ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

sabato 17 agosto 2013

DISMISSIONE DA ZOLOFT: UNA TELEFONATA DISPERATA E AGGHIACCIANTE MENTRE LO PSICHIATRA IN VACANZA SE NE FREGA

Che questo blog si stia espandendo a macchia d'olio, sintomo quindi che il tema degli psicofarmaci sia assolutamente attuale e molto sentito, è fuor dubbio.
Ma che una persona arrivasse a un tale stato di disperazione da riuscire a reperire il numero della caserma ove lavoro e contattarmi il 16 di agosto, mai me lo sarei aspettato.

Eppure è successo.
Ieri ho ricevuto una chiamata di una signora della provincia di Bergamo, e dalle prime due parole pronunciate ho capito che qualcosa non andava assolutamente.

La tipica, inconfondibile "voce da antidepressivo" come dico io.
E una disperazione tale, talmente forte da non farsi nessuno problema a chiamare un maresciallo dei Carabinieri in servizio nella sua caserma, a lei totalmente estraneo e sconosciuto.

Abbiamo parlato per più di due ore, e mi ha spiegato quanto la sua terapia composta da Zoloft, Remeron e Lexotan la stesse portando nel baratro più profondo, con una angoscia mai provata nemmeno quando erano sorti i sintomi che l'hanno poi portata a iniziare gli psicofarmaci.

Dentro di me ho capito immediatamente che soprattutto lo Zoloft è da imputare quale protagonista in negativo di come la signora si stia sentendo.

Ho tentato quindi di rassicurarla, e mi ha raccontato di come gli psichiatri da lei contattati continuassero a contraddirsi l'uno con l'altro, cambiando terapie su terapie come se stessero giocando al piccolo chimico.

E trattandola male allorquando facesse presente di continuare a peggiorare, giorno dopo giorno.

Fino a negarsi al telefono, dopo aver preso però un bel centone di euro in studio per una visita di pochi minuti...E che diamine, sono in vacanza anche loro!

Dov'è il giuramento di Ippocrate, dov'è il rispetto per un essere umano?

È mai possibile che una donna in piena crisi non abbia nessun'altro da chiamare se non un maresciallo dei carabinieri che lei nemmeno conosce?

È mai possibile che questa donna sia terrorizzata dall'andare in ospedale, proprio perché sa che lì non verrà aiutata a dismettere i farmaci che lei comprende perfettamente la stanno distruggendo, ma gliene verranno invece somministrati ulteriori, perché la risposta della psichiatria è solo farmacologica.

Grazie all'intervento di un'altra mia lettrice, che ringrazio di cuore, siamo riusciti a reperire il numero telefonico di uno psichiatra che la aiuterà in questa fase di dismissione.

Chiunque sia a conoscenza di specialisti umani, amorevoli e veramente innamorati del proprio lavoro, che non considerino somministrare farmaci l'unica cura, e che siano disponibili a seguire persone che vogliano dismettere i farmaci, è pregato di scrivere a pbisant@hotmail.com, in modo tale da formare un database per aiutare chi ne ha bisogno.

7 commenti:

  1. Salve, posso condividere l'articolo e pubblicizzare il tuo libro? Sul blog http://fintatolleranza.blogspot.it/

    tratto molti temi ma sopratutto mi occupo di disinformazione, ovvero di quella fetta di realtà che viene narrata ai più tramite i potenti ed efficaci media e trasformata per adattarla ai prossimi sviluppi già programmati da quell'.... non dico niente, a ognuno la propria conclusione su chi guida la vita delle masse. Non certo chi ci viene fatto credere
    Ovviamente metto la fonte se metto l'articolo :-)

    PS: Mi piace il tuo blog e lo seguo sempre perchè essendo persona che ha avuto a che fare, con le medicine e con le sostanze, non posso che confermare quanto siano devastanti i cosiddetti psicofarmaci, uso il termine cosiddetti perché in realtà sono molto, ma molto peggio delle cosiddette droghe. Poi si dovrebbe fare distinzione perché mettere sullo stesso piano cannabis\cocaina\eroina\ketamina\lsd ... si fa solo confusione in menti già confuse di suo! Fossimo nati un secolo fa il termine droga nemmeno esisteva in Italia, è un prodotto moderno! Pensiamo a Freud ....
    In ogni modo farmaci e droghe (in inglese drug appunto) sono probabilmente sempre gli stessi principi attivi che vengono sintetizzati nei laboratori e poi da un canale venduti con l'etichetta e dall'altro spacciati in strada. Entrambi generano enormi profitti. Tutto questo in un'epoca in cui la cannabis viene ancora bandita. L'automobile che genera quattromila morti all'anno, solo in Italia, invece viene considerata cosa necessaria alla vita. Esempio della nostra razionalità. O della nostra follia?
    Alla faccia della civiltà ... termine più lontano dalla descrizione dei nostri agglomerati non potevano utilizzare, o forse l'han fatto proprio di proposito? Porsi sempre questo dubbio che ti svelerà molti retroscena. Sul mio blog, nella colonna a dx a circa metà pagina troverai la raccolta dei miei migliori articoli e della mia filosofia di vita. Che applico e non solo sostengo a parole.
    Va bene, fine del mio delirio, se posso pubblicare ne sarei molto lieto. Chiedo perché ho visto in fondo i diritti riservati, cosa a cui non credo ma che rispetto. Io la penso in questo modo: Tutto ciò che scriviamo non ci appartiene, perché appartiene già all'Universo e non c'è NESSUNO che se ne può attribuire la paternità. Il mondo è vario però e tutte le idee andrebbero rispettate.
    Dioniso777

