ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 6 maggio 2013

AMMAZZA MOGLIE, FIGLIA, FIGLIO E POI SI UCCIDE. PSICOFARMACI?

Manca ancora un "perché", e manca ancora la pistola della strage avvenuta l’altro ieri sera in una famiglia perbene a Sannicandro di Bari, dove un farmacista di 55 anni, Michele Piccolo, ha ucciso la moglie Maria, vicesindaco del paese e i figli Letizia e Claudio con un colpo alla testa prima di suicidarsi. Nel pomeriggio di venerdi’, i coniugi erano andati insieme a Bari per una visita specialistica da un neurochirurgo. Piccolo aveva da qualche tempo forti dolori alla schiena che curava con delle infiltrazioni. Non si sa se gli esiti di questa visita abbiano avuto un peso nella tragedia o se a pesare siano state preoccupazioni di altro genere che gravavano su Piccolo e che hanno scatenato in lui una reazione cosi’ distruttiva. Comunque, anche se con alcuni punti oscuri, l’ipotesi dell’omicidio-suicidio resta quella in campo. E’ venuta meno infatti quella (sempre apparsa residuale) della rapina, dopo che sono stati trovati nella cassa della farmacia di famiglia i soldi che, secondo uno zio, Claudio avrebbe dovuto avere con se’ e che sembravano scomparsi. Molti dei chiarimenti attesi arriveranno dalle autopsie che verranno eseguite martedi’ prossimo e che metteranno punti fermi sull’ora della morte delle prime due vittime (Maria Chimienti e la figlia Letizia) e sulle cause del decesso di Piccolo, il cui corpo e’ stato trovato in piscina. Secondo la ricostruzione piu’ accreditata, dopo essere rientrato a casa nel pomeriggio, Piccolo avrebbe ucciso nelle loro camere da letto la moglie Maria e la figlia Letizia per la quale ieri sera si stava organizzando in villa una festa per il ventesimo compleanno. Se fosse confermata la versione di un testimone che ha visto marito e moglie rientrare in auto in paese verso le 17.30, il primo atto della strage sarebbe avvenuto subito dopo. Successivamente, Piccolo avrebbe atteso per qualche ora, fino alle 21, il rientro a casa dopo il lavoro del figlio Claudio, di 24 anni. Lo ha accolto probabilmente a luce spenta (i primi parenti a scoprire il fatto hanno trovato il quadro elettrico staccato) e lo ha colpito alla testa ferendolo a morte. Il ragazzo e’ morto diverse ore dopo nel Policlinico di Bari. Piccolo e’ quindi uscito di casa, forse per disfarsi della pistola. Ha incontrato una amico cui ha consegnato alcuni farmaci che si era impegnato a portagli quando si erano visti la mattina per un caffe’. Quando e’ rientrato ha deciso di farla finita lasciandosi andare in piscina, forse (e per questo si attende l’esito degli esami tossicologici) dopo aver assunto sedativi. Sull’uomo e’ stata fatto l’esame dello stub che fughera’ ogni dubbio sul fatto che sia stato davvero lui a sparare. Della pistola, una calibro 3.80 per la quale Piccolo aveva il porto d’armi, non c’e’ traccia in casa e in giardino e gli investigatori continuano a cercarla. Intanto nella strada che porta alla villa della tragedia dopo lo choc di ieri e il via vai di investigatori e di qualche curioso e’ tornata la calma. Unico segno che ricorda quanto e’ avvenuto, un mazzo di fiori che un vicino di casa ha deposto in silenzio davanti al cancello di ingresso della villa ormai vuota.

Fonte: online-news 


Anche se non ho mai creduto molto ai "raptus", durante i quali il cervello di un essere umano smetterebbe di funzionare, sono sempre stato un "sostenitore" degli omicidi "d'impeto", cioè, magari, quando durante una furiosa litigata si prende un coltello e lo si ficca nella testa dell'altro.
Qui però ci troviamo davanti a una vicenda, almeno apparentemente, molto diversa.
Pur andando "con i piedi di piombo", poiché non ho gli elementi per affermare la validità di una versione piuttosto che di un'altra, voglio provare a dire la mia, in base alla mia esperienza e a quanto è fin d'ora emerso.
Via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.
Il sig. Piccolo, colui il quale avrebbe sterminato la propria famiglia per poi uccidersi annegando in piscina, era andato da un neurologo poiché praticava delle infiltrazioni alla schiena per dei forti dolori.
Ai neofiti questa affermazione può non far venire in mente nulla, mentre al sottoscritto, che ormai da vent'anni si occupa della materia, quanto testé detto fa scattare un campanello d'allarme.
Dolori alla schiena=neurologo=infiltrazioni=antidepressivi.
Perché dico questo?
Dico questo perché è uso e consuetudine di tantissimi neurologi prescrivere antidepressivi (soprattutto SSRI e SNRI) a basso dosaggio come miorilassanti e contro il dolore.
Tali specialisti non hanno la benché minima idea della potenza delle molecole che vanno a prescrivere, e i pazienti stessi non comprendono di stare assumendo farmaci in grado di alterare profondamente la psiche e il comportamento.
Infatti, come riportato da quasi tutte le testate giornalistiche, il sig. Piccolo si sarebbe lasciato annegare in piscina dopo aver assunto sedativi.
Tranquillanti e antidepressivi vanno quasi sempre a braccetto, e quindi questo rafforza la mia ipotesi.
Ipotesi, preciso, che potrebbe contemplare anche che il sig. Piccolo fosse sotto terapia antidepressiva indipendentemente dai dolori alla schiena.
Ora verrano fatti rilievi, foto, indagini, analisi, decine di carabinieri impegnati.
Si scaverà nelle abitudini di quest'uomo, magari gli si darà del "matto", magari si imputerà tutto alla crisi economica, ormai la scusante più adottata in casi come questi.
Invece sembra un caso di omicidio-suicidio così tipicamente ricollegabile all'utilizzo degli antidepressivi SSRI-SNRI.
E se fosse così, anche questa volta il vero responsabile non verrà mai perseguito.
È vitale che le vostre storie vengano raccontate. Sto raccogliendo centinaia di elementi utili a dimostrare il collegamento tra psicofarmaci e atti di natura violenta, e in generale dei danni che gli stessi hanno sul fisico e sulla mente.
Scrivete la vostra storia a pbisant@hotmail.com.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.