ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 19 aprile 2012

ZYPREXA, XANAX, ZOLOFT, RIVOLTRIL. VOLETE UCCIDERE O GUARIRE QUEST'UOMO?

LETTERA

Salve signor pbisant,
Sono Umberto di Padova. Le scrivo per chiederle un consiglio e anche per raccontarle la mia storia.
A marzo dell'anno scorso 2011 è iniziato quello che definisco il periodo più infame della mia vita. Per una serie di motivazioni stressanti e di ipocondria cominciai ad avere degli attacchi di panico che in prontosoccorso venivano sedati prontamente con valium. Essendo una novità per me diciamo che rimasi particolarmente turbato e stressato per la paura di averne ancora. Tramite il mio medico di base mi venne segnalato il nome di una psicologa che una volta visitatomi mi additò come iperteso e depresso e mi disse che conveniva fare un ricovero in una clinica psichiatrica. Decisi di andare. Il ricovero durò 3 settimane e ogni giorno per 5/6 volte al giorno mi riempirono di zyprexa, xanax,zoloft e rivotril... Finito il ricovero mi dissero di continuare la cura a casa con lo stesso ritmo d'assunzione per almeno un anno. e poi si vedrà. Dopo 2 o 3 mesi di assunzione assidua si è scatenò l'inferno. nausee atroci, mal di testa pulsanti, fegato steatosico con malori da svenimento.. Un giorno ero a lavoro e non riuscivo nemmeno a digitare sulla tastiera tanto era il senso di nausea e malessere che invadeva il mio corpo. Andai in bagno e meditai il suicidio. Cosi non si poteva vivere. Qualcosa di sbagliato stava succedendo. (avevo preso 15 kg). Continuai a ripetermi che i problemi sarebbero presto scomparsi e arrivato al 10 mesi di sofferenze decisi di smettere l'assunzione. Lo feci di colpo. Non c'erano alternative. Seguii il consiglio di valdo vaccaro e stop.
Ora mi risulta difficile anche parlare delle sensazioni che  provai. Diciamo che in un paio di occasioni seriamente dubitai di poter sopravvivere. Ma tenni duro. Non c'era altro da fare.. Mi ripetevo che se dovevo riprendere farmaci tanto valeva lasciarci la pelle. Passai 2 mesi a letto. Poi lentamente il mio corpo cominciò a respirare e ripresi  a camminare e col tempo anche una mezza giornata il lavoro. Ora a distanza di 4 mesi e mezzo mi ritrovo con l'intestino letteralmente sfasciato. Alcune persone sostengono che lo svezzamento da psicofarmaci è molto lento e colpisce le corrette funzionalità dell'apparato gastrointestinale. E' decisamente il mio caso. Oltre a questo la mattina mi sveglio con delle sincopi cardiache che mi portano quasi allo svenimento ma poi per fortuna andando faticosamente di corpo riesco a sentire sollievo e si calmano.. Insomma l'inferno non è finito. sto ancora molto male. Non faccio ancora nulla di tutto quello che facevo normalmente. E' un anno che non riesco a concedermi una serata fuori con gli amici. Mi hanno levato un anno e più della mia vita. Avrei preferito starmene in galera e subire abusi sessuali piuttosto che questo tremendo e inaspettato dramma. L'altro ieri a causa di forti malesseri intestinali mi hanno ricoverato in pronto soccorso e mi hanno somministrato del valium per riuscire a prendere la macchina e tornare a casa perchè altrimenti non riuscirei a guidare... sono ricaduto per un attimo nella trappola.
Ora alla luce di questa storia che sarà la brutta copia di tante altre storie simili che avrà sentito, le chiedo se ha qualche consiglio per facilitare il recupero di questo organismo devastato.
Molto lo faccio con l'alimentazione. Sono vegano.
In attesa di una sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti e la ringrazio per l'opera di divulgazione. Questo mondo deve ricominciare a girare per il verso giusto.
Grazie.

