ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

sabato 4 gennaio 2014

INTERFERONE ALFA: NON TI CURO L'EPATITE "C" E IN PIU' TI FACCIO USCIRE DI TESTA. CON LA CILIEGINA DELL'ANTIDEPRESSIVO

Collegno, l’ombra di un farmaco
dietro il massacro di Capodanno

“L’uomo che ha sparato prendeva una sostanza che può scatenare desideri di morte”
Si cerca di ricostruire la tragedia di Capodanno a Collegno: Daniele Garattini aveva perso il lavoro alcuni mesi fa e mal sopportava la cura contro l’epatite C che era costretto a fare
TORINO
L’origine della tragedia di Capodanno potrebbe essere nella cura contro l’epatite C di cui Daniele Garattini soffriva. È un filone dell’indagine sul massacro della famiglia di Collegno. «L’interferone alfa utilizzato nella terapia può scatenare come effetti collaterali disturbi dell’umore piuttosto gravi: depressione, ansia, fino a manifestazioni psicotiche», conferma anche il dottor Tommaso Vannucchi, farmacologo e psichiatra, collaboratore di Medicitalia.it. Non a caso, «buona parte delle persone in cura con l’interferone, se predisposte - prosegue il dottor Vannucchi - manifestano rapidamente questi problemi, al punto da dover in alcuni casi interrompere immediatamente la terapia». Per tale motivo, «studi che mirano a prevenire questi effetti collaterali prevedono la somministrazione di farmaci anti-depressivi insieme all’interferone alfa». 
Un fatto è certo nel mistero che in parte ancora avvolge il dramma di martedì scorso alle porte di Torino. Anzi due, mentre si cerca un perché a una tragedia che appare inaccettabile: «Le persone più vulnerabili, già soggette a crisi depressive e d’ansia, sono maggiormente a rischio rispetto a chi non ha mai sofferto di tali disturbi». Ma soprattutto, e questo è un dettaglio molto importante per l’inchiesta, «chi è predisposto alla depressione e segue una terapia a base di interferone alfa deve essere tenuto costantemente sotto controllo, anche da uno psichiatra». 

Segnali premonitori  
Daniele Garattini, 57 anni, aveva manifestato segnali di una depressione così profonda prima di compiere la strage e poi uccidersi con una coltellata al cuore? «Solitamente - prosegue il dottor Vannucchi - il campanello d’allarme è l’irritabilità, il diventare cupo, o il rispondere improvvisamente male e in modo violento alle domande». Tra i sintomi dell’instabilità emotiva che si può scatenare, «c’è anche il desiderio del suicidio, che non significa necessariamente cercare la morte, ma anche soltanto pensare alla possibilità di uccidersi». Garattini, dopo la strage, si è ammazzato. 

Gli ultimi giorni  
L’inchiesta sta ricostruendo gli ultimi mesi, le ultime settimane, fino agli ultimi giorni e minuti della vita di Garattini, ex rappresentante di moda rimasto senza un posto alcuni mesi fa. A partire proprio dal lavoro, per arrivare al clima in casa. 
Vicini di casa e amici della famiglia Garattini si domandano sconvolti come sia possibile spiegare e accettare una tragedia simile. Che papà Daniele vivesse un momento particolarmente difficile della propria vita lo testimoniano in modo inequivocabile gli ultimi sms inviati da mamma Letizia, 54 anni, alla figlia Giulia, di 21, l’ultima a morire, in ospedale: «Ti ringrazio per quello che stai facendo per noi, della comprensione che hai per le condizioni di papà». Parole che sono forse segnali del malessere che stava divorando Garattini: «Devi avere pazienza, papà dovrà sostenere altri esami (dopo la diagnosi recente di epatite C, ndr), per questo è nervoso». 
Forse Daniele Garattini non era soltanto «nervoso». E forse a renderlo così era - paradossalmente - quel farmaco che mal tollerava e che invece avrebbe dovuto farlo sentire meglio. 
«Nella mia lunga esperienza - sottolinea il dottor Vannucchi, tornando al pericolo dell’interferone alfa - ho dovuto sospendere buona parte dei trattamenti, perché comparivano i primi segnali di depressione. Per questo è fondamentale che i pazienti siano tenuti sotto controllo, non solo per tutto il periodo della somministrazione, ma per un certo periodo anche terminata la cura». 

