ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

domenica 3 marzo 2013

SOSPENSIONE TERAPIA IN PAZIENTE BIPOLARE

COMMENTO AL MIO ARTICOLO

DAPAROX, LYRICA E LITIO: BIPOLARE SENZA EMOZIONI

 

Considero un'enorme mancanza di responsabilità consigliare l'abbandono della terapia farmacologica prescritta dallo psichiatra ad un paziente bipolare, esperienza personale è il modo migliore per finire all'ospedale.


RISPOSTA

Ciao Gladysmejia, o chiunque si nasconda dietro questo pseudonimo.
Se avessi letto con attenzione il mio articolo, avresti colto diverse sfaccettature e avresti evitato un commento che evidenzia erroneamente un mio asserito consiglio a dismettere una terapia psicofarmacologica irresponsabilmente.
In realtà, ripeto, le cose non stanno così, e mi dai l'occasione, oltre che di ribadirlo, di aggiungere qualche altra considerazione personale.
Anzitutto, senza se e senza ma, gli psicofarmaci NON devono, a mio sommo parere, trovare posto alcuno nella vita di qualunque essere umano o animale.
Sono sostanze demoniache, relativamente recenti (con l'introduzione della torazina nei primi anni Quaranta del secolo scorso), e delle quali sembra ora che l'uomo moderno non posso fare a meno.
Ma ti sei mai chiesta cosa sia uno psicofarmaco?
La risposta è molto semplice: sono molecole chimiche, estranee all'organismo, che una volta introdotte lo costringono a trovare un nuovo equilibrio per far fronte alla loro presenza, che, quando va bene (direi molto bene) mascherano una sintomatologia che può avere origine da tantissime cause diverse, siano esse di natura organica che psicologica, che ambientale, che di tutte e tre.
Ma che quando va male, tramutano teenager in assassini, nipoti che uccidono i nonni, bambini di 10 anni che si impiccano., mamme che mettono i figli nella lavatrice.
Da operatore di polizia quale sono, mi accorgo che gli psicofarmaci sono ormai causa o concausa di tantissimi comportamenti violenti, deviati, antisociali.
E il nostro sistema giudiziario è assolutamente indietro; i nostri poliziotti e carabinieri impreparati a riguardo; gli ospedali diventano meri dispensatori di pillole per far star tranquilla la gente.
Questo approccio deve cambiare.
Deve cambiare l'approccio alla "malattia mentale", cominciando a investigare a 360 gradi ogni qualvolta ci si trovi davanti a una persona che manifesta disordini di tipo psichiatrico.
Le forze dell'ordine devono comprendere che una persona che assume psicofarmaci può, per esempio, taccheggiare in un supermercato senza in realtà volerlo.
La magistratura deve cominciare a comprendere che una mamma che mette in lavatrice il proprio figlio poiché sotto cura psichiatrica NON ha bisogno di farmaci più potenti, ma in realtà di eliminare quelli che stava prendendo e che le hanno fatto commettere, contro la sua volontà, tale gesto!
Questo è il salto che deve essere fatto.
Nessun nega che la sintomatologia di ordine psichiatrico esista eccome; come nessuno nega che i problemi di tipo pratico e di vita possano metterci a dura prova dal punto di vista psicologico.
Ma ne passa da qui a mettere il proprio figlio nella lavatrice.
Deve cambiare, come detto, l'approccio al "malato mentale".
Quanti medici investigano su di un paziente che lamenta distrurbi di origine psichiatrica?
Pochi, direi pochissimi.
Eppure, posso elencare tantissime evenienze che possono dare manifestazioni di ordine psichiatrico:
-diabete
-tiroidite
-vapori di mercurio e metalli pesanti
-glutine e caseina
-denti devitalizzati.
Quando i medici capiranno una volta e per tutte che il buon umore si gioca nell'intestino e non nel cervello?
Quando i medici capiranno che un'alimentazione onnivora è causa/concausa dello sfascio della salute mentale mondiale, oltre ad altri fattori molto spesso di origine organica?
Quando le mamme capiranno che un bambino cresciuto a merendine e zucchero bianco tenderà a essere sempre nervoso, agitato e irrequieto?
La soluzione è semplice: una pillola, e quando questa non funziona, facciamo dei bei cocktail di psicofarmaci, come avviene sempre più spesso.
Torniamo a noi...
Quindi, partendo dal fatto che il disturbo bipolare esiste eccome, ecco che ne andrebbe investigata la causa.
E invece giù di litio e altri farmaci, che incatenano il paziente a se stesso.
L'errore, cara amica, è cominciare la terapia senza aver capito la reale motivazione per cui quei particolari disturbi sono emersi.
E gli psicofarmaci sono tanto demoniaci quanto difficili da dismettere.
Hai perfettamente ragione sul fatto che interrompere la terapia "cold turkey", cioè "di botto" come dicono gli americani, ti mandi dritto filato al pronto soccorso.
Ti sei mai chiesta perché?
Perché sono sostanze dopanti, che provocano assuefazione e tolleranza, che sconquassano l'organismo.
Tutto ciò che è innaturale e dopante è difficile da dismettere.
Se da domani ti dicessi: smetti di fumare, smetti di mangiare carne, pasta, dolci, pesce, e mangia invece tutta la frutta e la verdura che vuoi, come ti sentiresti?
Se invece ti lasciassi tutte le tue cattive abitudini, e ti dicessi di non mangiare più banane, arance, mele, pere etc...penso che non te ne fregherebbe nulla.
Se mangi mele da sempre, e poi smetti di mangiarle, non avrai una crisi come se smettessi gli psicofarmaci.
La risposta sta tutta qui: gli psicofarmaci sono sostanze assolutamente equiparabili alle droghe di strada, e la loro dismissione deve avvenire gradatamente e con grande attenzione.
Oppure, l'unica alternativa, è prenderle tutta la vita, come ormai è diventato di moda.
Con la solita scusa che gli psichiatri portano avanti: "Ma se ti fa stare bene, e sopporti bene gli effetti collaterali, perché dismetterli?"
Perché distruggono l'organismo; sono portatori di patologie come il diabete (ormai conclamato con lo Zyprexa), i tumori; fanno aumentare o diminuire a dismisura il peso corporeo, aumentano la prolattina, distruggono la vita sessuale, rallentano nei movimenti, tolgono la vera gioia di vivere, soffocano la personalità.
Potrei andare avanti per ore, senza contare che più spesso di quanto si creda, ti trasformano in un essere malvagio, insensibile, pronto a fare del male agli altri e/o a se stesso.
Spero che la risposta al tuo commento sia stata esaustiva.
A te la scelta.




1 commento:

  1. quando una persona si ammala di disturbo bipolare,psicosi schizoaffettiva o schizofrenia non basta scoprire la causa,oramai queste terribili malattie le ai e non andranno via mai;parlo di una mia esperienza:la mia compagna

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.