ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 26 maggio 2017

DIECI PSICOFARMACI AL GIORNO, MA PER QUESTI IGNOBILI FINTI TUTORI DELLA SALUTE "VA TUTTO BENE". LEGGETE E INORRIDITE

LETTERA
Buongiorno Pietro.

Anzitutto vorrei complimentarmi con lei per questo blog e per l'importantissima e credo unica attività divulgativa che sta svolgendo. La seguo da poco, ma la densità dei contenuti da lei trattati, la modalità diretta e coinvolgente con cui riesce a trasmetterli, unita all'enorme implicazione che tali contenuti inevitabilmente hanno sulla nostra vita, mi hanno da subito "catturato".

Premetto che da un po' di tempo sono particolarmente sensibile ai temi legati all'alimentazione naturale, e sto sperimentando in prima persona come sia possibile curarsi del proprio fisico attraverso l'alimentazione, ad esempio vedendomi scomparire una fastidiosa forma di bronchite asmatica (da specialisti  di pneumologia definita cronica e curata per anni senza risultati a suon di antibiotici e cortisonici) dopo aver completamente eliminato dalla mia alimentazione latte, latticini e qualsiasi derivato del latte, e aver ridotto quasi a zero glutine e proteine animali in genere.

Detto questo, mi ha colpito di lei, non solo la sua forte propensione all'alimentazione naturale crudista fruttariana ma anche l'enorme attenzione che pone ad un tema fortemente "tabù"  come  quello degli psicofarmaci e l'abuso che oggi sempre più ne viene fatto.

Avendo parlato con i miei famigliari di questo fantastico blog, premetto che mia mamma è già intervenuta descrivendole la problematica di mio fratello.
E’ di lui infatti che voglio parlare, essendo da ormai 15 anni vittima del sistema sanitario (o come dice Colin Campbell sistema INsanitario) che lo ha portato a dipendere totalmente dall'uso di psicofarmaci. 

E' ormai certo e assodato che lui non aveva assolutamente bisogno di nulla di tutto questo e che la cosa migliore sarebbe stata di non aver mai varcato la soglia della ulss, ma ora il problema che mi pongo è come uscirne. 

La sua "cura" psico-farmacologica nel corso di ormai 15 anni, anziché essere progressivamente diminuita nei dosaggi come dovrebbe essere (un mio conoscente, psichiatra di comprovata esperienza, ha testualmente affermato che lo psicofarmaco non cura nulla in quanto agisce solo sul sintomo e pertanto, l'obiettivo deve essere sempre quello di ridurre i dosaggi fino al totale azzeramento), è invece aumentata fino ad arrivare oggi a 10 psicofarmaci al giorno.

Di fronte a questa situazione, la sua risposta alla precedente mail di mia mamma diceva che è assolutamente indispensabile iniziare un percorso di disintossicazione cominciando a contattare la struttura sanitaria per chiedere loro se è possibile ridurre in qualche modo la misura dei farmaci da assumere e, parallelamente, far cercare di smettere di fumare mio fratello. Ovvio che questo sarebbe solo il primo passo di un percorso che comunque è destinato a essere lungo, ma giustamente…se non si comincia…

Il problema per il quale ora vorrei chiederle consiglio è che fino ad ora i medici della struttura si sono dimostrati cechi e sordi di fronte a qualsiasi richiesta di dialogo sul tema della quantità di farmaci da assumere. Il tenore delle loro risposte precedenti è sempre stato del tipo “i medici siamo noi, voi non sapete nulla e dunque non vi permettete di metterci il becco” o, parafrasando una nota frase di Alberto Sordi “ io so’ io e voi non siete un cazzo!”.

Poiché lei (giustamente) dice che somministrare 10 psicofarmaci al giorno ad una persona si può considerare un crimine a tutti gli effetti, mi chiedo se ci sono argomentazioni forti, anche di tipo legale, non per dialogare con la struttura visto che in passato ciò si è rivelato completamente inutile, ma per costringerli quanto meno a iniziare un percorso di lento scalaggio.

Personalmente provo ribrezzo per una classe medica che usa lo strumento del farmaco per sedare una persona, non curandolo affatto da una malattia che loro stessi hanno diagnosticato, e non dando all’interessato e alla sua famiglia un briciolo di informazioni di speranza per poter uscire da questa drammatica situazione.

