ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 16 agosto 2013

ABILIFY E ZYPREXA: VOGLIONO CHE LI PRENDA A VITA.

LETTERA

Salve signor Pietro,
vorrei raccontarle per sommi capi la mia storia e ricevere un parere sulla
sospensione dei farmaci psicotropi e il motivo per cui tale dismissione può
risultare difficile.
Ho 35 anni e zyprexa è stato il farmaco con cui ho curato i postumi di un
episodio di confusione mentale e attacco di panico avvenuto all'età di
vent'anni.
A causa di questo neurolettico sono ingrassata di 20 kg, perché si è innescata
la night eating disorder, cioè le abbuffate notturne e una sonnolenza continua.
All'età di 32 anni ho deciso di sospendere i 5mg di zyprexa che assumevo
superando molti degli effetti di rimbalzo tra cui il vomito, principale
deterrente alla sospensione, e finalmente ho perso i chili eccedenti.
In concomitanza a questa sospensione, durata quasi due anni, ho iniziato un
percorso di cure dentarie (devitalizzazioni, implantologie...) che associate ad
un problema ad un piede mi hanno debilitata e depressa.
Temevo inoltre di riprendere i farmaci e la profezia si è autoadempiuta tanto
che mi ritrovo con un piano terapeutico di 10 mg di abilify.
Lo psichiatra mi ha fatto capire tra le righe che il farmaco si deve assumere
per tutta la vita, pena la comparsa di sintomi psicotici. La mia famiglia non
sarebbe d'accordo alla sospensione del farmaco a meno che lo psichiatra non
proponesse soluzioni alternative, ma questo è impossibile.
Andare da un altro psichiatra per chiedergli di aiutarmi a sospendere il
farmaco è utopico poiché nessuno si prenderebbe la responsabilità e poi ti
risponderebbero che se lo assumi un motivo c'è.
Se prendo l'abilify sono tutti tranquilli poiché li rassicura che niente
accadrà ma io non sono felice in questa situazione e senza nessuno che mi
appoggia, sono costretta ad ingoiare questa pasticca che avrà meno effetti
collaterali di zyprexa ma ne presenta tanti.
Non scendo nella diatriba tra chi è a favore e chi è contrario agli
psicofarmaci, penso però che per chi entra in questo tunnel gli spiragli di
luce per una fuoruscita sono pochi.
Sto leggendo via via i suoi articoli e sicuramente c'è una via d'uscita, ma il
percorso è accidentato.
Grazie per il servizio reso e spero che questa svolta epocale prima o poi
arriverà.
Giusy


RISPOSTA

Buongiorno sig.ra Giusy,
e grazie della sua mail, e di aver voluto condividere la sua sofferenza.

Ma quanti siete? Quanta sofferenza la moderna psichiatria sta causando a tutti questi nostri amici umani in tutto il pianeta?

Qualche psichiatria, prima di incatenarla a uno psicofarmaco tanto forte quanto lo Zyprexa (non che gli altri siano acqua fresca naturalmente), ha avuto un barlume di lucidità, e magari scandagliato eventuali cause organiche alla base del suo disturbo?

12 anni di Zyprexa ammazzerebbero un toro.

Eppure, da come scrive, si capisce bene che lei sappia il fatto suo.

Quindi, via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.

Gli spiragli ci sono eccome, il corpo umano è infatti una macchina che riesce a riprendersi anche dai peggiori insulti.

Purtroppo è difficile trovare appoggi anche fra i propri cari, dove vige spesso l'ignoranza associata alla paura che gli psichiatri infondono per far sì che la cura non venga mai dismessa.

Quindi, ribadendo come sempre che non sono un dottore e non curo nessuno, semplicemente le dico quello che farei io.

Ribaltamento totale della propria alimentazione, come lei ha ben capito.

Il percorso è accidentato, ma è l'unico da seguire.

Due manopole: la prima è quella del vegancrudismo, e quindi con l'immissione graduale di frutta e verdura crude, unico cibo che per il momento le consiglierei di mangiare, evitando, magari solo temporaneamente, cereali e legumi.

La seconda è quella che va chiusa, sempre lentamente, e cioè quella dei veleni, del farmaco che sta assumendo.
Fino a quando non ci saranno strutture in Italia pronte ad aiutare la gente a dismettere tali sostanze, bisogna utilizzare il fai-da-te, prendendosi anche tutte le responsabilità legali e personali del caso.

Assoluta verifica di amalgame e denti devitalizzati, tramite specialisti che sappiano quale sia la correlazione tra denti e psiche: ho già trattato l'argomento più e più volte, e basta una ricerca veloce nel blog per leggere i relativi articoli. Non smetterò mai di sottolineare la connessione tra amalgame al mercurio e denti devitalizzati e disturbi mentali.

Si ricordi che nessuno in questo momento pensa a come lei stia, se riesce a sorridere, emozionarsi, incuriosirsi, innamorarsi, avere del sano desiderio sessuale, aver voglia di fare un passeggiata.

Lei è sedata, e quindi sono tutti tranquilli.

Loro sono tranquilli, lei è infelice.



3 commenti:

  1. Si intitola "En e Xanax" il nuovo inedito di Samuele Bersani, cantautore che io stimo, che si è tatuato sul braccio il nome di questi due ansiolitici e annuncia che il contenuto della canzone è davvero speciale.
    Staremo a vedere cosa si nasconde dietro questo titolo così inquietante.
    Grazie della risposta.
    Giusy

    RispondiElimina
  2. io ho preso per dieci anni 17,5 di zyprexa e ora sono passato all'ablify dopo che ho avuto un problema di diabete. di abilify prendo 20. è robbetta la tua. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, più alto è il numero di farmaci e la posologia, più aumentano gli effetti collaterali e la sedazione. Per alcune persone, però, anche una dose come 2,5 mg di zyprexa, che per alcuni può essere irrisoria, può avere effetti pesanti.

      Elimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.