ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 16 maggio 2016

SUICIDA NEL LAGO CON IL FIGLIO DI QUATTRO ANNI: LA MERDA RIMANE MERDA, ANCHE A "DOSI TERAPEUTICHE"

DAL MESSAGGEROVENETO.IT

Tragedia al lago della Burida a Pordenone, s'inabissa col figlioletto
Una donna, Cristina Furlan di 36 anni, e il figlio, Federico Piva di 4 anni, sono stati trovati privi di vita all'interno dell'abitacolo. La famiglia è di Porcia, s'indaga per omicidio-suicidio
di Ilaria Purassanta


PORDENONE. Sono morti insieme, l’uno accanto all’altra, prigionieri dell’auto inabissata nel lago della Burida. Madre e figlio. Il piccolo, Federico Piva, 4 anni, intrappolato nel seggiolino. Lei, Cristina Furlan, 36 anni, di Porcia, lo ha raggiunto sul sedile posteriore.

Mamma e figlioletto morti nell'auto caduto in un lago
Un’auto, condotta da una donna di 36 anni, Cristina Furlan, e con a bordo il figlioletto Federico Piva, 4 anni, è finita nel lago della Burida a Pordenone. Entrambi sono deceduti. La vettura è rapidamente sprofondata e si è adagiata sul fondo a circa due metri e mezzo di profondità (video Missinato)

In uno slancio disperato, la mamma forse ha cercato di slacciare le cinture di sicurezza al suo bimbo e di metterlo in salvo, mentre l’acqua scura e limacciosa invadeva l’abitacolo, dal finestrino del guidatore abbassato. Cristina avrebbe avuto una via di fuga facile, a portata di mano, per riaffiorare in superficie. Ma il suo cuore di mamma ha fatto un’altra scelta.
Madre e figlioletto morti nell'auto finita nel lago della Burida


Il padre Luigi Furlan stava aspettando lei e il nipotino, nella casa sul lago, sulla sponda opposta, in cui è cresciuta con i due fratelli Devis e Sabrina. Un’infanzia dai ricordi felici. Avevano fatto colazione insieme, a Porcia, a casa di lei, tutti e tre, nonno, figlia e nipotino, mentre il marito di Cristina, Loris Piva era uscito di casa prima delle 8 per andare al lavoro. Federico aveva la febbre, non sarebbe andato in asilo. «Vai avanti tu, io ti raggiungo», ha detto Cristina a suo padre. Erano le 10.15.
L’allarme è scattato poco dopo le 10.40 quando na 75enne del posto ha notato con stupore la Volkswagen touran grigia scendere a bassa velocità lungo la stradina erbosa che costeggia il lago e piombare nello specchio d’acqua.
La prima era inserita. Mentre affondava, l’auto si è capovolta. Superato lo choc, l’anziana ha avvicinato subito un residente, Ferruccio Barel, che abita proprio di fronte al lago. L’uomo, con un passato di sub, ha telefonato al 113 e poi si è tuffato. Sulla superficie dell’acqua affioravano ancora le bolle dell’ossigeno provenienti dall’abitacolo sprofondato, con le ruote all’aria.

L'intervento dei sommozzatori nel lago della Burida
L'opera dei sommozzatori dei vigili del fuoco nel lago della Burida, a Pordenone, dove sono morti una donna e il figlioletto, caduti nelle acque a bordo di un'auto (video Missinato)
Barel ha cercato di raggiungere il veicolo, ma non ci è riuscito: l’acqua è troppo limacciosa e gelida e ormai la Touran si era adagiata sul fondale fangoso, a circa tre metri di profondità. È riuscito a scorgere, però, nell’oscurità, la sagoma di una donna prigioniera dell’abitacolo.
Alle 10.45 sono arrivati 118, vigili del fuoco, Polstrada di Spilimbergo e Pordenone e gli agenti della Squadra volante. Sul posto, a sovrintendere le operazioni, il sostituto procuratore Vallrin e il vicequestore aggiunto Pier Giovanni Rodriquez. In attesa del nucleo sommozzatori dei pompieri, partiti da Trieste, è stato convocato Alex Marson, 43enne pordenonese, titolare del negozio di atttrezzature subacquee Explorers in via Montereale e uno degli speleo-sub più conosciuti della regione.

Donna e bambino morti nell'auto finita nel lago, il racconto di un testimone
Una donna e un bambino sono morti in un’auto finita nel lago della Burida a Pordenone. Nel video, il racconto di un testimone che spiega quanto successo (video Missinato).
È lui, con le lacrime agli occhi, a liberare dal seggiolino e depositare nelle mani dei pompieri il corpicino senza vita di Federico. Sarà l’inchiesta, coordinata dal pm Pier Umberto Vallerin, ad accertare cosa sia accaduto. Varie le ipotesi, ma non si esclude il gesto volontario. Dalle testimonianze dei familiari è emerso che la donna soffriva di crisi depressive.
L’autopsia, disposta per stamattina, chiarirà tuttavia se la donna abbia ingerito una dose tale di farmaci ansiolitici – alcune confezioni, aperte, sono state trovate nella sua borsa – che possa averla spinta, in una sorta di trance, a prendere la discesa sterrata verso il lago anziché proseguire lungo via della Burida. I farmaci trovati nella borsa della donna sono medicinali che, se assunti in dosi non terapeutiche, possono rafforzare infatti eventuali istinti suicidi.


COMMENTO

Cosa altro devo aggiungere a quanto "urlo" da anni?

E tutto può iniziare da una "inspiegabile" depressione causata dal peggior nemico della salute mentale, il glutine.

Glutine che ti porta dal medico di base o dallo "specialista", che, totalmente ignorante su cosa andrà a prescrivere, ti congederà con la ricetta medica che sarà l'inizio della tua fine.

Il giornalista firmatario di questo articolo ha messo in evidenza l'uso di psicofarmaci, precisando che "se assunti in dosi non terapeutiche, possono rafforzare infatti eventuali istinti suicidi".

Non esistono dosi terapeutiche. La merda rimane merda, anche a "dosi terapeutiche".

Pietro Bisanti


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.