ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 8 agosto 2013

COMPULSIVA, ANORESSICA E CLEPTOMANE: 30 ANNI DI FARMACI PER RIDURRE UNA DONNA A UNA LARVA UMANA. SIETE CONTENTI PSICHIATRI?

Vi racconto, nel pieno rispetto della privacy e del segreto istruttorio, una giornata di ordinaria follia all'interno di una caserma dell'Arma dei Carabinieri.
Mentre mi trovo nel mio ufficio a svolgere alcune pratiche, mi viene passata una telefonata di una signora che, in lacrime, mi chiede se la propria figlia fosse stata poco prima da noi tratta in arresto.
Una veloce verifica mi permette di confermare tale evenienza, e ne do quindi conto alla medesima.
La signora, ancora più disperata, mi chiede quindi di poter conferire con me poiché in possesso di documentazione giudiziaria e sanitaria riguardante la propria figlia che, a suo dire, la scagionerebbe in quanto totalmente incapace di intendere e di volere.
Il tutto, per dovizia di particolari, si riconduce ad un furto di circa 400 euro (di sole creme per il corpo) perpetrato all'interno di un grande centro commerciale di questo capoluogo.
Nel frattempo mi reco al primo piano dello stabile ove lavoro, e riesco visivamente a identificare la signora tratta in arresto.
Mi si presenta davanti una parvenza di essere umano, una persona che anche un bambino dell'asilo ricondurrebbe a una creatura totalmente incapace di comprendere la gravità del gesto appena compiuto: una donna, una nostra concittadina, un essere umano come noi, pesante poco più di 35 kg, per 1.68 di altezza circa.
Attorniato dai colleghi responsabili della sua custodia e titolari dell'intervento, comincio a parlare con lei, ripercorrendo insieme anni di abusi sessuali (persino in una clinica ove avrebbero dovuto aiutarla, fatto questo documentato e non inventato), umiliazioni, tentativi di suicidio e vagonate su vagonate di farmaci.
Una persona esterna un disagio, e la nostra schifosa psichiatria moderna non fa altro che incatenarti a vita a farmaci potentissimi e demoniaci: 30 anni di farmaci (lei ne ha 48) hanno trasformato una persona abbisognevole di amore e aiuto in una larva umana, che passa il tempo a rubare nei centri commerciali senza nemmeno rendersi conto di quello che fa.
E le soluzioni negli anni quali sono state: ricoveri e cambio cura, ricoveri e cambio cura, metto un po' di questo e tolgo un po' di questo.
L'unica cosa che ho potuto fare è stata di aprire gli occhi ai miei colleghi al fine di evitare 24 ore in cella e il successivo processo per direttissima a una persona che deve essere aiutata e non incarcerata (la stessa è infatti stata subito liberata e denunciata in stato di libertà, ma come al solito ci ho messo la faccia io in prima persona).
Siamo una società cieca, schifosa ed egoista, dove ognuno pensa solo al proprio tornaconto personale.
Gli psichiatri rincretiniscono la gente con i farmaci.
I carabinieri arrestano la gente rincretinita dai farmaci dati dagli psichiatri.
E il malcapitato di turno diventa due volte vittima, vittima di un sistema perverso e diabolico.
Fino a quando non si ammazza, e allora, assieme ai finti pianti, si dice sempre: "Eh sì, la malattia è stata più forte. Niente ha potuto curarla".
Beceri ignoranti, svegliatevi.
Il compito di carabinieri e psichiatri è aiutare i cittadini in difficoltà, non scavare loro la fossa.
Non esistono solo manette, contenzione e farmaci: esiste l'amore.
Ma l'amore solo verso i propri figli e le persone che ci stanno accanto è un amore finto, di comodo.
Tutti devono essere rispettati. Tutti.

4 commenti:

  1. SEI UN BRAV'UOMO E CARABINIERE averne di porsone come te centri sempre il problema nel suo cuore..sintetico e preciso..bravo

    fabry

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con il commento precedente. Povera ragazza!

    RispondiElimina
  3. Ti prego, continua così. L'umanità dovrebbe aprire gli occhi e rendersi conto di ciò che ha intorno, proprio come hai fatto tu.
    Magari per ora siamo in pochi, ma piano piano, uno ad uno..diventeranno tutti come noi, con un po' più di umanità nel corpo..e nell'anima.

    RispondiElimina
  4. ho bisogno di un aiuto....e di informazioni, potete aiutarmi .......cerco di sapere se negli asili di torino, negli anni 70 somministravano pastiglie ai bimbi .... ho un ricordo vago ma credo una azzurra e una bianca piccolissime....

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.