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visitato il tuo blog ,che è una miniera di informazioni controcorrente , quindi interessantissime. Oltre a condividere la lotta contro la psichiatria farmacologica moderna , in totale aderenza alle idee del maresciallo Bisanti, sono interessata tantissimo a ogni info che esista sulla pineale. Ho letto il tuo articolo che definirei GRANDIOSO sul tuo blog. l'ho copiato e condiviso nel mio profilo fb. Sto cercando qualcuno che mi aiuti a trovare nessi ( io SO che ci sono ) tra il disturbo da attacchi di panico e una disfunzione dell'epifisi. Ho contattato prof. Lissoni , maggior esperto italiano di pineale, lo scorso anno , a riguardo, ma ( pur disponibile e gentilissimo ) non era propenso a fornirmi notizie su studi relativi a tale correlazione. Se sei d'accordo per questa faccenda ti contatto sul tuo blog. riguardo invece agli psicofarmaci e questo BLOG , il maresciallo per me è un eroe moderno, anzi presenta dei tratti risorgimentali per la tenacia e il coraggio con cui sta portando avanti questa coraggiosa e complessa battaglia contro un mostro a mille teste . che gli farà molto male , quando si accorgerà dei suoi strali...

      Elimina
    2. Si, eroe moderno è il termine giusto! Ha il coraggio di sfidare un potere marcio, destinato solo a crollare comunque e la violenza, le scie sulle nostre teste, le schifezze negli alimenti ... sono tutte evidenti prove che stanno perdendo il controllo e il potere. Perderanno, questo è certo.
      Per quanto riguarda quello che tu mi chiedi provo a fare qualche ricerca e scrivere qualche mail in giro, vedrai che qualcosa scopriremo. Grazie per la visita al blog e del Grandioso :-), condividi pure tutto quello che vuoi, fai solo al gentilezza di mettere la fonte e indicare se poni tu modifiche. Basta. Se qualcosa vuoi chiedermi il mio indirizzo email è indicato sulla pagina del sito
      Ciao per ora

      Elimina
  2. PPS: Molto ammirevole il tuo lavoro comunque!
    Ce ne vorrebbero sempre più di persone come te che esistono per aiutare gli altri, anche!

    RispondiElimina
  3. psicofarmaci ...se li prendi una volta sei segnato a vita..se per caso ti seguono poi da un centro di salute mentale e' FATTA !!...non potrai piu' essere te stesso..come ti vede il medico "diverso"..sarai per forza peggiorato..se sei felice diranno "EUFORICO" se sei triste diranno "DEPRESSO"..se magari spendi un po' piu' di soldi "MANIACALE",,se stai in casa "ASOCIALE"...se ti incavoli "ANTISOCIALE"non sarai piu' libero di essere te stesso di avere emozioni diverse in base alle giornate per loro devi essere sempre UGUALE STABILE !!!..se ti lamenti del loro SERVIZIO ti minacceranno di TSO..ti daranno cure piu' forti..magari ti aumentano la puntura depot senza che tu lo sappia come spesso succede ti dicono e' la solita dose e invece ti punturano col doppio dosaggio..!!!...

    Non devi lamentarti mai del centro di salute..o sei RICHIESTIVO..non devi mai contraddire le cure che fai o saraì definito "POLEMICO REATTIVO AGGRESSIVO"....se la cura non ti piace e dici che la vuoi smettere diranno " NON ADERISCE AL PROGETTO TERAPEUTICO"...colpevolizzandoti davanti ai tuoi familiari..e parenti...

    sarai sempre COLPEVOLE se non fai come dice lo psichiatra !!
    sarai sempre ricattabile se non fai come dice lo psichiatra !!

    d'ora in poi se ti sente una gamba , se ti sei rotto una clavicola o ti sente un dente...o hai il mal di testa e vai al pronto soccorso hai piu' probabilita' di essere visto da uno psichiatra o di finire in psichiatria..anche se hai una patologia differente sarai sempre un PAZIENTE PSICHIATRICO..e se vai in ospedale di certo hai solo un problema PSICHIATRICO e BASTA..

    i centri di salute mentale vogliono guidare la tua vita ..se hai una fidanzata forse non va bene per te...daranno ascolto ai tuoi parenti prima che a te..perche' tu oramai sei il MATTO..si perche' tu hai accettato per una volta solo la loro CURA e non puoi piu' FUGGIRE DA LORO..sei nel registro !!!!!


    MAD MAN

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BRAVISSIMO, LA TUA ANALISI è PERFETTA!!!
      è così davvero, basta averci a che fare qualche volta nella vita e si intuisce immediatamente quello che tu hai descritto.
      Poi blaterano tanto di diritto, cura, salute mentale ... saranno mica sani questi?

      Poi mi è piaciuta questa :
      non sarai piu' libero di essere te stesso di avere emozioni diverse in base alle giornate per loro devi essere sempre UGUALE STABILE !!!

      ROBOT vogliono, non esseri umani, ROBOT
      Saremo i nuovi grigi?
      ah, aspetta, ho parlato di UFO perchè sono MATTO e per fortuna visto il mondo SANO che mi circonda!
      hahahahahhahahahahhahahahahahahahahahahahahahahahahah
      fuck ...you

      Elimina
  4. non so perché, ma trovo una qualche correlazione tra i CSM e il nazismo...

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.