ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 12 agosto 2013

ARTERIA SUCCLAVIA SINISTRA OSTRUITA, MA PER I MEDICI SONO UNA PAZZA DEPRESSA E VOGLIONO SOLO IMBOTTIRMI







LETTERA
 

Salve signor Pietro, mi chiamo Serena e le scrivo per raccontarle la storia di mia madre, per fortuna non grave come quella di altri suoi lettori, ma solo per illustrare la perversione del sistema sanitario e la pressione a far assumere psicofarmaci anche a chi non ha problemi psicologici.
Un paio d'anni fa, mia madre mentre faceva le pulizie di casa, cominciò ad accusare stordimento, dolore al petto, intorpidimento del braccio sinistro... Per fortuna era con mia sorella, quindi subito ambulanza e pronto soccorso dove le fecero elettrocardiogramma e tutti gli esami del caso da cui risultò che non solo non era infarto-il cuore essendo in perfetta salute-ma anche tutto il resto era sano e non riuscivano a spiegarsi cosa avesse avuto, quindi la mandarono a casa.
Nei mesi seguenti, mia madre ebbe altre crisi e, siccome la prima volta aveva creduto di stare per morire di infarto, in concomitanza aveva anche attacchi di panico e faceva entra ed esci da vari ospedali senza mai venirne a capo.
Durante uno di questi controlli, le si avvicinò una dottoressa, le pose qualche domanda sulla sua vita familiare e subito la fatidica frase:"signora, la sua é depressione, é questa che si deve curare, smetta di fare preoccupare inutilmente la sua famiglia".
Da un lato poteva essere plausibile: tranne mia sorella, gli altri due figli lontani; la separazione (voluta) da mio padre; il lavoro a periodi, in effetti le scuse per appioppare la depressione c'erano tutte.
Solo che la dottoressa non aveva fatto i conti con le credenze politiche di mia madre che l'hanno portata a diffidare delle lobbies farmaceutiche, quindi si fece trattare da incompetente, venduta e ignorante. Ovviamente alla diagnosi di depressione, aggiunse rabbia repressa!
Comunque il primario, credendo alla causa organica, la invió a Bologna, perché ci lavorava un suo amico medico molto stimato e comunque quell'ospedale era più all'avanguardia che a Palermo.
La tennero due settimane in cui la raggiunsi anch'io da Parigi. Soliti esami, ecodoppler, elettrocardiogramma e solito risultato: niente. Mia madre era sempre più demoralizzata perché tutti le dicevano che fisicamente non aveva niente quindi non poteva essere che psicologico e lei stessa iniziava a dubitarne. Chiesi di parlare al primario il quale mi disse testuali parole:"sua madre non ha niente. Ha solo un po'di depressione e bisogno di attenzione ma non vuole prendere farmaci perché per voi del sud é vergogna". Io risposi che, conoscendo bene mia madre, non era depressione ma semplicemente sfiducia nei sistema sanitario che trasforma in depressione tutte le malattie che non riesce a spiegare e che, avendo avuto mia nonna sotto benzodiazepine, non era proprio il caso di parlare di psicofarmaci senza una reale urgenza. Lui, rassicurandomi, disse che i moderni farmaci non sono pericolosi come le vecchie benzodiazepine, é molto piu facile smettere la cura e non hanno quasi effetti collaterali e quindi, io che ero la figlia, potevo convincere mia madre a prenderli. Risposi:"ma anche no", ringraziai e me ne andai.
Mia madre fu dimessa il giorno dopo!
Tornata a Palermo, ebbe un appuntamento con un medico consigliatole da una mia zia e, finalmente, la diagnosi: l'arteria succlavia sinistra quasi completamente ostruita e il corpo, per ovviare al ridotto afflusso di sangue al braccio sinistro, aveva invertito la circolazione sanguigna dell'arto. In questo momento non ricordo bene come, ma é una evento talmente raro che mia madre é stata visitata da orde di studenti universitari.
Adesso per fortuna sta meglio ma cosa sarebbe successo se non fosse stata una donna forte, informata e supportata da famiglia e amici?
La sua opera é importante, può aiutare molte persone e farò quel che posso per divulgare il suo blog. Grazie signor Pietro e scusi per questa mail un po' lunga.




RISPOSTA

Gent.ma sig.ra Serena,
una tale perla andrebbe incorniciata e insegnata in ogni corso/master in psichiatria nelle università dell'intero globo.

La sua storia, e la ringrazio per averla condivisa, è la piena dimostrazione che quanto vado dicendo ha un suo senso e una sua logica (che solo un cieco non vedrebbe).
Corpo e mente sono un tutt'uno, e quindi moltissime manifestazioni di tipo psichiatrico hanno alla base una causa organica non diagnosticata.

Grazie a Lei e alla sua splendida famiglia, sua mamma è riuscita a non farsi irretire da questa spocchiosa, arrogante, ignorante psichiatria moderna, dove tutti sono pazzi e gli unici normali sono loro. E ora, se posso darle un consiglio, la segua dal punto di vista alimentare, seguendo i dettami che questo blog porta avanti.

Chiunque abbia una storia da raccontare riguardo ai drammi della psichiatria, scriva a pbisant@hotmail.com

L'opera informativa senza precedenti di questo blog va avanti con ancor più consapevolezza: quella di avere ragione.

1 commento:

  1. IO HO LA CERVICALE E CREDONO TUTTI CHE I SINTOMI CHE HO SIANO ATTACCHI DI PANICO! MA IO NON CI CREDO E NON CI CREDERÒ MAI A LORO!

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.