ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 4 aprile 2013

VAGONATE DI PSICOFARMACI, MA UNA BELLA GITA DOMENICALE IN CAMBIO.

LETTERA

Salve, vi mando la mia testimonianza sulla mia esperienza riguardante i farmaci. Ho lavorato per tanti anni in una comunità psichiatrica, dove in teoria le persone avrebbero dovuto soggiornare fino a che il loro "equilibrio"si fosse ristabilito, o quanto meno fossero in condizione di tornare in famiglia, in quanto molti di loro ce l'avevano. Ma di lì non sono mai usciti, e non perché erano soggetti irrecuperabili, ma perché è stato fatto in modo di renderli tali a forza di psicofarmaci. Che non solo non hanno curato, ma hanno incancrenito un malessere al punto tale che l'unica esistenza possibile è quella: pastigliette al mattino, mezzogiorno sera e sonnifero notturno. Non sono una psichiatra, bensì una semplice operatrice sociale, ma so che determinate cure non curano affatto. Stabilizzano i malesseri,  li rendono parte accettabile dell'esistenza se vissuta all'interno di una struttura protetta, così vengono denominate. In realtà offrono molte cose: tre pasti al giorno e un materasso dove posar le ossa, qualche festa da oratorio scadente una domenica ogni tanto e gite improponibili a chiunque abbia libero arbitrio. Ora non mi addentro in considerazioni mediche su malati con patologie psichiatriche importanti, per quanto abbia la mia personale convinzione che cure alternative sono possibili e sicuramente più efficaci, ma molti dei miei utenti erano li per una grave depressione, dalla quale non sono mai usciti perchè imbottiti di porcherie. I depressi hanno fatto la fortuna della case farmacautiche, delle cooperative che appaltano le strutture, degli psichiatri che fanno due o tre visite alla settimana per guardar per aria e variare caso mai una terapia qua e là. Appena ho potuto me ne sono andata, e mi sono fatta trasferire sul territorio, dove, ogni qual volta mi imbattevo in una possibile depressione con volontà del mio assistito di provare una cura farmacologica, ho sempre cercato do dissuaderlo, pur contravvenendo a specifiche direttive di segnalazione se avessi riscontrato problemi umorali nelle persone che seguivo. Purtroppo è difficile per la stragrande maggioranza delle persone pensare a sistemi alternativi per curarsi, perché siamo nati e cresciuti nell'era dei farmaci e degli psicofarmaci, ma bisogna continuare a divulgare, con esperienze dirette, e coscienza di causa per chi la possiede, l'enorme pericolosità per la vita di questi prodotti, sia che essa si arresti, sia che continui, perché, anche se si diventa vecchi con queste malattia, non si può dire di aver vissuto una vita propria, ma quella indotta da sostanza estranee al nostro corpo. Con affetto, Margherita.

RISPOSTA

Buongiorno Margherita.
E grazie, grazie di cuore di questa testimonianza, che pubblico sul blog con grande piacere.
Come dico sempre io, via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.
Ormai la cosiddetta razza umana ha raggiunto, in tanti ambiti ma soprattutto in quello psichiatrico, livelli di bassezza mai raggiunti prima.
Non fraintendiamoci, io sono uno di quelli che vede sempre il bicchiere "mezzo pieno", e sono quindi positivo e ottimista per quanto riguarda il nostro futuro.
Non posso però non evidenziare come la moderna psichiatria sia marcia fino al midollo, con l'utilizzo di mezzi medievali che tutto fanno fuorché "curare".
Infatti non bisogna "curare" nessuno, in quanto non c'è nulla da curare.
Le "malattie mentali" in quanto tali non esistono; esistono invece sintomatologie di ordine psichiatrico che hanno una motivazione che deve essere investigata, sia essa psicologica, organica o entrambe.
Chiunque arrivi sul mio blog per la prima volta, è invitato a leggere tutti i precedenti articoli per farsi un'idea completa del messaggio che qui si vuole trasmettere.
Torniamo a noi.
Le cosiddette comunità protette sono l'aberrazione dell'essere umano; una presa per i fondelli planetaria.
Come diavolo si pensa di riportare alla società una persona bombardandola di sostanze psicotrope, e organizzandogli in toto la vita come si farebbe con un bambino all'asilo?
È così difficile capire il sacrosanto concetto che essere tramutati in zombie non più rompicoglioni non significa aver curato e guarito una persona?
Da operatore di polizia mi accorgo di come le cosiddette "strutture", siano esse carceri, psichiatriche,  case di riposo, non curano niente e nessuno al di fuori di poche, pochissime eccezioni.
Ormai il motto è far sì che il paziente non rompa le palle e che tutto trascorra liscio come l'olio.
E questo è il modo di reintegrare qualcuno alla società? Con cosa? Antidepressivi e una bella gita domenicale tutti in giro mano nella mano lobotomizzati dai farmaci?
Quando capiremo che non bisogna fare assistenzialismo a suon di bombe chimiche, ma investigare e sradicare la causa della sintomatologia psichiatrica in atto, ci saremo elevati a un ulteriore livello di civiltà.
Mente sana in corpo sano.
Via le tossine di qualunque tipo: ambientali, psicologiche o entrambe; via la ultradannosa alimentazione onnivora in favore di quella vegana il più crudista possibile ed ecco che anche la più ostinata "malattia mentale" si polverizza.
Purtroppo per chi ne è sotto, porgere una pastiglia tre volte al giorno è maledettamente più facile.


