ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 3 maggio 2013

SEROXAT E ATTACCHI DI RABBIA E VIOLENZA

LETTERA

Salve,

Seguo assiduamento il tuo blog (mi permetto di darti del "tu") e mi trovi completamente d'accordo con le cose che scrivi.
Purtroppo è la verità che gli psicofarmaci annientano la psiche provocando reazioni abnormi e raptus.
Io l'ho sperimentato sulla mia pelle, purtroppo..  Anni fa uno sciagurato psichiatra mi prescrisse il Seroxat (SSRI) e, come tu dici tu, mi provocò un cambiamento della personalità:
diventavo aggressiva per un nonnulla e invece di guarire dalla depressione, mi ha causato una miriade di problemi!
Purtroppo la mia alimentazione è sempre stata "sballata", ho subito otturazioni con amalgame di mercurio, mi hanno tolto tonsille e appendicite da bambina e mi hanno pure vaccinata.. insomma, non mi hanno fatto mancare niente per rovinarmi!
Ti chiedo: siccome ancora soffro di ansia e depressione, io vorrei tanto attenermi alla dieta vegana-tendenzialmente crudista, ma ho paura di non farcela..
Ti ammiro perchè tu riesci a fare a meno del caffè, del vino e delle varie schifezze che mangio io.
Come trovare la forza di volontà per cambiare?
Grazie per i consigli.

Alessandra


RISPOSTA

Ciao Alessandra,
sono io che ringrazio te per la fiducia che in me riponi.
Prima di tutto un bel respiro: il corpo umano ha una capacità di autoguarigione sorprendente, basta dargliene la possibilità.
Quindi, prima si parte, prima si comincia a trattare il corpo come merita, prima i risultati arrivano per la famosa legge di causa-effetto.
Sono pronto a risponderti esaustivamente, ma vorrei farlo sul blog se mi dai l'autorizzazione, anche cancellando i tuoi dati sensibili.
Lo faccio perché più esperienze si pubblicano, più da questo immane lavoro che sto facendo può venirne fuori qualcosa di buono.
A presto
Pietro
 

RISPOSTA (DEL LETTORE)

Ciao,
Ti ringrazio, ho veramente bisogno di credere nella capacità autoguarente del corpo!
Temevo che il mio, con tutte le offese che ha subito, non fosse più in grado di autorigenerarsi..
Certo, mi fa piacere se pubblichi il tutto sul tuo blog.
Grazie per il tuo impegno!