Fonte: LaStampa.it


COMMENTO

Anzitutto, per una maggiore comprensione della vicenda, invito tutti a leggere il mio precedente articolo "AMMAZZA MOGLIE, FIGLIA E SUOCERA E POI SI SUICIDA. ANTIDEPRESSIVI, LO SO CHE SIETE VOI".
Si scopre quindi, come avevo subodorato, che i problemi economici non c'entrano proprio un bel niente, come invece la stampa è solita enfatizzare.
Quando entrerà nella testa dei medici, ma soprattutto degli psichiatri, che qualunque sostanza di origine chimica introdotta nell'organismo interagisce con esso tanto a livello organico quanto a livello psichiatrico?
Siamo ormai arrivati alla follia.
A una persona viene diagnosticata l'epatite "C", che a sua volta viene curata con l'interferone alfa, che a sua volta causa pesanti sintomi depressivi, che a loro volta vengono trattati con antidepressivi SSRI o SNRI, che a loro volta provocano istinti suicidi/omicidi.
Questo significare curare una persona?
Questo significa riportare un essere umano a una vita dignitosa?
No. Questo significa portare un essere umano al camposanto, assieme alla propria famiglia in questo caso, infangandone pure la memoria e marchiandolo per l'eternità quale assassino, un debole che risolve i problemi cancellandoli con una pistola.
La medicina allopatica, ma soprattutto la psichiatria, possono solo dichiarare il proprio fallimento e ritenersi responsabili di quanto accaduto, a mio parere riconducibili a uno stato denominato "akatisia", e causato proprio dall'utilizzo degli antidepressivi delle classi SSRI e SNR (rispettivamente, selettori della ricaptazione della serotonina e della serotonina-noradrenalina).
Uno stato, questo, in cui la persona perde il contatto con la realtà e viene investita da una vera e propria emergenza omicidiaria-suicidiaria: c'è una enorme bibliografia a riguardo, ma sembra che solo gli psichiatri non ne sappiano nulla.
Tutto sbagliato, tutto da rifare, tutto completamente senza senso.
Basterebbe una buona volta capire che l'epatite "C" non è altro che diretta conseguenza della tossemia interna e quindi dello stile di vita alimentare, tossico e spirituale.
Basterebbe una buona volta capire che i virus, intesi come organismi viventi e dotati di capacità replicativa, non esistono.
È tutto talmente banale, ma la soluzione è sempre la stessa, e cioè sovraccaricare un essere umano di farmaci all'inverosimile, soffocando i sintomi con altri farmaci, in una spirale senza fine.

ARTICOLI DA LEGGERE NEL BLOG:



Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


PER TUTTI: RISPONDO A OGNI SINGOLA MAIL O COMMENTO. DATA L'ENORME QUANTITA' DI POSTA CHE RICEVO, CHIUNQUE ABBIA UN'URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARMELO



2 commenti:

  1. Secondo l'illustre quanto bistrattato Peter Duesberg l'epatite C non è una malattia infettiva, ma causata dallo stile di vita. Secondo quanto lui scrive il test per diagnosticare la presenza di un ipotetico virus che causerebbe l'epatite C non ha alcun significato.

    RispondiElimina
  2. La parola "stile di vita", così come "stress" e molte altre vengono usate quando non si conoscono le cause. L'epatite C è una malattia virale. In tutta la storia di ricerca sul virus HCV sono stati identificati circa un centinaio di ceppi virali dello stesso. Duesberg parla di AIDS..tra l'altro.

    KM

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.