ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 6 febbraio 2015

CIPRALEX E XANAX: STO MALE E TU FAI TUTTO QUESTO SOLO PER VENDERE IL TUO LIBRO

LETTERA

Buonasera,  sono capitata nel suo blog questa sera mentre cercavo su Google Fluoxetina, per leggere meglio se era il caso che alzassi la dose. Questo è oggi , ma io ho 41 anni di vita ma molti meno di vita vissuta perché all'incirca da dopo i vent'anni pian piano poi sempre più sono caduta in quella che oramai chiamo da diversi anni depressione, per molti anni non ho mai voluto prendere medicinali di nessun genere, nemmeno leggeri e blandi, credo che quindi circa dall'adolescenza che non prendevo nemmeno un'aspirina o cose del genere, amavo molto la Natura e questo mi portava a cercare rimedi nei suoi magnifici doni (sapevo essere anche molto felice una volta) perciò erbe fitofarmaci, conobbi la macrobiotica verso i 23 anni, sempre perché cercavo prodotti che non "violentassero" la mia amata Terra, la Natura e con la macrobiotica conobbi meglio gli effetti che certe abitudini alimentari possono fare, 

Verso 21 anni smisi completamente di mangiare carne, non il pesce (che mangio tutt'ora ma molto saltuariamente). Provai ad andare da una psicologa verso i 28 anni, anche se non ci credevo molto che star a parlare di cose dolorose potesse risolvere qualcosa (sentivo bisogno di essere accettata e capita, come tutti non di pagare qualcuno perché ti ascolti..), comunque visto che da sola non mi alzavo più dal letto se non per andare in bagno una volta al giorno o ogni due ho provato a chiamare per poter andare e in quel periodo mi alzavo e uscivo quasi solo per andare dalla psicologa ed arrivavo anche tardi o non arrivavo perché non riuscivo ad alzarmi, la psicologa dell'usl mi consigliava di prendere farmaci poi ha insistito perché andassi da uno psichiatra perché lei non sapeva aiutarmi, poi andai ricoverata anche in psichiatria, volontaria, ed ero l'unica che non prendeva farmaci e con il sorriso (ho ancora comunque spesso un sorriso quando vedo sto con le persone ). 

Insomma per molti anni ho desistito a prendere farmaci perché come già le ho accennato non ne prendevo di nessun genere, credevo molto nella naturalità e infatti non capivo perché, anche se subito traumi più o meno gravi, non riuscissi a voler riaffrontare il mondo a ritrovarne un senso, a comportarmi bene, ad essere una persona amabile, perché? 

Come ho letto ha scritto anche lei gli psicofarmaci li chiamavo droghe legali e pensavo che allora potevo scegliere quella più adatta anche fra le illegali che forse funzionavano anche meglio visto che per esperienza di parenti, non ho mai visto guarire uno di loro con gli psicofarmaci né con la psicoterapia in realtà. Poi circa 5 anni fa il mio medico di base mi ha convinta a provare uno psicofarmaco il cipralex con prima per qualche giorno dello xanax, ho ceduto perché non avevo altre speranze altre forze, sempre più sola, ma lui mi diceva che funzionava e quel 5% che funzionasse e mi facesse uscire dal circolo vizioso in cui ero ce l'ho messa, poi mi sembrava di sentirmi in colpa se stavo meglio solo per la droga legale perché non era giusto, se stavo male forse dovevo star male sono cattiva..ecc.

Comunque per un po' un poco meglio, nel senso che ogni tanto mi alzavo mi arrabbiavo meno, poi riassumendo ho cercato di scalare gradualmente dopo 6 mesi, perché dicono minimo 6 mesi e per me era già troppo che mi ero inquinata con quei veleni, ma un macello...ci avrò messo un anno e mezzo o più....Ora da circa otto mesi ho ricominciato, io in verità ero andata da un omeopata ma ero molto giù confusa ecc. e mi ha consigliato di andare da uno psichiatra..ci sono andata..non avevo più niente da fare..e questo ha iniziato a darmi uno psicofarmaco io a parte pochissimi giorni continuo ad essere giù perciò passiamo ad un altro poi ad un altro...insomma non vi avevo mai creduto e non vi credo, ma soprattutto ce l'ho molto con gli psichiatri e anche con gli psicologi. Alcune settimane fa sono riandata ricoverata sempre sotto "consiglio" di psichiatri e vorrei raccontarle cosa è successo perché dovrei denunciarli e forse lo farò appena riuscirò a..fare..qualcosa.