Alessandra


RISPOSTA

Ciao Alessandra,
grazie per il tuo supporto, dato che in questo lavoro senza precedenti ci metto faccia, nome e cognome.
Permettimi una piccola premessa.
Continuo a ripetere di aver bisogno di testimonianze, di partecipazione.
La stesura del mio libro "LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE" è solo un "apripista" per poter finalmente cercare di cambiare qualcosa in ambito psichiatrico.
Pensi che io sia solo un sognatore se coltivo la speranza che un giorno un disegno d Legge di iniziativa popolare possa finalmente disciplinare in maniera durissima l'utilizzo degli psicofarmaci e dei Trattamenti Sanitari Obbligatori?
Io so che nella vita se non ci si impegna non si va da nessuna parte.
So che questo lavoro assume importanza perché non è il solito "blog psichiatrico", dove la gente si scambia opinioni su quel farmaco, piuttosto che su quell'altro.
Qui si parla chiaro, si dicono le cose per quello che sono, e vengono dette da chi, come il sottoscritto, da anni le vede con i propri occhi, senza se e senza ma.
Qui si da una soluzione definitiva ai problemi mentali, che è semplicemente ristabilire un equilibrio del proprio fisico attraverso cibo consono e pensieri puliti.
Qui non si cura nessuno, non si fanno diagnosi, non si prescrive nulla e non si chiedono parcelle.
Qui si sbatte in faccia a tutti che gli psicofarmaci non possono fare neanche una minima cosa di buono a qualunque essere  umano li assuma.
Qui si dice la verità. si dicono le cose per quello che sono.
Veniamo a noi.
Ansia, depressione, e subito il Seroxat, antidepressivo della categoria SSRI con la paroxetina come principio attivo.
Ritieniti fortunata, avresti potuto comodamente accoltellare un tuo familiare nel sonno, oppure dopo aver girato per casa con un sorrisetto ebete da finta felice impiccarti in cantina.
In questo caso, fortunatamente, il farmaco non è riuscito a "prendere" totalmente il controllo del tuo raziocinio, che ha vinto.
Il problema però non è risolto, e bisogna muoversi per fare qualcosa dato che nessuno deve vivere con ansia e depressione.
Precisiamo bene: l'ansia, la depressione, la psicosi, la schizofrenia, tutte le "malattie mentali" esistono eccome, ma la più grande frode planetaria su larga scala è far credere che abbiano cause "sconosciute", o che, ancora peggio, si nasca "bacati".
Le ultime scoperte sulla genetica stanno poi confermando che i geni si modificano in relazione all'ambiente, e che quindi anche in questo campo le abitudini di vita giochino un ruolo fondamentale.
Quindi, facciamo un'analisi ancora più pronfonda.
Se mi muore un figlio, come possono andare a dormire la sera?
Non dormirò, e magari non dormirò per un sacco di tempo.
E qui giocano molto le nostre condizioni di salute.
Se ho un fisico ben alimentato secondo il disegno vegano, che è quello per cui il corpo è strutturato, saprò resistere meglio ai colpi duri che la vita porta, chi più chi meno, a tutti.
Quando però sono già fisicamente debilitato, un evento sfavorevole può succhiarmi le ultime energie facendomi sfociare in uno stato depressivo importante.
E questa condizione, al posto di essere capita, viene stroncata a suon di bombe chimiche chiamate psicofarmaci, mentre invece bisognerebbe lavorare per un ripristino generale della salute dell'individuo.
Esistono poi, non dimentichiamolo, anche stati depressivi e ansiosi a cui non si riesce a trovare una causa psicologica.
E qui arriva il messaggio rivoluzionario di questo blog: non sempre, alla base di una sintomatologia psichiatrica, deve esserci per forza solamente una causa di origine psicologica.
Volete un esempio?
Intolleranza al glutine, zuccheri artificiali, amalgame al mercurio...potrei andare avanti per ore.
Disbosi intestinale causata dalle putrefazioni delle proteine animali in fase digestiva.
Pochi sanno che gli antibiotici possono causare stati d'ansia anche severi, e disturbi ossessivo-compulsivi.
Insomma, quando al corpo vengono rotte le palle, il corpo lo manda a dire subito.
Quindi, mente sana in corpo sano.
Cosa devi fare Alessandra?
Via, senza se e senza ma, tutti i veleni che stai assumendo, quindi caffè, thè, zuccheri artificiali, cibi stracotti, cibi confezionati.
Si chiude, come dice il grande Valdo Vaccaro, il rubinetto dei veleni piano e piano, e altrettanto piano piano si apre quello della frutta della verdura.
Non so se tu stia ancora prendendo farmaci, e se sì, sappi che soprattutto gli psicofarmaci necessitano di una scalaggio veramente intelligente, perché gli effetti di rimbalzo e sospensione possono essere veramente severi e infernali come dico io.
Quindi, eliminazione graduale della vecchia alimentazione per evitare uno scarico di tossine troppo esagerato e adozione dell'alimentazione vegana tendenzialmente crudista, con l'eliminazione, almeno per il momento, dei cereali (e consiglio a tutti l'eliminazione a vita di quelli contenenti glutine, e comunque i cereali possono a mio parere far parte, assieme ai legumi di un 10-20% max della dieta di un essere umano).
Il solo glutine, per farti un esempio, può far piombare una persona senza nessun problema di tipo psicologico in stati depressivi gravissimi.
E non vivrai certo una vita di stenti.
Agrumi rigorosamente al risveglio, e poi potrai sbizzarrirti con la miriade di frutta e verdura esistente sulla faccia della Terra.
Un bel mango e del cocco fresco sono così peggio di un cappuccio e una briosche?
Un bel passato di verdure non stracotto è così peggio di una bistecca?
Una bella crema di banana con del cacao crudo in polvere è così peggio di un gelato confezionato pieno di conservanti e lattosio?
Bisogna solo, giorno dopo giorno, risettare il cervello e riabituarlo a gusti non artificiali, non "pompati".
Non vivo e nessuno deve vivere una vita di stenti; sono per l'abbondanza, ma per una abbondanza sana.
 Nessun animale si mette a dieta; tutti gli animali mangiano fino a sazietà il cibo giusto per loro.
E quindi la tua ansia e la depressione vanno aggredite sul piano alimentare.
Poi, sul piano fisico, considerato che la medicina ti ha già debilitato togliendoti tonsille e appendice, due dei baluardi più importanti di difesa del nostro organismo.
Quindi, via le amalgame al mercurio, e un controllo approfondito sui denti devitalizzati se li hai.
Infine, sul piano spirituale.
Via i rompicoglioni se ne sei attorniata.
Fuori dai piedi mariti o fidanzati stressapalle, e alla larga da amici infimi e non sinceri.
Sole a non finire e respirazione ritmata e profonda, unita a un esercizio fisico leggero e costante.
Così si può pensare di aiutare il proprio corpo e la propria mente a ristabilirsi, andando a fondo alle cause e non sopprimendo i sintomi con bombe chimiche che dovrebbero essere vietate per Legge.
In bocca al lupo e tienimi aggiornato.