Dirò di più: gli effetti collaterali derivanti dall’uso degli psicofarmaci sono devastanti. A volte non riesce nemmeno da alzarsi dal letto prime delle 17, e una volta in piedi ha una debolezza tale che per almeno 2 ore non riesce a fare nulla. Quando in certi casi non aveva assunto la terapia invece notava la mattina dopo di stare molto meglio e di avere molta più forza. Inoltre, da quando assume psicofarmaci è aumentato di peso in modo spropositato. Il fumo ovviamente è stata una conseguenza di tutta questa situazione in quanto prima non fumava e, anzi, praticava sport a livello agonistico a buon livello.

Per farle comprendere ancora di più quanto noi ci troviamo a parlare di fronte ad un muro, aggiungo che la struttura medica ha sempre negato gli effetti collaterali, dicendo di “non vederli” e che anzi la persona sta benissimo e risponde bene alle “cure”. Benissimo, allora perché non togliere i farmaci dato che, a loro parere, sta meglio?

La cosa che più mi sconvolge, dopo tutti questi anni di ingiustizie subite, è che non ha nemmeno più il coraggio di dire la verità ai medici quando sta male perché ormai sa che, più dice di stare male, più ottiene in cambio o un aumento della terapia farmacologica, o un ricovero ospedaliero.

In sostanza, i medici hanno raggiunto il loro obiettivo: mantenere il loro bel posto di lavoro ben pagato senza avere preoccupazioni di iniziare lunghi e faticosi percorsi riabilitativi che contemplino una minor farmacologia e un maggior uso della parola.

Stante questa situazione, la motivazione della persona interessata è ormai ridotta a zero; dunque sono consapevole che ha bisogno dell’aiuto di noi famigliari per ritrovare un nuovo slancio e avere la forza per smettere di fumare, ritrovare un giusto equilibrio alimentare e via via a catena a fare tutte quelle azioni che gli permetteranno gradualmente di riprendere in mano la propria vita.

Riporto di seguito breve cronistoria degli ultimi anni di terapia farmacologica:


ANNO 2011 :

 ore 8,00 : Prozin 100 mg. : 1 cp
                Litio 300 mg.     : 2 cp
                Akineton 4 mg. : 1 cp
                Haldol               : 5 gc

ore 20,00   Prozin 100 mg.  : 2 cp
                 Litio 300 mg.   :   2 cp
                 Akineton 4 mg.  : 1 cp
                 Haldol               :  7 gc


ANNO 2012:

ore 8,00  :Depakin Crono 500 mg : 1 cp
               Akineton                     : 1 cp
               Moditen Depot             : 1 fiala + 1/2  1 volta al mese

ore 20,00 : Depakin Crono 500 mg. : 1 cp
                 Flunox  30 mg              : 1 cp


ANNO 2013 :

ore 8,00:  Diazepam 5 mg  : 1/2 cp
               Akineton 4 mg    : 1 cp
               Depot : Xeplion 150 mg : 1 Fl. ogni 30 gg.

 ore 20,00 :Depakin Crono 500 mg : 2 cp.
                 Diazepam 5 mg.          : 1 + 1/2 cp.
                 Syncrest 5 mg             : 1 cp
                  
Anno 2015 :

ore 8,00 : Litio 300 mg 1 + 1/2 cp
               Depakin Ch 500 mg  : 1 cp

ore 20,00 : DEPAKIN CH 500 mg 2 cp
                 PROZIN 100 MG 1 cp
                 TAVOR 2,5 mg 1 cp
                 RISPERDAL 2 mg 1 cp
                 AL BISOGNO  1 cp
                 DELORAZEPAM 1 mg/ml 40/50 Gocce

ANNO 2016 :

ore  8,00  Litio 300 mg 1 + 1/2 cp
               DEPAKIN CH 500 mg 1 cp
               AKINETON 4 mg :  1 cp

ORE 20,00 : Litio 300 Mg 2 Ch  cp 2 
                   Depakin Ch 500 mg : 2 cp
                   Prozin 100 mg : 1 cp
                   Tavor 2,5 mg :  1 cp
                   Risperdal 2 mg : 1 cp
                   Biperidene cloridrato : 1 cp


La ringrazio fin da ora per i suoi illuminanti consigli e per l’aiuto enorme che sta dando a tutti noi.



Cordialmente

Mario


RISPOSTA

Buongiorno sig. Mario,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Inutile girarci intorno, sempre più persone stanno aprendo gli occhi e stanno finalmente realizzando quanto il pericolo numero uno in Italia (ma anche fuori dai nostri confini) non sia rappresentato dai ladri, dagli stupratori, dai mafiosi, dai camorristi bensì dalla classe medica.

