ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 4 marzo 2014

ANSIA, ATTACCHI DI PANICO, REFLUSSO ESOFAGEO ED ERNIA IATALE: PSICOFARMACI DISTRUTTIVI E INUTILI FIORI DI BACH

LETTERA

Buonasera, vorrei raccontarle la mia storia sintetizzando chiaramente, da 10 
anni soffro di attacchi di panico, dopo 3 anni di questi sintomi che nessuno 
capiva mi è  stata consigliata una visita da un neurologo, che mi ha prescritto 
psicofarmaci e ansiolitici, cura fatta x anni con poco miglioramento. Ora il 
panico è diminuito ma sono subentrati attacchi di ansia che mi lasciano a letto 
e senza forze, cerco in tutti i modi di contrastarli nn prendo + farmaci ma 
solo fiori di bach ma senza esito, premetto che sto sempre in casa x paura di 
star male xché ho vertigini, dolori fortissimi di cervicale e ogni giorno ho 
sintomi diversi quali tachicardia o bradicardia, mal di testa e confusione, mal di stomaco 
anche xché ho reflusso esofageo e ernia iatale.. La ringrazio  e 

aspetto sua risposta, buona serata

Lettera non firmata giunta all'indirizzo mail pbisant@hotmail.com come risposta alla newsletter del blog

RISPOSTA

Buonasera Anonimo/a,
mi sono permesso di sistemare solo la punteggiatura e qualche errore grammaticale, in modo da lasciare intatta la genuinità di quando si scrive "di getto".

Ora le chiedo di perdonarmi in anticipo, perché sarò duro con lei. A fin di bene, ma duro.

Questo piccolo uomo che le scrive non è un dottore, non cura nessuno, non fa diagnosi, non prescrive farmaci e non incassa parcelle.

Il mio biglietto da visita: 20 anni di operatore delle Forze di Polizia e quasi 10 di studioso autodidatta della psichiatria e della psicofarmacologia.

Non ho lauree in tal senso appese al muro, ma non ci vuole un tale e ufficiale ciclo di studi per capire quanto la psichiatria moderna sia totalmente fallimentare.

In tutto questo tempo non ho mai visto una singola, totale, definitiva guarigione per mano di uno psichiatra.

Ho visto solo disperazione, falsi e temporanei stati di benessere, seguiti da problemi ancora peggiori.

Cosa è accaduto nel suo caso?

Il corpo le ha mandato dei chiari messaggi, nel suo caso ansia e attacchi di panico.

E lei cosa ha fatto?

Lei ha fatto di tutto per spegnerli, bombardandoli con molecole chimiche il cui funzionamento è tuttora sconosciuto, in grado di sconquassare il corpo e la mente a livelli inimmaginabili.

Un po' come se le si accendesse la spia "controllo motore" della sua auto e il suo meccanico le spegnesse l'avvertimento sul cruscotto al posto di investigare le vere cause del malfunzionamento.

Questo fanno gli psichiatri, mettetevelo bene in testa: mascherano i sintomi, generando a cascata problemi sempre più gravi.

E la domanda sorge spontanea...

Qualcuno si è preso la briga di investigare se i suoi sintomi potessero dipendere anche da un problema di tipo organico?

Il messaggio rivoluzionario che questo blog porta avanti è proprio quello di far comprendere come moltissimi problemi di natura organica possano incidere, anche gravemente, sulla salute mentale di un individuo.

Vuole un esempio? 

Tiroidite, diabete, intolleranza al glutine, intossicazione da metalli pesanti, denti devitalizzati...potrei andare avanti all'infinito.

Ora, tutta la sintomatologia che lei presenta è semplicemente la causa sia del suo iniziale "problema" non risolto (qualunque esso sia, psicologico, organico o entrambi) che dell'assunzione degli psicofarmaci, che sono e rimangono dei mostruosi veleni.

Veniamo ai fiori di bach, altra trovata commerciale per spillare denaro a chi soffre.

Questo "rimedio" è e rimane un sintomatico, e come tutti i sintomatici non potrà mai risolvere un problema alla radice, ma dare forse un po' di momentaneo sollievo.

Mi viene da sorridere quando si intrugliano fiori e li si spaccia come guaritori di un milione di stati d'animo diversi...

Sapete perché sorrido? Sorrido perché se una persona ha dieci amalgame di mercurio in bocca ed è quindi intossicata fino al midollo da questo pericolosissimo metallo pesante, può ingurgitare litri e litri di fiori di bach, ma il maggior beneficio che potrà avere sarà un temporaneo effetto placebo.

