ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 18 marzo 2013

PSICOFARMACI E SUICIDIO PER IMPICCAGIONE: ARRIVANO LE PRIME CONFERME

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "PSICOFARMACI E SUICIDIO PER IMPICCAGIONE":

Salve,
casualmente sono finita su questo blog e lo trovo "illuminante" per io tema del suicidio per impiccagione sotto l'effetto degli psicofarmaci.
Se solo avessi potuto leggerlo qualche mese fa...forse oggi non sarei nell'incubo di un parente che ha perso un familiare suicida nella maniera piu' crudele qui descritta..
Unica obiezione: "se i medici sono quelli a cui hai affidato la vita del tuo familiare depresso, come fai a contraddire le loro indicazioni terapeutiche farmacologiche? Se vai al Centro di Salute Mentale, con la speranza di restituire il sorriso al tuo parente...come puoi ritenere che quel farmaco sia un veleno?......con il senno di poi...e' facile dire che i farmaci inducono al suicidio.....
Noi somministravamo farmaci al nostro parente, aspettando il miracolo...ma la mamma si e' suicidata x impiccagione....nel momento di ripresa.. grazie
rita

RISPOSTA

Grazie Rita,
grazie, grazie e ancora grazie di cuore per una testimonianza coraggiosa.
L'ipocrisia l'ho sempre tenuta lontano dalla mia vita, e voglio farlo anche oggi.
Vuole sapere come mi sento?
Ho un misto di soddisfazione (per vedere conferme del mio lunghissimo lavoro di analisi e studio) e di vergogna (non esiste soddisfazione in un accadimento così tragico).
Rimango però dell'idea, sempre eliminando l'ipocrisia, che il dolore sia una cosa così intima e personale che le parole stile "condoglianze", "dai che ce la fai", "ti sono vicino" siano una perdita di tempo.
Ognuno, quando colpito da eventi di questo tipo, deve metabolizzare, capire, interrogarsi e guardare avanti.
Ognuno di noi, presto o tardi, sarà vittima del dolore.
Questo non significa che siamo nati per crocifiggerci.
Dobbiamo affrontare le cose belle e le cose brutte della vita, sempre con l'idea che questa vita non è altro che un soffio...e che questa vita terrena è solo un passaggio.
E non ne faccio una questione religiosa, ma di semplice ovvietà.
Non siamo nati per caso, e il nostro organismo è talmente complesso da non poter essere la semplice conseguenza di un processo evolutivo.
Questo però significa anche prenderci cura del nostro involucro fino a quando ci serve.
Non possiamo dare la colpa al destino quando ci ammaliamo di cancro, depressione, e di tutte le altre patologie che hanno nomi diversi ma una base tossica comune, se abbiamo mangiato cadaveri da quando siamo nati e continuiamo a farlo nonostante ormai abbiamo tutti gli elementi per capire e cambiare rotta.
Cosa possiamo fare ora Rita?
Possiamo utilizzare "gli errori" fatti in passato per cambiare, per aiutare la gente a cambiare, per far sì che le tragedie non rimangano "inutili" ma che possano essere da stimolo per aiutare qualcuno che è in quella stessa situazione.
Per questo ho deciso di pubblicare questa testimonianza, preziosa come l'oro, che avalla e conferma i miei anni di studio e di osservazione.
Veniamo a noi.
Voi avete portato e affidato vostra mamma alla moderna psichiatria, e loro ve l'hanno restituita in una cassa da morto.
Consapevoli o inconsapevoli, vostra mamma non è più con voi.
E immagino le loro risposte: "Non ce l'aspettavamo"; "Mannaggia, proprio quando il farmaco stava cominciando ad agire"; "La depressione è una brutta bestia, e a volte anche i farmaci non bastano".
Nessuno di loro, consapevolmente o inconsapevolmente, darà la colpa al farmaco.
No, nessuno di loro metterà in discussione anni di studi e specializzazioni buoni solo a formare e arruolare dispensatori di pillole, delle quali non sanno neanche gli effetti.
Io, umile operatore delle forze di polizia, che tocco con mano ogni giorno i disastri della "malattia mentale", ma soprattutto delle "cure" poste in essere per fronteggiarla, avevo già capito tutto questo da un sacco di anni.
Voi non avete alcuna colpa Rita; voi avete affidato la vostra amata madre alla scienza e loro hanno dimostrato quanto poco valgono, quanto poco sappiano degli stessi farmaci che utilizzano, e quanta poca voglia abbiano di mettersi in discussione.
Qui ci sono tutti gli estremi, a mio parere, di un'azione di tipo civile risarcitorio o anche di natura  penale.
Pensi che azioni di questo tipo sono ben diffuse nella patria degli psicofarmaci, e cioè gli Stati Uniti, mentre in Italia migliaia di persone fanno la fine di sua madre senza che nessuno paghi nulla per questo.
Se Lei vorrà Rita raccontarmi bene tutto quello che è successo, così come qualunque altro lettore con storie similari, ne sarò lieto.
Sto preparando un ulteriore libro che racchiuderà tutti questi disastri.
Raccontare infatti è l'unico modo per non rendere vane le tragedie.
Grazie ancora per avermi dato l'onore di poter interloquire con Lei.

1 commento:

  1. Salve,
    Commento solo ora la sua risposta al mio intervento, perche' non ho avuto le forze e la voglia di farlo prima.
    Grazie per avermi risposto, comunque.
    Da tutte le sue e-mail che ricevo, leggo sempre che la soluzione e' l'alimentazione vegana e il rifiuto della cura con farmaci. Ebbene, ma lei c'e' stato mai da uno psichiatra per dirgli che con i farmaci potrebbe uccidere o indurre alla morte i propri pazienti?
    Come puo' dimostrare che i morti per impiccaggione si siano suicidati perche' assumevano gli antidepressivi?
    E chi si impicca senza assumere farmaci...che fa e' lucido?
    Noi parenti...che siamo ASSASSINI perche' sconoscevamo l'esistenza di questo sito e abbiamo dato fiducia alla psichiatra?

    E' la casistica a dare conferme?

    La psichiatra a noi ha detto che la Scelta del suicidio va al di la' del farmaco e che le cause vanno ricercate nella STORIA PERSONALE DEL MORTO SUICIDA, nell'ereditarieta'..

    Mia madre..voleva suicidarsi ancor prima di assumere i farmaci...anzi, ha cominciato ad assumerli proprio per il motivo contrario..per allontanare brutti pensieri..

    L'antidoto del veleno..uccide?
    Mah..
    Io ho tanti dubbi..ma se lei puo' DIMOSTRARE SCIENTIFICAMENTE TUTTO QUESTO FENOMENO SUICIDA A CAUSA DEI FARMACI..PERCHE' NON VA IN TV A SENSIBILIZZARE LE CASALINGHE CHE SU INTERNET NON RIESCONO AD ANDARE?
    In attesa di una Sua risposta, cordialita', rita

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.