ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

sabato 21 dicembre 2013

PERDE I GENITORI E IL FRATELLO NELLA STRAGE DI LINATE. SI SUICIDA, MA SECONDO ME È OMICIDIO

Sabato 21 Dicembre 2013
di Simone Pierini

BERGAMO - Perse i genitori e un fratello nel tragico incidente di Linatenel 2001Paola Rota si è uccisa ieri nella sua casa di via Marconi a Clanezzo (Bergamo).
 
TROVATA DAL COMPAGNO A trovare il corpo senza vita della 32enne è stato il compagno. Non riuscendo a contattarla, è tornato a casa e ha fatto la drammatica scoperta. Per Paola Rota era stata una mattinata come le altre: aveva accompagnato il figlio maggiore alla fermata dello scuolabus e si era fermata a chiacchierare con altre mamme, prima di tornare a casa.
 
SUICIDA ANCHE IL FRATELLO Dodici anni fa era stato il fratelloMatteo, anch'egli suicida un anno fa, ad accompagnare a Linate i loro genitori, papà Giovanni e mamma Clara che, assieme al fratellino Michele (l'altro fratello Clemens, oggi 22 anni, era rimasto a casa), erano diretti in Danimarca per trovare proprio Paola, che studiava là. In fase di decollo l'aereo si schiantò con un Cessna entrato per errore in pista, provocando 118 morti.
 
118 VITTIME Paola «ha voluto concludere il suo percorso terreno». Così Paolo Pettinaroli, il presidente del 'Comitato 8 ottobre, per non dimenticare', l'organizzazione nata dopo la tragedia in cui persero la vita 118 persone nello scalo milanese, annuncia sul sito la scomparsa di una delle parenti delle tantissime vittime del tragico schianto. «La tragedia di Linate in cui ha perso i genitori ed il fratellino Michele e la disperata fine di suo fratello Matteo (anche lui morto suicida, ndr) -conclude sul sito il presidente della Fondazione- l'hanno fortemente segnata». La giovane, 32 anni, lascia un figlio di 6 anni ed una bimba di 3 mesi. Si è tolta la vita ieri impiccandosi nella casa in cui viveva a Clanezzo, nella bergamasca, dove viveva con i figli e il compagno.


Fonte: leggo.it


COMMENTO

La tragedia è immane, e non voglio perdermi in inutili parole strappalacrime, degne solo dell'ipocrisia e della falsità più sfrenate.

Voglio solo vedere, nel più profondo rispetto per la morte e la sofferenza altrui, questo episodio sotto un'angolazione diversa.

Nei miei 20 anni di operatore nelle Forze di Polizia ho assistito a numerosissimi casi di suicidio, e moltissimi di questi erano farmaco-indotti.

Sì, farmaco indotti, come "urlo" da sempre su questo blog.

Perché ormai solo un cieco non si accorgerebbe che gli psicofarmaci, e in particolare gli antidepressivi delle categorie SSRI e SNRI (rispettivamente, selettore della ricaptazione della serotonina e della serotonina-noradrenalina) trasformano le persone in assassine di se stesse e/o degli altri.

Analizziamo l'articolo, ove dice "Per Paola Rota era stata una mattinata come le altre: aveva accompagnato il figlio maggiore alla fermata dello scuolabus e si era fermata a chiacchierare con altre mamme, prima di tornare a casa".

Calma totale, apparente tranquillità, quando ormai qualcosa si è rotto, e il malcapitato di turno ha già deciso di lasciare questo mondo.

Ma non per volontà sua, ma perché "costretto" sotto l'impulso di farmaci che obnubilano la coscienza e spingono le persone a fare cose che mai farebbero da lucide.

Andiamo avanti: "La giovane, 32 anni, lascia un figlio di 6 anni ed una bimba di 3 mesi. Si è tolta la vita ieri impiccandosi nella casa in cui viveva a Clanezzo, nella bergamasca, dove viveva con i figli e il compagno"

Una donna laureata, con un compagno e due figli si impicca.

L'impiccagione è e rimane il modo di suicidarsi in assoluto più cruento, e il suo perfezionarsi ha alla base o una insormontabile disperazione o un totale stato di incoscienza, come quello indotto dai farmaci.

Vorrei tanto sbagliarmi, ma ho la convinzione che la moderna, demoniaca, malefica psichiatria debba contare una nuova vittima.

È possibile che la sig.ra Rota non assumesse alcun farmaco, e che tutto possa essere ricondotto a quanto accadutole nella vita.

Ma è molto più semplice dare la colpa a un evento, seppur dolorosissimo, avvenuto più di 12 anni fa, piuttosto che finalmente cercare di aprire gli occhi e capire che le persone non vengono uccise dalla depressione, ma dalla cura che viene loro data.

Consiglio, per comprendere a pieno il messaggio di questo blog, la lettura del mio articolo
"PSICOFARMACI E SUICIDIO PER IMPICCAGIONE"oltre ai numerosi altri e similari che si possono trovare nel blog utilizzando il motore di ricerca interno posto sulla colonna a destra.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


PER TUTTI: RISPONDO A OGNI SINGOLA MAIL O COMMENTO. DATA L'ENORME QUANTITA' DI POSTA CHE RICEVO, CHIUNQUE ABBIA UN'URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARMELO

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.