E un'altra domanda sorge spontanea....

Se i fiori di bach non fossero mai stati inventati, l'umanità sarebbe destinata al crollo mentale?

Suvvia...non prendiamoci in giro.

L'organismo umano è una macchina molto potente, che si autoregola, allorquando gliene venga data la possibilità.

Dalle cosiddette malattie mentali se ne esce eccome, ma senza bombe chimiche o intrugli medievali.

"Cibi puliti-pensieri puliti": questo significa alimentazione vegana il più crudista possibile e cercare di allontanare il più possibile qualunque fonte di stress nella nostra vita.

Non metto in dubbio che questa ultima affermazione risulti difficile da applicare, ma bisogna tenere conto che un fisico alimentato correttamente è molto più resistente alle prove, anche psicologiche, che la vita ci porta.

Un corpo alimentato male è invece pronto a cadere al primo, blando ostacolo che ci si presenti davanti.

Vi sembra troppo facile? La Natura è nata per prosperare, e la formula per una buona salute è semplicemente quella di seguire i suoi dettami, come fanno tutte le altre specie viventi sulla faccia della Terra.


 Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti

ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO




7 commenti:

  1. Grazie signor Bisanti dei suoi articoli che trattano il tema della salute, e in particolare di quella psicologica, tanto delicata quanto calpestata da cure farmacologiche deleterie, che rimpinguano le casse delle case farmaceutiche in
    combutta con gli psichiatri.
    Dalla mia esperienza si esce distrutti dai trattamenti farmacologici, la fiducia in se
    stessi traballa, si è in balia della molecola di turno e dei suoi "capricci" o peggio ancora di cocktail di farmaci che lo psichiatra prescrive per contemperare gli effetti collaterali. Poi lo psichiatra, coadiuvato dal suo voluminoso DSM (MANUALE DIAGNOSTICO DEI DISTURBI MENTALI), la cui scientificità è stata confutata, ti
    assegna un codice che descrive la tua malattia, ti dice che soffri di uno squilibrio chimico e afferma che è come avere il diabete, con la sola differenza che del diabete si può verificare l'esistenza con esami del sangue, il cosiddetto
    squilibrio chimico non è misurabile.
    Se provi a dismettere gli psicofarmaci e inciampi in questo cammino, tutti si accaniscono contro di te, psichiatri e famiglia, condannando la tua testardaggine a non volerti considerare un malato, e come tale bisognoso di tale molecole.
    Non è tanto l'effetto da dismissione che fa paura, quanto il sentirsi sopraffatti dalla paura di fallire, di dover dare alla fine ragione agli psichiatri, del lavaggio del cervello che fanno questi medici affermando che senza questa determinata pillola non puoi condurre una vita normale e sei destinato a ricadere nel baratro che ti ha condotto da loro.
    Mi può scrivere una frase con cui lei, al mio posto, si darebbe forza in questo cammino di dismissione per dissipare queste credenze limitanti?
    La ringrazio infinitamente del suo lavoro.

    RispondiElimina
  2. Spett.le ispettore dell.ordine.
    Mi chiamo Falcone Ruggiero
    Tel 3290651988 per chiunque voglia contattarmi.
    Lei ha molte ragioni........ i farmaci non vanno sempre daccordo con l, essere unano.
    sono nato con le peggiori paure, attacchi di panico , lesionismo, rituli fobici, depressione e tutti i tipi di paure possibili e necessarie.
    innanzi tutto in italia per curarsi ci vogliono soldi.......
    secondo la mia famiglia il mio destino era la clinica psichiatrica.
    ora i miei problemi esistono ..... in forme diverse.....
    ho mandato a quel paese tutti-------- mi sono sposato , o un lavoro da responsabile di un negozio, 2 figlio , una casa con un mutuo a 30 anni e sono felice.
    Bisogna stare attenti a quello che si dicee..... le patologie mentali esistono da vero...........basta fare un esame di sangue e misurare l.acido valproico ovvero quello che serve al controllo della serotonina e si assume sottoforma di depakin
    io lo dovro, assumere sempre perche ne produco poco e sono soggetto a sbalzi di umore.
    ALCUNI FARMACI SERVONO........DOVETE TROVARE UN BRAVO SPECIALISTA COME HO FATTO IO IN TUTTA ITALIA.....VI DOVETE FRUGARE..........
    ANDATE AD AREZZO AL MRI MENTAL RESERCE INSTITUTE CENTRO DI TERAPIA STRATEGICA BREVE........E SE NON AVETE BISOGNO DI FARMACI PARTICOLARI LORO
    VI INSEGNERANNO AD AFFRONTARE I PROBLEMI AFFRONTANDOLI E EVOCANDOLI.
    IO LO PROVATO E FUNZIONANO.........CI SONO OPERATORI IN TUTTO IL MONDO E IN ITALIA.........CI VUOLE SOLO SOLDI
    DATEMI RETTA-------NON SENTITE LE STRONZATE DI GENTE CHE VUOLE SPECULARE SOLDI CON I LIBRI ..........ANDATE SUL SITO DI GIORGIO NARDONI
    E DEL CENTRO DI TERAPIA STRATEGICA BREVE.
    la gente chiacchiere ma la paura di un attacco di panico equivale alla morte.

