ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 1 giugno 2016

DISTRUGGO MIA MOGLIE DI COLTELLATE E POI MI TRAFIGGO IL CUORE: SMETTIAMO, UNA VOLTA E PER TUTTE, DI FARCI PRENDERE PER IL CULO!


DA WWW.ILGIORNO.IT

Omicidio-suicidio a Cassina: il tunnel della depressione e l'esplosione della follia

Non ha parole Cassina de Pecchi, cittadina in provincia di Milano, per l’orribile fine di Giulio Carafa, 45 enne, e della moglie 42enne, Maria Teresa Meo

 Cassina, marito e moglie trovati morti in casa: si segue la pista dell'omicidio-suicidio

Cassina De Pecchi, 31 maggio 2016 - Al mattino salta l’appuntamento con il medico, poche ore dopo accoltella la moglie e si pianta la stessa lama nel cuore. A trovare la coppia, a terra, uno vicino all’altra, la figlia quattordicenne di ritorno da scuola. L’ennesima tragedia della depressione. L’omicida-suicida aveva avuto qualche problema di lavoro un paio d’anni fa. Ora, operaio della Star di Agrate Brianza, era in cassa integrazione a rotazione. Temeva per il proprio lavoro. Non ha parole Cassina de Pecchi, cittadina in provincia di Milano, per l’orribile fine di Giulio Carafa, 45 enne, e della moglie 42enne, Maria Teresa Meo. Pochi istanti di buio, la tragedia, due vite spezzate e altre due vite travolte: la coppia lascia due figlie, la quattordicenne e una secondogenita di otto anni. Tutto è accaduto ieri a metà pomeriggio. La dinamica, secondo i carabinieri del comando provinciale di Milano e del gruppo di Monza, sembrerebbe chiara. Una giornata difficile per l’uomo, che ieri mattina doveva sottoporsi a una visita al Centro psicosociale dell’ospedale di Gorgonzola, ma, già sul posto, aveva poi rifiutato di incontrare il medico.

Cosa sia successo dopo, fra moglie e marito, fra le mura di casa, nessuno può sapere. Forse una discussione, una lite. All’improvviso l’uomo avrebbe afferrato un coltello da cucina (ritrovato sul posto) e avrebbe aggredito la moglie, colpendola ripetutamente al torace e al braccio, con il quale, probabilmente, la donna ha disperatamente tentato di difendersi. Uccisa la compagna, l’operaio ha rivolto il coltello contro se stesso: un colpo al cuore, ed è caduto a sua volta. Così li ha trovati la figlia adolescente. «Era appena tornata da scuola – racconta un conoscente –. Torna sempre con mia figlia, sono in classe insieme». Poi la disperazione della ragazzina, l’allarme ai vicini, la chiamata al 118, il pomeriggio di rilievi.

Soltanto ieri sera le salme hanno lasciato la palazzina di via Napoli, alla periferia sud della città, dirette all’obitorio. Le due ragazzine sono state affidate ai soli parenti che la coppia ha in zona. Originari di Taranto, Giulio e Maria Teresa vivevano in un grazioso condominio in una zona residenziale. Lui operaio al settore sughi della Star. Non licenziato, voce circolata in prima battuta, ma solo coinvolto in un periodo di cassa integrazione. «Non è mai stato in un piano esuberi, mai ci sarebbe stato – rivela l’azienda –. Era anzi un soggetto su cui puntavamo». Teresa lavorava invece come addetta alla Gemeaz Elior, colosso della ristorazione scolastica, e si occupava del servizio mensa proprio alla scuola elementare di Cassina, frequentata anche dalla sua figlia piccola. Lei, nella coppia, la più conosciuta: bruna, bella, socievole. Ogni mattina accompagnava le figlie a scuola, e si fermava per un caffè in fondo alla strada: «Una ragazza bella, simpatica».

In pochi, pare, erano a conoscenza del dramma segreto della famiglia, alle prese con un male oscuro esploso nel periodo dei problemi lavorativi, e insediatosi stabilmente in casa. Qualche giorno fa Giulio si era sentito male, ed era stato necessario l’intervento dell’ambulanza. Ieri mattina doveva avere un colloquio con uno specialista. Della situazione dell’uomo nessuno era a conoscenza sul posto di lavoro: mai un problema, mai un periodo di malattia. Davanti alla casa di via Napoli cordoglio e tristezza. Il pensiero alle due figlie della coppia: «La piccola, solo domenica scorsa, aveva partecipato con tutti gli altri bambini alla Festa del Piedibus. Erano tutti felici».


COMMENTO

Può un qualunque essere umano dotato di media intelligenza pensare sia possibile che una persona, solo ed esclusivamente perché sfiorata dalla possibilità di perdere il lavoro (e nulla cambierebbe se la possibilità di perderlo fosse stata reale) possa distruggere di coltellate la propria moglie per poi uccidersi trafiggendosi il cuore?

Voi avete la benché minima idea di che cosa significhi ammazzare un altro essere umano a coltellate?

Toglietevi quelle cazzo di bende di salame dagli occhi e cominciate finalmente a capire che la mano dell'uomo è armata dal più grande esercito di assassini legalizzati mai ideati dalla malata mente umana: gli antidepressivi SSRI-SNRI.

Ridiamo dignità a quest'ennesima vittima di questa inutile e demoniaca pseudoscienza: la schifosissima, "moderna" psichiatria.

In attesa del prossimo similare fatto di cronaca, che verrà come sempre archiviato trovando l'ennesima scusa a cui solo un popolo di addormentati come il nostro potrà credere.

Io non mi fermo.

