ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 18 agosto 2014

ANCONA, ACCOLTELLA E UCCIDE LA FIGLIA DI UN ANNO E MEZZO

E’ accaduto in una frazione di Ancona, Collemarino. L’uomo di 34 anni è in stato di fermo. La moglie: ho visto la mia piccola insanguinata, ho sperato che lui si uccidesse

Ancona, primo pomeriggio di ieri. Un uomo disperato scende dalle scale con una bambina di un anno e mezzo fra le braccia. La piccola è un fagotto di sangue e una scia rossa parte dal terzo piano e viene giù assieme a quell’uomo, a quella bimba. Alessia non respira più ma suo nonno supplica il cielo che quel che vede non sia vero: «Vi prego, salvatela. Vi prego...» implora i ragazzi dell’ambulanza ai quali la consegna. Ci provano, a salvarla. Con rabbia, quasi. Per mezz’ora provano a rianimarla, a tamponare le ferite, a ordinare al cuore di tornare a battere: «Avanti, riprendi...». Quasi potessero convincerlo con le parole. Quando è l’ora della resa la prima a scoppiare in lacrime è la dottoressa dell’automedica. Si chiama Liliana Rodriguez: «Non credevo che fosse possibile tanta cattiveria su una bambina così piccola» racconta con la voce che non smette di tremare. «Tanta cattiveria», cioè quella di Luca Giustini, il padre trentaquattrenne della piccola. Ieri pomeriggio era solo in casa con lei e, per qualche motivo che soltanto lui conosce, ha preso un coltello da cucina e l’ha colpita più volte. La coltellata al cuore è stata quella fatale.
shadow carouselLa tragedia di Collemarino

Poi una chiamata a sua moglie Sara che era in spiaggia con i suoi genitori e l’altra figlia di 4 anni: «Vieni, ho fatto un casino». Quando Sara è arrivata a casa, nel quartiere di Collemarino, è stato come se Luca avesse colpito anche lei con la stessa coltellata al cuore. Nella tenenza dei carabinieri, al piano di sotto, qualcuno l’ha sentita urlare e piangere, chiedere aiuto. Un minuto dopo suo marito era giù, in caserma, suo padre Roberto era accanto a lei e ad Alessia, e si sentivano delle sirene: stavano arrivando medici e infermieri. I soccorritori non sono nemmeno saliti al terzo piano. È stato Roberto Bedini a scendere di corsa le scale con la nipotina stretta fra le braccia. Ma non c’era più tempo, nessuna speranza. Sara è scesa con le mani e i vestiti insanguinati. Ha trovato un filo di voce per dire una sola cosa prima di lasciarsi andare sfinita: «Ho lasciato il coltello vicino a lui sperando che si ammazzasse». E invece i carabinieri l’hanno trovato dove lei lo aveva visto. E hanno trovato un uomo che sembrava assente. «Assolutamente non in sé» dice chi gli è stato vicino nelle ore successive, mentre si cercava di comporre il puzzle del movente che al momento sembra non avere nemmeno un tassello.

Gli uomini del comandante provinciale Antonio Amoroso hanno sentito parenti e amici della coppia nella speranza di ricostruire uno scenario che possa spiegare il perché di tanta crudeltà. Ma finora la parola più ricorrente degli inquirenti è quella che non spiega niente: raptus. Qualcuno, nel quartiere, ha detto ai cronisti locali che negli ultimi tempi Luca sembrava stressato. Altri hanno parlato di un rapporto di coppia in crisi. C’è chi parla di un momento di furore per un pianto prolungato. Ipotesi. Ma nei verbali raccolti finora sembra non ci sia traccia di tutto questo. Sara, 32 anni, infermiera all’ospedale regionale di Torrette, ieri era troppo scossa per sopportare una deposizione approfondita. E anche sua madre Daniela che ripete «l’ho cresciuta io, povera creatura. Era tutta insanguinata...» ha avuto un malore quando ha saputo che Alessia era morta. Quando ha lasciato la caserma sotto casa sua Luca è stato portato via attraverso il passaggio dei garage: davanti alla tenenza c’era troppa tensione fra i parenti e gli amici della coppia. Alcuni erano così esasperati da far temere un linciaggio. Lui è ancora vivo ma per Sara non esiste più. È come se avesse davvero preso quel coltello e si fosse ucciso.

fonte www.corriere.it


COMMENTO

La tragedia è immane, e il rispetto per il dolore altrui sta proprio nell'astenersi a fare commenti inutili, superflui e fuori luogo.

Vedremo se salterà fuori l'utilizzo di antidepressivi SSRI-SNRI: gli elementi, purtroppo, ci sono tutti

Pietro Bisanti

1 commento:

  1. per dovere di cronaca il legale dell'infanticida ha smentito che nei liquidi organici ci fosse traccia di droghe e farmaci come sembrava trapelare l'altro giorno... la Procura non ha né smentito né confermato questa ipotesi in attesa di prendere visione del referto ufficiale delle analisi... resta il fatto che appare molto strano che un uomo che non aveva mai dato problemi in passato, che era un padre e un lavoratore inappuntabile, nel giro di poche settimane sia "impazzito" fino al tragico gesto finale! Solo una depressione "esplosiva" non può giustificare un atto del genere contro una figlioletta che gli assomigliava tantissimo e a cui voleva un bene dell'anima...

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.