Non ne posso più di gente che approfitta delle fragilità degli altri, anche di lei ho pensato che lo faccia solo per vendere il suo libro come tanti fanno su Internet, argomento che prende, le malattie mentali sono le più diffuse, consigli comprensione e COMPRA che io mi devo arricchire, come gli psichiatri, o almeno come vedo un po' più di un po' il mio e altri, o anche se non arricchire comunque guadagnare..in fondo faccio del bene ..no? Ci credo in quello che dico...quanti ora hanno soluzioni a pagamento per le patologie più comuni e come è facile far cadere in trappola chi ha malattie mentali ( spirituali..ecc.. ). Insomma o l'onnipotenza di dire io so far guarire e come guarire o i soldi, in giro trovo solo tanto di questo, e alla fine c'è il fatto che avendo perso quasi tutto chi vive così come me magari 6 € per la fluoxetina li trova. 

Di altre cose ne ho provate tante di quelle che mi piacevano e credevo veramente utili, costellazioni familiari, theta healing...ma tutto molto costoso e quando si sta così male oltre che non si hanno soldi perché si lavoro poco o niente, non si riesce a frequentare corsi cose, puntualità, delusioni, delusioni, nuove delusioni. Mi sono dilungata molto ma ho la scusa...dopo un po' mi stacco dalla realtà e continuo continuo..
Saluti

Inviato da iPad

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno sig.ra,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un dottore, non faccio diagnosi, non prescrivo nulla, non guarisco nessuno e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi. 

Ho deciso di lasciare la sua lettera assolutamente originale, senza sistemare nemmeno la punteggiatura, anche perché lei ha espresso dei concetti molto forti ed attuali, e io sono qui per darle risposte complete e sincere.

Voglio subito affrontare il tema del "ritorno economico", perché è un argomento molto delicato, e ci tengo ad essere chiaro.

Le faccio un esempio.

Lei, facendo un lavoro che ama,  andrebbe a lavorare gratis?

Se questo lavoro, oltretutto, comportasse alti livelli di responsabilità personali, sarebbe contenta di farlo gratis?

Non credo agli emuli di Suor Maria Teresa di Calcutta, e credo che la verità e l'equilibrio stiano sempre nel mezzo.

Aiutare gli altri non significa annullare se stessi. Anzi, un ritorno economico e di soddisfazione personale sono un ulteriore sprono a fare sempre meglio.

Lo dico senza la benché minima ipocrisia. 

Oltretutto, nel mio caso specifico, ci sto mettendo faccia, nome e cognome.

Se dopo la lettura del mio libro o di un mio articolo, per farle un esempio, dovessi ricevere una querela da una casa farmaceutica, verrebbe lei a sostenermi e a pagarmi le spese legali?

No, direi di no. Rimarrebbe un problema mio.

Quindi, l'importante è continuare a fare quello in cui si crede con onestà.

Ricevo giornalmente email e telefonate, a cui cerco sempre di rispondere con garbo e cortesia, anche quando, dall'altro capo dell'apparecchio, ho un interlocutore che piange e si dispera per ore.

Ho regalato e regalo copie del mio libro a chi non se lo può permettere, e ho raggiunto più di una psichiatria d'Italia a mie spese, per aiutare chi avesse bisogno.

E mai e poi mai, quindi, mi sentirò in colpa se il mio libro mi permetterà di diventare ricco e famoso, perché, alla fine, so che rimarrò sempre io, con le mie priorità e i miei valori.

Non bisogna demonizzare la ricchezza in sé. Bisogna demonizzare la ricchezza malvagia e quella senza sentimento, fatta sulle spalle degli altri.

