ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 21 ottobre 2016

VIVIAMO IN UN MONDO DI MERDA: PER VENDERE QUESTE DEMONIACHE PILLOLE, CONDANNIAMO MILIONI DI INNOCENTI. LEGGETE E APRITE LA MENTE

Perugia: Famiglia in gravi difficoltà economiche, uccide i figli e si suicida

 Un agricoltore di 50 anni, Maurilio Palmerini, ha ucciso questa mattina a coltellate i due figli di 13 e 8 anni, Huber e Giulia e si è poi tolto la vita buttandosi in un pozzo. La tragedia è avvenuta a Castiglione del Lago, in provincia di Perugia. Ad avvertire i carabinieri è stata la moglie polacca dell’uomo che secondo le prime informazioni sarebbe ferita a una guancia ed è riuscita a sfuggire alla furia del coniuge rifugiandosi a casa di alcuni vicini. La donna è in stato di grave choc ed è stata a sua volta portata in ospedale: è riuscita solo a urlare al telefono, al centralino del 118, dicendo che i suoi figli erano stati accoltellati e stavano morendo. Secondo quanto riferito dal 118 del capoluogo umbro, l’omicidio – suicidio è avvenuto poco dopo le 11 nella frazione di Vaiano in riva al lago di Chiusi, al confine tra Umbria e Toscana. Palmerini, in base alle prime testimonianze raccolte dai carabinieri della compagnia di Città della Pieve, da tempo soffriva di depressione e la famiglia era in gravi difficoltà economiche; l’uomo si è tolto la vita davanti agli occhi dei militari e dei sanitari del 118 che hanno provato fino all’ultimo di farlo desistere, quando i piccoli Huber e Giulia erano già stati ammazzati. Numerosi testimoni hanno sentito Palmerini urlare «Vi rendete conto di quello che ho fatto?» e subito dopo si è lanciato nel pozzo, profondo almeno 20 metri. Palmerini in passato aveva lavorato come rappresentante e poi come operaio. Attualmente era senza un’occupazione fissa, tirava avanti con piccoli lavori prevalentemente in campagna.

Fonte corriere.it


Torino, uccide moglie a martellate
Poi si suicida in cantina
L’allarme dato dal figlio: la polizia ha trovato il corpo della donna, 71 anni, e poi quello del marito (76) che aveva lasciato una lettera: «Troppi debiti, sono disperato»
di Elisa Sola
La polizia all’esterno dello stabile dove un uomo ha ucciso la moglie in casa e poi si è ucciso (Ansa) La polizia all’esterno dello stabile dove un uomo ha ucciso la moglie in casa e poi si è ucciso (Ansa) shadow
0
31
3
Un uomo di 69 anni, Francesco Tonda, ha ucciso la moglie, Natalina Montanaro, di 71, colpendola con un martello in testa. Poi si è tolto la vita. È successo nella notte a Torino in una palazzina in corso Orbassano 376, nel quartiere popolare di Santa Rita. A dare l’allarme al 118, alle 7 di mattina, è stato il figlio della coppia. Sul posto è intervenuta la polizia, che ha trovato, nell’appartamento, il corpo della donna senza vita.
La lettera prima dell’omicidio
Sulla testa, i segni delle martellate. L’anziano aveva lasciato una lettera, destinata a chi avrebbe ritrovato il cadavere della moglie. «Andate in cantina, troverete il mio corpo» c’era scritto. Gli agenti hanno seguito l’indicazione e hanno trovato il cadavere nello scantinato, impiccato.
I debiti

Nel lungo testo l’uomo spiegava di essere in una situazione disperata, oppresso da debiti sempre più pesanti, contratti con banche e finanziarie, che non era in grado di pagare. La coppia viveva in condizioni economiche precarie e l’anziano si sentiva afflitto ogni giorno di più. Da mesi viveva angosciato e depresso, conscio del fatto di essere finito in un vortice da cui non sapeva più uscire. Nella notte, la decisione di farla finita. Preceduta dall’assassinio della moglie.