Parole forti? Poco me ne frega, fino a prova contraria non esiste il reato di "lesa maestà alla medicina" e da libero cittadino esprimo il mio libero pensiero protetto dalla NOSTRA Costituzione.

Quando ho davanti un ladro, so che il medesimo si presenta come tale, e che devo difendermi. Si ha quasi uno "scontro alla pari".

Quando invece affido mio figlio di otto anni ad un neuropsichiatra infantile, che dopo due sedute lo riempie di Ritalin o di Strattera rovinandolo PER SEMPRE con il sorriso e con toni amichevoli, ecco che ci troviamo davanti al lupo travestito da agnello.

Viviamo quindi in un'epoca in cui i nostri diritti vengono sempre più calpestati, con i falsi sorrisi, le false necessità, la falsa tutela: questo mi fa girare i coglioni...

DITECI, chiaramente, IN FACCIA, le cose come stanno, e cioè che non frega un bel cazzo di niente a nessuno della salute pubblica, altrimenti non avremmo migliaia e migliaia di persone sotto psicofarmaci a VITA, oppure 180.000 morti l'anno di chemioterapia (e non di tumore).

Suo fratello, come un oceano sterminato di altri nostri concittadini, è stato "preso in carico" dalle "meravigliose" strutture statali, che lo hanno ridotto a una larva obesa che mangia e fuma tutto il giorno.

E come per i vaccini, ove viene censurato ogni minimo parere contrastante, anche nel vostro caso, "i dottori sono loro", e quindi la democrazia finisce; finisce la libertà di parola.

L'unica soluzione per suo fratello e per tutte le altre persone nella stessa situazione è di cominciare a far valere i propri diritti.

Parlare non serve a nulla con chi non ha alcuna intenzione di ascoltare.

Bisogna paventare denunce alla Procura della Repubblica, anche valutando la possibile falsità ideologica in atto pubblico delle certificazioni emesse.

Bisogna assumere pareri esterni, di specialisti privati, che contestino, come in questo caso, lo spropositato abuso di tipo farmacologico.

Suo fratello è un libero cittadino, e come tale LIBERO di valutare la propria terapia farmacologica senza costrizioni, senza pressioni, senza minacce.

Se non cominciate, nulla mai si muoverà.

La prima cosa che farei io è affidarmi o ad un avvocato sensibile in materia, oppure anche al sottoscritto, che tramite una delega in qualità di persona sanitaria di fiducia redatta dall'interessato, potrà interloquire con i responsabili della struttura, facendo loro presente il peggioramento della situazione, la necessità di curare anche il lato alimentare, di voler valutare eventuali problematiche di natura organica alla base dei disturbi psichiatrici in atto, al fatto che le terapie psicofarmacologiche devono avere una durata limitata e non possono essere protratte a vita.

Insomma, bisogna cominciare a farsi sentire, altrimenti, come lei ha ben detto, suo fratello è destinato a rimanere un limone, che verrà spremuto fino alla sua morte.

Il mondo è veramente un posto di merda, a causa di persone orribili che per mantenere il loro status quo o per arricchirsi fanno del male deliberatamente ad altri esseri umani.

Bisogna smettere di avere paura: non fare nulla significa esserne complici.

Io ci sono

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.













1 commento:

  1. Condivido volentieri la.mia esperienza!riguardo ai centri di igiene mentale non servono,disorganizzazione,ambiente non sereno Riguardo la psichiatria non si capisce bene il ruolo ,è priva di fondamenti è solo un'accozzaglia di supposizioni !se capitate in mano agli psichiatri potete solo ritrovarvi completamente scimuniti,rimbambiti perché sedati ,supersedati! Senza mettere in discussione che in casi gravi degli ansiolitici nelle fasi acute possano essere di supporto per gestire la paura ,l'ansia le psicosi si curano attraverso un percorso psicoterapico quello che ho fatto io!bisogna tirare fuori tutte le paure che sono nell'inconscio paure di traumi subiti nella nostra infanzia sono quelle paure che alimentano il disturbo infatti da quando ho tirato fuori quei traumi la.mia ansia ha raggiunto livelli di normalità che mi permettono di vivere una vita normale famiglia e figli ,lavoro!certo non è stata unapasseggiata! Solo tirando fuori le sofferenze,il dolore ,la paura,la rabbia che teniamo dentro si può guarire!io ce l"ho fatta e sono uno dei pochi!prendete in mano la vostra vita fatevi aiutare da uno psicoterapeuta e mandate a cagare gli psichiatri come gli oncologi hanno venduto l"anima al diavolo!

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.