ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

martedì 4 marzo 2014

RISPERDAL, HALDOL E CLOZAPINA: MALEDETTI PSICHIATRI, GIU' LE MANI DAI BAMBINI.

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "XANAX, CLOZAPINA, ABILIFY, DEPAKIN CRONO E LAMICTA...": 

Ciao Pietro, mi chiamo Erica ho 18 anni e ti scrivo per raccontarti la mia storia legata agli psicofarmaci: tutto ha inizio quando a circa 4 anni mi si presentarono delle piccole crisi isteriche che i miei genitori credevano normali pensandomi solo una bambina un po' troppo agitata ed irrequieta. Col passare del tempo queste crisi non smettevano, anzi aumentavano progressivamente, erano crisi di rabbia e pianto, il più delle volte per motivi futili. Urlavo e i miei genitori per farmi smettere dovevano tenermi di peso ferma se no rischiavo di farmi male involontariamente. Così pensarono bene di portarmi da una psicologa e poi da una neuropsichiatra che consigliò ai miei genitori uno psicofarmaco. Inizialmente mia madre e mio padre erano contrari al farmaco, ma visto che la situazione non cambiava ma peggiorava, all'età di 8 anni decisero di provare e iniziai così ad assumere il RISPERDAL. La neuropsichiatra diceva che il RISPERDAL non era un calmante ma che mi poteva aiutare a ragionare. Dopo un periodo di miglioramento la situazione è ritornata come prima, anzi peggiorata dall'aumentare dell'età. Sono passata quindi all'assunzione dell'ALDOL e successivamente alla CLOZAPINA. Questo farmaco è stato più efficace degli altri e ha migliorato la mia vita, togliendomi le psicosi. Per contro mi provocava molta sonnolenza, ipersalivazione e abbassamento dei globuli bianchi. Dopo 4 anni di CLOZAPINA essendo migliorata, la neuropsichiatra mi scala la dose, da 200mg in 4 mesi mi porta a 75mg. Siccome gli effetti collaterali continuavano a presentarsi pensai di scalarlo da sola e, togliendo 25mg ogni mese lo portai in breve a 25 mg. Essendo sotto dosaggio si sono ripresentate le psicosi e una serie di disturbi fisici: tremore, problema alla motilità degli occhi, pianto e riso alternati, senza motivo, irrigidimento dei muscoli della schiena. Ti chiedo un consiglio siccome immagino che essendo sotto dosaggio la mia neuropsichiatra mi aumenterà nuovamente la CLOZAPINA vorrei sapere se si può affiancare un altro farmaco non neurolettico. Sono d'accordo con te, perché per mia esperienza diretta gli psicofarmaci non risolvono i problemi ma li attutiscono momentaneamente. Ciao e grazie dell'attenzione! Erica. 


Postato da Anonimo in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 04 marzo 2014 05:09



RISPOSTA

Ciao Erica,
e grazie di aver deciso di scrivere a questo piccolo uomo.

Probabilmente non hai letto molto del blog, e quindi devo farti una doverosa premessa.

Non sono un medico, non curo nessuno, non prescrivo nulla, non faccio diagnosi e ben me ne guardo dal farlo.

Sono un accanito sostenitore del potere di autoguarigione del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità, e sono totalmente contro la somministrazione di qualunque psicofarmaco esistente sulla faccia di questa Terra, senza eccezione alcuna.

Cosa posso dire della tua situazione, senza apparire banale o scontato?

Sono indignato, per usare un eufemismo.

Indignato, incazzato, deluso dalla facilità con cui si somministrano a bambini innocenti sostanze psicotrope a volte ben più potenti e dannose delle illegali droghe da strada.

Qualcuno, quando a quattro anni hai cominciato a soffrire di crisi di rabbia, si è preso la briga di capirne il motivo?

Qualcuno ha pensato che l'alimentazione che portavi avanti e il ciclo vaccinale a cui sei stata sicuramente sottoposta potessero aver giocato un ruolo nei tuoi repentini cambiamenti di umore?

No...meglio quindi giocare al piccolo chimico, trovando la soluzione più semplice.

Somministrare un antipsicotico a un bambino, seppur pratica perfettamente legale, dovrebbe essere considerato un crimine contro l'umanità.

E naturalmente, il piccolo chimico continua, cambiando molecola su molecola, come nel tuo caso.

Ora, parliamoci chiaramente.

Sei maggiorenne, e quindi puoi e devi decidere tu stessa cosa tu voglia fare della tua vita e della tua salute.

I tuoi genitori devono diventare i tuoi alleati, dato che in questa lobotomizzata società se si è soli e "squilibrati" (nota le virgolette) si è perduti.

Chiedere a me se posso consigliarti un farmaco non neurolettico da associare alla Clozapina è un po' come chiedere a un usuraio di prestare soldi senza interessi.

Come vedo il tuo futuro?

Se vai avanti così, lo vedo nero, disastroso.

I farmaci antipsicotici sono il peggio del peggio che si possa assumere.

E non lo dico io, lo dicono le migliaia di class action intentate contro le ditte farmaceutiche negli Stati Uniti; lo dicono gli stessi medici (quelli con una coscienza e una voglia di approfondire); lo dice il buon senso (basta vedere come si riduce chi li utilizza).

Quindi, a mio giudizio quello di cui tu necessiti è semplicemente di abbassare il livello di tossemia generale del tuo corpo, aiutandolo a riequilibrarsi da solo.

Questo significa scalaggio totale della Clozapina che stai prendendo, preparandoti a superare con forza, determinazione e aiuto dei tuoi genitori le pesantissime crisi eliminative che arriveranno di certo.

Solo tu puoi prenderti tutte le responsabilità umane e legali di strappare via la corda che ti lega a una pratica tanto marcia e deviata quale è la moderna psichiatria.


 Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti

ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO






Nessun commento:

Posta un commento

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.