole.
    Così come non demonizzo certi tipi di alimenti : credo nell'equilibrio e nella moderazione.
    Per concludere, cara Rossella, segua davvero il consiglio di Lucia. Verifichi e valuti di persona quale sia la situazione che vivono le persone con disagi mentali e/o psicologici. Non ha senso criticare una situazione se non la si conosce. Magari scoprirà anche che aiutando gli altri a migliorare, anche noi stessi miglioriamo.
    Cordialità.

    RispondiElimina
  4. TSO trattamento Sanitario Obbligatorio che fare..? - forum di discussione in piazza giugno 2015 a Cosenza

    RispondiElimina
  5. non doveva variare la forma in TSS eliminando la competenza esclusiva alle forze dell'ordine? Ho il fatto si è estinto per volute scordanze dopo l'assassinio del caso Soldi?

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.