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre pos

5 commenti:

  1. Da quando seguo il tuo blog sono diventata più attenta.
    Ogni qualvolta si verifichi un delitto efferato, vado a cercare su un motore di ricerca se l'omicida fosse depresso e seguito dai servizi psichiatrici territoriali.
    Ed ogni volta è così!
    Ma queste brave persone che lavorano in tali centri di assistenza non si chiedono mai nulla?
    Allora chiediamocelo noi perché le persone vengono bombardate di psicofarmaci, perché la società vuole sempre più malati da avvelenare lentamente e sistematicamente, perché il SSN (Servizio Sanitario Nazionale) vede aumentare il suo deficit, perché quando qualcuno sta male debba essere controllato, irregimentato e ricondotto nell'alveo di una finta normalità con metodi surrettizi.
    Peraltro, questi particolari sulle cure psichiatriche appaiono soltanto sulla stampa locale, mai sui grandi quotidiani nazionali.
    Cerchiamo noi di svegliarci ed agire sulle cause, e non sugli effetti. Chi vuole capire capisca!
    La consapevolezza è l'unica arma vincente, come è scritto su questa pagina.
    E.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Anche quando leggiamo le terribili storie di studenti americani che vanno a scuola col fucile e sparano sui compagni e sui professori, spesso si tratta dello stesso fenomeno.
    Più di una volta sono andata a controllare su giornali americani, ed invariabilmente il giovane omicida da anni era in cura col Prozac, che, come è noto, causa istinti suicidi ed omicidi.
    Nessuno si chiede perché un ragazzino adolescente sia depresso od abbia comportamenti aggressivi, e nessuno interviene con lui con attenzione ed amore. Lo definiscono depresso, asociale, sociopatico, e lo imbottiscono di pastiglie fin da piccolo.
    Il DSM, Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, è
    il più grande attacco all'umanità che venga perpetrato dagli stregoni in camice bianco.
    Elenca più di 2500 "malattie", che spesso sono introdotte per votazione di un gruppo di psichiatri, che si riuniscono, e sulla base di statistiche limitate e grossi finanziamenti delle multinazionali, decretano che c'è un nuovo disturbo mentale.
    Fra questi c'è l'alternanza tristezza-allegria, il lutto per la perdita di una persona cara, e molti altri casi umani di reazione al dolore.
    In pratica, se una vedova è depressa ed addolorata per la perdita del marito, secondo gli stregoni americani, dovrebbe essere trattata con antidepressivi fin dai primi mesi del lutto. Se dopo sei mesi, dico soli sei mesi, è ancora immersa nel suo dolore, è malata!
    Non è un caso che i servizi territoriali presso le ASL si chiamino DSM, Dipartimento di Salute Mentale.
    Ora anche in Italia stanno attaccando i bambini, fin dalla più tenera età, ma questo lo racconterò un'altra volta.

    "La consapevolezza è l'unica arma vincente".
    E.

    RispondiElimina
  4. le vostre testimonianze sono agghiaccianti apparte che l'uomo del caso non penso avesse neanche preso antidepressivi visto che non ha fatto neanche un colloquio con uno specialista evitiamo di dire menzogne se vi ammalate di cuore che fate se avete bisogno di un bypass che dite no non me lo mettete il mio cuore tornera sano da solo avete letto il bugiardino dell'aspirina ce d'aver paura peggio che dai tanto acclamati psicofarmaci,io una persona contraria ai psicofarmaci mi son dovuto ricredere ho sofferto di una sofferenza che nessuno di voi puo immaginare e ti voglio a dirmi mangia bene io non mangiavo dormivo perche avevo paura di stare sveglio sapete che vuol dire io mi son presentato al pronto soccorso perche' stavo male e non venite a raccontare migliaia di minchiate che gli psicofarmaci fanno male ti cambiano avete mai sofferto di disturbo ossessivo da non poter in una giornata fare niente poi tu chi sei per dire ste cose uno che un giorno si e' svegliato e ha detto da oggi sono vegano ma per piacere ho sempre nelle mie esperienze trovato dottori che non appena i sintomi si attenuano sono i primi a farteli scalare i farmaci se tu sei qua per vendere il tuo libro quella e' un altra storia ma non dovresti scrivere queste cazzate perche sono queste le paROLE CHE FERISCONO UN DEPRESSO O CHI HA UN DISTURBO MENTALE

    RispondiElimina
  5. le vostre testimonianze sono agghiaccianti apparte che l'uomo del caso non penso avesse neanche preso antidepressivi visto che non ha fatto neanche un colloquio con uno specialista evitiamo di dire menzogne se vi ammalate di cuore che fate se avete bisogno di un bypass che dite no non me lo mettete il mio cuore tornera sano da solo avete letto il bugiardino dell'aspirina ce d'aver paura peggio che dai tanto acclamati psicofarmaci,io una persona contraria ai psicofarmaci mi son dovuto ricredere ho sofferto di una sofferenza che nessuno di voi puo immaginare e ti voglio a dirmi mangia bene io non mangiavo dormivo perche avevo paura di stare sveglio sapete che vuol dire io mi son presentato al pronto soccorso perche' stavo male e non venite a raccontare migliaia di minchiate che gli psicofarmaci fanno male ti cambiano avete mai sofferto di disturbo ossessivo da non poter in una giornata fare niente poi tu chi sei per dire ste cose uno che un giorno si e' svegliato e ha detto da oggi sono vegano ma per piacere ho sempre nelle mie esperienze trovato dottori che non appena i sintomi si attenuano sono i primi a farteli scalare i farmaci se tu sei qua per vendere il tuo libro quella e' un altra storia ma non dovresti scrivere queste cazzate perche sono queste le paROLE CHE FERISCONO UN DEPRESSO O CHI HA UN DISTURBO MENTALE

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.