Veniamo ora al suo "problema".

Cipralex, Xanax, Fluoxetina, Omeopatia, Macrobiotica: niente è servito a farla stare meglio.

E non starà meglio fino a quando non comincerà a seguire la strada giusta.

Scalaggio lentissimo dei farmaci che sta assumendo, riguardo ai quali ha già le idee chiare.

Abbracciare immediatamente un'alimentazione vegana, crudista quanto basta, con esclusione immediata di glutine, latticini e zuccheri artificiali.

Si procuri il mio libro "Assassini in pillole: la Psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": ci guadagnerò sicuramente qualcosa, ma 16 euro per 14 anni di studi e due di realizzazione mi sembrano veramente un obolo modesto, se lo paragoniamo ai 150 di una visita privata da uno psichiatra, che si conclude sempre e solo con una prescrizione farmacologica.

E se vuole, può anche non spendere una lira, semplicemente leggendo i quasi 600 articoli che sono qui sul blog gratuitamente.

Ha i fatti. Ora combatta

Pietro Bisanti


Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.








2 commenti:

  1. Il problema è che quando ci sono in giro persone che truffano e speculano sulla malattia degli altri, si inizia a diffidare di tutti e ci rimettono coloro che fanno il loro lavoro con onestà e dedizione.
    Quando si fa un lavoro e si fanno dei sacrifici è giusto essere ricompensati sia dall'apprezzamento dei lettori che da un ritorno economico. Non bisogna essere ipocriti e pretendere che gli altri facciano beneficienza. Perfino la "Chiesa" richiede un contributo per celebrare battesimi, matrimoni …
    Io diffido di chi regala o fa super sconti perché dietro al “gratuito” si nascondono quasi sempre intenzioni subdole e discutibili.
    Non ho ancora acquistato il libro e lo farò a breve e, anche se già ho capito il funzionamento del "sistema psichiatria", penso che leggendolo potrò avere una visione più nitida, perché è scritto da una persona che ha fatto esperienza sul campo e la continua a fare.
    Pietro potrebbe fregarsene e fare il suo lavoro di carabiniere e invece ha preso a cuore questa tematica che suppongo gli porti via del tempo libero che potrebbe invece dedicare alla sua famiglia e ad attività più amene, e questo non è da tutti.
    Giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pietro ha le idee molto chiare e non vacilla ,questo è importante perchè gli utenti che si recano a colloqui con gli psichiatri hanno difronte persone che cambiano faccia e idea ogni volta ,sono dei perfetti destabilizzatori creando come tu dici anche insicurezze e sfiducia. Se aiutiamo Pietro con delle Conferenze coinvolgendo anche i Magistrati ...potremmo salvare molte persone ...noi come generazione incluso i nostri figli stiamo pagando perchè in passato nessuno ce la faceva a raccontare un orrore simile e i mezzi di comunicazione non erano ancora così sviluppati...chi ha studiato in questo settore deve scegliere o lo stipendio e big pharma o cambiare mestiere per non danneggiare il prossimo , la psichiatria non ha nessun fondamento utile a guarire niente e nessuno anzi quello che hai te lo toglie con l obbligo e con i ricatti psicologici (al servizio psichiatrico tutti perdono il lavoro per colpa della psichiatria e vengono sfruttati e inseriti in borse lavoro ,,,chi invece ha bisogno di aiuto perchè ha perso il lavoro viene inserito in un programma di avvelenamento con psicofarmaci al fine di ottenere un risarcimento economico che gli psichiatri in accordo con i servizi sociali ,gli fanno avere in percentuale minima di invalidità psichica che può migliorare se poi paga altri certificati e i soldi possono aumentare con il tempo.
      Ora dopo anni di torture fisiche ci troviamo gli utenti che hanno smesso di cercare lavoro e proiettarsi verso il futuro utile se impiegato a raggiungere una crescita formativa professionale in quanto sono stati abituati e costretti ad assoggettarsi per troppo tempo allo stile di vita dei 250 euro di invalidità e un vagare nel vuoto tra un ricovero e l altro

      Elimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.