ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 16 luglio 2013

CLOZAPINA, RIVOTRIL E DEPAKIN PER DISTURBO BIPOLARE: TREMA E CAMMINA COME UN POLIPO

LETTERA

Clorozapina 25
Rivotril 7 gocce
Depakin 500
Rivotril 15 gocce
Clorozapina 100

Questa è la terapia in atto di mia sorella, 56 anni, da 18 con diagnosi di disturbo bipolare affidata (immolata) alle cure di un tale ****** in servizio presso casa di cura villa ******
Mi rivolgo a lei perchè mi sono imbattuto nel suo blog e mi sembra una persona lucida. Mia sorella, residente nel bergamasco, è venuta a stare nel suo paese originario in provincia di foggia presso parenti per l'aggravarsi della sua condizione non tanto psichica quanto fisica (ammesso che i piani si possano scindere). Infatti non riesce a camminare autonomamente cercando appigli come un polipo, trema e certe volte non riesce ad articolare parole. Praticamente stato vegetale seppure con presenza mentale. Questo con la complicità del marito, mio cognato, imparanoiato e atterrito, che sorveglia sulla regolare assunzione dei farmaci.
Premesso che, suppongo,  non si possano eliminare i farmaci senza un percorso graduato, cosa si può fare per migliorare la situazione?
Grazie per la pazienza, 
Firmato A.M.



RISPOSTA

Buongiorno A.M.,
e grazie per la sua testimonianza. Per motivi di privacy, se non mi autorizzate, mi vedo costretto a oscurare i vostri nomi, oltre ad altri dati sensibili.
Come dico sempre, non sono un medico, non prescrivo nulla, non curo nessuno, e credo fermamente nel potere autoguaritivo del corpo umano.
Non salvo nulla della psichiatria moderna, che considero alla stregua della stregoneria.
Veniamo a noi ora: via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.
Cominciamo con uno "sguardo" alla terapia di sua sorella...

Clozapina (e non "clorozapina"): principio attivo di alcuni farmaci antipsicotici atipici, facenti parte della categoria delle dibenzodiazepine. Utilizzato in caso di sintomatologia schizofrenica.
Rivotril: principio attivo "clonazepam". È un farmaco antiepilettico utilizzato anche nel disturbo bipolare per calmare i casi di mania.
Depakin: principio attivo "sodio valproato". È un farmaco antiepilettico utilizzato anche nel disturbo bipolare come stabilizzatore dell'umore.

Chi può lontanamente pensare, con un tale concentrato di bombe chimiche, di poter guarire?
18 anni di psicofarmaci, e questi grandissimi scienziati plurilaureati-masterizzati non sono ancora riusciti a guarire sua sorella?
No, non ci sono riusciti.
E non ci riusciranno mai.

Primo, perché nessun rimedio guarisce il corpo umano: esso stesso si autoguarisce allorquando gliene venga data la possibilità.
Secondo, perché tutti i farmaci, compresi gli psicofarmaci, sono dei sintomatici: non guariscono nulla, e quando va bene riescono a sopprimere per un po' il sintomo.

E qui c'è da urlare dalla rabbia: hanno trasformato una donna, che avrebbe potuto  continuare a godere del sole, di una passeggiata, di una chiacchierata, di una nuotata, di poter fare l'amore con qualcuno, di emozionarsi, in un polipo rantolante e strisciante per casa, tremante in cerca di un appiglio ove appoggiarsi.
Allucinante, il Medioevo in camice bianco.

E con il cognato indottrinato e lobotomizzato a dovere, diventato lo scagnozzo fidato dello psichiatra casomai la propria moglie ormai trasformata in un polipo osasse saltare anche una piccola dose.

Da ribollire il sangue nelle vene.

Torniamo a noi, e vediamo cosa bisognerebbe fare.
18 anni di psicofarmaci sono un stock tossico da smaltire inaudito, ma tutto è sempre possibile quando c'è vita.
Bisognerebbe prendere sua sorella e portarla in un centro psichiatrico a indirizzo igienista, ove possa essere accolta, aiutata, capita, contenuta se serve ma con amore, e supportata nel riportare alla normalità la propria biochimica cerebrale.