    RispondiElimina
  3. Caro ispettore lei non e un medico........ e molti farmaci servono
    e se lei manda messaggi sbagliati se ne assume le responsabilita'
    pensi che nell.arma ci sono moltissime persone che hanno bisogno di psicofarmaci,
    perche' quando parlano nella vita sociale pensano di essre di caserma

    RispondiElimina
  4. Caro ispettore poiche' mi ha fatto un pochino imbestialire......... le posso dire che io sono guarito grazie a un bravo pricoterapeuta e la collaborazione di un psichiatra che mi ha portato le pasticche quasi a 0.
    il problema che i medici di un certo livello lavorano essenzialmente a pagamento e le terapie sono lunge e dispendiose e non alla portata di tutti.
    Io faccio anche politica e quando si parla bisogna pesare bene quello che si dice.
    nell'Arma entra anche gente che il mondo del lavoro li ha rifiutati e che se chiedevano aiuto potevano avere una carriera.
    la cosa che mi aiuta e quella di non perdee mai la speranza e dare gioia ai miei figli......sono loro la mia vita...... quidi non spari cazzate e dia speranza alla gente .....
    a volte le terapie non funzionano perche chi descrive il suo problema non e in grado di farlo come si deve e il medico puo dae i farmaci in base ai sintomi descritti dal paziente........tanti farmaci sono ada eliminare da commercio......m quelli di nuova generazione vanno usati.
    il medico non e un preveggente e da i farmaci in base alle esigenze del paziente.... e a come reagisce ecco perche si cambiano spesso..... una cura prima di funziona a bisogno di almeno un mese ...... do 31 anni ma lei non ci ha da insegnare nulla a nessusso.

    RispondiElimina
  5. l'ansia.."malattia" dei nostri tempi ....

    RispondiElimina
  6. Io non ho mai sofferto di attacchi di panico, ma una volta sono rimasto bloccato su una barca con alcuni amici. Nonostante non ci fosse reale pericolo e il clima fosse un po' teso ma controllato, scoprii che una delle mie amiche soffriva di attacchi di panico. Non ce l'aveva mai detto prima, e rimanemmo un po' tutti scioccati dal vederla stare così male, colpita da una cosa così improvvisa e in grado allo stesso tempo sia di paralizzarla ma anche di farle perdere completamente il controllo.
    Ricordo che i giorni seguenti tutti noi che eravamo stati con lei su quella barca le chiedemmo come si sentisse, perché l'immagine di quanto era stata male era ancora ben presente nei nostri occhi. Nonostante lei tendesse a minimizzare, ci raccontò di tutte le altre volte che le era capitato. La spingemmo a vedere se in giro c'era qualcosa che poteva consultare o acquistare per tentare di conoscere meglio questo disturbo e, possibilmente, imparare a controllarlo.
    Non voleva partire con qualcosa di troppo forte tipo terapie, farmaci o quant'altro, così dopo diverse ricerche abbiamo conosciuto il Dr. Giacconi di aspeera.it che le ha dato alcuni consigli iniziali per acquisire informazioni sull'argomento (questi, per la cronaca).
    In realtà ci ha raccontato che dentro non si limitavano solo a discutere il problema, ma offrivano anche degli spunti per risolverlo che a lei sono stati molto utili per imparare a controllarsi prima e durante gli attacchi. Se può essere di aiuto a qualcuno come è stato per lei....io lo spero.

    RispondiElimina
  7. Per noi che soffriamo di attacchi di panico e ansia, io sono venuto a conoscenza di quest’evento gratuito, lo trovate su facebook qui.
    Dobbiamo cercare ovunque stimoli e consigli che ci aiutino a stare meglio e questa conferenza secondo me è una buona occasione. Almeno, io intendo sfruttarla e trarne il massimo!

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.