ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 7 maggio 2013

TENTA DI UCCIDERE LA FIGLIA E DI SUICIDARSI

CATANIA - Solo la follia può forse giustificare il gesto che questa mattina ha compiuto una madre nei confronti dell'unica figlia di tre anni e mezzo. Intorno alle sei, in un appartamento di via Quieta a Catania, quartiere bene della citta', un'insegnante di scuola media di 37 anni ha tentato di uccidere la propria bambina sferrando due fendenti con un coltello da cucina che hanno raggiunto la piccola alla guancia ed al collo mentre il marito, impiegato in un ufficio, stava dormendo accanto a loro. Mentre l'uomo, svegliato dal pianto della figlia, immersa in una pozza di sangue nella sua culla, sbalordito, cercava di capire cosa fosse accaduto, la moglie ha rivolto l'arma contro se stessa ferendosi all'addome e tentando di suicidarsi.

Il marito ha riferito che la donna che non prendeva psicofarmaci, e che da alcuni giorni non riusciva a dormire a causa di problemi familiari con il fratello e di uno screzio con una coppia di amici. Ieri sera la donna si sarebbe trovata in uno strano stato di agitazione.

Preso dal panico, l'uomo ha svegliato i vicini e ha chiesto l'intervento del 118. Moglie e figlia sono state trasportate al pronto soccorso dell'ospedale Cannizzaro ma non sono in pericolo di vita. La bambina è stata portata in sala operatoria per un delicato intervento chirurgico, nel reparto di chirurgia plastica, per ricostruire la profonda ferita alla guancia e ridurre quella alla gola, mentre alla donna sono stati applicati dei punti di sutura. Sul posto è intervenuta la polizia con una pattuglia delle volanti e gli investigatori

della squadra mobile della Questura coordinati da Antonio Salvago. La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta curata dal pm Alessandra Tasciotti: la donna, arrestata, è  piantonata in ospedale con l'accusa di tentato omicidio volontario.

Fonte: Palermo.it


RISPOSTA

Pur avendo il marito dichiarato che la moglie "non prendeva psicofarmaci", anche qui sento una gran puzza di antidepressivi.
I problemi familiari e uno screzio possono magari toglierti il sonno, ma togliamoci dalla testa che ti trasformino nell'assassino di tua figlia.
Anche il fatto di alzarsi la notte, stile zombie, e senza rendersi conto andare nella cameretta della propria figlia dopo aver preso un coltello, mi fa propendere per lo stato di incoscienza tipico degli antidepressivi SSRI e SNRI, con annesse urgenze omicidiarie e suicidiarie.
L'insonnia può "far uscire di testa", ma smettiamola di pensare che tra il non dormire e il tramutarsi in assassino il passo sia così breve e scontato.
Faccio anche un'ulteriore considerazione, e cioè che in molti casi, per molte persone, è sufficiente magari la prima dose di un antidepressivo, cioè la prima pastiglia ingerita, per uscire di testa.
Chiunque abbia assunto/assuma queste categorie di farmaci è invitato a partecipare alla discussione.


3 commenti:

  1. non possiamo sapere se cio' e' dovuto o meno a farmaci ci vorrebbe un esame chimico fisico del sangue O delle urine..Comunque sta di fatto che ci sono le psicosi..e la pazzia..Oppure potrebbe anche essere dovuto ad uso di DROGHE ...il fatto che npon prenda psicofarmaci non esclude che non abbia fatto uso di droga..e comunque anche esplosione di rabbia improvvisa dovuta anche a altri problemi medici o psichici che non conosciamo..una cosa non esclude l'altra..

    debbie

    RispondiElimina
  2. Concordo con la risposta. Conosco una persona cui, in un periodo di debolezza fisica e mentale, erano stati prescritti antidepressivi. Questa persona che, sebbene giù di morale, non aveva mai avuto nemmeno l'ombra di un pensiero suicida, ha cominciato concretamente a pensare al suicidio dopo solo due pillole. Per fortuna si è resa conto che qualcosa non andava e ha smesso le pillole (più tardi, un endocrinologo ha scoperto un problema alla tiroide cha causava gli sbalzi di umore). Alberto

    RispondiElimina
  3. le donne sottoposte a stress insopportabile hanno sempre ucciso i figli e poi loro stesse - è una reazione molto antica e primitiva.
    Io stessa quando ero molto esaurita ogni sera prima di andare a dormire chiudevo a chiave tutti i coltelli. Non siamo tanto evoluti come ci piacerebbe pensare...chiedi a qualche psichiatra quante donne esaurite gli confessano di avere paura di fare del male involontariamente ai figli. Lo stress è un vero killer - soprattutto quando si comincia a non dormire piu' - è il vero campanello di allarme e non va mai sottovalutato. Poi penso che gli psicofarmaci siano molto pericolosi e secondo le persone le reazioni possono essere pericolose ed imprevedibili ma non c'è bisogno di loro per uccidere......

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.