ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 11 agosto 2014

FLUVOXAMINA EG, DEPAKIN ED EN: SCALIAMO DEFINITIVAMENTE QUESTO VELENO

DAL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE" DI PIETRO BISANTI

Lux91 ha appena risposto alla discussione intitolata "a chi rivolgersi per scalare e smettere gli psicofarmaci?" e accessibile al seguente link:

Lux91 ha scritto:
-----------------------------------------------------------------------------
Ciao a tutti,
non mi dilungo nelle presentazioni lo farò in un secondo momento.
Vi chiedo un aiuto.
Sto prendendo 75 mg di Fluvoxamina EG e vorrei chiedervi il metodo più veloce per scalarli completamente. Non mi interessa se c'è da soffrire o altro, ormai so cosa vuol dire essere all'inferno sia a livello mentale che fisico, per fortuna almeno quello non mi spaventa.
Vorrei invece essere attento a non creare complicanze nel mio organismo eccessive, perché da quanto ho capito il curatore del blog è del mio stesso parere, cioè crede che gli psicofarmaci siano inutili e dannosissimi e crede nelle immense proprietà curative e rigenerative del corpo umano.

Ero arrivato fino a 300 mg di questo farmaco unito a gocce di En e Depakin ora non ricordo il dosaggio, comunque ho smesso tutto di mia iniziativa. Ora mi rimangono questi maledetti 75 mg da scalare.

Non sono mai stato seguito da uno psichiatra nello scalare i farmaci; ho seguito una "regola" che mi aveva detto uno psicoterapeuta comportamentale, ossia (relativo a questo farmaco) di scalare 25 mg ogni mese; vorrei chiedervi se c'è una via più veloce o è già abbastanza veloce questa procedura, perché voglio togliermi questo VELENO dal mio corpo il prima possibile.

Ho iniziato da un paio di settimane a seguire una dieta vegetariana tendente al crudista, ossia mangio solo uova per le proteine, mangio tanta verdura fresca e bevo molti succhi di frutta e verdura fresca. Purtroppo non ho ancora tutte le conoscenze su di una alimentazione corretta e salutare perchè c'è tanta di quella DISINFORMAZIONE che fa spavento.

Non si sa più a chi credere e devi diventare tu un esperto di chimica, biochimica e anatomia per poter capire cosa devi mangiare. Mi piacerebbe anche qualche consiglio in questo.

Grazie a tutti


Alessio


RISPOSTA

Buongiorno sig. Alessio,
e grazie di aver deciso di condividere la sua esperienza.

Il primo passo è stato fatto, e cioè capire che tutto ciò che il suo psichiatra le ha detto sulle cosiddette "malattie mentali" e sugli psicofarmaci sono in realtà delle enormi balle.

Il secondo passo è stato fatto, e cioè capire quanto gli psicofarmaci siano semplicemente un veleno, un intruglio chimico che mai e poi mai potrà interagire con la complessità del cervello e dell'animo umani.

Trovare qualcuno in Italia che possa seguirla con amore, dedizione e competenza nello scalaggio degli psicofarmaci è una chimera, e quindi ognuno di noi, in questi casi, può e deve prendere la propria salute nelle proprie mani, come lei ha fatto e sta facendo.

Lo scalaggio degli psicofarmaci è un tema attuale, scottante, interpretabile, con una marea di diverse sfaccettature.

Bisogna tenere in considerazione quanti farmaci si prendono (e quanti se ne hanno presi), per quanto tempo, in che dose.

Ho personalmente visto e "seguito" (nel limite del mio essere un non-medico) persone che sono riuscite ad eliminare immediatamente e senza scalaggio farmaci forti come gli antipsicotici atipici, poiché li stavano assumendo da un breve periodo di tempo (e per breve intendo poche settimane).

Nel caso invece di prescrizioni multiple e/o assunzioni prolungate nel tempo, uno scalaggio lento e graduale si rende assolutamente necessario, anche se non è assolutamente una garanzia di non sofferenza.

Ho anche personalmente visto persone scalare senza troppe difficoltà psicofarmaci assunti da anni, per poi, a distanza di uno o due anni, ripiombare in stati depressivi o psicotici profondi.

Bisogna infatti capire quanto profondamente gli psicofarmaci riescano ad alterare la biochimica cerebrale, e tornare quindi ad uno stato di quiete è per il corpo uno sforzo immane.

Tutti i sintomi che arrivano durante lo scalaggio sono e rimangono quindi lo sforzo eliminativo che il corpo pone in essere per raggiungere nuovamente un equilibrio, detto "omeostasi". 

Non è, come dicono gli psichiatri, il "riaffioramento della malattia". 

Tutte balle, e anche cosmiche.

Quando per anni si desautora il corpo dal produrre da sé i neurotrasmettitori di cui ha bisogno, è assolutamente normale che prima di tornare a un equilibrio il corpo stesso debba riassestarsi, e lo fa attraverso le cosiddette crisi da dismissione.

L'arma vincente è quindi modificare profondamente le proprie abitudini alimentari, in modo da non appesantire il proprio corpo, già impegnato in questa delicata fase.

Quindi, senza perdermi troppo in parole, questo è quello che farei.

Se si prendono psicofarmaci da meno di due-tre mesi, eliminazione totale di tutto, senza scalaggio (si può provare con attenzione anche nel caso di prescrizioni multiple).

Sopportare con le unghie e con i denti le crisi eliminative, che saranno forti ma non così durature nel tempo.

Se si prendono psicofarmaci da molto tempo invece (molti mesi o anni), si può scalare in diversi modi.