Fonte corriere.it


COMMENTO

Siete ancora dell'idea che sterminare la propria famiglia e poi ammazzarsi sia legato al fatto di avere dei debiti?

"Casualmente" tutti soffrono di depressione. E "depressione" nella nostra società significa "psicofarmaci".

Questo è il mondo di merda in cui viviamo, ove si camuffano omicidi-suicidi farmaco-indotti con "raptus" di follia per debiti.

Sia maledetto chi continua a produrre e dispensare queste pillole di morte.

Io non mi fermo

Pietro Bisanti

5 commenti:

  1. prima della nascita degli antidepressivi , specie ssri , nessuno si uccideva per questi motivi ? domando per ignoranza e basta.

    buon lavoro

    erby

    RispondiElimina
  2. @erby: Se sei ignorante, come tu ammetti, allora prima studia e poi fai domande.

    RispondiElimina
  3. ciao ric ma sei in una "setta" ? pare di si da come rispondi non ti fa onore ..le domande si fanno proprio se siamo ignoranti in una materia ;

    buon lavoro erby

    RispondiElimina
  4. Assolutamente no. Tu piuttosto hai posto una domanda che non è a scopo informativo, ma sembra piuttosto tendenziosa. Prova provata, le informazioni che cerchi con la tua domanda te le puoi trovare da te, senza bisogno di Pietro Bisanti che ti risponda (e infatti, non l'ha fatto).
    In secondo luogo, se anche avessi interpretato in maniera troppo negativa la tua, allora riformulo la mia risposta, ma il concetto non cambia: studia di più e poi fatti avanti con domande.
    Ti racconto un aneddoto: quando ero alle scuole superiori, la scuola stessa organizzava corsi di recupero pomeridiani per alunni con insufficienze. Una professoressa obbiettò che i corsi pomeridiani dovevano essere organizzati non tanto per chi aveva insufficienze, bensì per chi aveva una sufficienza stiracchiata e voleva invece puntare a un voto discreto o buono. Questo perché un voto di sufficienza lo si raggiunge impegnandosi, studiando, passando tempo sui libri, informandosi, facendo prove ed esercizi. Questo è alla portata di tutti, basta volerlo (salvo particolari situazioni di grave disagio).
    Concordo con quella professoressa. Tu dove ti poni?

    RispondiElimina
  5. caro ric vedo che ti piace al contrario di me , dare giudizi anzi PRE GIUDIZI su persone che non conosci ; strano tutti questi pregiudizi per uno che ha fatto solo una domanda che tu intendi tendenziosa e basta ; mi dispiace che tu ti ponga in questo modo con un semplice visitatore di questo blog di cui non sai nulla di niente ; oltretutto le tue risposte non sono esaustive , non sei pietro bisanti di cui ammiro e stimo il suo lavoro e di mettersi in prima persona ; hai nuovamente con questa tua risposta ( altro che tendenziosa ) dimostrato di come imastire tante parole per denigrare un semplice cittadino con aneddoti fuori luogo ; ripeto io non ti conosco tu non conosci me ; io non m i permetto di giudicare nessuno e allo stesso tempo non credo sia giusto dare giudizi come dai tu , da "professorino" ; Io mi pognio nella vita di tutti i giorni con molte incertezze e poche assolute verita' cercando di conoscere e capendo che non bastano mille vite per sapere tutto ; ogni persona e' per me un mistero da esplorare non certo un giudizio acre con parole stizzose ; ti saluto comunque con rispetto , auguro a PIETRO di continuare a dare risposte alternative in un mondo dove la psichiatria fatta di uomini imperfetti come me e te e tutti , spesso diventa un autorita' che abusa dei creduloni non mettendosi mai in dubbio , non ho aneddoti da raccontare , mi limito a cercare risposte.

    erby

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.