Purtroppo centri del genere in Italia sono una rarità, e per questo le consiglio di verificare bene su Internet se ve ne siano, a costo di doversi spostare all'estero.
So che alcuni psichiatri hanno dei programmi di disintossicazione dagli psicofarmaci, ma al momento non ho la giusta quantità di testimonianze e informazioni per darle un riscontro positivo.

Oltretutto, quando si assumono cocktail di farmaci, lo scalaggio diventa ancora più complesso, e si può andare incontro a crisi di disintossicazione mostruose, e al giorno d'oggi, chi è catalogato come malato psichiatrico e ha un crisi, la prima cosa che si fa è somministrargli ulteriori farmaci: il delirio non ha mai fine.

L'obiettivo finale sarebbe quindi scalare tutto, associando lo scalaggio a un totale e rivoluzionario cambiamento di tipo alimentare.
Niente può prescindere da un'alimentazione consona al nostro disegno divino, e cioè quella vegana il più crudista possibile.

Nessuno nega che i traumi possano mettere a dura prova tanto il nostro fisico quanto la nostra mente, ma non si può continuare a nascondere il fatto che le malattie, comprese quelle psichiatriche, abbiano nella stragrande maggioranza dei casi una base organica e tossica.

Il cervello è un organo inserito in un contesto globale, e non una massa disconnessa dall'organismo (vds. il mio articolo "NON SIAMO I MATTONCINI DELLA LEGO"), e quindi se l'intestino lavora male, il cervello lavorerà altrettanto male.
Sono concetti talmente banali che ritengo sia inverosimile che dottoroni stralaureati e strapagati non riescano a comprenderli.

Quindi, l'unica cosa da fare è disintossicare il proprio organismo: cibi puliti e pensieri puliti, questo è il binomio vincente, dal raffreddore alla sclerosi multipla, fin ad arrivare alla schizofrenia.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti. 
Aggiungo alla lista tutti i farmaci, anche quelli più innocui, tutti gli ormoni e gli additivi alimentari.
Questa è una lista a titolo esemplificativo, essendo molteplici i fattori che possono intaccare la nostra salute mentale.
Lei ha ben scritto che "i piani fisico e mentale non si possono scindere": questo dimostra che ha capito bene che cosa intendo.
Per il momento, fino a quando non riusciremo ad aprire un centro psichiatrico ad indirizzo igienista, questo è il massimo che si possa fare.
Salvi sua sorella. Salvi una persona indifesa e sofferente. Ogni giorno è un piccolo passo verso la guarigione se lo si vuole veramente.


5 commenti:

  1. gentile A.M. , solo per il tempo che il maresciallo Pietro le ha dedicato, giusto solo per la sua articolata risposta, piena di umanità , buon senso e coraggio, dovrebbe ASCOLTARLO, FARLA LEGGERE A SUO COGNATO E ....... FARE QUALCOSA. Infatti , quando sua sorella ( tra non molto , mi creda ) sarà morta , dopo una vita di m........ , lei non sarà più in tempo a far nulla, tranne che avere rimorsi. saluti Gala

    RispondiElimina
  2. Sua sorella si è trasferita a Foggia se non ho capito male, beh lì dal 1976 esiste il centro "alla salute", vi si recano persone da tutte le parti d'Italia per curare qualsiasi forma di disagio diffuso, compreso disturbo bipolare e psicosi. Il metodo alla salute rappresenta un'alternativa alla psichiatria tradizionale e il suo obiettivo finale è quello di aiutare il paziente a fare a meno per sempre degli psicofarmaci. allego qui il link:http://www.nuovaspecie.com/it/chi-siamo/metodo-alla-salute.html le consiglio vivamente di dare un'occhiata, soprattutto alle testimonianze dei familiari che sembrano finalmente aver ritrovata la speranza con questo metodo. Anch'io sto pensando di andare a Foggia con mia sorella che purtroppo soffre di disturbo bipolare. Buona fortuna

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Una accozzaglia di cazzate da parte di un ciarlatano che non capisce una minchia di medicina.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.