Consiglio una riduzione graduale, dell'ordine del dieci per cento al mese, arrivando quindi ad eliminare il tutto nel periodo di dieci mesi circa.

Consiglio sempre di cominciare ad eliminare il farmaco "meno potente": quindi se si prendono un antidepressivo e un ansiolitico, si comincerà con quest'ultimo, considerati gli effetti anche calmanti che l'antidepressivo stesso ha.

Prepararsi a soffrire.

Molto spesso lo scalaggio va avanti tranquillamente, e si comincia ad accusare i sintomi da dismissione quando si abbandona l'ultima piccola dose, oppure a distanza di mesi dopo aver definitivamente eliminato tutto.

Il corpo è una variabile diversa in ognuno di noi.

Porre molta attenzione ai pensieri suicidiari e/od omicidiari che possono sorgere durante lo scalaggio, soprattutto degli antidepressivi SSRI-SNRI.

È indispensabile il supporto del proprio nucleo familiare o di una o più persone fidate. Sconsiglio sempre, sempre e sempre di rimanere da soli durante questa delicatissima situazione.

Questi pensieri possono arrivare all'improvviso, e bastano cinque minuti per impiccarsi.

Quindi, mai lasciare da solo un vostro caro quando sta scalando, a costo di doverlo sorvegliare 24 ore su 24.

Attenzione particolare anche ai periodi di troppa calma: mi fa meno paura una persona che soffre la dismissione, piuttosto che una che dice di sentirsi fin troppo tranquilla. I suicidi da antidepressivi avvengono infatti più spesso che non nei periodi di maggiore, finta tranquillità.

Evitate il pronto soccorso come la peste in caso di crisi: qualunque medico vi rimprovererà, dicendo che avete bisogno dei farmaci a vita, come l'insulina. La crisi passerà. Passa sempre. Piuttosto chiudetevi in bagno, ma non permettete a nessuno di imbottirvi nuovamente e rovinare l'enorme lavoro che il vostro corpo stava facendo.

Ora. Che cosa si mangia?

L'alimentazione è il fulcro fondamentale per prevenire, lenire, e spazzare i disturbi mentali che affliggono il nostro secolo.

Non ho dubbio alcuno riguardo al fatto che l'uomo, così per come è fatto, sia una scimmia, e come tale la sua alimentazione debba essere fondamentalmente fruttariana.

Ma non mi sono mai considerato un estremista.

Moltissime persone riescono a vivere felicemente mangiando solo frutta e verdura crude (e così noi tutti dovremmo mangiare). 

Ma l'imprinting avuto fin da bambini e il contesto in cui viviamo possono portarci verso dei piccoli compromessi, assolutamente tollerabili.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti.
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.


Bisogna però stare attenti.

Scalare un farmaco già di per sé scatena una crisi eliminativa. Se a questo associamo un ulteriore, drastico cambiamento allo stile di vita alimentare, possiamo rischiare di innescare un meccanismo disintossicativo a volte insostenibile per chi lo deve affrontare.

Io stesso, nel passaggio da un'alimentazione onnivora a una vegana quasi crudista, sono stato vittima di una crisi eliminativa terrificante. Leggete qui.

Quindi, diventa necessario usare la testa al 100%.

La prima cosa da fare è quindi eliminare tutto quello che è innaturale: caffè, sigarette, alcolici, zuccheri artificiali, cibi conservanti, coloranti, additivi alimentari (e questo va fatto instantaneamente).

Secondo passo (e anche questo può essere fatto istantaneamente) è bandire ora e per sempre glutine e latticini, le due proteine più pericolose per la propria salute mentale.

Terzo passo è la riduzione delle proteine animali (per poi eliminarle, ma questo dipende da decisioni personali).

Aumentare quindi esponenzialmente la quantità di frutta, che andrà assunta, rigorosamente, lontano dai pasti, con spremute al risveglio.

Si possono assumere, senza esagerare, cereali senza glutine e legumi (per poi eliminarli completamente, se vedrete che non vi faranno stare bene nemmeno a piccole dosi dopo lo scalaggio).

Durante i pasti principali, cominciare con tantissima verdura cruda, per poi passare a un secondo piatto di verdura cotta, tuberi amidacei come la zucca o le patate, oppure cereali senza glutine o legumi.

Toglietevi dalla testa di passare a un crudismo al 100% durante lo scalaggio dei farmaci.

Se uno ci vuole arrivare, ci arriverà di sicuro, ma bisogna stare molto attenti a non scatenare crisi eliminative non sopportabili.

Osservarsi, ascoltarsi e comprendere i segnali che ci manda il nostro corpo: questo è l'unico percorso, ribadendo che medico non sono e ben me ne guardo dall'esserlo, per riappropriarsi del proprio cervello e della propria salute.

Basilare, ci tengo a dirlo, è mantenere una quantità di grassi (anche vegetali) che stia intorno al 10% del totale delle calorie assunte. Pochissimo olio quindi, anche spremuto a freddo.

Questo per un semplice motivo: ogni alimento che ingeriamo viene trasformato in glucosio. 

Il nostro carburante, per arrivare alle cellule, ha bisogno dell'insulina, che a sua volta, non può esplicare la propria funzione in un sangue grasso.

Questo comporta sbalzi glicemici e mancanza di nutrimento alle cellule, proprio nel momento in cui ne hanno bisogno di più.

Tutto ciò che vi dico è semplicemente il risultato, condensato, di 14 anni di ricerca indipendente nel mondo dell'alimentazione della salute, soprattutto quella mentale.

Chiunque avesse bisogno, non esiti a contattarmi.

Forza e coraggio Alessio. Ne uscirà alla grande.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.