RISPOSTA

Sig. Umberto,
mentre leggevo la sua mail tantissimi pensieri mi passavano per la testa.
Siamo alla follia pura. Gli psicologi e gli psichiatri sono ormai fuori controllo.
Stiamo diventando una società medicalizzata, dove il farmaco la fa da padrona.
Per qualunque motivazione, sia essa fisica o psicologica o entrambe, lei abbia cominciato a soffrire di ipocondria o attacchi di panico, purtroppo ha fatto la cosa più sbagliata: andare al Pronto Soccorso.
Per due motivi principali. Il primo è che non si muore, e il secondo è che si è messo in mano a chi proprio nulla capisce di come il nostro corpo funziona.
Sedare un attacco di panico con il valium ha la stessa valenza di tagliare la spia di "controlla motore" che si accende sul cruscotto della nostra auto quando qualcosa non funziona.
Sicuramente il "momento brutto" viene stroncato, ma al tempo stesso da un lato si abitua il corpo a non fronteggiare autonomamente determinati squilibri, e dall'altro non si indaga a fondo sulle cause scatenanti.
Nel mio articolo "LA FORSENNATA CURA DEL SINTOMO" si fa riferimento proprio a questo: i dottori sono "malati di sintomatologia". Vogliono a tutti i costi stroncare i sintomi senza capire da dove arrivino.
E allora tagliano, drogano, dializzano, trapiantano, senza porsi la domanda su come mai un tumore si sia formato, o per quale motivo una persona possa sperimentare un attacco di panico.
E il bravissimo medico di base, al posto di investigare anch'egli le reali motivazioni alla base, ha optato per la cosa più facile da fare: dritto dritto dalla psicologa.
La quale, a sua volta, al posto di investigare anch'ella le reali motivazioni alla base, le ha proposto un bel ricovero.
I medici ove è stato ricoverato, a loro volta, al posto di investigare le reali motivazioni alla base, l'hanno imbottita come un'otre di farmaci dannosissimi, pericolosissimi e fondamentalmente inutili.
No, anzi, utili solo al fatturato di chi li produce.
Quindi, ricapitoliamo...
Da un attacco di panico si arriva a una terapia combinata con antidepressivi della classe SSRI, antipsicotici potentissimi come lo Zyprexa, uniti all'immancabile Xanax come benzodiazepina, e persino un antiepilettico come il Rivotril.
Roba da folli. Io somministrerei questi farmaci a tutta la catena di sanitari che l'hanno portata dove è ora.
Veniamo a noi.
Aumento di peso: effetto del famigerato Zyprexa. Questo farmaco ha causato e sta causando un'epidemia di diabete negli Stati Uniti, e riesce a far ingrassare le persone anche di 40 kg, con enorme difficoltà a tornare al peso ideale anche dopo la dismissione.
Mal di testa, nausee, fegato ingrossato: tutte reazioni normali di un corpo che fa di tutto per difendersi da un'aggressione chimica di una potenza devastante.
E pensi lei che da un attacco di panico è arrivato a meditare il suicidio...
E se si fosse veramente ammazzato i dottoroni che l'avevano in cura avrebbero detto che si era ucciso per la sua "malattia" e non per il veleno che le avevano con leggerezza propinato ("leggerezza" per usare un eufemismo).
Posso solo dire che riuscire a sopravvivere a tale inferno deve già essere per lei un moto di soddisfazione.
E ora è il momento di riprendersi la propria vita.
Via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.
Tante brutte notizie, vero.
Farmaci, sofferenza, chili in più.
Ma fra tutte queste brutte notizie, una bella c'è.
Il corpo umano è una macchina portentosa, disperatamente pronto a tornare a uno stato di equilibrio quando gli viene data la possibilità.
Non tema i sintomi.
Non tema i dolori al petto, l'ansia, i mal di testa e tutto quello che può capitarle a causa della pregressa assunzione dei farmaci.
Non combatta i sintomi. Pensi piuttosto che ce la può fare.
Il cambio di alimentazione è stato la prima mossa di un programma che va affrontato a denti stretti.
Via i veleni, e dentro tutto quello di cui abbiamo bisogno per vivere in salute.
Prima cosa: ha dismesso i farmaci, e quindi non ne prenda più anche se le sembra di morire.