3 commenti:

  1. esce un FILM "effetti collaterali" su omicidio commesso da una persona che assume farmaco antidepressivo ,al cinema in questi giorni

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio infinitamente per i tuoi preziosi consigli.
    Ci proverò, devo riuscirci!
    Alessandra

    RispondiElimina
  3. anche qui sono d'accordo su tutto. ma.... aggiungo una faccend a di cui non si fa menzione : il bilanciamento mandibolare . Pare ( il mio amico fb dott. Antonio Miclavez me ne ha reso edotta e traccia di questa teoria affascinante si trova anche sul web ) che ci sia una correlazione tra psiche e disfunzioni funzionali mandibolari. Anzi , non è che pare , c'è proprio. Esiste anche la psicodonzia , da più di 50 anni. «Ognuno è nato con il potenziale per avere i denti, tutti i denti, in buona occlusione.
    Raddrizzare i denti del nostro paziente ortodontico può voler dire svegliare in lui i meccanismi di compensazione assopiti».

    Dott. Balters.
    Turbe psichiche portano a turbe motorie e viceversa. Coinvolgendo ovviamente le turbe motorie anche i muscoli masticatori, ed essendo l’osso nella sua forma una risposta alle forze applicatevi (le trabecole ossee sono orientate secondo secondo le forze muscolari), forze disarmoniche porteranno a forme ossee non ideali, e quindi, fra l’altro, ad una malocclusione Se guardiamo un paziente ortodontico vediamo subito, se sappiamo vedere, che i denti storti si trovano in un cranio storto pure lui.Ma allora il problema è lì, nel cervello, che non coordina i muscoli come dovrebbe, creando così uno scheletro in armonia con le forze applicatevi, e quindi storto.

    Non credo nell’ereditarietà delle III classi (mandibole grandi), anche se ad andare a cercare, magari c’era una zia con lo stesso problema, e a volte ce l’hanno anche il papà e la mamma.

    Ma a volte – spesso – non ce l’ha nessuno per generazioni; e allora che ereditarietà è?
    Credo invece nella trasmissione delle tensioni psichiche sempre associata alla III classe – vedi gli Asburgo con il loro famoso “labbro asburgico” – che creano delle tensioni nei muscoli protrusori della mandibola le quali a lungo andare creano il progenismo.

    Osservate i bambini con tendenza alla III classe: quasi sempre hanno dei “tic” nervosi di protrusione della mandibola. Questo tic è una compensazione gratificante a una sensazione di sconforto, e porta a lungo andare a un fenotipo che suggerisce al proprio prossimo: “non avvicinarti, o ti tiro un cazzotto”.
    La natura li sta proteggendo, creando in loro un’espressione aggressiva.

    In realtà sono quasi sempre individui miti e sensibili, in taluni casi con gravi problemi di relazione con il prossimo
    Oggi è ormai sempre più assodato che un disequilibrio di qualsivoglia organo o distretto può nuocere alla globalità dell’organismo e quindi influire direttamente o indirettamente sulla salute generale della personaAnche la bocca fa parte di quel sistema organico chiamato uomo, svolgendo fra l’altro un ruolo particolarmente complesso ed eterogeneo.

    Tramite la bocca l’individuo esplica attività molto importanti su diversi livelli: mangia, respira, parla, esprime sentimenti ed emozioni.  
    Possiamo anche facilmente notare che alla bocca, senza scomodare organi più lontani collegati da catene muscolari, energetiche o riflesse, sono intimamente connessi organi come naso e orecchie che provvedono a importanti funzioni come, ad esempio, olfatto, respirazione, udito, equilibrio.La bocca inoltre è unita a filo doppio con l’area psicologica, in quanto mezzo di comunicazione tra il mondo interno e esterno. mondo interno e esterno.
    A tal proposito ricordiamo le parole di Rudolf Steiner «la bocca è la porta sull’anima».





    Alterazioni d’equilibrio tra le arcate dentali o malposizioni dentali, quindi, possono senza dubbio ripercuotersi macroscopicamente in maniera secondaria sugli organi sopra citati, alterando o addirittura inibendo il regolare svolgimento delle funzioni a cui sono preposti
    ho copiato e incollato . è solo uno spunto , a cui magari non si è mai pensato .saluti

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.