ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

domenica 6 ottobre 2013

ANTIDEPRESSIVI E OMICIDI: TI VOGLIO BENE, MA TI AMMAZZO E NON SO IL PERCHE'



L’ingegnere della Ferrari condannato per omicidio
Nel giugno 2011 Alessandro Persico aveva ucciso a coltellate la compagna nel Modenese e poi aveva scelto il commissariato di Rovereto per costituirsi

ROVERETO. E’ stato condannato per omicidio volontario Alessandro Persico, fiorentino di 43 anni, ex ingegnere del reparto “Granturismo” della Ferrari a Maranello, che era accusato di avere ucciso Barbara Cuppini, 36 anni, collega della Casa del Cavallino responsabile dell'ufficio marketing della stessa casa automobilistica. Gli è stato riconosciuto però il vizio parziale di mente.
Il 19 giugno del 2011 l'uomo aveva massacrato la donna sulle colline preapenniniche del Modenese e poi si era costituito al commissariato di via Sighele dopo aver trascorso una notte in un garnì di Lavarone.
Ieri la sentenza: dovrà scontare una pena di dodici anni di carcere, cui si aggiungeranno altri sei in casa di cura. Così ha deciso il Gup di Modena Domenico Truppa al termine del processo con rito abbreviato.
Omicida e vittima si frequentavano da qualche tempo: il delitto avvenne nella casa di Serramazzoni di Persico, che dopo essersi costituito fece anche ritrovare il coltello usato per uccidere. Il sostituto procuratore di Modena Claudia Natalini, che aveva coordinato le indagini dei carabinieri, aveva chiesto una pena di venti anni per l’imputato che da anni era in cura per disturbi psichiatrici.
Secondo il perito nominato dal Gip di Modena era «gravemente scemata per un disturbo bipolare», al momento del delitto, la capacità di intendere e di volere dell'ingegnere della Ferrari. L'uomo, che già in passato aveva sofferto di depressione, ha sostenuto di aver agito in preda a un raptus e senza una vera motivazione. La perizia richiesta dal Gip era stata depositata dopo un incidente probatorio.
Persico aveva alle spalle una relazione fallita con la sua compagna, che lo aveva abbandonato dopo avergli dato una figlia che ora ha sei anni. Il trauma della separazione era stato molto violento e l'ingegnere delle Ferrari gran turismo non aveva trovato altra strada per uscire dal tunnel del dolore che rivolgersi a uno psichiatra, che lo aveva preso in cura. Persico, che ha continuato ad abitare nella stessa villetta di Serramazzoni, a una ventina di chilometri da Maranello, assumeva farmaci antidepressivi.
La procura di Modena aveva indagato sui farmaci che assumeva per capire se avessero potuto influire sul comportamento dell'ingegnere. «Amo la montagna, per questo ho deciso di raggiungere il Trentino, per le mie ultime ore di libertà mi sono diretto d'istinto verso Longarone», aveva detto. Persico non sapeva di trovarsi sull'altipiano di Lavarone. L'equivoco può avere contribuito ad accreditare lo stato confusionale in cui l'uomo si trovava durante l'assassinio e nelle ore successive.
Fonte http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/cronaca/2012/10/06/news/l-ingegnere-della-ferrari-condannato-per-omicidio-1.5809786

COMMENTO

Gli psicofarmaci, e in particolare gli antidepressivi delle categorie SSRI e SSNI (rispettivamente, selettori della ricaptazione della serotonina, e della serotorina-noradrenalina) trasformano le persone in assassine di se stesse e/o degli altri.
Tramite questo blog, e la mia ventennale esperienza quale operatore delle forze di polizia, lo sto ripetendo ormai incessantemente da due anni.
Questa persona è stata condannata a ben 12 anni di reclusione, e sei in casa di cura (e questo significa montagne di psicofarmaci a vita).
Gli antidepressivi ti fanno sterminare tua moglie, i tuoi figli, i tuoi amici, senza nemmeno sapere il perché, in un impulso irrefrenabile, una vera e propria "urgenza omicida".
La procura di Modena ha provato a capire se potesse esserci una connessione, ma la richiesta di condanna a 20 anni mi fa capire che ancora non si riesce a cogliere il nesso tra utilizzo di psicofarmaci e atti di natura violenta contro se stessi e/o gli altri.
Questo povero essere umano ha cercato aiuto nella psichiatria in un momento di debolezza, e questo è l'aiuto che gli è stato dato.

Pietro Bisanti
Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com
Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.
Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.