Non si muore di ansia. E tutti gli attacchi, anche il peggiore, passano.
Seconda cosa: bisogna regolarizzare le digestioni.
Bisogna essere un orologio svizzero al bagno, dato che intestino e cervello sono intimamente collegati e se uno funziona male, l'altro farà altrettanto.
Terza cosa: farmaci e alimentazione vegana non vanno assolutamente d'accordo. Un'alimentazione vegana dona un sangue più fluido, che porterà ancor più velocemente e in profondità gli eventuali farmaci assunti.
Quarta cosa: per vivere abbiamo bisogno di aria, sole e cibo strutturato per noi.
Negli ospedali si fa tutto il contrario: finestre chiuse, niente sole, cibo spazzatura e medicine a go-go.
Quindi, aria pura sempre. Si dorme con la finestra aperta.
Sole ogni qualvolta si riesca: via la maglietta con esposizioni frequenti.
Per il fattore cibo bisogna essere rigorosissimi: in casi di emergenza il "tendenzialmente crudista" non va bene. Qui bisogna essere perfetti, e cioè crudismo totale al 100% con prevalenza di centrifugati di frutta e di verdura che hanno costo assimilativo ZERO.
Il corpo deve essere inondato di vitamine ed enzimi naturali, e non deve essere assolutamente distolto dal grandissimo lavoro di pulizia che dovrà fare.
Crisi eliminative ne arriveranno, eccome.
E bisogna essere pronti ad accoglierle.
Nell'esatto momento in cui il corpo non riceve più gli psicofarmaci che riceveva prima, comincia il suo percorso a ritroso per ritrovare quell'equilibrio, anche celebrale, che gli stessi farmaci gli avevano tolto. E lo fa facendo riaffiorare i sintomi che gli psicofarmaci avevano coperto come il coperchio di una pentola a pressione.
Milioni di persone nel mondo sono nella sua stessa situazione, e moltissime moriranno per mano degli psichiatri senza nemmeno aver avuto la possibilità di rendersi conto di quanto quelle stesse medicine sono state la causa dei loro problemi.
Inoltre, nessun tipo di cereali da ingerire per il momento, soprattutto a causa della mala sopportazione del glutine da parte dell'essere umano, che può causare o aggravare la sintomatologia psicologica in atto.
Si ricordi Umberto che solo il suo sistema immunitario sa cosa sta succedendo al suo interno.
Si affidi con fiducia all'unico medico che la conosce perfettamente, sa quello che deve fare e non le chiede parcella: il suo sistema immunitario.
Lo faccia per se stesso, per chi ama, per dimostrare a se stesso e agli altri che questo schifoso mondo deve cambiare.
Che le persone che manifestano sintomatologie psichiatriche vanno prima di tutto ascoltate, vanno capite.
E va capito il fatto che siamo fatti di anima e corpo, e che quindi l'alimentazione moderna è in primis causa di tanti disturbi mentali.
Così come la mucca mangia la carne al posto dell'erba e sbrocca, l'uomo fa altrettanto mangiando carne e derivati animali incompatibili con la sua struttura squisitamente fruttariana.
Ce la farà Umberto. Siamo tutti con Lei.


NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore


Pietro Bisanti


3 commenti:

  1. Mi chiamo angela e sono ricoverata presso l'ospedale psichiatrico e se non prendo le medicine prescritte dai medici mi prendono con la forza emi fanno dei punturoni da cavallo e milegano al letto cosa posso fare aiutatemi tra le medicine che mi danno c'� lo ziprexa

    RispondiElimina
  2. non capisco come tu possa scrivere dall'ospedale.Cmq se ci sei davvero,tieni duro.In quanto all'articolo sopra,beh direi:è vero che questa è una società medicalizzata ma in molti casi il farmaco è il male minore.Io sono un bipolare e devo curarmi.Il mio disturbo è pesante e in fase up,può portarmi psicosi.Devo solo aspettare una sua rarefazione.Quindi non fate disinformazione.C'e' gente che ha bisogno di cure come chi ne ha bisogno per estirpare un tumore. Non ragionate solo colla vostra mente "normale".Abbassate un pò la testa che altrimenti urtate sotto le porte.Saluti

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con il signor Umberto su tutto, tranne per l'alimentazione totalmente vegana.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.