 

4 commenti:

  1. comunita' che appena un "recluso" si ribella o esterna una qualche forma di dissenso mica ci si parla ?? lo si spedisce in spdc...perche' disturba la quiete !!

    franco 6

    RispondiElimina
  2. cosa ne pensa , scusi l'OT, della buprenorfina? Identica agli psicofarmaci?

    RispondiElimina
  3. Io sono in cura da uno psichiatra privato, sofro d'ansia, depressione reattiva ed attacchi di panico. La mi terapia consiste: Xanax 1 mg 3 cpr al dì; Lyrica 150 mg 3 cpr al dì; Trittico 150 mg 1 cpr la sera e 2/3 di cpr la mattina; Cymbalta 60 mg 1 cpr la mattina; Samir 400 mg 1 cpr la mattina. Continuo lo stesso ad essere depresso, tranne brevi sprazzi di buon umore. Ho constatato che, parecchio tempo fa, quando era possibile fare una seduta di psicoterapia alla settimana prendevo meno farmaci e stavo molto meglio, adesso, al cim dove faccio psicoterapia, siccome i pazienti sono aumentati a dismisura, mentre il numero degli psicoterapeuti è rimasto lo stesso, in quanto non è stato inviato altro personale, almeno così mi è stato detto, posso fare una seduta solamente ogni 20 giorni. Secondo il mio modesto parere una seduta sporadica non può sortire nessun effetto, fatto sta che lo sto constatando di persona.
    Fabio

    RispondiElimina
  4. io pure lavoro in una comunità residenziale psichiatrica AD ALTA PROTEZIONE. PROTEZIONE DA COSA ? CONDIVIDO PAROLA PER PAROLA VIRGOLA PER VIRGOLA CIò CHE HA SCRITTO L'AUTRIC E DEL POST. oltre a ciò che ha commentato Pietro Bisanti , soprattutto la verità cruda e efficace sta racchiusa in questa frase Da operatore di polizia mi accorgo di come le cosiddette "strutture", siano esse carceri, psichiatriche, case di riposo, non curano niente e nessuno . I ragazzi entrano in comunità al 45% delle loro potenzialità, e dopo anni di MERDA nel cervello e trattamento da dementi incapaci di intendere e voler, dopo 4 anni sono ridotti al 10 % delle loro potenzialità. tuto questo costa una valanga di denaro pubblico che potrebbe essere indirizzato ad altri scopi. a disintossicarli, ad ascoltarli, a ripulirli, a rieducarli, a sviluppare le loro potenzialità emozionali, invece che tapparle. in una comunità, invece che tener le persone 24/24 h a ciondolar e e fumare e bere caffè, si possono organizzare corsi di informatica di base, di lettura di classici della leteratura , cineforum, scrittura creativa, giardinaggio, danza, pittura espressionista( per fare uscire emozioni ) , lezioni di varie materie scolastiche , il tutto grazie all'aiuto di qualche insegnante in pensione , ce ne sarebbero molti disposti a farlo gratis, come volontariato... insomma attività che NOn costerebbero nulla in termini economici e riporterebbero la vita nei cuori e nelle anime di questi derelitti. che hanno bisogno di riappropriarsi del GIoco e del sorriso come strumenti che scardinano il sistema diabolico di dolore e punizione in cui sono immersi. Il senso dell'umorismo come arma per riaprire le porte alla speranza . più sognatrice di così!!!!

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.