ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 16 aprile 2012

BRAVI CON LA PALLA, MA CADONO COME BIRILLI

LETTERA

Ciao Pietro,
seguo sempre le tue newsletter.
Proprio oggi mi chiedevo il perchè di tutte queste morti sui campi di calcio, in poche settimane penso siano almeno 3 i casi in Europa e anche alcuni ripresi in tempo (come Cassano per esempio)
Sembrerebbe strano visto che è gente tosta, fisici massicci, giovani, controllati nei minimi dettagli nei parametri cardiaci.
Qui sotto sento puzza di bruciato, peggio di quegli arrosti che propinano loro i nutrizionisti sportivi.
Federico


RISPOSTA

Ciao Federico, grazie come sempre per la fiducia.
Veniamo alla tua domanda, assolutamente non semplice se devo dire la verità.
Da un lato, infatti, tali episodi potrebbero rientrare in una casistica generale e quindi non fare testo di per sé, ma penso ci sia molto di più.
Sai che sono un accanito sostenitore del fatto che il corpo umano sia praticamente una macchina perfetta e indistruttibile se alimentato fisicamente e spiritualmente in modo corretto,  e che possieda anche un grande margine di tollerenza ai veleni (altrimenti i tre quarti della popolazione mondiale sarebbero già sotto terra).
Ma devo pur sempre ammettere che anche in Natura possano accadere degli "errori" e cioè individui che nascono con dei "punti deboli" che in determinate condizioni ambientali possono sfociare in qualcosa di serio.
Partiamo al concetto che non ho mai creduto al fatto "ho il padre diabetico e quindi avrò grandi possibilità di essere diabetico anche io". Io credo al fatto "ho il padre diabetico, quindi se seguo le sue stesse malsane abitudini avrò una maggior percentuale rispetto ad altri di sviluppare il diabete".
In pratica esistono sì delle predisposizioni, ma che esplodono solo quando anche le similari malsane condizioni ambientali si ripropongono.
La legge della Natura di causa-effetto non può essere ignorata: tutto avviene per un motivo.
Veniamo ai calciatori.
Mi fa riflettere anzitutto che le morti avvengano in campo, anche se il fatto di essere sotto sforzo potrebbe essere una risposta sensata e ragionevole.
Ma come dici tu non si può non sentire puzza di bruciato, e non posso non pensare che ci sia qualcosa sotto.
Partiamo da un concetto: non tutto quello che è legale è per forza salutare.
Infatti la marijuana fa male, ed è illegale. Ma il Prozac è ancora peggio, dato che induce persino la gente o uccidersi o a uccidere, eppure è legale praticamente in tutto il mondo.
Quindi, quanti preparati "legali" vengono somministrati a questi poveri malcapitati?
Anche un idiota capirebbe che sono soggetti a performance fisiche difficilmente raggiungibili con il mero allenamento.
Li paragono spesso a motori costantemente su di giri, che prima o poi scoppiano.
Quindi, per rispondere bene alla tua domanda: sì, sono convinto che non sia assolutamente una coincidenza.
Viviamo in mondo in cui il muratore si fa di coca per lavorare senza fatica. Il manager beve 10 caffè al giorno per essere reattivo. L'insegnante si fa di tranquillanti per affrontare i propri alunni. Il carabiniere fuma due pacchetti di sigarette al giorno per compensare e affrontare la propria giornata. E quindi mi domando: i calciatori invece?
Ogni persona deve appoggiarsi su qualcosa. Siamo tutti profondamente drogati di qualcosa.
E tutto questo per cosa? Per stare al passo con una società che non ammette debolezze, non ammette che si possa "rimanere indietro" rispetto agli standard imposti.
Due cose mi hanno fatto tristezza nella vicenda del calciatore scomparso: tutta questa ipocrisia da strapazzo, con gente che metterà la sua foto nel proprio profilo di Facebook magari senza sapere nemmeno chi fosse (cosa analoga successa con Simoncelli) e la Cuccarini, che ha preso al balzo la sciagura per promuovere una campagna di raccolta fondi per i defibrilatori.
Per i defibrilatori ci pensi lo Stato, noi siamo già super tassati. E inoltre che venga promossa una sana alimentazione e un esercizio fisico coerente con la nostra Natura: nessun animale si ammazza di pesi o di corsa; quando è stanco si ferma e prova a cacciare dopo essersi riposato. Non ha bisogno di pasticche per correre di più.
Così vedrete che di defibrilatori ce ne serviranno molti di meno.
Per il resto, tiriamo tutti il freno a mano, che tanto il mondo va avanti anche senza di noi. E questo lo potrete vedere tutti dalla velocità con cui questo povero giovane verrà dimenticato.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.